CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

14Mag/180

Reggio Calabria – Planetarium Pythagoras «La fisica del XXI Secolo. (Oltre il bosone di Higgs)»

Martedì 15 maggio ore 21.00  - Planetarium Pythagoras Città Metropolitana dei Reggio Calabria

La fisica del XXI Secolo. (Oltre il bosone di Higgs)

Prof. Gianfranco Cordì

Martedì 15 maggio, alle ore 21.00, presso il Planetarium Pythagoras Città Metropolitana di Reggio Calabria il prof. Gianfranco Cordì, pHd e laureato e specializzato (master) in Epistemologia terrà la lezione La fisica del XXI secolo (Oltre il bosone di Higgs). Secondo l’opinione dello studioso calabrese Cordì siamo di fronte a un periodo di profonde trasformazioni nell’ambito della scienza. Le recenti scoperte, prima del bosone di Higgs e poi delle onde gravitazionali, ci stanno portando a ridiscutere le fondamenta delle due teorie che hanno caratterizzato il Novecento: la meccanica quantistica e la relatività generale. Si tratta di un ripensamento che alcuni scienziati hanno codificato attraverso lo sviluppo di due teorie antagoniste: la teoria delle stringhe e la gravità quantistica a loop (anelli). Queste due teorie sono reciprocamente escludentesi.
Cordì, sulla scia del famoso scienziato internazionale Carlo Rovelli, propende per la conclusione della scienza nella gravità quantistica.
La manifestazione sarà l’occasione di vedere in maniera ravvicinata fermioni, bosoni, adroni, particelle di antimateria, elettroni, protoni e persino neutrini avvicendarsi, nel corso del racconto epistemologico di Cordì, in un unico “zoo delle particelle” che si fanno brillare con le onde (a picchi e a valli) e con le origini e la fine dell’universo. Big Bang e Big Crunch.
In questo senso Cordì mettera a questione i fondamenti della Relatività Generale (che ingloba la gravitazione nelle sue equazioni) e la meccanica quantistica (caratterizzata dall’indeterminazione).


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera - «Il bosone di Higgs è un bosone elementaremassivo e scalare che svolge un ruolo fondamentale all'interno del Modello standard. - Venne teorizzato nel 1964 e rilevato per la prima volta nel 2012 negli esperimenti ATLAS e CMS, condotti con l'acceleratore LHC del CERN[1][3].

La sua importanza è quella di essere la particella associata al campo di Higgs, che secondo la teoria permea l'universo conferendo la massa alle particelle elementari. Inoltre, la sua esistenza garantisce la consistenza del Modello standard, che senza di esso porterebbe a un calcolo di probabilità maggiore di uno per alcuni processi fisici.»


 

12Mag/180

Messina – BFCM «Ottavo appuntamento con “I Pellegrini dell’Assoluto”- Enzo Bianchi – Il pane di ieri»

Martedì 15 maggio 2018 alle ore 17:30 

BIBLIOTECA PROVINCIALE FRATI MINORI CAPPUCCINI – MESSINA

"I Pellegrini dell'Assoluto tra i segnali silenziosi e molteplici indizi".

INCONTRO IN BIBLIOTECA

su

Enzo Bianchi

 "IL PANE DI IERI"

a

 cura di fr. Filippo Cucinotta

8Mag/180

Messina – «La seconda edizione del “Memorial” ricco di sport cultura ed umanità messinese»

Il Valore dello Sport - Pallavolo - Campo Vigili del Fuoco

giovedì 10 maggio 2018 ore16.30 Palestra Juvara  si svolgerà

«2° Memorial  Enrico Torri»

Evento omaggio al Dr. Enrico Torri  "Protagonista dello Sport messinese - antesignano alfiere del signorile rispetto delle regole e dell'avversario. "

Under 18PALLAVOLO MESSINA - LAVALUX PATTI - A.S. ATHLON - PACE DEL MELA 

  • « Gli Under 18 rappresentano il presente futuro di ogni sport e della vita civile di una consolidata democrazia. Puntare sull'educazione, formazione, rispetto delle regole e dell'avversario; arricchisce il patrimonio sociale e culturale di intere generazioni. Questo è il vero senso dello sport a cui molti di noi dovrebbero volgere lo sguardo. »
24Apr/180

Reggio Calabria – PLA «Parità Donna Uomo – due giovani studenti calabresi nella squadra nazionale che volerà in Sri Lanka per le Olimpiadi Internazionali di Astronomia»

Andrea Labate e Vittoria Altomonte alle Olimpiadi internazionali di Astronomia

Nella gara italiana di Bari ben nove calabresi su quindici superano la prova finale

Andrea Labate, categoria senior, (Liceo Scientifico "Da Vinci" di Reggio Calabria) e Vittoria Altomonte, categoria junior 2, ( Liceo Scientifico "Euclide" di Bova Marina) rappresenteranno la Calabria all'interno della squadra nazionale che volerà in Sri Lanka, il prossimo autunno, per le Olimpiadi Internazionali di Astronomia.

I due giovani, infatti, sono stati selezionati durante le finali italiane che si sono svolte la scorsa settimana a Bari.

Dei sedici studenti calabresi, tra gli ottanta ammessi, erano tutti provenienti dalla provincia di Reggio Calabria e di questi ben nove hanno superato la prova, su un totale di quindici finalisti di tutto il territorio italiano.

«È un risultato straordinario che premia i talenti scientifici della nostra regione - commenta la professoressa Angela Misiano, responsabile del Planetario Pythagoras di Reggio Calabria. Le congratulazioni vanno a tutti i partecipanti per lo sforzo profuso in questi lunghi mesi di preparazione. Sia ai vincitori della gara interregionale, sia ai nove che hanno conquistato la medaglia nazionale della XVI edizione e naturalmente ad Andrea e Vittoria che ci rappresenteranno a livello internazionale».

La struttura di Via Salita Zerbi, afferente alla Città Metropolitana, con i suoi esperti, segue, a titolo gratuito, da molti anni la preparazione degli allievi delle scuole calabresi e affianca i docenti degli istituti partecipanti.

Quest'anno, nel capoluogo pugliese, per la categoria Junior 1 hanno partecipato Marco Carbone (I.C. Statale “G. Carducci – V. da Feltre”), Luigi Sorrentino (I.C. Statale “F.S. Alessio – N. Contestabile”, Taurianova), Mihail Dimitrov (I.C. Statale “Giovanni XXIII”, Villa S. Giovanni), Davide Geria (Scuola Secondaria di I° Statale “Galluppi-Collodi-Bevacqua”), Antonino Morgante (I.C. Statale “Campo Calabro – San Roberto”, Campo Calabro) e Maria Antonietta Ferraro (I.C. Statale "Nosside - Pythagoras").

Per la sezione Junior 2, invece, Vittoria Altomonte (Liceo Scientifico Statale “Euclide”, Bova Marina), menzione speciale per la miglior prova teorica della sua categoria, Attinà Natalino (Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”), Federico Cangeri (Liceo Scientifico Statale "A. Volta) Cosimo Cicco (I.I.S. Statale "Nostro - Repaci", Villa San Giovanni) e Domenico Maisano (Liceo Scientifico Statale "E. Fermi", Bagnara).

Infine, per la categoria senior, Andrea Labate (Liceo Scientifico e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci”), Angelo Latella (Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”), Vincenzo Sorrentino (Liceo Scientifico “M. Guerrisi”, Cittanova), Ruggero Britti (Liceo delle Scienze Umane Statale "T. Gullì"), Alexia Verduci (I.I.S. Statale "Nostro - Repaci", Villa San Giovanni).

Nella categoria Junior 1 sono risultati vincitori, Marco Carbone, Luigi Sorrentino, Mihail Dimitrov, Davide Geria, Antonino Morgante. Nella categoria Junior 2 é risultata vincitrice Vittoria Altomonte e nella senior Andrea Labate, menzione speciale per la miglior prova teorica della sua categoria, Angelo Latella, Vincenzo Sorrentino.

«I docenti che hanno accompagnato i ragazzi in questa meravigliosa esperienza sono stati il punto di riferimento dell’istruzione scolastica di provenienza - continua la professoressa Misiano. Voglio anche ringraziare tutti i dirigenti scolastici per la fiducia accordata al Planetario per la "missione" Olimpiadi. Nei prossimi mesi la nostra struttura continuerà le attività di formazione e di divulgazione della conoscenza scientifica, con eventi e manifestazioni aperte a tutta la cittadinanza».

23.04.2018 Reggio Calabria Ufficio Stampa

18Apr/180

Reggio Calabria – «16 giovani studenti, della forte squadra astronomica, raggiungono la finale delle Olimpiadi Nazionali di Astronomia»

Olimpiadi Nazionali di Astronomia - 16 i ragazzi della Città Metropolitana di Reggio Calabria alla finale nazionale del 19 aprile a Bari

La Città Metropolitana di Reggio Calabria sarà rappresentata da ben 16 studenti alla finale della XVI edizione delle Olimpiadi nazionali di astronomia che si terranno a Bari il 19 aprile. Su 80 finalisti, 16 (il 20%) proviene, quindi, dalla provincia di Reggio. Complimenti a tutti i finalisti che, per raggiungere questo importante risultato, hanno dovuto superare due selezioni molto difficili (i partecipanti nazionali alla fase di preselezione erano 6720, provenienti da 203 scuole). Questi i ragazzi che, accompagnati dai docenti e dai dirigenti, si confronteranno con gli altri 64 coetanei provenienti da tutta Italia:

Categoria Junior 1Carbone Marco I.C. “G. Carducci - V. da Feltre” - Reggio Calabria -  Dimitrov Mihail I.C. “Giovanni XXIII” - Villa S. Giovanni (RC) - Ferraro Maria Antonietta I.C. “Nosside-Pythagoras” - Reggio Calabria - Geria Davide I.C. “Galluppi-Collodi-Bevacqua”-Reggio Calabria - Morgante Antonino I.C. “Campo Calabro - San Roberto” - Campo Calabro (RC) - Sorrentino Luigi I.C. “F.S. Alessio - N. Contestabile” - Taurianova (RC)

Categoria Junior 2Altomonte Vittoria Liceo Scientifico Statale “Euclide” - Bova Marina (RC) - Attinà Natalino Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Cangeri Federico Liceo Scientifico Statale “A. Volta” - Reggio Calabria - Cicco Cosimo I.I.S. Statale “Nostro - Repaci” - Villa S. Giovanni (RC) - Maisano Domenico Liceo Scientifico Statale “E. Fermi” - Bagnara Calabra (RC)

Categoria Senior Britti Ruggero Liceo delle Scienze Umane Statale “T. Gullì” - Reggio Calabria - Labate Andrea Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Latella Angelo Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria Sorrentino Vincenzo Liceo Scientifico e delle S.A. Statale “M. Guerrisi” - Cittanova (RC) - Verduci Alexia I.I.S. Statale “Nostro - Repaci” - Villa S. Giovanni (RC)

Le Olimpiadi di Astronomia sono bandite dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per la Valutazione del Sistema Nazionale d’Istruzione del MIUR ed attuate con la Società Astronomica Italiana in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Astrofisica. Sono parte integrante delle attività didattiche e, per la loro gestione a livello nazionale e locale, sono affidate a docenti universitari di fisica, di astronomia, di chimica e di scienze ed a docenti esperti di didattica disciplinare che garantiscono, dal punto di vista scientifico e didattico, la serietà della promozione ed attuazione.

In Calabria il comitato tecnico scientifico è diretto dal prof Veltri, ordinario di astrofisica dell’Unical. Ciò garantisce un fervido raccordo tra scuola, università ed enti di ricerca attraverso un proficuo scambio di risorse intellettuali e culturali per diffondere, promuovere e valorizzare la cultura scientifica nella formazione dei futuri cittadini, organizzando, presso le scuole iscritte, iniziative per preparare e formare gli studenti e i docenti-tutor.

L'astronomia, per la sua intrinseca valenza transdisciplinare, consente la costruzione di percorsi didattici motivanti per gli allievi. È tra le discipline più idonee a valorizzare la persona umana per costruire un curricolo che insista sulle connessioni interdisciplinari e sulla necessità di collocare il pensiero scientifico, la storia delle sue scoperte e lo sviluppo delle invenzioni tecnologiche nell'ambito più vasto della storia delle idee.

Questi risultati della nostra città metropolitana premiano certamente le capacità dei giovani e l’impegno dei docenti ma corre l’obbligo di evidenziare il ruolo del Planetario Pythagoras che, attraverso gli esperti, le competenze e le professionalità che esprime, cura, a titolo completamente gratuito, la preparazione degli studenti delle scuole calabresi.

Il Planetario della Città Metropolitana di Reggio Calabria è una delle 10 sedi interregionali delle Olimpiadi Italiane di Astronomia.

Inoltre, ancora una volta va sottolineato l’impegno della Città Metropolitana che, da sempre, con lungimiranza culturale e politica, ha investito in cultura scientifica affidando alla sua struttura, il Planetario, il compito di sostenere le attività didattiche delle scuole della Città Metropolitana e non solo.

17Apr/180

Messina – BFMC «Uno straordinario esempio di mitezza e di umiltà per un cammino di umana santità.»

Martedì 17 Aprile 2018 alle ore 17:30

BIBLIOTECA PROVINCIALE FRATI MINORI CAPPUCCINI – MESSINA

INCONTRI IN BILIOTECA presso la nostra Biblioteca

nell'ambito degli incontri su

"San Francesco d'Assisi non un uomo che pregava, ma un uomo diventato preghiera",

Fr. Felice Cangelosi

proseguirà la riflessione sulle Lodi di Dio Altissimo trattando il tema:

«Tu sei tutta la nostra ricchezza a sufficienza»

16Apr/180

Reggio Calabria – PLA «XIX Settimana Nazionale dell’Astronomia dedicata agli studi di Padre Angelo Secchi»

“Gli studenti fanno vedere le stelle”,

Da Lunedì 16 aprile la XIX Settimana Nazionale dell'Astronomia dedicata agli studi di Padre Angelo Secchi

Per l'occasione iniziative e laboratori a cura del Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana Reggio C.

Parte nel segno di padre Angelo Secchi, astronomo di cui ricorre il bicentenario della nascita, la XIX Settimana Nazionale dell'Astronomia - “Gli studenti fanno vedere le stelle”, promossa dalla Società Astronomica Italiana in collaborazione con la Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale d’Istruzione del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca", nell'ambito del protocollo d’intesa MIUR_SAIT.

L’organizzazione è affidata alla Società Astronomica Italiana (SAIt) che opera in sinergia con l'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF).

Un appuntamento atteso e importante per le scuole italiane, invitate a diffondere tra i giovani la conoscenza del cielo e della ricerca astronomica, per motivarli e orientarli alla scoperta delle opportunità formative e professionali offerte dallo studio delle discipline scientifiche.

Il tema scelto questa edizione della Settimana è: “La spettroscopia: l’eredità scientifica di Padre Angelo Secchi”, lo studioso ricordato come: “il chimico del Cielo” per il ruolo fondamentale che ha avuto nello studio degli spettri di emissione delle stelle.

Il tema proposto vuole stimolare gli studenti a documentarsi e a riflettere sul ruolo della spettroscopia in astrofisica, come tecnica per lo studio dei fenomeni fisici che governano il funzionamento delle stelle.

Perché le stelle hanno colori diversi? Cosa significano quei colori e che informazioni ci forniscono?

Quali ulteriori informazioni, oggi, possiamo ottenere dall'analisi spettrale condotta con strumentazione moderna e telescopi di notevoli dimensioni?

A queste domande cercheranno di rispondere, dal prossimo lunedì 16 al 21 aprile 2018 le scuole italiane, impegnate in laboratori dedicati alla spettroscopia.

Sul sito del Ministero sono riportate le tematiche su cui gli istituti di ogni ordine e grado, le associazioni disciplinari, i planetari sono invitati a sviluppare le proprie attività ed iniziative didattiche, adattandole ai vari livelli di scolarità. Tra queste assume un rilievo particolare quella denominata: “Mi illumino di meno… per rivedere le stelle” sul monitoraggio dell’inquinamento luminoso e finalizzata alla lotta agli sprechi nell'illuminazione pubblica.

Sarà il Planetarium Pythagoras - Città metropolitana Reggio Calabria la struttura designata alla quale tutte le istituzioni scolastiche, che intendono affrontare questo argomento, devono inviare le schede di rilevamento.

Sul sito del “Planetarium Pythagoras” (www.planetariumpythagoras.com) sono state pubblicate la “scheda di monitoraggio” e la “cartina stellare” che gli alunni dovranno utilizzare per riportare i dati. 

Gli allievi, tre per ogni ordine di scuola, che hanno prodotto le migliori osservazioni sia dal punto di vista qualitativo e quantitativo, saranno premiati, il 21 dicembre all’interno della manifestazione che, annualmente, il Planetario organizza in occasione del Solstizio d’Inverno. All’interno delle numerose e ricce proposte in tutta Italia, in gran parte dedicato alle scuole, come sempre si inserisce il programma proposto per la settimana dal Planetario Città Metropolitana.Il programma completo, consultabile sul sito www.planetariumpythagoras.com, prevede conferenze rivolte al pubblico ed attività didattiche per le Scuole della regione che, avendo aderito all'iniziativa, hanno richiesto il supporto del Planetario.

Di seguito il calendario degli incontri aperti al pubblico.

Lunedì 16 aprile - ore 9.00 Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” L’Universo in luce scomposta” Prof. Riccardo Barberi, UNICAL

ore 11,00 Liceo scientifico “Alessandro Volta” L’Universo in luce scomposta” Prof. Riccardo Barberi, UNICAL

ore 18.00 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana Reggio Calabria Conferenza: “L’Universo a colori” Prof. Riccardo Barberi, UNICAL

Martedì 17 aprile - ore 11.00 Liceo Classico “Tommaso Campanella” Cacciatori di Spettri: gli astronomi” - Prof. Gaetano Zimbardo - UNICAL

ore 21.00 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana Reggio CalabriaIl cielo a colori sopra la “collina” a cura dello staff Planetario

Giovedì 19 aprile  - ore 10.30 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana Reggio Calabria -Incontro con l’Istituto d’Istruzione Superiore “Francesco La Cava” Bovalino L’arcobaleno delle stelle” Prof. Giovanni Palamara - Esperto SAIt

Venerdì 20 aprile - ore 21.00 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana Reggio Calabria Il Cielo di Primavera” a cura dello staff Planetario

19Mar/180

Reggio Calabria – «La perenne magia della creazione. Le creature tutte risplendono di nuova luce…»

Martedì 20 Marzo 2018, ore 20.30 - Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana di Reggio Calabria

LA MAGIA DEL NUOVO INIZIO: L’EQUINOZIO DI PRIMAVERA

Ore 16.15 di Tempo Universale arriva la primavera astronomica.  Il fenomeno, generalmente riconosciuto soltanto dagli addetti ai lavori, è noto al pubblico come “il momento dell'anno in cui il giorno e la notte sono uguali”. Esattamente a quell'ora il Sole attraverserà uno dei due punti, nella sfera celeste, in cui l'eclittica e l'equatore celeste si intersecano: il cosiddetto punto vernale o equinozio di primavera, l'altro corrisponde all'equinozio d'autunno.

Il Sole apparirà perfettamente allo zenit per un osservatore posto all'equatore, e la durata del dì in quel luogo sarà pari a quella della notte: 12 ore esatteTra i banchi di scuola abbiamo imparato che la primavera inizia tradizionalmente il 21 marzo. Perché allora ne stiamo parlando in anticipo?

La "colpa" - se così si può chiamare - è da ricercare nel calendario gregoriano attualmente in uso in gran parte del mondo. Oggi sappiamo che la data dell'Equinozio non è fissa ed è compresa tra il 19 e il 21 di Marzo. Al di là di queste disquisizioni astronomiche, la primavera è la stagione della rinascita e presso moltissime culture essa viene associata ai concetti di fertilità, resurrezione e inizio. Anche il calcolo della data della Pasqua è legata all'inizio della primavera. Tutte le antiche tradizioni offrono una serie di miti legati alla primavera, miti al cui centro risiede l'idea del sacrificio e conseguente rinascita.

Come è ormai tradizione, il Planetarium Pythagoras festeggia l’arrivo della primavera e invita la tutta la cittadinanza, la sera del 20 marzo alle ore 20.30 sotto la cupola del Planetario, per dare uno guardo al cielo e scoprire le costellazioni che ci accompagneranno per tutta la primavera, i miti e le leggende ad esse legati. Dopo i saluti istituzionali e la presentazione dell’iniziativa, a guidare il pubblico in questo affascinate viaggio saranno il dott. Francesco Macheda, dirigente della Città Metropolitana, e la prof.ssa Angela Misiano, responsabile scientifico del Planetario.

Gli esperti Rosario Borrello e Carmelo Nucera illustreranno le costellazioni di primavera al Planetario e, condizioni metereologiche permettendo, guideranno il pubblico all’osservazione del Cielo ad occhio nudo e con gli strumenti.

16Mar/180

Messina -«Una scuola che si impegna per educare e formare autentici liberi cittadini»

15Mar/180

Reggio Calabria – PLA «Studenti sempre più partecipi protagonisti della loro formazione … tra le stelle»

OLIMPIADI NAZIONALI DI ASTRONOMIA 2018

Allievi della Calabria ammessi alla Finale Nazionale

Sono 15 i giovani studenti calabresi che rappresenteranno la nostra regione alla finale nazionale delle Olimpiadi di Astronomia del 2018.

Sono stati 2487 i ragazzi della Calabria che hanno partecipato alla fase di preselezione, una cifra significativa, probabilmente, dovuta all'individuazione del Pythagoras quale decimo polo nazionale per lo svolgimento delle gare interregionali ma soprattutto per il supporto alle scuole, che il planetario offre, per la preparazione degli studenti.

È un riconoscimento al lavoro qualificato e riconosciuto a livello nazionale che la struttura calabrese porta avanti fin dal 2004, anno della sua costruzione.

L'azione di didattica e di divulgazione scientifica e culturale portata avanti dal Planetario rappresenta un punto di riferimento per la nostra regione e non solo.

I quindici finalisti nazionali hanno sbaragliato i 149 concorrenti della gara regionale e sono tra gli 80 che saranno ospitati dal 18 al 20 Aprile presso il Liceo Scientifico Liceo Scientifico Statale “Arcangelo Scacchi” di Bari, sede della finale nazionale.

Complimenti ai ragazzi, ma anche ai docenti delle scuole di appartenenza che hanno sostenuto e incentivato gli studenti nelle fasi di preparazione. È anche vero che un ruolo determinante è svolto dai corsi intensivi effettuati al Planetario Pythagoras, a titolo gratuito, al dipartimento di Fisica dell'Università della Calabria e presso il Liceo Scientifico “La Cava” di Bovalino.

Categoria Junior 1

Carbone Marco I.C. “G. Carducci - V. da Feltre” - Reggio CalabriaDimitrov Mihail I.C. “Giovanni XXIII” - Villa S. Giovanni (RC) -Geria Davide I.C. “Galluppi-Collodi-Bevacqua”-Reggio CalabriaMorgante Antonino I.C. “Campo Calabro - San Roberto” - Campo Calabro (RC) - Sorrentino Luigi I.C. “F.S. Alessio - N. Contestabile” - Taurianova (RC) -

Categoria Junior 2

Altomonte Vittoria Liceo Scientifico Statale “Euclide” - Bova Marina (RC) - Attinà Natalino Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Cangeri Federico Liceo Scientifico Statale “A. Volta” - Reggio Calabria - Cicco Cosimo I.I.S. Statale “Nostro - Repaci” - Villa S. Giovanni (RC) - Maisano Domenico Liceo Scientifico Statale “E. Fermi” - Bagnara Calabra (RC)

Categoria Senior

Britti Ruggero Liceo delle Scienze Umane Statale “T. Gullì” - Reggio Calabria - Labate Andrea Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Latella Angelo Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Sorrentino Vincenzo Liceo Scientifico e delle S.A. Statale “M. Guerrisi” - Cittanova (RC) - Verduci Alexia I.I.S. Statale “Nostro - Repaci” - Villa S. Giovanni (RC)

9Mar/180

Messina – «Rinnovarsi per migliorare la coscienza di potere essere per il prossimo le mani misericordiose di Dio»

Sabato 10 marzo 2018 - ore 9.00 - Auditorium Mons. Fasola - Caritas Diocesana  Messina Lipari S. Lucia del Mela

XXXVII CONVEGNO DIOCESANO DELLA CARITAS

“Altre Carceri – Storie di Umanità e libertà"

... L’incontro costituirà l’occasione per approfondire, grazie al contributo di qualificati relatori, il tema del Carcere, su cui si è concentrato il percorso di questo anno pastorale, iniziato con la proposta dell’Avvento di fraternità 2017 e continuato con la Quaresima di Carità. Sarà offerta l’opportunità di considerare anche i frutti del progetto “Teatro per sognare”, che le vostre comunità stanno sostenendo.

Lettera del (nuovo) Direttore Caritas
Sono particolarmente lieto di invitare la Comunità ecclesiale e civile all'annuale Convegno Diocesano Caritas dal titolo “Altre Carceri – Storie di Umanità e libertà”. L’incontro costituirà l’occasione per approfondire, grazie al contributo di qualificati relatori, il tema del Carcere, su cui si è concentrato il percorso di questo anno pastorale, iniziato con la proposta dell’Avvento di fraternità 2017 e continuato con la Quaresima di Carità. Sarà offerta l’opportunità di considerare anche i frutti del progetto “Teatro per sognare”, che le vostre comunità stanno sostenendo. Nell'attesa ... un saluto fraternamente.  padre Nino Basile -Messina 21 febbraio 2018

NOTA BLOG - Vorrei porgere il benvenuto a padre Nino Basile  in questo nuovo ruolo di Direttore Caritas. con lo stesso omaggio fatto al suo predecessore padre Giovanni Brancato, L'intervento del Cardinale Don Franco al Convegno pastorale del 29 12 1986 . Allora era consuetudine farlo dopo il ...giorno del terremoto del 1908. L'Arcivescovo era S.E. mons. Ignazio Cannavò - 1° Arcivescovo della Diocesi di Messina Lipari Santa Lucia del Mela (1979)

IDENTITÀ' DELLA CARITAS DIOCESANA
Intervento di D. FRANCO MONTENEGRO
al Convegno Pastorale "Diocesano
L'Arcivescovo, in questi ultimi tempi, rivolgendosi alla Chiesa messinese con messaggi e lettere pastorali ("Chiesa e città" - "In ascolto dei nuovi poveri" - "L'Arcivescovo propone..." - "Da una pastorale di conservazione ad una pastorale missionaria") ha delineato con molta chiarezza come la Chiesa debba essere carità-amore-comunione e non tanto come essa debba fare la carità.
Egli parla insistentemente di chiesa e non di singoli cristiani.
Non presenta una carità d'occasione (quella ripiena di sentimentalismo, preoccupata di accumulare meriti) ma di stile di vita.
,, Una chiesa assorbita nella Pasqua di Cristo che - come il Samaritano - si fa prossimo di tutti gli uomini. "
Una chiesa perciò capace di cambiare il suo programma, l'organizzazione della sua esistenza per aiutare il fratello che grida aiuto.
L'atteggiamento di attenzione verso l'altro non può però essere frutto di semplice preoccupazione di fare qualcosa di buono, ma è conseguenza naturale e necessaria dell'incontro col Risorto che avviene nella celebrazione e nell'ascolto della Parola.
Da queste premesse derivano dei fatti di grande importanza:
- - non più una carità fatta per delega (solo alcune persone nella parrocchia, ma tutti i credenti); neppure una carità fatta a compartimenti-stagno, bensì "insieme" tutti, perché uno solo è il corpo che deve vivere il precetto dell'amore.
Una chiesa attenta ai nuovi bisogni: che non svolge solo una funzione assistenziale, ma promozionale; che non si preoccupa soltanto di coprire le carenze delle strutture pubbliche ma' che è presente e sollecita;  'che non si limita a parlare genericamente di poveri, ma li chiama per nome, per poter rispondere meglio riconosce meglio ai bisogni di ciascuno: anziani non autosufficienti, giovani disoccupati, tossico-dipendenti, ex-carcerati, dimessi dagli ospedali psichiatrici, handicappati, ragazze-madri, malati soli, senza tetto, famiglie in crisi, immigrati, nomadi, "diversi", minori abbandonati o ricoverati "sempre" negli istituti, quanti vivono nelle periferie, analfabeti, prostitute, barboni, quelli che "ancora" hanno fame di pane...
Sono tali e tante le esigenze che la Chiesa deve necessariamente darsi strutture adeguate e trovare modi nuovi se vuole farsi prossimo ai fratelli.
L'Arcivescovo perciò a proposito parla di Volontariato, propone l'osservatorio permanente dei fenomeni della povertà, l'obiezione sanitaria e di coscièn­za, un anno di volontariato sociale per le donne, sottolinea la dimensione sociale della carità presente negli organismi: unità sanitarie, quartieri, comuni, province.
Da tutto ciò emerge una chiesa che allarga i suoi orizzonti e vive la sua missionarietà guardando oltre I confini (terzo inondo); che non parla solo di povertà, ma comincia ad essere povera (gestione diversa delle feste patronali); che sa dare speranza e dà Cristo a chi è ai margini della società e della chiesa stessa; che non lavora soltanto "per" i poveri ma "con" i poveri.
In questo contesto si comprende la necessità della Caritas che non va . confusa con un gruppo caritativo o associazione o struttura d'elite che si mette in concorrenza con gruppi associazioni preesistenti, quasi volesse annullarli, ridimensionandoli facendo cosi perdere la loro identità. Essa è "l'organi­smo pastorale istituito dal Vescovo al fine di promuovere, anche in collaborazione con altri organismi, la testimonianza della carità della comunità ecclesiale diocesana e delle comunità minori specie parrocchiali in forma consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica".
Non è un'immagine nuova di Chiesa, ma è la Chiesa che ha voluto Gesù da sempre: attenta, viva, vivificante, preoccupata, solidale, povera, sem­pre pronta a versare sulle ferite dell'uomo che grida aiuto "l'olio della consolazione e il vino della speranza".
Dal Bollettino Ecclesiastico Messinese K.3 -1966 - pagg. 212 - 214

 

5Mar/180

Reggio Calabria – PLA «Omaggio riconoscimento a “MARGHERITA HACK ” grande scienziata e astronoma»

Mercoledì 7 marzo 2018 - CERIMONIA DI INTITOLAZIONE DELLA VIA A MARGHERITA HACK

Ore 15.30 presso Salita Zerbi  SCOPERTURA DELLA TARGA

Ore 17.00 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana

«RICORDANDO MARGHERITA HACK»

Saluti Istituzionali  Avv. Giuseppe Falcomatà  Sindaco Città di Reggio Calabria - Dott.ssa Irene Calabrò  Assessore alla Valorizzazione del patrimonio storico-artistico-archeologico paesaggistico - Dott. Filippo QuartuccioDelegato metropolitano al Planetarium Pythagoras

Video tematico: "Margherita Hack ......una vita tra le stelle"  - Dott. Francesco Macheda  - Dirigente Città Metropolitana di Reggio Calabria

"La spettroscopia da Padre Secchi a Margherita Hack ed oltre" - Dott.ssa Ginevra Trinchieri - Astronoma - Presidente Società Astronomica Italiana

Vi aspettiamo come sempre numerosi.  Cordiali saluti  Staff Planetario

Per info sugli eventi, conoscere altre iniziative e per prenotare visite al Planetario per scolaresche e gruppi organizzati: Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana Società Astronomica Italiana Sez. Calabria Via Salita Zerbi, 1 - Parco Mirella Carbone Reggio Calabria  Segreteria tel\fax 0965 324668 Rosario Borrello 329 4464386  Email: planetario.rc@gmail.com - planetario.rc@virgilio.it Website: http://www.planetariu mpythagoras.com/ - Pagine facebook: https://www.facebook.com/Plane tario.RC/ http://www.facebook.com/groups /52592307791/?fref=ts - Contatto Twitter: https://twitter.com/P lanetarioRC

28Gen/180

Messina – “Un Evento da non perdere” «Il cuore dell’uomo che palpita soffre e gioisce … Don Luigi Verdi»»


Questo slideshow richiede JavaScript.

27Gen/180

Reggio Calabria – « REGGIO SCIENZA – XXVII SETTIMANA NAZIONALE DELLA CULTURA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA»

29 Gennaio - 2 Febbraio 2018 -  PLANETARIUM PYTHAGORAS

Reggio Scienza 2018: Tecnologia, Scienza, Cultura, Alternanza Scuola-Lavoro

Gli eventi contrassegnati (P.P.) si svolgeranno presso il PLANETARIUM PYTHAGORAS

LUNEDÌ 29 GENNAIO
Apertura della Settimana nazionale della Cultura scientifica e tecnologica
Ore 9.00 (P.P.) - IL RISCHIO SISMICO RACCONTATO AI BAMBINI - SPETTACOLO SOTTO LA CUPOLA Esperti Planetario
Ore 19.00 (P.P.) - BIODIVERSITÀ E CRISI AMBIENTALE: VERSO UNA VISIONE DI ECO-SISTEMA - Dott. Sergio Tralongo, Direttore Parco Nazionale d’Aspromonte

MARTEDÌ 30 GENNAIO
Ore 9.00 (P.P.) - SPETTACOLO SOTTO LA CUPOLA Esperti Planetario
Ore 17.00 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI REGGIO CALABRIA - PARAFRASANDO MARGARET WERTHEIM: “I PANTALONI DI PITAGORA: DIO, LE DONNE E LA SCIENZA” - Prof.ssa Angela Misiano, Responsabile scientifico Planetarium Pythagoras

MERCOLEDÌ 31 GENNAIO
Ore 9.00 (P.P.) - I PASSI DELLA SCIENZA - SPETTACOLO SOTTO LA CUPOLA Esperti Planetario
Ore 18.00 (P.P.) - DISSESTO IDROGEOLOGICO: TECNOLOGIA PER LA PREVENZIONEProf. Giuseppe Bombino, Dip. di Agraria Università Mediterranea - Presidente Parco Nazionale d’Aspromonte

GIOVEDÌ 1 FEBBRAIO
Ore 9.00 (P.P.) - I PASSI DELLA SCIENZA: DALL’ASTRONOMIA E COSMOLOGIA DEGLI ANTICHI GRECI AI GIORNI NOSTRI - SPETTACOLO SOTTO LA CUPOLA Esperti Planetario
Ore 18.00 (P.P.) - IL CIELO RUBATOProf. Marco Romeo, Esperto Planetario
Ore 21.00 (P.P.) - ONDE GRAVITAZIONALI E ASTRONOMIA MULTI-MESSENGER: LA NUOVA ERA DELL’ASTRONOMIA”
Prof. Giovanni Palamara, Esperto Planetario

VENERDÌ 2 FEBBRAIO
Ore 9.00 (P.P.) -SPETTACOLO SOTTO LA CUPOLA Esperti Planetario
Ore 18.00 (P.P.) - Chiusura della Settimana nazionale della Cultura scientifica e tecnologica alla presenza delle Autorità -IL PRESENTE E IL FUTURO DEL LAVORO NELL'ERA DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE
Prof. Carlo Francesco Morabito, Dip. di Ingegneria Civile Università Mediterranea -OSSERVAZIONE DEL CIELO CON GLI STRUMENTI Esperti del Planetario

LE ATTIVITÀ PROGRAMMATE ALL’INTERNO DELLA SETTIMANA SONO APERTE ALLA CITTADINANZA TUTTA.
È STATA SEGNALATA AL MIUR LA PARTECIPAZIONE AGLI INCONTRI DEGLI ALLIEVI DEL LICEO CLASSICO “TOMMASO CAMPANELLA” RC E DEL LICEO SCIENTIFICO “LEONARDO DA VINCI” RC CHE IN ATTO SVOLGONO L’ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO PRESSO IL PLANETARIO.
LE ATTIVITÀ ANTIMERIDIANE NECESSITANO DI PRENOTAZIONE.

Vi aspettiamo come sempre numerosi. Cordiali saluti Staff Planetario - Per info sugli eventi, conoscere altre iniziative e per prenotare visite al Planetario per scolaresche e gruppi organizzati:

Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana - Società Astronomica Italiana Sez. Calabria - Via Salita Zerbi, 1 - Parco Mirella Carbone -Reggio Calabria -Segreteria tel\fax 0965 324668 Rosario Borrello 329 4464386

 

25Gen/180

Palermo – «Il tradizionale appuntamento con la Catechesi in cui tutti noi ci riconosciamo protagonisti»

 

Don Pino Alcamo