CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

18Nov/180

Messina – «GLI OCCHI VOLTI AL CIELO – Straordinaria umanità che fa vibrare le corde del divino sentire»

13 novembre 2018 - Sala multimediale del "Savio" Messina

Secondo

appuntamento con le

Conversazioni letterarie 4.0

con Orazio Nastasi

«Alda Merini
gli occhi volti al cielo»

Un Poeta per un Poeta ... -  La seconda conversazione del prof.re Orazio Nastasi su «Alda Merini - gli occhi volti al cielo- ha esaltato le qualità poco conosciute della poetessa, tanto che al  termine della 'narrazione interpretativa di Orazio Nastasi ( felice descrittore ed interprete della tensione poetica e umana di Alda Merini ), Don Gianni si è vivacemente  'pronunciato, rendendo merito al comune sentire dei presenti e omaggiando la musicale poetica bellezza dell'autrice. L'approfondimento del prof.re Orazio ha infatti messo in luce una ricchezza di immagini e pensieri che hanno turbato il narratore prima e gli ascoltatori poi. I sinceri e sentiti applausi hanno ancor più dimostrato la validità della formula del ciclo di Conversazioni letterarie 4.0 e  infine, come da tradizione, don Russo rivolgendosi all'uditorio ha rinnovato la sua gratitudine sia per ciascuno dei partecipanti sia per il relatore a cui ha offerto, in segno di amicizia, la tradizionale ... "miracolosa caramella".

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

4Nov/180

Messina – BFMC «E’ una celeste terrena Sinfonia – Sempre nuova, sempre attuale – in grado di affascinare e placare le ansie del cuore»

martedì 30 ottobre 2018 - Biblioteca Frati Minori Cappuccini - Messina

«Sinfonia del Vangelo»

-per vivere da cristiani-

fr Marcello Badalamenti - Accademia Alfonsiana di Roma

Fr Felice Cangelosi, prima di cedergli la parola, ha voluto definire la relazione di fr Marcello Badalamenti come base di introduzione alle diverse tematiche  programmate per i futuri incontri. Infatti il primo incontro col Vescovo Cesare Di Pietro, alla vigilia della canonizzazione di San Paolo VI, ha avuto uno scopo ed un carattere eminentemente commemorativo mentre il secondo è stato il primo del ciclo (9) curato da fr Filippo Cucinotta che verte sul tema "Chi dite che io sia?".

Il ricco curriculum e le attuali attività svolte da fr Marcello Badalamenti ha fatto subito capire al non folto ma attento e preparato pubblico di trovarsi di fronte un relatore appassionato e competente. Capace con il suo fluido messaggio, corroborato da solidi riferimenti ai documenti ecclesiali (Concilio Vaticano II , papa Francesco) di delineare e trasmettere all'uditorio una viva, attuale e alta visione del Vangelo;

Questo slideshow richiede JavaScript.

del Vangelo

26Ott/180

Reggio Calabria – «La suggestione del cielo stellato del Planetario e la storia di un donna: Andromaca …»

SABATO 27 OTTOBRE 2018, ORE 21.00

Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana Reggio Calabria

ANDROMACA” di Euripide

a cura di “Scena Nuda”

Il Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana, aperto alla collaborazione con tutte le realtà culturali che operano nella nostra regione e non solo, Sabato 27 Ottobre ore 21.00 ospiterà la compagnia teatrale reggina Scena Nuda”che rappresenterà l’“Andromaca” di Euripide.

Entrare in una cupola del teatro-planetario è come varcare i confini di una nuova dimensione, il mondo tradizionale resta fuori, lontano e quasi dimenticato. Il pubblico percorre un viaggio che lo porta a sollevarsi dal nostro pianeta ed immergersi in infiniti spazi. L’evento proposto mescola la suggestione del cielo stellato del Planetario con la storia di un donna: Andromaca, la cui presenza nella storia della civiltà occidentale è pressoché ininterrotta.

L’opera mette in risalto attraverso il punto di vista della protagonista le contraddizioni e le debolezze di tutta la classe dominante greca. Andromaca, ormai schiava, è un esempio di virtù morali rispetto ai suoi nuovi padroni. In una Grecia al culmine del suo splendore e della sua potenza, Euripide evidenzia in modo spietato tutta la stanchezza e mediocrità della sua classe dirigente. La figura di Andromaca, una delle più commoventi della mitologia greca, rappresenta la donna nei suoi aspetti più tragici. Moglie ideale, vedova fedele, madre affranta racchiude cioè l'impotenza e la sofferenza di una donna che deve affrontare una vita senza il marito amato

Questa iniziativa è inserita nel programma "Altri Luoghi" della VII edizione del Festival “Miti Contemporanei - Teatro Danza Musica”, un ponte all'insegna del mito tra Grecia e Calabria che coinvolge compagnie teatrali, associazioni ed istituti culturali reggini nella valorizzazione di luoghi storico-artistici e siti archeologici della Città Metropolitana di Reggio Calabria, ed è coerente con il progetto “Seconda Edizione Festival Calabrese dell’Astronomia - Rotta del Mediterraneo con il Cielo: negli occhi itinerari di didattica, di divulgazione e sviluppo del territorio” presentato dalla Società Astronomica Italiana sezione Calabria per la “Selezione e il Finanziamento nell'ambito degli interventi della Regione Calabria per la valorizzazione del sistema dei Beni Culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria”.

Reggio Calabria, 26 ottobre 2018 Ufficio Stampa

 

23Ott/180

Messina – SAVIO – « L’umanità e la poesia di Alda Merini aprono il ciclo Conversazioni letterarie 4.0»

16 ottobre 2018 - Sala multimediale del "Savio" Messina

Primo appuntamento con le

Conversazioni letterarie 4.0

con Orazio Nastasi

«Alda Merini
la poesia, il dramma»

 

Don Gianni Russo (direttore del SAVIO), facendo gli onori di casa, ha presentato il ciclo di incontri Conversazioni letterarie 4.0 e rivolgendosi al gran bel pubblico ha rinnovato la sua gratitudine sia per il Relatore sia per ciascuno dei partecipanti, a cui ha offerto, in segno di amicizia, la tradizionale ... "miracolosa caramella".

Un Poeta per un Poeta ... -  La prima conversazioni 4.0 del prof.re Orazio Nastasi su «Alda Merini - la poesia, il dramma» ha ancor più confermato come sia possibile affinare le proprie sensibilità culturali, ascoltandone l'intensa e vibrante interpretazione dei testi, dei poeti e scrittori  proposti. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

15Ott/180

Messina – SAVIO – «La nuova stagione di Conversazioni col prof.re Orazio Nastasi – “Alda Merini “»

22Set/180

Reggio Calabria – æ PLA « ISPIRAZIONI D’AUTUNNO – cinema, arte, musica e poesia »

18Set/180

Mascalucia – 2 «Nella Chiesa nessuno è straniero – “Per capire e crescere bisogna … Incontrarsi»

09 settembre 2018 Santuario dell'Addolorata-PP. Passionisti - Mascalucia

Istituto Missionarie Secolari della Passione - Padri Passionisti - Ufficio Migrantes dell’Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela

« La GIORNATA della FESTA dell'INCONTRO »

"Canti, danze e testimonianze per raccontare l’emigrazione e l’immigrazione."

SAGRATO

Una Narrazione speciale, un intercalare comunicativo, costituito da una molteplicità di racconti, danza, canti, testimonianze perfettamente raccordate dalla 'voce narrante del diacono Santino Tornesi (Direttore ufficio Migrantes Mssina).

Rita Valastro, (membro dell'Istituto Missionarie della Passione) contestualizzando l'evento, ha così esordito:: "Allora! Questa giornata è la bella conclusione di un percorso cominciato nel gennaio 2018 quando si è programmato il consueto Convegno Nazionale sul tema della Migrazione. E'questo tema è stato scelto a partire da una frase pronunciata da papa Francesco al personale di Roma tre il 17 febbraio 2017 «Le migrazioni non sono un pericolo ma una sfida per crescere» ...

Ecco i vari "Momenti" costitutivi della narrazione: "Canti, danze e testimonianze per raccontare l’emigrazione e l’immigrazione."

Noi popolo di migranti, la Sicilia terra di emigrazioneLettura Relazione ispettorato immigrazione 1912 al Congresso Americano _ Domenico -*- canto della migrazione la sofferenza del migrante-  A li cunfini di lu munnu (il dolore e la sofferenza in terra di emigrazione); Roberto e Mario -*- Lettura  lettura della lettera di un nostro emigrato alla madre  _ Domenico

L’Italia Paese di immigrazione, con la presenza di Migranti e Rifugiaticanto Ukuthula (proposto come preghiera per tutti quelli che partono alla ricerca di un futuro migliore) -*-canto Mininu kala (la ninna nanna africana per tutte le mamme che hanno visto partire i loro figli); - Coro dell’Ufficio Migrantes  -*- testimonianza di Bruno (giovane camerunense, migrante forzato)

Le seconde generazioni e le famiglie migranti - danza filippina, Tiniklin (la danza del bambù), eseguita dalla FCCM Youth -*- danza srilankese, Kandyan dance (danza tipica dell'area collinare dello Sri Lanka chiamata Kandy). Cristine  (giovane srilankese); -*-  testimonianza di Mercy (donna e madre filippina).

Il progetto migratorio tra nostalgia del Paese e vita di fede - canto Dju di Galinha (il migrante e il sospirato ritorno sulla sua isola) -*- canto Mikpawe Malia (Maria invocata come la madre dell’accoglienza e del servizio).  - Coro dell’Ufficio Migrantes

La migrazione tra radici culturali e modernità - danza filippina, Mix modern dances, eseguita dalla FCCM Youth. Verrà introdotta dalla presentazione di una giovane filippina; -  danza srilankese, Bollywood dance (mescolanza fra varie danze indiane, classiche e folk, con quelle moderne occidentali). Verrà introdotta dalla presentazione di una giovane srilankese; -  testimonianza di Catherina (giovane filippina di seconda generazione)

La melodia che unisce i sentimenti (che tocca le corde del cuore) canto Perfect (Bobby); canto All of me (Daniela).

La conclusione del nostro stare insieme, conoscenza reciproca nella convivialità delle differenze canto Sada sarana Mariye (prima di lasciare il Santuario un saluto a Maria, madre dei migranti); Coro srilankese e Coro dell’Ufficio Migrantes  -*- canto Ee mfumu e, yamba makabu (offrire al Signore tutto di noi nella fedeltà al suo Vangelo); Coro dell’Ufficio Migrantes -*- canto We are the world (tutti insieme per dire no all’indifferenza). (Giovani della Comunità Filippina di Messina)

Stringente ed attuale l'intervento della rappresentante di PAX CRISTI che ha porto i saluti del presidente mons. Giovanni Ricchiuti (vescovo di Gravina di Puglia). Il Movimento PAX CRISTI intende essere una voce profetica  che ha come base la Cultura dell'incontro e di stare sulle soglie senza frontiere perchè la vera sicurezza è la giustizia - ha dato anche l'annuncio che il 2 ottobre ci sarà a Catania la 1ª giornata di non violenza Don Pino Puglisi "- e ha concluso citando Don Tonino Bello - "E la pace cos'è? E' comunità delle differenze è mettersi a sedere alla stessa tavola, come abbiamo fatto oggi, tra persone diverse che noi siamo chiamati a servire. "

Saluti e ringraziamenti del conduttore  - Un grazie di cuore a tutti i volontari dell’Ufficio diocesano Migrantes, ai rappresentanti della comunità cattolica filippina (Filipino Catholic Community of Messina - FCCM) curata da p. Ric Duque, a quelli della comunità cattolica srilankese curata da p. Neville Fernando. e a tutti i nostri amici di Mascalucia ...

Saluti con Sorpresa finale del Rettore padre Filippo Pisciotta  : Una targa di riconoscimento per il Don - Diacono Santino Tornesi. Poi i "Padre Nostro" cantato da tutti ha coronato la festa

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

12Set/180

Mascalucia – «Nella Chiesa nessuno è straniero – “… Il nostro silenzio potrebbe diventare complicità”»

09 settembre 2018Santuario dell'Addolorata-PP. Passionisti - Mascalucia

Istituto Missionarie Secolari della Passione - Padri Passionisti - Ufficio Migrantes dell’Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela

« La GIORNATA della FESTA dell'INCONTRO »

"Canti, danze e testimonianze per raccontare l’emigrazione e l’immigrazione."

Lo svolgimento della giornata è il risultato di una perfetta naturale preparazione.  La volontaria professionalità si è fusa con la spontaneità, la mitezza, la semplicità, il sorriso di tutti i partecipanti. Siamo stati accolti così bene da sentirci a casa.

Celebrazione eucaristica

In questo clima di serenità, l'Arcivescovo Giovanni Accolla ha avuto modo di gioire per le affettuose raccomandazioni che gli ha rivolto il suo"vecchio" prof.re mons. Salvatore Consoli, giunte dopo quelle augurali indirizzategli dal Rettore padre Filippo Pisciotta nel 39° di Consacrazione del Santuario alla Vergine Addolorata

Nell'omelia il Vescovo non ha mancato di trasmettere, partendo dal vangelo del giorno, un forte richiamo alla radicalità del messaggio cristiano. La Buona Novella è stata rivolta a tutte le creature e nessuno può far finta di non sentire o di non vedere. Quindi apriamo la nostra mente, il nostro cuore all'accoglienza dell'altro. Chi non li accoglie non accoglie Cristo.





Questo slideshow richiede JavaScript.

5Ago/180

Reggio Calabria – «Rosa Balistreri: “…una voce per un canto senza tempo”»

16Giu/180

Messina – BFMC – «La Parola Dio è un orizzonte mai chiuso – Il finito non può comprendere l’infinito»

martedì 12 giugno 2018 Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Messina -

I pellegrini dell'assoluto
tra i segnali silenziosi e i molteplici indizi

9° e conclusivo Incontro

Karl RAHNER

«Corso fondamentale sulla fede»

padre Filippo Cucinotta OFM

Il prof.re Padre Filippo Cucinotta ha riservato a questo Libro, «Corso fondamentale sulla fede» del teologo Karl Rahner,  l'ultimo degli appuntamenti  del ciclo "I pellegrini dell'assoluto - tra i segnali silenziosi e i molteplici indizi".  Il suoi interventi, degni di lode, hanno permesso all'Uditorio di fare uno straordinario cammino di conoscenza e comprensione del pensiero filosofico, teologico e antropologico ... di nove differenti autori  che 'parlano al cuore e alla intelligenza dell'uomo. In ordine sono stati: Hetty Hillesum - Emanuele Severino - Carlo Maria Martini - Eugenio Scalfari - Eugen Drewermann - Erri De Luca - Hans Kung - Enzo Bianchi e Karl Rahner.

Sarà la visione del Filmato a confermare le straordinarie doti di sapiente comunicatore di  padre Filippo Cucinotta OFM e della valenza di contenuti di questo Ciclo di Incontri.

10Mag/180

Messina – SAVIO – «Il grande poeta Giuseppe Ungaretti completa il “mosaico” delle Conversazioni letterarie…»

Orazio Nastasi

08 maggio 2018  - Sala multimediale del "SavioMessina - ultimo appuntamento con le

Conversazioni letterarie 3.0 - con Orazio Nastasi

Giuseppe Ungaretti - «nell'angoscia La Speranza»

Tutto secondo programma. Grande passione interpretativa e comunicativa. 'proclamazione di versi densi di passione e di speranza. Tempi rispettati. Il direttore del Savio, Don Gianni Russo trova il tempo per, una ... intervista. Un grazie sentito dal numeroso ed attento uditorio che ha vivamente apprezzato ogni perla di queste Conversazioni Letterarie 3.0 targate prof.re Orazio Nastasi.

Sacra Famiglia Gesù Maria Giuseppe -sala Savio


1Mag/180

Messina – «Un’altra coinvolgente riflessione sul tema della vita … »

Martedì 8 maggio 2018 - Ore 18.00

Salesiani «Savio» Messina

Conversazioni Letterarie 3.0

con Orazio Nastasi

19Mar/180

Messina – «Quando le testimonianze appagano il senso della meravigliosa ricerca dell’uomo allora … occorre ascoltare in silenzio»

sabato 10 marzo 2018 - Auditorum mons. Fasola

XXXVII CONVEGNO CARITAS 2018 

"Altre Carceri
Storie di Umanità e Libertà"

«L'esperienza teatrale che ho fatto mi ha portato ad imparare che il Teatro può cambiare una persona e la può rendere libera da ogni pregiudizio e farla vivere da uomo libero.
Tutti voi avete costruito una grossa opera
- la prima: che attraverso il teatro anche in questi luoghi di detenzione si può costruire legalità e solo la legalità può costruire ali per volare alto
- la vostra seconda grande opera e che tutti voi avete costruito una grossa casa che oggi avete messo a nostra disposizione, ora tocca a noi avere il coraggio avere la forza di prendere quella chiave e aprire quella porta che è dentro di noi che per nostra scelta fino a oggi abbiamo tenuto sempre chiusa ...perchè il giorno che apriremo quella porta anche noi possiamo avere ali per volare in alto da uomini liberi.
Video "RAGAZZI" - tratto dai I fratelli Karamazov di F. Dostoevskij


Esito del progetto "IL TEATRO PER SOGNARE"
Ass. D'aRteventi con i detenuti della Casa Circondariale di Gazzi - Messina








12Mar/180

Messina – BFMC «Giornalista, scrittore e poeta – traduttore e scalatore – Uomo capace di argomentare con forza il suo dissenso alle inutili e devastanti opere»

Martedì 13 marzo 2018 alle ore 17:30 

BIBLIOTECA PROVINCIALE FRATI MINORI CAPPUCCINI – MESSINA

"I Pellegrini dell'Assoluto tra i segnali silenziosi e molteplici indizi".

INCONTRO IN BIBLIOTECA

su

Erri De Luca

 "E Dio disse"

a cura di fr. Filippo Cucinotta

 

7Mar/180

Messina – «Un’altra tessera di un meraviglioso mosaico: “La Passione” del Poeta Mario Luzi»

06 marzo 2018  - Sala multimediale del "SavioPassione» appuntamento con le

Conversazioni letterarie 3.0 - con Orazio Nastasi

Mario Luzi - «La Passione»

"Ben accolti quasi vezzeggiati dalla calda cordialità di Don Gianni Russo (Direttore Salesiani SAVIO) e dalla sua delicatezza nell'offrire la "Caramella di Don Bosco", i numerosi presenti ed estimatori di questo percorso culturale hanno potuto rivivere con intensità, grazie alle magistrali doti di narratore-attore del prof.re Orazio Nastasi  una delle più belle espressioni di una fede  adulta, in un contesto particolare, quale è quello della Via Crucis.. Il poeta, il cristiano Mario Luzi da voce a Gesù nel suo colloquio con il Padre mentre sta salendo verso il Golgota. Si tratta di richieste, di delucidazioni, domande di senso , pause, riflessioni che ci avvinghiano come non mai, ci interrogano, ci intimoriscono per la nostra povertà di fede ma che ci avvicinano alla contemplazione del mistero della Croce - Follia e Scandalo - (mons. Angelo Oteri) non solo per i tempi di S. Paolo ma per gli uomini di tutti i tempi. Chi invece dimostra sempre la maggiore coerenza e Fede sono Maria di Nazareth (madre di Gesù), Maria di Magdala e Maria di Cleopa e c'è anche l'apostolo Giovanni a quale Gesù affida la Madre come figlio e che riceve l'immensa gioia di una Madre per tutti gli uomini

Nota BLOG - Quella di Gesù non è una finzione, la sua umanità è vera come il suo sangue nell'Orto degli Ulivi -preghiera- come la Corona di Spine - Ecce Homo -come sul Calvario dove la lancia gli trafigge il cuore. Da questa sua vera esperienza umana, nonostante il ribollire di tutte le nostre contraddizioni, nasce per sempre l'Uomo nuovo. Si tratta di volere accogliere e sperimentare la speranza che anche noi potremo e possiamo divenire da subito  nuove creature

Questo slideshow richiede JavaScript.