CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

11Gen/180

Messina – «Conoscere il fenomeno mafioso per non ripetere i ripetuti errori di valutazione degli anni ottanta»

 

"Quando si dice che Messina non è stata toccata dalla guerra di mafia si dice la più grande falsità della storia e della cronaca messinese"

Giornalista Nuccio Anselmo  - storico  cronista della Gazzetta del Sud  - Sede addiopizzo 02/12/2017

11Dic/170

Messina – BFCM «3° appuntamento con p. F. Cucinotta- Carlo Maria Martini – il “Cardinale” del dialogo»

14Ago/170

Piale di Villa S. Giovanni – «Un cammino comunitario che da Venti anni coniuga Territorio e Legalità»

Abbiamo riassaporato l'atmosfera dei grandi eventi. Quelli che si imprimono autonomamente e dolcemente nel cuore. Essi non hanno bisogno di gran cassa di media gridati, basta la gentile ma ferma voce di Francesco Marcianò, (Presidente dell'Associazione Ponti Pialesi) capace di mettere a suo agio qualsiasi interlocutore e di raccontare il lungo cammino di crescita nei valori di condivisione, di fraternità e legalità. Le associazioni presenti testimoniano questo elemento specifico di collante di un intero popolo che mette al primo posto la crescita culturale e sociale del territorio e non solo.

«Una Cena dei Rioni per fare Memoria...perché Memoria è Vita!»

Il presidente aiutato dalla giornalista Manuela Iatrì e dall'on. Rosanna Scopelliti ha poi scoperto un pannello dedicato al 25° delle stragi del 1992 che hanno avuto come vittime innocenti Francesca Morvillo,  le Donne e gli Uomini di scorta dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Icone ineguagliabili della lotta alla mafia.

Vibrante e sentita la testimonianza della giornalista Manuela Iatrì, che ha messo in risalto l'anomalia di un popolo che ha bisogno degli Eroi per combattere la mafia e le altre consorterie. In una società in cui fare il proprio dovere è una prassi quotidiana, avremmo potuto ammirare l'ingegno operativo di giudici come Falcone e Borsellino e non il loro sacrificio.

Anche l'on. Rosanna Scopelliti si è soffermata sulla valenza del contributo individuale e collettivo nel contrasto alle agenzie mafiose. In più ha richiamato il delittuoso comportamento di uomini delle istituzioni che si vestono da agnelli per dissimulare i loro veri malavitosi intenti.

Formidabile poi, per tempi e luoghi, la personale sentita testimonianza di Filippo Cogliandro che con grande semplicità ed umiltà ha ripercorso il suo cammino di libertà dalla protervia di chi vuole imporre il pizzo, come riconoscimento della impunita sopraffazione.

I convenuti, grazie alla puntuale regia di Santina Tedesco anima instancabile di Ponti Pialesi, hanno potuto constatare come la Cucina e la Legalità a Km zero siano perfettamente compatibili anzi direi necessari. Un magnifico duo con solista e fisarmonica, forte di un repertorio senza tempo ha allietato una stupenda serata di amicizia e solidarietà.

Questo slideshow richiede JavaScript.

2Giu/170

Messina – «ADDIOPIZZO – 23 MAGGIO 1992 – 2017 … CAPACI “IL GIORNO DOPO”»

Nota di premessa BLOG -« "La mafia ha ... i secoli contati" (Vassallo) - questa paradossale battuta ha un fondo tristissimo di verità. La mafia non si vince se non si estirpa dal nostro modo di essere e di agire. Se non avviene in noi il cambiamento di mentalità essa trova terreno fertile per annidarsi a qualsiasi livello sociale. Di collusi eccellenti sono piene le cronache, ma grazie a leggi giocherellona ora, anche chi è stato condannato può ritornare per interpretare il ruolo ... dell'appoggiatore ... di liste» (Voglio terminare questa nota positivamente con un "grazie" anche a chi ... vigila come angelo custode e sono ..solo uomini.)

ADDIOPIZZO, ha scelto di parlarne il giorno dopo, perché l'impegno civile, etico, sociale e direi anche spirituale, si snoda in un coerente cammino che non si scoraggia, del poco sostegno, ancor oggi ricevuto dai conterranei messinesi, per non dico estirpare, ma almeno contrastare la mala pianta che soffoca il futuro dei giovani, della città e non solo.

Al contrario, i giovani Alfredo (Consulta studenti) e Valerio, con le loro impegnative domande poste nel dibattito, hanno dimostrato la loro genuina passione, sorretta da una articolata visione della realtà locale. Questi interventi rafforzano la fiducia nel lavoro svolto per una puntuale comunicazione a partire dai più giovani e confermano l'auspicio di un ulteriore impegno e incremento delle future attività sociali e culturali.

La coinvolgente testimonianza del "fotografo" Antonio Vassallo, è stata preceduta dalla incisiva, garbata e veritiera introduzione di Marisa Collorà, che ancora una volta, ha saputo coniugare l'impegno sociale e culturale nella dimensione nella normale dimensione della vita quotidiana. Interessantissima la domanda di Enrico Pistorino - Se e come sia cambiata, la "storia della lotta alla mafia" in conseguenza della Strage di Capaci -  Toni più problematici ha invece utilizzato nel suo intervento Don Sergio Siracusano (Pastorale del Lavoro), da poco parroco al CEP.

Centralmente, l'intervento del Sindaco della Città Metropolitana di Messina. Renato Accorinti  dialogando con Vassallo ha, con grande coerenza (Post rintracciabili nel Blog), spiegato in continuità con le sue scelte di giovane pacifista, le scelte fatte da primo cittadino. Tanti gli errori commessi, ma mai in malafede o per favorire qualcuno.

IL RACCONTO di Antonio VASSALLO - Insieme sul luogo e nell'ora dell'esplosione - 23 maggio 1992 ore 17:58

Ho riservato l'ultima mia considerazione ad Antonio Vassallo, perché sono rimasto favorevolmente colpito dalla sua autenticità. Si è raccontato e ha saputo raccontare in modo appassionante la sua vita e la riscoperta del valore morale e civile del sacrificio del giudice Giovanni Falcone. Quello che ha raccontato, inedito ai mass media, e tanto più a noi ascoltatori.Lo aveva raccontato alla giudice Ilda Boccassini nel Tribunale di Caltanissetta. Particolarmente commovente il racconto dela sua amicizia con il giovane carabiniere uscito incolume dalla terza macchina della scorta con il mitra spianato... (Sarà ben impiegato il tempo dedicato alla visione ed ascolto della sua testimonianza)


Dibattito

22Mag/170

«Il fiore bianco che dura 24 ore a indelebile Memoria dei Martiri uccisi dalla mafia il 23 maggio 1992 a Capaci. GIOVANNI FALCONE FRANCESCA MORVILLO ANTONIO MONTINARO ROCCO DI CILLO VITO SCHIFANI»






21Mar/170

Messina – «La Rotonda della rotatoria di Giostra Simbolo della Giornata Memoria delle Vittime di Mafia»

Grazie ai promotori dell'incontro odierno!. Ometto i loro nomi per dare risalto solo ai Martiri e ai nostri giovani.

Dopo la Manifestazione Nazionale dell'anno scorso(2016), oggi a LOCRI, una 'porzione di messinesi con in testa la SCUOLA, hanno ancora una volta, dimostrato di essere attenti protagonisti nella lotta contro la mafia e la mentalità mafiosa. I giovani, ben istruiti,  quando hanno la possibilità di esprimersi, stupiscono per il loro cuore e la loro intelligenza. Spesso noi professori pensiamo che l'impegno nel renderli liberi e autonomi nel giudizio , non porti frutti. Nell'immediato, sembra così, ma poi abbiamo avuto la fortuna di ricrederci ed ogni pensiero spezzato per renderli più consapevoli, informati, si riverbera in una giornata di sole all'inizio della primavera.

Nota Blog - ... l'intervista ad giovane spigliato studente è stata fatta con poca perizia, per cui il volto dello stesso non è stato ripreso mentre parlava... vale il contenuto sincero è spigliato del giovane allievo dell'Antonello. Una nota di simpatia al prof.re Valentino Messina del Maiorana con cui abbiamo condiviso  il rispetto per i ragazzi e la loro capacità di dare positive risposte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

19Mar/170

Messina – LAP «Dopo la manifestazione nazionale del 2016 ancora presenti alla ROTATORIA “Martiri e Vittime della Mafia”»

10Mar/170

Messina – Addiopizzo ««Graziella Campagna – Ricordo della Giovane Icona degli Innocenti Martiri»»

giovedì 9 marzo 2017 - Biblioteca Sociale via Roosevelt - INTORNO A UN LIBRO

Festa della donna ricordando

« GRAZIELLA CAMPAGNA »

"Con i tuoi occhi" di Rosaria Brancato

«Donne e Uomini del Comitato ADDIOPIZZO»

Una serata che ti riconcilia con i valori dell'accoglienza e della partecipazione. Un vero sentito dialogo a più voci. Una fine conduzione di Marisa Collorà, responsabile area scuola-cultura presso Comitato Addiopizzo, di un evento partecipativo sullo straordinario  valore delle donne. Il racconto di una tragedia che ha investito l'innocente diciassettenne Graziella Campagna. Vicenda raccontata con genuino stile partecipativo, nel libro "Con i tuoi occhi" dalla giornalista dott.ssa Rosaria Brancato.

Veementi le emozioni che riaffioravano all'incedere di una vicenda mai perfettamente conclusa e che lascia ancora oggi tanto amaro in bocca, sia per l'ignavia dei tanti personaggi coinvolti, sia per la superficialità con la quale, a volte, noi stessi, seguiamo gli avvenimenti legati alla mafia.

Rivivere, con l'attiva partecipazione di Paolo, Gianluca, Conny e Federica, le ragazze e i ragazzi, che hanno dato voce al racconto di Graziella, partecipando della immutata memoria degli avvenimenti, pur se intrisi della crudezza dei cuori e dei gesti di uomini e donne che coltivano solo la sete del potere e della sopraffazione, condividere la necessità di un vero duraturo cambiamento personale, è stata una toccante e benefica esperienza. Questo è il lavoro culturale che va costantemente e quotidianamente svolto negli ambienti sociali e di formazione, come la Famiglia, la Scuola gli le Associazioni. Ma ancora oggi, sono molti  quelli che non vogliono compiere, questo cammino di libertà dal potere e dalla mentalità del vivere mafioso, accontentandosi di qualche, piccolo, banale, favore che viene dall'omaggiare antichi e nuovi padrini. Tutti ... "sanno" -  nessuno ... "parla".  Ancora più terribile è la funzione dei pavidi fiancheggiatori, clero compreso, che arriva ad additare come benefattori noti pregiudicati.

22Set/160

Messina – LAP «Collaborare a tenere pulita la città e fare memoria delle Vittime e dei Martiri della mafia e segno di autentica CIVILTA’»

2016_09_24-lap-rotonda_martiri-puliamomondo

6Lug/160

Villa San Giovanni – Ponti Pialesi «Avere nitida memoria, per testimoniare da che parte stiamo»

2016_07_07-PontiPialesi-1°iMuseoMemorie-Scopelliti

25Mag/160

Palermo – «L’Albero Falcone è sempre più Giovane… e darà ancora molti frutti – Una imperterrita continuità di Impegno dei Giovani di tutte le età…

  • IMG_0825Come non esserci! Il BLOG è proprio nato per la condivisione dei valori di conoscenza fraternità accoglienza senso umile di appartenenza alla grande umana Famiglia. Per questo evidenzio e condivido le emozioni di un inatteso colloquio, avvenuto sotto l'Albero Falcone. E' nella vita quotidiana, nei piccoli passi che si svolge l'azione per l'amore della verità e la giustizia, per l'onestà e il bene comune. La Sicilia ha ancora, Figli del Popolo, dotati di grande umanità e professionalità."

IMG_0830Dopo aver ricordato i nomi dei Martiri Innocenti di mafia:

Giovanni Falcone  Francesca Morvillo Antonio Montinaro  Rocco Di Cillo Vito Montinari  - Paolo Borsellino Agostino Catalano  Emanuela Loi  Vincenzo Li Muli Walter Eddie Cosina e Claudio Traina 

nominati, come da tradizione, dal Presidente Pietro Grasso, prima dell'ascolto del 'Silenzio di ordinanza

Poi la foto dei giovani che mi hanno aiutato nella ripresa del filmato, a Loro l'augurio di vivere la vita con la stessa passione che li ha portati a Palermo a testimoniare il futuro ...

Questo slideshow richiede JavaScript.

25Mar/160

Messina – BLOG – «Gli Auguri condivisi della Pasqua 2016»

PROLOGO BLOG - «...Siamo ancora senza Pastore! Così mons. Tanino Tripodo (DELEGATO AD OMNIA) si esprimeva per rimarcare il disagio della Chiesa messinese - Messa Crismale di giovedì 24 marzo 2016.

Come da sperimentata consuetudine

"Condividiamo con TUTTI l'evento cruciale della Fede Cristiana, con l'augurio che ciascun vivente possa vedere la luce emanata da una delle infinite facce di questo Diamante che è la

«PASQUA di RESURREZIONE» 

dal 1997 - G.O.Z. - Grupp2013_03_29-AMATO-GOZ-LOGO-01-GOZ_2013o Operativo di Zona - Comunità e Diritti - Lavorare in rete - 

"Insieme per una Scuola che sia luogo privilegiato di Accoglienza - Formazione e InformazioneEducazione e Conoscenza, per dirla con Don Milani "armare di parola chi, non per mancanza di capacità ma per rapina socio-culturale, veniva espropriato dei diritti più elementari. Obiettivo laico, civico, prima che religioso"  affinché i nostri giovani diventino protagonisti del loro futuro e cittadini del mondo.

"WALKING TOGETHER" -  L'Associazione messinese rinvigorisce il suo coerente impegno allargando gli orizzonti anche a paesi di altri continenti. Padre Andrea Cardile insieme al suo straordinario Team, formato da donne e uomini di forte tempra, continua ad essere testimonianza della scelta degli 'ultimi "lo straniero l'orfano la vedova".

Le.L.A.T. da anni impegnata nella lotta contro le tossicodipendenze e l’emarginazione. D.ssa Annamaria Garufi

COMUNICARE SPERANZA Mazara del Vallo - PLANETARIO PYTHAGORAS - Reggio Calabria - CASA DELLA SPERANZA "Viviana Lisi" - Riposto - Verso Sud - Reggio Calabria -INTERVOLUMINA - Messina

Pasqua 2016cartolina auguri pasqua 1[1]

Don Orione Fano - Don Vincenzo Alesiani gli auguri più fraterni di una Santa Pasqua... con le - PROPOSTE DI “VILLA S.BIAGIO” ... per una SPERANZA NUOVA ...i due discepoli di Emmaus... CLEOPA" (Cfr. Lc. 24 ). Alla luce di "QUEL GIORNO ..." ... anche noi possiamo"RIPARTIRE". 

Comunità_2011

2012_01_25-Riposto-25°_Casa della Speranza "Viviana Lisi"-01

2015_02_20-INTERVOLUMINA-LETTUROTERAPIA-2°

 

22Feb/160

Messina – LIBERA ITALIA LIBERA MESSINA -«… Mi basta sapere da che parte stai! (Don Tonino Bello)

Don Luigi Ciotti "Quest'anno la Giornata della Memoria e dell'Impegno avrà come città centrale Messina...(12/12/2015-Palacultura_31°Graziella Campagna)

21 marzo 2016 - Primo giorno di primavera 2016

 Messina città centrale della

«XXI Giornata della Memoria e dell'Impegno» 

“Ponti di memoria, Luoghi di impegno”

Comunicato ufficiale 
La Giunta municipale, riunitasi ieri nel salone parrocchiale della chiesa di Mili Marina, nella prima Circoscrizione, ed aperta al Consiglio della prima Circoscrizione e ai cittadini, presieduta dal sindaco, Renato Accorinti, ha deliberato la compartecipazione e il patrocinio del comune di Messina alla XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, dal titolo “Ponti di memoria, Luoghi di impegno”, promossa dall'Associazione Libera e che si terrà a Messina il prossimo 21 marzo; di istituire ogni anno nella medesima data a Messina la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti di tutte le mafie, quale impegno dell’Amministrazione comunale nel condividere le azioni della legalità, per sostenere ed essere solidali con tutte le famiglie, che hanno subito violenza mafiosa e con tutti quegli uomini e quelle donne, che sono quotidianamente esposti sul fronte antimafia.
L’evento, fortemente voluto dal sindaco Accorinti, sarà ripreso dalle telecamere dei principali network nazionali e vi parteciperanno circa cinquecento familiari di vittime di mafia. Il programma, che ancora è in via di definizione, prevede tra l’altro la lettura a mezzogiorno di oltre mille nominativi di vittime di mafia.
L’Associazione Libera, presieduta da Don Ciotti, considera Messina una città unica, in quanto unisce attraverso le acque del Mediterraneo, l’Africa all'Europa, ovvero “Un Ponte di Memoria” quale unico ponte possibile considerandolo anche passaggio ed unione da cui partire il prossimo 21 marzo per costruire una grande opera sociale e corale, che unisca la memoria di tutte le vittime innocenti delle mafie per congiungersi nei novecento luoghi che in tutta Italia affermeranno questo messaggio.
L’Esecutivo ha poi approvato lo schema di regolamento relativo all'attuazione di politiche antimafia – misure di contrasto alla corruzione, al gioco d’azzardo, al racket e sostegno alle imprese che denunciano. Si tratta in assoluto del primo regolamento in materia di antimafia e alla sua stesura, attraverso lo svolgimento di tavoli tecnici, confronti e riunioni, hanno contribuito a realizzarlo le Associazioni Libera Messina, AddioPizzo Messina, Avviso Pubblico, Agende Rosse Messina, Fondazione Antiusura Padre Pino Puglisi e il Gruppo tematico antimafia di CMB.

3Feb/160

Barcellona P.G. – 12° «Attilio Manca – “Una presenza sempre viva che interroga le nostre coscienze”»

2016_02_11-BPG-12°_Attilio_MANCA

13Dic/150

Messina – «Le Stelle del Cielo da 30 anni fanno corona a “Graziella Campagna”»

2015_12_12-Palacultura-30°GraziellaCampagna

2015_12_12-Palacultura-30°GraziellaCampagna

2015_12_12-Palacultura-30°_Graziella_CAMPAGNA

12 dicembre 2015 - Palacultura di Messina  

« a 30 anni dall'uccisione di 

« Graziella Campagna »

innocente vittima della mafia

Insieme per NON DIMENTICARE

Corresponsabilità - LIBERTA' - Giustizia 

2015_12_12-Palacultura-30°GraziellaCampagna

2015_12_12-Palacultura-30°GraziellaCampagna

20151212_125028- E' sempre una nuova e grande emozione. Un legame affettivo che cresce nel tempo. E' un sentimento di orgoglio per quello che i suoi familiari in particolare i fratelli Pietro e Pasquale hanno saputo fare. Dal dolore tremendo è nata una grande consapevolezza che Don Luigi Ciotti ha messo così bene in evidenza nel suo accorato lucido, fermo e profetico intervento. Il Fondatore di Libera ha tutte le carte in regole per ribadire che Dio e padre di tutti gli uomini anche di quelli che non credono o credono in altro. Dio non è il "Padre" dei soli cattolici. Ma chi si volta indietro per non vedere, diventa corresponsabile dei delitti mafiosi. Ribadendo il concetto espresso da Nino Agostino e sua moglie Ida, la Scuola e il Lavoro rappresentano il baluardo ultimo per sconfiggere i sempre più penetranti comportamenti mafiosi che si estrinsecano anche nella planetaria corruzione. Riconoscendo l'impegno corale dei docenti e degli allievi ha pronunciato un più che significativo «Siete meravigliosi ragazzi!...» e alla Famiglia Campagna Io non vi dimenticherò mai!. 

Breve stringata cronaca - Un ottimo giornalista ha condotto con sapiente mano e  giusta dose di ironia il procedere dei vari interventi: avv. Fabio Repici (Legale della famiglia Campagna), Rappresentanti di LIBERA ASTI (Cascina sequestrata alla mafia titolata a GRAZIELLA). I ragazzi e le ragazze delle Scuole messinesi. Ida e Nino Agostino.  I  responsabili di LIBERA Messina e Sicilia e Agende Rosse di S. Borsellino. In chiusura l'intervento di Don Luigi. Erano presenti  anche i Familiari di Attilio Manca la mamma Angela il papà Gino e il fratello LucaI loro interventi sono nei Filmati.

- Erano presenti e sono intervenuti prima: Renato Accorinti ( Sindaco di Messina ); Patrizia Panarello (Assessore P. I. ); Alessio Vassallo ( Attore - interprete del film "La vita rubata" );  Gianpiero D'Alia ( Senatore ); Giovanni Ardizzone ( Presidente Ars ).

2015_12_12-Palacultura-30°GraziellaCampagna

2015_12_12-Palacultura-30°GraziellaCampagna

2015_12_12-Palacultura-30°GraziellaCampagna

2015_12_12-Palacultura-30°GraziellaCampagna

«Don Luigi Ciotti - Le Fucilate sparate a Graziella le hanno sparate a tutti noi»

«Utilissime le citazioni di Don Luigi Sturzo (1900) e del Vescovo Don Tonino Bello»