CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

16Dic/180

Messina – «3ª-Parola di Dio – Ogni creatura è amata e protetta dalla misericordia di Dio»

14 DICEMBRE 2018 - Chiesa di "S. Elia"Messina

"Parola di Dio, accoglienza e migrazioni"

Terzo incontro: Lev, 19 33-34

«Il valore della fraternità»

  • Incontrare Dio attraverso la sua Parola

    sac. Roberto Romeo -

     Diacono Santino Tornesi - Coro Migrantes

SEGNO: «IL PASSAPORTO della CITTADINANZA UNIVERSALE» -

Libro del Levitico: "Siate santi perché io il Signore vostro Dio sono santo" - "Amerai il tuo prossimo come te stesso"

Il fondamento di tutta la Legge è la santità di Dio -Libro Levitico 3° Libro della Torà attribuito a Mosè -

Don Roberto Romeo, dopo aver sentitamente  ringraziato il Diacono Tornesi ed avere elogiato la dolcezza e la musicalità dei canti del Coro Migrantes, ha esordito con un "mea culpa". Dobbiamo  noi cattolici riconoscere che siamo fortemente digiuni della Parola di Dio; lo siamo molto di più di altri fratelli cristiani (quelli della Riforma) che prima di noi si sono applicati allo studio e alla conoscenza della Sacra scrittura, noi ci stiamo arrivando adesso. Queste iniziative realizzate attorno alla Parola, aventi al centro la Parola, sono veramente straordinarie, sono un'occasione di crescita .

RIFLESSIONEarticolata in cinque punti: 1° -  Introduzione al libro del levitico - brevissima -senso di questo Libro ". - 2° - riflessione sulla sezione particolare che comprende i cap. dal 17 al 26 e che costituisce un libretto a se stante chiamato "il libretto della santità - 3° - il nostro brano si trova all'interno di questo libretto - 4° -  Rifletteremo sul capitolo 19 con riflessioni di ordine conseguenziali - quello che ci vuol dire la  Parola  - 5° - Riflessione sulla figura dello straniero nella sacra scrittura in genere e nel Libro del Levitico in specie

CONDIVISIONI - Saluti dell'Arcivescovo Giovanni Accolla - Quando ci sentiamo soli La PAROLA diviene la nostra compagna di viaggio - Non sarà il mio pensiero ad essere comunicato ma sarà il pensiero dell'uomo biblico, sarà il pensiero della Rivelazione il pensiero della Verità da voi tutti creduta che attende di essere nuovamente accolta

INTRONIZZAZIONE (Don Luciano FDP) -  Parola  Lev, 19 33-34 - 33 Quando qualche forestiero sarà con voi nel vostro paese non gli farete torto.  - 34 Il forestiero che soggiorna fra di voi lo tratterete come colui ch'è nato fra voi; tu l'amerai come te stesso; perché anche voi foste forestieri nel paese d'Egitto. Io sono l'Eterno, l'Iddio tuo. 

Commento

Canto: Cristo te necesita - Cristo te necesita para amar, para amar - Cristo te necesita para amar - No te importen la raza - ni el color de la piel - ama a todos como hermanos y haz elbien
Al que sufre y al triste dale amor, dale amor - al humilde y al pobre dale amor - Al que vive a tu lado dale amor, dale amor - al que ven de lejos dale amor - Al que habla otra lengua dale amor, dale amor - al que piensa distinto dale amor - Al amigo de siempre dale amor, dale amor - y al que no te saluda dale amor

Canto finale: Ave Mariah - Ave Ave Ave Maria Ave Ave Ave Maria - Tota Dimanson maboko mabisso - E Peya yo (zo) Ma-ma Maria. - Toko sengue yo - 1/ oba tela yekolo - 2/ boboto na ye kolo 3/ teto denga na banson - 4/ to yo kana mban son é - Yesu a zala mokonzi seko o - Mozonto yo motongo o pessa bisso muyeta - Yokooto a bossonto Yokoto a moleka - 5/ Benissez Marna bakon sebale ta è

Questo slideshow richiede JavaScript.

9Dic/180

Messina – BFMC – «Un contributo chiarificatore delle visioni particolari di una ideologia relativista»

18Nov/180

Messina -BFMC-«Chiave di lettura – Tra Abramo e Ulisse – Tra Pirandello e Benedetto XVI»

martedì 13 novembre 2018 - Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Messina -

«Chi dice la gente che io sia?»
Il volto di Gesù nella letteratura contemporanea

2° Incontro 2018/2019

D. H. LAWRENCE

« L'uomo che era morto »

prof. fr Filippo Cucinotta OFM

Questo slideshow richiede JavaScript.

4Nov/180

Messina – «Centro Culturale San Paolo VI – è iniziato il tempo di vivere con sana follia…»

martedì 30 ottobre 2018 - Istituto Ignatianum - (3° Piano)Messina

Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela - Consulta diocesana Aggregazioni laicali

«CENTRO CULTURALE SAN PAOLO VI»

«Questa immagine di papa Paolo VI resti in questo luogo come richiamo alla fede e  segno della divina benedizione e monito permanente a fare riferimento al magistero conciliare come fonte di ispirazione della nostra azione ecclesiale e pastorale»  Vescovo Ausiliare mons. Cesare Di Pietro

Finalmente con una coincidente tempestività di eventi questo Centro culturale viene titolato al Santo Papa Paolo VI...  e con la "benedizione" dell novello Vescovo Cesare Di Pietro (Azione Cattolica - prof.re esperto studioso del Vaticano II) Ausiliare dell'Arcivescovo mons. Giovanni Accolla.

La "festa musicale" è stata assegnata al prof.re Demetrio Chiatto, che dopo un inebriante racconto della cultura musicale a Messina durante gli ultimi secoli ha ricondotto il tutto ad una ardita ma veritiera espressione «Consentitemi. ... Messina non è una Città seconda a nessuna-». Poi accompagnato da due bravissime volontarie vocalist ci ha fatto ascoltare "E vui durmite ancora - cari amici - canto n° 90 etc. -Placido Mandanici -Antonino Scoppa ...

In questa sintesi filmata sono altresì presenti: l'intervento del Sac. Paolo Daniele Truscello - Compendio dinamico delle 'azioni di Paolo VI al Concilio Vaticano II. - Il racconto  filmato sulla Consulta del segretario prof.re Dino Calderone e la impegnata presenza del Vicario Episcopale mons. Tindaro Cocivera.  Folta presenza degli aderenti ai Gruppi più impegnati e attivi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

4Nov/180

Messina – BFMC «E’ una celeste terrena Sinfonia – Sempre nuova, sempre attuale – in grado di affascinare e placare le ansie del cuore»

martedì 30 ottobre 2018 - Biblioteca Frati Minori Cappuccini - Messina

«Sinfonia del Vangelo»

-per vivere da cristiani-

fr Marcello Badalamenti - Accademia Alfonsiana di Roma

Fr Felice Cangelosi, prima di cedergli la parola, ha voluto definire la relazione di fr Marcello Badalamenti come base di introduzione alle diverse tematiche  programmate per i futuri incontri. Infatti il primo incontro col Vescovo Cesare Di Pietro, alla vigilia della canonizzazione di San Paolo VI, ha avuto uno scopo ed un carattere eminentemente commemorativo mentre il secondo è stato il primo del ciclo (9) curato da fr Filippo Cucinotta che verte sul tema "Chi dite che io sia?".

Il ricco curriculum e le attuali attività svolte da fr Marcello Badalamenti ha fatto subito capire al non folto ma attento e preparato pubblico di trovarsi di fronte un relatore appassionato e competente. Capace con il suo fluido messaggio, corroborato da solidi riferimenti ai documenti ecclesiali (Concilio Vaticano II , papa Francesco) di delineare e trasmettere all'uditorio una viva, attuale e alta visione del Vangelo;

Questo slideshow richiede JavaScript.

del Vangelo

30Ott/180

Messina – BFMC «Un appuntamento per rinfrancare ed irrobustire lo spirito di servizio del cristiano»

29Ott/180

Messina – «Inaspettata e gradita coincidenza per l’avvio del Centro Culturale SAN PAOLO VI»

28Ott/180

Messina – «Non scarichiamo sugli altri i nostri errori. Ma consapevolmente scegliamo di mettere in pratica la tua “Parola”»


26 OTTOBRE 2018 - Chiesa di "S. Elia"Messina

"Parola di Dio, accoglienza e migrazioni"

Primo incontro: Gen 4,1-10

«ll dovere di prendersi cura dell'altro»

  • Incontrare Dio attraverso la sua Parola -

Questo primo incontro di un ciclo di otto ha confermato quanto potente, penetrante e bella sia la Parola di Dio. Tutti i presenti hanno vissuto un evento di vera comunione fraterna attraverso l'ascolto della Parola (il brano di Caino e Abele) - il penetrante e provocatorio per le coscienze commento di mons. G. Costa, il "segno" dei nodi  ricavato da corte cordicelle - le preziose indicazioni del Diacono Santino Tornesi, la sollecitazione di Roberto Marino per divenire Tutor di migranti minorenni e  la delizia  dei Canti eseguiti dal Coro Migrantes insieme all'assemblea e ai volontari.

BUONA PREGHIERA !


Canto d'ingresso: Bless the Lord

  1. Invocazione SS. Trinità

  2. Intronizzazione della Bibbia - Canto: Ukuthula

    1. Proclamazione della Parola - Canto: Ogni mia Parola

    2. Commento alla Parola - mons. Giuseppe Costa

2018_10_26-Chiesa S_Elia-1°-Costa-02- Canto ogni mia parola -Proclamazione e Commento

    1. Preghiamo insieme - Canto: Ave Mariah - Preghiera a Maria, donna dell'ascolto

2018_10_26-Chiesa S_Elia-1°-Preghiera -Nodi -Tutore -Preghiera a Maria, donna dell'ascolto--03

  • 2018_10_26-Chiesa S_Elia-1°-04- Conclusione Benedizione e Canto finale

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

27Ott/180

Messina – «Nel segno dei Santi: San Giovanni Paolo II – Beato Don Pino Puglisi – Servo di Dio Rosario Livatino» -2ª parte

Il  20 e il 21 ottobre 2018 si è svolto all'Oasi Azzurra Village di S. Saba  il  4° Convegno della Consulta Diocesana Aggregazioni Laicali dell'Arcidiocesi Messina Lipari S. Lucia del Mela

«SE OGNUNO FA QUALCOSA,
ALLORA SI PUO' FARE MOLTO» Beato P. Puglisi

Tavola Rotonda -

"Chiesa locale e inculturazione della fede"

Coordinatore: padre Tindaro Cocivera -Relatori: P. Gino La Rosa,  Sergio Todesco, P. Nino Basile.
Padre Tindaro Cocivera entra subito nel merito e chiarisce che dalla lettura del documento emerge che "Oggi rischiamo di passare dal silenzio alle sole parole". Quindi abbiamo bisogno di intraprendere azioni concrete perché il nostro essere cristiani significa parlare ed agire in questa realtà oggi e i relatori ci aiuteranno in questo,

Padre Gino La Rosa - Titolo proposto Rapporto Fede Cultura e le Chiese locali - innanzitutto il rapporto fede cultura . La fede è oltre la cultura perché ha un valore escatologico che non avrà mai una realizzazione piena nell'attualità. La Chiesa ha vissuto e sta vivendo un momento di cambiamento, di profonda rivoluzione e vorrei evidenziare che gli elementi che sono in gioco sono fondamentalmente quattro: I marcatori religiosi -gli insiemi di segni che indicano la presenza di una realtà sacra - Tempo e Spazio - elemento LE NORME: Esempio Papa Francesco ha sentito la necessità di dichiarare che la Pena di morte non può più essere accettata dal cristiano grazie alla nuova coscienza della dignità dell'uomo. Altro esempio Il difensore degli Indiani non aveva la stessa attenzione verso i negri .  elemento LA FEDE viene considerata una opzione come le altre" - 4°  L'aumento del pluralismo religioso

prof.re Sergio Todesco, -  le sue considerazioni vertono sulle  riflessioni sulla domanda: "che cos'è la religiosità popolare e sui rischi che questa forma di vita religiosa possiede."
Religiosità popolare - pietà popolare sono un tipo di impegno religioso che quasi sempre proviene dagli strati meno acculturati della società e che spesso si pongono, se non in contrapposizione, seguendo vie parallele .  Ci sono forme di religiosità che provengono dall'antichità come le confraternite,  il passaggio dal paganesimo alla religiosità ha sempre avuto a permeare il messaggio evangelico. Pur essendo forme arcaiche di religiosità la Chiesa non ha potuto farne tabula rasa e quindi ancora sussistono ai nostri giorni ...   Sciascia affermava che la religiosità popolare in Sicilia è una religiosità materialista. Tanto che ha portato alla "guerra dei santi" , cioè paesi che si fanno la guerra e anche le divisioni in fazioni nello stesso paese. (Ganzirri S. Nicola).  Quindi bisogna mettere in evidenza l'aspetto creativo di questa religiosità (papa Francesco). Nel prosieguo il suo racconto snodandosi tra i rischi e le minacce alla fede si incentra sulla figura del vescovo d Patti mons. Ficarra (poi allontanato) che denunciava gli indebiti accostamenti tra fede e politica quindi i travasi della politica nella religione e viceversa.

Padre Nino Basile - Il tema dell'incidenza della carità nella cultura del nostro tempo e dell'ambito territoriale. Per ben iniziare si avvale della citazione del Cardinale Scola Arcivescovo di Milano. Educare alla mentalità di fede in un mondo che cambia Decennio CEI -Lettera carità .  Le attività che sappiamo bene organizzare come Caritas hanno un'incidenza nella vita? Hanno il potere di convertire la nostra vita? Intanto non si dovrebbe parlare di rapporto fra fede e Vita, perché la Fede non è qualcosa di altro nella mia vita. Il cristiano Crede e Ama

1) La carità come forma della vita del cristiano - 2) La carità come mentalità cioè come visione della vita 3) La Carità come realtà politica

Temi dei Gruppi di lavoro:
1) pace/violenza/mafia/legalità;
2) vita/Famiglia/ familismo;
3) immigrazione/accoglienza/integrazione/paura;
4) pietà popolare/valorizzazione/purificazione;
5) Ecologia integrale/economia/ formazione



23Ott/180

Messina -«1° “Chi dice la gente che io sia?”» offerto a chi crede – a chi non crede – a chi crede di credere e a chi crede di non credere»

martedì 16 ottobre 2018 - Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Messina -

«Chi dice la gente che io sia?»
Il volto di Gesù nella letteratura contemporanea

1° Incontro 2018/2019

Jacob NEUSNER

«UN RABBINO PARLA CON GESU' »

prof. fr Filippo Cucinotta OFM

Dopo la breve prolusione di fr Felice Cangelosi (provinciale O.F.M. cap), con l'illustrazione  del ricco carnet degli "Incontri in Biblioteca", il prof.re fr Filippo Cucinotta ha efficacemente spiegato la scelta del tema di questo nuovo ciclo  partendo dall' affermazione che: «A modo loro anche la letteratura e le arti sono di grande importanza per la vita della Chiesa» Gaudium et Spes n. 62

  • Esse cercano infatti di esprimere la natura propria dell'uomo, i suoi problemi e la sua esperienza nello sforzo di conoscere e perfezionare se stesso e il mondo, cercano di scoprire la sua situazione nella storia e nell'universo, di illustrare le sue miserie e le sue gioie, i suoi bisogni e le sue capacità e di prospettare una sua migliore condizione.
  • Così possono levare la vita umana, che esprimono in molteplici forme, secondo i tempi e i luoghi.

Nel precedente ciclo "I pellegrini dell'assoluto - tra i segnali silenziosi e i molteplici indizi".  (tutti gli incontri si trovano sul Blogfr Filippo Cucinotta con i suoi interventi, degni di lode, ha permesso all'Uditorio di fare uno straordinario cammino di conoscenza e comprensione del pensiero filosofico, teologico e antropologico ... di nove differenti autori  che 'parlano al cuore e alla intelligenza dell'uomo: Hetty Hillesum - Emanuele Severino - Carlo Maria Martini - Eugenio Scalfari - Eugen Drewermann - Erri De Luca - Hans Kung - Enzo Bianchi e Karl Rahner.

In questo ciclo «Chi dice la gente che io sia?» Il volto di Gesù nella letteratura contemporanea  i nove autori saranno - J Neusner - T.E. Lawrence - K. Gibran - M. Bulgakov - N. Kazantzakis - E. Shusaku - J. Saramago - E. De Luca - J. Ratzinger

Sarà la visione dei Filmati a confermare le straordinarie doti di sapiente comunicatore di fr Filippo Cucinotta OFM e della valenza di contenuti di questo nuono Ciclo di Incontri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

8Ott/180

Palermo – «La sfida più importante per il nostro futuro … custodire il Creato educandoci all’umanesimo solidale”»

Educare

all'«umanesimo solidale»

per nuovi stili di vita

a cura di Giuseppe Alcamo

Un proverbio africano afferma: «Noi non ereditiamo la terra dai nostri genitori, ma la prendiamo in prestito dai nostri figli ». Papa Francesco chiede alle Chiese e al mondo: « Che tipo di mondo desideriamo trasmettere a coloro che verranno dopo di noi, ai bambini che stanno crescendo?» (Laudato si' 160).

Gli Autori, ognuno da una diversa prospettiva, rispondono all'appello del Papa offrendo uno specifico apporto rispetto all'urgenza di attuare una conversione ecologica che interpelli e metta in gioco ogni Chiesa locale per la cura della o casa comune ».

Papa Francesco invita la famiglia umana a riscoprire, nonostante le differenze culturali, religiose, etniche, ciò che unisce: il creato e la Terra ci chiamano a collaborare con il Creatore.
Giuseppe Alcamo - Rino La Delfa - Massimo Naro - Fabio Mazzocchio -  Giuseppe Notarstefano - Giuseppina D'Addelfio - Alessandra Smerilli - Francesco Sucameli - Camillo Ripamonti
ISBN 978-8S-31S-S0S8-1 «15.00

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

4Ott/180

Palermo – «Sulle orme di Paolo VI – LA CULTURA DELLA RICONCILIAZIONE»

12Set/180

Mascalucia – «Nella Chiesa nessuno è straniero – “… Il nostro silenzio potrebbe diventare complicità”»

09 settembre 2018Santuario dell'Addolorata-PP. Passionisti - Mascalucia

Istituto Missionarie Secolari della Passione - Padri Passionisti - Ufficio Migrantes dell’Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela

« La GIORNATA della FESTA dell'INCONTRO »

"Canti, danze e testimonianze per raccontare l’emigrazione e l’immigrazione."

Lo svolgimento della giornata è il risultato di una perfetta naturale preparazione.  La volontaria professionalità si è fusa con la spontaneità, la mitezza, la semplicità, il sorriso di tutti i partecipanti. Siamo stati accolti così bene da sentirci a casa.

Celebrazione eucaristica

In questo clima di serenità, l'Arcivescovo Giovanni Accolla ha avuto modo di gioire per le affettuose raccomandazioni che gli ha rivolto il suo"vecchio" prof.re mons. Salvatore Consoli, giunte dopo quelle augurali indirizzategli dal Rettore padre Filippo Pisciotta nel 39° di Consacrazione del Santuario alla Vergine Addolorata

Nell'omelia il Vescovo non ha mancato di trasmettere, partendo dal vangelo del giorno, un forte richiamo alla radicalità del messaggio cristiano. La Buona Novella è stata rivolta a tutte le creature e nessuno può far finta di non sentire o di non vedere. Quindi apriamo la nostra mente, il nostro cuore all'accoglienza dell'altro. Chi non li accoglie non accoglie Cristo.





Questo slideshow richiede JavaScript.

4Lug/180

Messina – «Nell’oscurità di questi tempi … “un sole sorge dall’alto” … splende, illumina e si fa compagno degli ultimi …»


Questo slideshow richiede JavaScript.

3Mag/180

Palermo – «La discesa dello Spirito Santo su Maria e gli apostoli riuniti insieme nel Cenacolo»