CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

11Ott/170

Messina – «Cercherò di aiutarti affinchè tu non venga distrutto dentro di me…tu non puoi aiutare noi, ma siamo noi a dover aiutare te, e in questo modo aiutiamo noi stessi»

10 ottobre 2017 - Biblioteca Provinciale dei Frati Cappuccini di Messina

"I pellegrini dell'assoluto
- tra i segnali silenziosi e i molteplici indizi"

DIARIO
di Etty Hillesum

padre Filippo Cucinotta

In questo primo coinvolgente incontro dei  nove in programmapadre Filippo Cucinotta ha delineato il percorso sociale e spirituale intrapreso in modo personale da uomini e da donne che ha definito come "I pellegrini dell'assoluto - tra i segnali silenziosi e i molteplici indizi". Il suo racconto analisi inizia con una citazione di Benedetto XVI «La differenza tra uno che sogna e uno che sta sveglio consiste innanzitutto nel fatto che colui che sogna si trova in un mondo particolare. Svegliarsi significa sviluppare la sensibilità per Dio, che si manifesta rivela e si svela per segnali silenziosi con cui egli vuole guidarci per i molteplici indizi della sua presenza». E noi sappiamo che la Rivelazione è più grande della Scrittura, vuol dire che i segnali silenziosi, i molteplici indizi vanno oltre i confini confessionali oltre i confini religiosi. Noi siamo oltre e cerchiamo quei pellegrini che sono alla sequela come i Re Magi di questi silenziosi segnali, di questi molteplici indizi della sua presenza.


Il ciclo inizia con Il DIARIO dell'unica donna, fra i nove personaggi, la giovane olandese ESTER - che nasce e nuore tra la prima e la seconda guerra mondiale a soli 29 anni. (1914-1943).

Nota BLOG -Dio ci chiama in ogni stagione della nostra vita. Etty Hillesum "nella pienezza dei tempi", a 27 anni, risponde con "l'eccomi" ed inizia il suo intenso e meraviglioso dialogo. Ne lascia abbondante traccia nella vita terrena recandosi volontariamente nel campo di Westerbork per aiutare i malati nelle baracche dell'ospedale per poi concludere la sua vita terrena nel campo di sterminio di Auschwitz.
CALENDARIO
10/10/17 - E. Hillesum, Diario 1941-1943
07/11/17 - E. Severino, il mio ricordo degli eterni
12/12/17 - C.M. Martini, Le età della vita
16/01/18 - E. Scalfari, L'uomo che non credeva in Dio
13/02/18 - E. Drewermana, Il Vangelo di Marco
13/03/18 - C.M. Martini, Le età della vita
10/04//18 - H. Kung, Ciò che credo
15/05/18 - E. Bianchi, ogni cosa alla sua stagione
12/06/18 - K. Rahner, Corso fondamentale sulla fede

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

12Set/170

Messina – fmc «Il tradizionale invito a riflettere assieme su tematiche culturali spirituali ed esperenziali»

Biblioteca provinciale dei frati minori cappuccini MESSINA

Sala di Lettura - il martedì, alle ore 17,30,

« INCONTRI IN BIBLIOTECA 2017-2018 »

Cari Amici,
fra breve, nel prossimo mese di ottobre, riprenderemo gli Incontri in Biblioteca. Vi aspettiamo numerosi per riflettere assieme su tematiche culturali, spirituali ed esperienziali.

Fr. Filippo Cucinotta ci metterà in contatto con alcuni Pellegrini dell’Assoluto tra i segnali silenziosi e i molteplici indizi.

San Francesco d’Assisi: non un uomo che pregava, ma un uomo diventato preghiera, continuerà a interrogarci e provocarci sul nostro rapporto con Dio attraverso la preghiera. Le riflessioni, a cura di fr. Felice Cangelosi, avranno come tema “Da San Damiano alla Verna: le Lodi di Dio Altissimo e la Benedizione a Frate Leone”.

Calendario IncontriSala di Lettura - il martedì, alle ore 17,30,

10 ottobre (Filippo Cucinotta)
7 novembre (Filippo Cucinotta)
28 novembre (Felice Cangelosi)
12 dicembre (Filippo Cucinotta)
16 gennaio (Filippo Cucinotta)
30 gennaio (Felice Cangelosi)
13 febbraio (Filippo Cucinotta)
27 febbraio (Felice Cangelosi)
13 marzo (Filippo Cucinotta)
10 aprile (Filippo Cucinotta)
17 aprile (Felice Cangelosi)
15 maggio (Filippo Cucinotta)
29 maggio (Felice Cangelosi)
12 giugno (Filippo Cucinotta)

Al momento opportuno vi proporremo altri incontri su alcune problematiche sociali ed ecclesiali; e, come sempre, con la consueta disponibilità, la nostra Biblioteca accoglierà incontri e momenti di riflessione che verranno proposti dall’Associazione Culturale Intervolumina e da altre organizzazioni e associazioni.
Vi raggiungeremo ancora per informarvi, di volta in volta, su ogni evento della nostra Biblioteca.
Intanto vi salutiamo fraternamente augurandovi, con san Francesco, Pace e Bene.
Fr. Felice Cangelosi

Messina, 11 settembre 2017.

 

 

8Set/170

Messina – «Incontrare conoscere amare un percorso sapienziale che l’uomo conserva tenacemente nel proprio cuore»

 

PARCO ECOLOGICO S. JACHIDDU - MESSINA

“Sette giorni in Tibet”

Sab. 9 settembre – ven. 15 settembre 2017

Prima di incontrare S.S. Dalai Lama a Messina il Parco ecologico S. Jachiddu ha promosso una serie di eventi che ci permetteranno di situare la Sua persona e la Sua storia nel contesto civile e religioso che rappresenta. Il dialogo è aperto: pace, fratellanza universale, nonviolenza, cura della natura. Non mancate a questo prezioso appuntamento.

Programma

Sabato 9 ore 18.30
Saluti del Sindaco Renato Accorinti,
inaugurazione della rassegna fotografica, offerta del tè

Domenica 10
ore 17 Proiezione del film di animazione “Tintin in Tibet
Ore 19 Proiezione del film “Samsara”

Lunedì 11
Ore 17 Proiezione del film “Kundun”
Ore 19 - “La questione tibetana. Una visione storico-politica dei rapporti tra Cina e Tibet”
Relazione di Alessandra Minniti – segue dibattito

Martedì 12
Ore 17,00 Proiezione del film “Himalaya, l’infanzia di un capo”
Ore 19.00 “Il ruolo della spiritualità tibetana nel mondo occidentale”
Relazione del Ven. Osvaldo, monaco del buddhismo tibetano

Mercoledì 13

2011_04_15-S_Jachiddu-Panorama_Zona_Falcata

Ore 17,00 Proiezione del film “Human” (proiezione continuativa)
Ore 18.30 Incontro interreligioso con rappresentanti dell’ebraismo, del cristianesimo, dell’islam in dialogo con il Ven. Osvaldo “Il contributo spirituale delle religioni alla difesa dell’ecosistema”.

Giovedì 14
Ore 17,00 Proiezione del film “La coppa”
Ore 18.30 Meditazione guidata dal ven. Osvaldo

Venerdì 15
Ore 17,00 proiezione del film “Sette anni in Tibet”
Ore 19,00 sessione di pratica di Yoga secondo il metodo Patanjali

[Per l’organizzazione Fabrizio Saffioti, Alessandra Minniti, Felice D’Agostino;
la rassegna fotografica è a cura di Alessandro Grussu; la rassegna cinematografica è a cura di Lavinia Consolato]

31Mag/170

Messina – «Santità ecologia bellezza musica per un vero cammino di speranza per tutti i Popoli»

Biblioteca dei Cappuccini

martedì 6 Giugno 2017  ore 17:30

Ultimo appuntamento del ciclo  "San Francesco d'Assisi: non un uomo che pregava, ma un uomo diventato preghiera".

"Laudato sì, mi Signore, per Sora nostra Madre Terra... Umiltà e dossologia a fondamento dell'ecologia"

curato da p. Felice Cangelosi (Ministro provinciale OFMCap di Messina).

La riflessione sarà allietata dell'esecuzione de Il Cantico delle Creature di p. Domenico Stella ad opera del Coro diocesano S. Maria della Lettera, direttoreNazzareno De Benedetto, organo Giovanni Lombardo.

 

25Mar/170

Messina – «DIGIUNO: una pratica o un segno profondo di riconciliazione?»

giovedì 23 marzo 2017 - Cappella S. Maria all'Arcivescovado
Cristianesimo e Islam per una Città plurale - II ciclo - terzo incontro tematico

«DIGIUNO: dimensioni spirituali e antropologiche»

Con la guida di Reneè, mediatrice culturale e insegnante di arabo, "non hanno intrecciato le armi" il
Dott. Abdelhafid Kheit e Padre Alessio Mandanikiotis. Anzi..!. La giusta atmosfera era stata preparata dalla presa di distanza del prof.re D. Tomasello, in ordine agli ultimi di violenza accaduti in Europa. Dal Segno particolare, che connota ogni incontro,  dei quattro giovani due (cattolici e due Islamici) e dalla Preghiera comune condotta da Padre Salvatore Alessandrà - e dal Dr Mohamed Refaat (presidente del Centro Islamico di Messina)




10Mar/170

Messina – Addiopizzo ««Graziella Campagna – Ricordo della Giovane Icona degli Innocenti Martiri»»

giovedì 9 marzo 2017 - Biblioteca Sociale via Roosevelt - INTORNO A UN LIBRO

Festa della donna ricordando

« GRAZIELLA CAMPAGNA »

"Con i tuoi occhi" di Rosaria Brancato

«Donne e Uomini del Comitato ADDIOPIZZO»

Una serata che ti riconcilia con i valori dell'accoglienza e della partecipazione. Un vero sentito dialogo a più voci. Una fine conduzione di Marisa Collorà, responsabile area scuola-cultura presso Comitato Addiopizzo, di un evento partecipativo sullo straordinario  valore delle donne. Il racconto di una tragedia che ha investito l'innocente diciassettenne Graziella Campagna. Vicenda raccontata con genuino stile partecipativo, nel libro "Con i tuoi occhi" dalla giornalista dott.ssa Rosaria Brancato.

Veementi le emozioni che riaffioravano all'incedere di una vicenda mai perfettamente conclusa e che lascia ancora oggi tanto amaro in bocca, sia per l'ignavia dei tanti personaggi coinvolti, sia per la superficialità con la quale, a volte, noi stessi, seguiamo gli avvenimenti legati alla mafia.

Rivivere, con l'attiva partecipazione di Paolo, Gianluca, Conny e Federica, le ragazze e i ragazzi, che hanno dato voce al racconto di Graziella, partecipando della immutata memoria degli avvenimenti, pur se intrisi della crudezza dei cuori e dei gesti di uomini e donne che coltivano solo la sete del potere e della sopraffazione, condividere la necessità di un vero duraturo cambiamento personale, è stata una toccante e benefica esperienza. Questo è il lavoro culturale che va costantemente e quotidianamente svolto negli ambienti sociali e di formazione, come la Famiglia, la Scuola gli le Associazioni. Ma ancora oggi, sono molti  quelli che non vogliono compiere, questo cammino di libertà dal potere e dalla mentalità del vivere mafioso, accontentandosi di qualche, piccolo, banale, favore che viene dall'omaggiare antichi e nuovi padrini. Tutti ... "sanno" -  nessuno ... "parla".  Ancora più terribile è la funzione dei pavidi fiancheggiatori, clero compreso, che arriva ad additare come benefattori noti pregiudicati.

18Feb/170

Messina – «Camminare insieme nell’approfondimento e nella riflessione della Lettera di Giacomo»

7Feb/170

Messina – «…facciamo sentire il loro grido nel mondo e ricordiamoci che questi piccoli sono bambini non schiavi!»

mercoledì 8 febbraio 2017 -  ore 19.00“S. Caterina Vergine e Martire” - via Garibaldi 

Veglia di preghiera

promossa dalle religiose dell’USMI, dall’Ufficio diocesano Migrantes e dalla Caritas diocesana. 

III Giornata Mondiale di Preghiera
contro la Tratta di persone 2017

Sono Bambini! Non schiavi!

Il grido di milioni di piccoli contro la loro tratta nel mondo

L’evento, che viene celebrato nel giorno in cui si ricorda la Memoria liturgica di Santa Bakhita, che conobbe nella sua vita le sofferenze della schiavitù, è promosso dalle religiose dell’USMI, dall’Ufficio diocesano Migrantes e dalla Caritas diocesana.

Ogni due minuti, una bambina o bambino è vittima dello sfruttamento sessuale. Nel mondo, più di 200 milioni di minori lavorano, di cui 73 milioni hanno meno di 10 anni. Di questi piccoli, ogni anno ne muoiono 22 mila a causa di incidenti di lavoro. Negli ultimi trent’anni, si calcola che sono stati circa 30 milioni i bambini coinvolti nella tratta.
Parte da questi drammatici dati la Terza Giornata Mondiale e avrà come filo conduttore proprio il tema “Sono bambini! Non schiavi”

Nel mondo la percentuale di bambini tra le vittime della tratta è in crescita. Secondo gli ultimi dati ufficiali delle Nazioni Unite, una vittima su tre è un minore. L’Africa con il 68% di vittime, è purtroppo il continente con le percentuali più alte. Nel mondo i piccoli sono trafficati per sfruttamento sessuale, servitù domestica, matrimoni forzati, adozioni illegali, lavori forzati, traffico di organi, accattonaggio, pratiche criminali, stregoneria, pratiche criminali (bambini soldato, traffico di droga).

Per questa ragione è urgente il bisogno di far sentire il loro grido nel mondo e ricordare a tutti che questi piccoli sono bambini non schiavi!

Per informazioni: diac. Santino TORNESI - migrantes.me@alice.it - cell. 338.2017995

1Feb/170

Messina -Biblioteca FMC-Intervolumina-Calendario 2017 -«Essenza e non-Essenza del cristianesimo…»

22Nov/160

Messina – SAE «Una lettura spirituale…“A partire da Gerusalemme. Lettera di Giacomo, lettera di Giuda e Seconda lettera di Pietro”»

2016_11_30-donorione-sae-donpinostancari-02

14Mag/160

Messina – «Il punto di vista buddhista sulla “Laudato Si”»

locandina incontro con buddisti

28Apr/160

Messina – «”Una ‘tragedia in cinque atti” … dal dolore fisico alla certezza di essere già nel palmo del Creatore»

26 Aprile2016-BFMC-Cangelosi-IlCanticoDiFrateSolemartedì 26 aprile 2016 - Biblioteca dei Cappuccini 

Padre Felice Cangelosi, ha da subito chiarito che il riferimento all'Enciclica "Laudato si" di Papa Francesco e l'Occasione per parlare del "Il Cantico di frate Sole", utilizzata dallo stesso Papa come cornice per sviluppare il suo discorso a tutta la Chiesa e a tutta l'Umanità. Il pontificato iniziato poco più di tre anni addietro è fortemente evocativo della primavera del Concilio Vaticano II con la sua fondamentale istanza della "Ecclesia semper reformanda". Il cardinale Bergoglio scelse il nome di Francesco per mandare subito il messaggio che la Chiesa deve essere riformata, come colui che fu mandato a ricostruire la Chiesa del suo tempo.Quindi possiamo dire che Francesco d'Assisi è l'ispiratore di questo IMG_0488Pontificato. 

Genesi della nascita del "Il Cantico di frate Sole": questo cantico più che un cantico è un dramma diviso in cinque parti.

Padre Felice inizia il racconto dalla morte di Francesco avvenuta la sera del  3 ottobre 1226, e come già, nel 1228, Tommaso Celano ne scrivesse la biografia,"Vita del Beato Francesco"Il brano viene 'Letto con convincente bravura dalla docente Rosanna Merlino. Padre Felice è certo che il Celano non conoscesse il testo del Cantico e lo considerasse un cantico idilliaco, ricostruendone e identificando la fonte letteraria  nel (Dan3,52-90: Cantico dei tre giovani (Sadrach, Mesach e Abdenego) nella fornace a Babilonia VI secolo a.C.). Il manoscritto del cantico compare però solo 20 anni dopo, nel 1248.

IMG_0490L'altra biografia è invece di frate Leone, amico devoto del Beato, che dispiega e dipinge tutt'altro quadro della sua genesi e non esattamente idilliaco.

Il numeroso, attento e qualificato pubblico, apprezzando lo stile senza fronzoli ma partecipativo del relatore, andandosene, ha la sobria sensazione di essersi arricchito umanamente e spiritualmente.

«A questo punto, con le tante domande che frullano in testa (Un Cantico declinato come una tragedia in cinque atti!), le diverse biografie, le 'Follie di Francesco e tanto altro... vi invitocari amici lettori e protagonisti del BLOG, a gustarvi con attenta partecipazione questo veritiero e poco conosciuto racconto che apre il nostro cuore alla comprensione della Speranza-certezza dei Santi. Infatti questo Cantico Francesco lo scrive quando ...»

Questo slideshow richiede JavaScript.

22Apr/160

Messina – «Per ‘vedere la Bellezza occorrono ‘occhi limpidi e ‘cuore puro…»

bd29c5d6-e020-496c-ac0b-e784176dad0cIMG_0456-001Giovedì 21 aprile 2016 - Chiesa SS Annunziata dei Catalani

Quarto Incontro

Cristianesimo e Islam  per una Città plurale

" B e l l e z z a "

Coordinatore - Prof. Sergio Todesco (antropologo) - Relatrice - Sr. Tarcisia Carnieletto (direttrice dell’Ufficio diocesano per l’Ecumenismo e il Dialogo interreligioso -  Relatore - Prof. Giampiero Vincenzo, islamista, sociologo e scrittore, dal 2010 docente di Discipline sociologiche presso l’Accademia di Belle Arti di Catania,

IMG_0460-001IMG_0461-001All'inizio i saluti e la preghiera comune  espressi da Mohamed Refaat (Presidente Centro Islamico Culturale di Messina) e dal Diacono Santino Tornesi (Direttore Ufficio Migrantes Diocesi di Messina ). Anche questo incontro si inserisce, quindi, come i tre precedenti, nel grande solco della vita orientata verso i valori e i doni preziosi ricevuti dall'unico Dio.

Coordinamento di qualità quello del Prof. Sergio Todesco. Garbato, attento e ricettivo degli spunti emersi dai relatori e dal dibattito. Un'impronta che sottende un alto grado di matura fede, un'attenzione costante e non formale verso il prossimo. Chiosa riflessiva:« il "valore" della reciproca conoscenza, in questa Sicilia, pietra miliare nel cammino dell'integrazione, crogiolo di popoli che ne hanno calcato il suolo, luogo privilegiato di accoglienza e fusione di anime e culture diverse che continuano a persistere, dopo tanti secoli, nelle feste popolari ed altre  manifestazioni».

IMG_0466-001IMG_0458-001Sr. Tarcisia Carnieletto, ci ha condotti sulla... SOGLIA! In cammino da Sant'Agostino a San Tommaso. Una solidità di insegnamenti per definire la Bellezza. Se uno è bello e anche buono perché gli è precluso di essere cattivo. La Bellezza temporanea, utile e preziosa per il cammino di tutti i giorni, e quella definitiva per celebrare l'Incontro con il Bello Assoluto. Una Bellezza, quindi, che attraversa lo spazio e il tempo e si inserisce nel Mosaico Unico del Vivente.
IMG_0469-001Il  Prof. Giampiero Vincenzo ha utilizzato un approccio fuori dagli schemi, un parlare diretto delle cose mondane per riportarle al loro posto. Una forte coniugazione della vita divina con la natura umana. Cuore ed intelligenza per vivere da protagonista l'esperienza della vita che ci è donata, per compiere con l'aiuto del Poeta "Le Follie di Dio"(Gruppo INSIEMI-40°). Analisi attuale della stupidità umana, che si lascia abbindolare dai nuovi riti. Dimenticandosi di non DIMENTICARE.

Gli interventi dell'uditorio hanno contribuito a rendere ancor più attraente la capacità del vero dialogo tra uomini 'puri. Tantissime e consolanti le cose dette, i filmati ne rendono testimonianza.


Questo slideshow richiede JavaScript.

 

29Feb/160

Messina – «Come si può rappresentare il Divino?- ” Significato di fede dell’ICONA nel tempo dell’Uomo”»

2016_02_24-VillaPace-VillaPace-SegniColoriMisteroDioIMG_018024 febbraio 2016 - Villa Pace - Ancora una volta siamo rimasti colpiti dalla ricchezza delle testimonianze e professionalità della dott.ssa Alexandra Voienko specialista cultrice relatrice sugli "Archetipi iconografici della Scuola Russa" e della Iconografa Lia Galdiolo "L'Icona nel tempo dell'uomo" che ha comunicato molto di se nell'esperienza di fede intimamente connessa al dono ricevuto di poter rappresentare, non 'dipingere, le Icone.

Prima di iniziare, il prof.re Giovanni Caola ha rivolto il saluto di benvenuto al qualificato uditorio e ringraziato il coordinamento del Centro Europeo di Mito e Simbolo e l'Associazione Messina Russia per il fattivo apporto per la preparazione dell'incontro, dando poi la parola per l'introduzione a padre Alessio Mandanikiota..

Padre Alessio ha, con sagace umiltà, acclarato le qualità delle Relatrici, ponendosi su di un piano di attento ascolto ed evidenziando le notevoli differenze tra le due sensibilità esistenti tra oriente ed occidente. Significativo di questo diverso approccio la dizione orientale di "SS. Madre di Dio" riferita a Maria madre di Gesù. Ha poi ancora sottolineato che se non si opera nell'ambito della Fede diventa incomprensibile poter penetrare nel IMG_0193IMG_0196mistero della rappresentazione del Divino. I filmati riferiscono il sonoro mentre le immagini spesso ripetute ci sorprendono per la bellezza e il duro lavoro di preparazione e di rifinitura che sta alla base della nascita di ogni Icona. Il "Santo Volto" è l'origine di tutte le Icone. "La Donna vestita di Sole. La SS. Trinità nel Nuovo ed Antico Testamento. Le Icone dei Santi. Tutto illuminato dall'interno, con l'ossatura formata da quadrati, triangoli, cerchi ed altre figure geometriche dotate di simmetria. Un vero capolavoro che unisce ingegno cuore e preghiera.L'Icona del "Santo Volto" ha dato il suo valido apporto in episodi di Ecumenismo che ha visto anche protagonisti Papa Giovanni Paolo II (2004) e Papa Francesco (2016).


IMG_0224

Questo slideshow richiede JavaScript.

26Gen/160

Reggio Calabria – «Non dimenticare, approfondire, comprendere e migliorare.»

2016_01_27-anassilaos-INVITO ULTIME MANFESTAZIONI GENNAIO 2016