CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

3Gen/180

Reggio Calabria – «Adulti e bambini, fra sogno e realtà, verremo trasportati alla scoperta dell’universo»

Mercoledì 3 gennaio 2018, ore 18.30  - Planetario Pythagoras Città Metropolitana

« Il Piccolo Principe tra le Stelle del Planetario »

(ispirato all’opera di Antoine de Saint-Exupéry)

Spettacolo teatrale didattico a cura dell’attore Gianluigi Belsito e del Direttore Planetario di Bari Pierluigi Catizone

Il Piccolo Principe di Saint-Exupéry sbarca al Planetario Pythagoras
La pièce a cura della compagnia "Il Teatro del Viaggio" e dello Sky Skan di Bari

Torna al Planetario Pythagoras di Reggio Calabria il teatro-scienza: dopo la rappresentazione della vera storia del “Pifferaio di Hamelin” a cura di Spazio Teatro, domani, 3 gennaio, alle ore 18.30, al Planetario andrà in scena: “Il piccolo Principe tra le stelle del Planetario”. Lo spettacolo, con ingresso gratuito, è a cura della compagnia “Il teatro del viaggio” e il Planetario Sky-Skan di Bari.
L'iniziativa si inerisce all’interno del primo Festival dell’Astronomia in Calabria, nell'ambito della valorizzazione del sistema dei beni culturali e il rafforzamento dell’offerta culturale presente in Calabria, Azione 1 tipologia D Dipartimento Turismo e Beni Culturali, Istruzione e Cultura della Regione.

Il progetto presentato intende coinvolgere tutte le fasce della cittadinanza, dalle famiglie, ai giovani, e agli adulti in genere, con un particolare riguardo alle fasce meno protette culturalmente.
«Divulgare la scienza è una necessità, un’esigenza di democrazia, un bisogno profondo della nostra società per cui il compito delle Istituzioni deve esser quello di stimolare un interesse reale affinché ognuno possa stare nel processo di trasformazione indotto dal progresso scientifico nel modo più consapevole possibile. Il fine è quello di rendere la meraviglia della scienza - dichiara la responsabile del Planetario, Angela Misiano».

Nella magica cupola stellata del Planetarium Pythagoras, guidati dall'attore Gianluigi Belsito, da Pierluigi Catizone, adulti e bambini saranno trasportati fra sogno e realtà, alla scoperta dell'universo.
Un viaggio interplanetario che avrà come ospite d'eccezione il Piccolo Principe, di Antoine de Saint-Exupéry. Assieme al curioso viaggiatore dai capelli dorati, il pubblico partirà alla scoperta del sistema solare e della Via Lattea, alla scoperta di nuovi mondi e di ciò che con gli occhi non si riesce a veder incontrando, di tanto in tanto, i buffi e misteriosi personaggi della nota e celebre favola.
Attraverso l’incantamento del cielo stellato e avvolgenti videoproiezioni a trecentosessanta gradi lo spettacolo racconterà di un viaggio nell'universo sia fisico che allegorico per un evento di grande impatto didattico e visivo.
Una storia per bambini, ma che parla agli adulti poiché, accanto alla narrazione scientifica, affronta temi importanti quali il senso della vita, il significato dell’amicizia.

Le attività del programma "Sotto le Stelle di Natale" proseguiranno:

Giovedì 4 gennaio 2018, ore 21.00 Planetario Pythagoras Città Metropolitana

“Il Pianeta degli anelli da Galileo alla Sonda Cassini” - Prof. Marco Romeoesperto Planetario

Venerdì 5 gennaio 2018, ore 16.00 Planetario Pythagoras Città Metropolitana

Una Befana stellare Gioco a premi: quiz astronomico rivolto ai bambini dai 6 ai 12 anni - Tombolata con ricchi premi

Staff Planetario, conduce Marica Canonico

Sabato 6 gennaio 2018, ore 19.30 Planetario Pythagoras Città Metropolitana

Incontro aperto a tutti e dedicato alla Comunità entro cui ricade il Planetario

“Il Cielo del Natale tra fede, scienza e tradizioni” - Prof.ssa Angela MisianoResponsabile scientifico Planetario Pythagoras

Condizioni meteorologiche permettendo, è prevista, in occasione degli incontri, l’osservazione del Cielo con gli strumenti a cura degli Esperti del Planetario.

31Dic/170

Reggio Calabria – PLA «Olimpiadi di Astronomia – partecipazione e risultati eccellenti per gli studenti calabresi»

30 Dicembre 2017  Reggio Calabria

Olimpiadi di Astronomia: in 140 accedono alla seconda fase
Prove previste il 19 e 20 febbraio al Liceo "Leonardo da Vinci"

È stato pubblicato sul sito delle Olimpiadi di Astronomia l'elenco completo degli studenti che hanno superato la preselezione nazionale categorie senior e junior 1 e 2, tenutesi agli inizi di dicembre.
Straordinario il successo della Calabria con i suoi 2487 partecipanti, dei quali ben 140 hanno superato la prima severa scrematura che li condurrà alla gara interregionale del 19 e il 20 febbraio prossimi al Liceo Scientifico "Leonardo da Vinci" di Reggio Calabria.
Nel dettaglio sono stati 52 studenti della categoria Junior 1, 31 nella Junior 2 e 57 della Senior i giovani calabresi che hanno superato lo step iniziale e che, nella seconda fase, dovranno affrontare la risoluzione di problemi di astronomia, astrofisica e cosmologia elementare. Sul sito del planetario www.planetariumpythagoras.com è pubblicato l’elenco dei ragazzi ammessi della nostra regione.
L'eccezionale partecipazione degli istituti e dei giovani calabresi è segno tangibile dell'impegno profuso in questi anni dal Planetarium Pythagoras della Città Metropolitana designato, dal 2011, dal Comitato Nazionale decimo polo per l'organizzazione delle Olimpiadi. La commissione che valuterà le prove dei ragazzi è costituita da docenti del dipartimento di Fisica dell’Università della Calabria ed è presieduta dal Prof. Pierluigi Veltri, ordinario di astrofisica.
Questa competizione è promossa dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione-MIUR Uff. 1 ed assegnata alla Società Astronomica Italiana che le organizza assieme all’Istituto Nazionale di Astrofisica.
Le Olimpiadi di Astronomia rientrano nel programma nazionale della valorizzazione delle eccellenze e l’elenco degli studenti vincitori è inserito nell'albo nazionale italiano.
Questa competizione rappresenta, inoltre, una modalità trasversale di aggiornamento e formazione per i docenti che svolgono funzioni di tutor scientifico dei ragazzi.
Il Planetarium Pythagoras, al fine di consentire ai giovani di affrontare la gara con serenità ed adeguata preparazione, a supporto dell’azione svolta dai docenti nelle aule scolastiche, organizzerà dei corsi gratuiti in cui verranno affrontati tutti gli argomenti oggetto della prova.
Si precisa che le attività sono aperte anche a tutti gli studenti che intendono approfondire gli argomenti sopra riportati e soprattutto a quei giovani che, pur non avendo superato la fase di preselezione, intendono partecipare alla gara negli anni successivi.
La finale nazionale si svolgerà a Bari il 19 e il 20 aprile 2018.

Reggio Calabria 30.12.2017

20Dic/170

Messina – «Accomunare alla memoria della “Strage degl’Innocenti”, i bimbi che oggi sono vittime innocenti di guerre, di fame e di violenze»

2011_05_13-Forte_SanJachiddu-12

giovedì 28 dicembre 2017 - Parco ecologico Forte San Jachiddu

La strage degl’Innocenti  

 La tradizione cattolica nella sua liturgia del 28 dicembre fa memoria della Strage degl’Innocenti, l’episodio viene narrato da Matteo nel suo vangelo (2,1-16), quando Erode il Grande, re della Giudea, ordinò un massacro di bambini allo scopo di uccidere Gesù bambino della cui nascita a Betlemme era stato informato dai magi.

Questa memoria motiva la nostra sensibilità a ricordare le stragi che oggi ancora si compiono di tanti bambini e bambine, vittime di guerre, di fame, di violenze.  Bambini/e innocenti vittime inconsapevoli di un odio spietato.

In questi ultimissimi anni si aggiunge anche la morte di tanti bambini/e che in fuga dalla miseria e dalla oppressione perdono la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo e trovare sulle coste europee libertà e sicurezza.  L’urlo di questo popolo di innocenti arriva a Dio e alle nostre orecchie,grido che da solo dovrebbe farci agire per la difesa dei diritti, impegnarci a essere sul serio costruttori di pace.  Le lacrime di tanti padri e madri siano le nostre lacrime e preghiere.

Ho pensato che sarebbe molto umano e religioso se giovedì 28 dicembre 2017  singoli/e, associazioni, movimenti e gruppi parrocchiali si autoconvocassero al  Parco ecologico Forte San Jachiddu per un momento comunitario (in silenzio e/o con testi, canti e preghiere) intorno ad una barca dal cui … oblò … sporge l’immagine di una mamma che offre a ciascuno il suo bambino perché ci si muovi a salvarlo.

Se questa iniziativa concorda con la tua/vostra sensibilità pregherei di darmi una mano per organizzarlaVi indico un programma di massima:

0re    9,30-10,00  - raduno
0re  10,00-12,00 passeggiata in silenzio intorno al bosco delle sugherete;

0re  13,00  pranzo al sacco (chi vuole può digiunare);

0re  15,30  -  offerta di un fiore e accensione di lumini intorno all’opera "Naufragio"

Attendo vostre risposte. Mario 

P.S. Ha già aderito p .Giovanni Lombardo
«per quanto riguarda interventi musicali è da vedere se trovo qualcuno che magari con uno strumento a fiato potrebbe suonare ad un certo punto della camminata qualche brano suggestivo che richiami la drammaticità delle stragi»

11Dic/170

"Sotto le stelle di Natale 2017"

Planetarium Pythagoras
Augura Buon Natale e Buon 2018!

Venerdì 1 dicembre ore 21.00 Planetario Pythagoras Città Metropolitana - “La migrazione degli uccelli: sul Mare, sulla Terra… e sulla Luna?” Dott. Sergio Tiralongo, Direttore Parco Nazionale dell’Aspromonte

Martedì 12 dicembre ore 21.00 Salone parrocchiale Chiesa “Spirito Santo” - “L’Astronomia nei Testi Biblici” Prof.ssa Angela Misiano, Responsabile scientifico Planetario Pythagoras

Giovedì 14 dicembre ore 17.30 Museo Archeologico nazionale di Reggio Calabria La “Stella cometa” dei Magi Prof.ssa Angela Misiano, Responsabile scientifico Planetario Pythagoras

Lunedì 18 dicembre ore 14.00 Casa Circondariale “Giuseppe Panzera” Presentazione dell’iniziativa Avv. Giuseppe Falcomatà, Sindaco Città Metropolitana - Dott.ssa Maria Carmela Longo, Direttore Casa Circondariale -“Il Cielo del Natale”: progetto di inclusione sociale -Prof.ssa Angela Misiano, Responsabile scientifico Planetario Pythagoras

Martedì 19 dicembre  ore 21.00 Planetario Pythagoras Città Metropolitana “Onde gravitazionali: storia di un Nobel annunciato” Prof. Giovanni Palamara, esperto Planetario

Mercoledì 20 dicembre ore 10.00 Palazzo Corrado Alvaro Premiazione dei bambini vincitori del Concorso nazionale “In memoria di Olga”

Giovedì 21 dicembre ore 20,00 Planetario Pythagoras Città Metropolitana SOLSTIZIO D’INVERNO Saluti delle Autorità - Premiazione delle Scuole partecipanti al Concorso nazionale “Quanto è stellata la Notte?” “Il Natale tra storia, tradizione ed astronomia” Prof. Nicola Petrolino, esperto di Cinema Il Cielo al Planetario a cura degli Esperti del Planetario Pythagoras Rosario Borrello, Marica Canonico, Carmelo Nucera

Venerdì 22 dicembre ore 10.00 Planetario Pythagoras Città Metropolitana Incontro e consegna dei doni ai bambini della Casa Accoglienza Centro Castellini

Venerdì 22 dicembre  ore 20.30 Planetario Pythagoras Città Metropolitana “La vera storia del Pifferaio di Hamelin” a cura dell’Associazione “SPAZIO TEATRO”

Mercoledì 27 dicembre 2017, ore 18.00 Municipio di Gallina “La Stella del Natale” Prof.ssa Angela Misiano, Responsabile scientifico Planetario Pythagoras

Giovedì 28 dicembre 2017, ore 18.00 Caulonia Superiore, Casa della Cultura “Il lungo viaggio dei Re Magi” Prof.ssa Angela Misiano, Responsabile scientifico Planetario Pythagoras

Giovedì 28 dicembre 2017, ore 18.30 - Bova Marina, Oratorio Salesiano - “La Stella di Natale” Prof. Marco Romeo, esperto Planetario

Mercoledì 3 gennaio 2018, ore 18.30 Planetario Pythagoras Città Metropolitana -Il Piccolo Principe tra le Stelle del Planetario (ispirato all’opera di Antoine de Saint-Exupéry) - Spettacolo teatrale didattico a cura dell’attore Gianluigi Belsito e del Direttore Planetario di Bari Pierluigi Catizone

Giovedì 4 gennaio 2018, ore 21.00 Planetario Pythagoras Città Metropolitana -“Il Pianeta degli anelli da Galileo alla Sonda Cassini” - Prof. Marco Romeo, esperto Planetario

Venerdì 5 gennaio 2018, ore 16.00 Planetario Pythagoras Città Metropolitana - Una Befanastellare Gioco a premi: quiz astronomico rivolto ai bambini dai 6 ai 12 anni - Tombolata con ricchi premi Staff Planetario, conduce Marica Canonico

Sabato 6 gennaio 2018, ore 19.30 Planetario Pythagoras Città Metropolitana Incontro aperto a tutti e dedicato alla Comunità entro cui ricade il Planetario “Il Cielo del Natale tra fede, scienza e tradizioni” Prof.ssa Angela Misiano, Responsabile scientifico Planetario Pythagoras

Condizioni meteorologiche permettendo, è prevista, in occasione degli incontri, l’osservazione del Cielo con gli strumenti a cura degli Esperti del Planetario.

Per info sugli eventi, conoscere altre iniziative e per prenotare visite al Planetario per scolaresche e gruppi organizzati: Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana - Società Astronomica Italiana Sez. Calabria - Via Salita Zerbi, 1 - Parco Mirella Carbone Reggio Calabria - Segreteria tel\fax 0965 324668 -Rosario Borrello 329 4464386 - Email: planetario.rc@gmail.com - planetario.rc@virgilio.it - Website: http://www.planetariumpythagoras.com/ - Pagine facebook: https://www.facebook.com/Planetario.RC/  http://www.facebook.com/groups/52592307791/?fref=ts  Contatto Twitter: https://twitter.com/PlanetarioRC

17Nov/170

Messina – «Un grande segno di civiltà adoperarsi per far crescere insieme … alberi e bimbi»

6Nov/170

Reggio Calabria – SAE (RC) «La salvaguardia del creato inizia dall’Area dello Stretto»

Sabato 4 novembre 2017 - SAE Servizio Attività Ecumenica (RC)

«Salvaguardia del Creato»

"Lungo le rive dello Stretto tra Pezzo, Cannitello e Scilla per osservare come i fenomeni naturali presenti sono determinati da fattori cosmici con effetti unici sul territorio e sull'ambiente marino."

In una splendida giornata di sole, i componenti del Gruppo SAE di RC, coordinato dalla prof.ssa Gigliola Pedullà Vazzana, hanno potuto osservare  e apprezzare i fenomeni naturali che si ripetono giornalmente da centinaia di migliaia di anni nell'Area dello Stretto.

Il dott. Angelo Vazzana,  biologo e medico,  scrittore e divulgatore dei risultati delle sue ricerche, ha ben condiviso parte dei suoi studi scientifici raccolti nel libro "Fenomeni naturali e miti nell'area dello Stretto" riscuotendo un generale apprezzamento. Il suo intervento è iniziato con la descrizione dei luoghi, in particolare ha fornito tutti gli elementi necessari per "vedere" il grande canyon dello Stretto, la sua conformazione ad imbuto, il dislivello del fondale che passa da quota -

1.400 m a  quota -76/100 m in corrispondenza del 'setto'esistente tra Ganzirri e Punta Pezzo. Ha parlato delle maree, dovute alle forze di attrazione della Luna, che  ogni sei ore provocano il passaggio delle acque del Mar Tirreno in quelle del Mare Jonio e viceversa. Questo movimento di acque che passano da una grande sezione (Tirreno o Jonio) ad un molto più piccola (Setto tra Ganzirri e Punta Pezzo), in base all'equazione di continuità, genera una notevole velocità tanto da costituire un pericolo per la navigazione. Tema già conosciuto nell'antichità ed affrontato nel libro dello stesso autore "Skylla e Cariddi dagli autori reggini dell'Odissea. "

Questo continuo mescolamento di grandi masse di acque fa si che si possa parlare dello Stretto come di un Cuore che ossigena tutto il Mar Mediterraneo e che da linfa ai movimenti delle onde che si spingono fino allo Stretto di Gibilterra. Per questo «l'Area dello Stretto di Skylla e Cariddi è un'area unica non solo in ambito Mediterraneo ma anche universale sia dal punto di vista fisiografico, naturalistico, storico, economico, commerciale, paesaggistico». Per questo l'area è stata proposta come patrimonio universale per l'umanitò e deve essere mantenuta la sua integrità ambientale e sociale per i valori che esprime.»

Infine il dott.re Vazzana ci ha fatto riscoprire la Skylla conservata sotto il livello marino,  trasformata in un meravigliosa esplosione vitale di Biodiversità marina. I tre Denti di Skylla e altri innumerevoli scogli sommersi oggi sono completamente ricoperti da una foresta di coralli, di gorgonie coloratissime gialle, gialle-rosse ...

Nota Blog - Questa esperienza della Giornata del Creato ha ancor più consolidato i valori della condivisione e dell'amicizia. 



Questo slideshow richiede JavaScript.

1Nov/170

Reggio Calabria – PLA « … il cielo stellato … luogo che idealmente accoglie ogni bimbo scomparso.»

2017_12_20-2013_11_26-PLA-Memoria_OLGA

CONCORSO NAZIONALE  X Edizione Anno Scolastico 2017/2018

“IN MEMORIA DI OLGA”

Promulgato il 27 Ottobre, con Prot. n. 0013507, dal Ministero Istruzione Università e Ricerca. Il concorso è promosso dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria - Planetarium Pythagoras, dalla Società Astronomica Italiana, in collaborazione con il Centro Italiano Femminile provinciale di Reggio Calabria, di intesa con la Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale d'Istruzione del MIUR uff. 1.

Il concorso attraverso il ricordo della nostra Olga Panuccio, intende ricordare tutti i bambini a cui è stata negata la possibilità di un sereno avvenire. Il Concorso, ad oggi, l’unico indirizzato agli alunni della scuola dell’infanzia e del primo ciclo, intende sollecitare gli allievi all'osservazione del cielo notturno e all'elaborazione di una personale riflessione, che si traduca in una pagina scritta o in una elaborazione grafica, nella considerazione che il cielo stellato sia il luogo che idealmente accoglie ogni bimbo scomparso.

Il concorso è articolato in due sezioni: Disegno, con tema Disegnate il Cielo, e Composizione letteraria con tema Raccontate il Cielo”.

Alla scuola dell’infanzia è riservata la sezione Disegno.

La premiazione avrà luogo a Reggio Calabria nel Salone del Palazzo Corrado Alvaro, sede della Città Metropolitana, mercoledì 20 dicembre 2017 ore 10.00.

Gli elaborati devono pervenire entro e non oltre il 7 DICEMBRE 2017 al seguente indirizzo: LABORATORIO DI DIDATTICA PITAGORA PLANETARIO - CASELLA POSTALE 32 - 89100 REGGIO CALABRIANON farà fede il timbro postale.

Per ogni altra informazione si rimanda al sito del Planetario www.planetariumpythagoras.com.

28Ott/170

Reggio Calabria – «Oltre il volto della Luna… la mitologia, la poesia, la musica e le diverse espressioni artistiche tra i popoli del mondo»

sabato 28 ottobre 2017 ore 21.00 Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana Reggio Calabria

LA NOTTE INTERNAZIONALE DELLA LUNA

International Observe the Moon Night - VIII edizione

L’interessante esperienza che dal 2010 ha portato tutto il mondo ad osservare la Luna nella stessa serata.

L’iniziativa denominata “International Observe the Moon Night” è promossa dalla NASA, l’agenzia spaziale americana, e nel nostro paese è supportata dalla Società Astronomica Italiana e dall'Istituto Nazionale di Astrofisica.

Sono migliaia le manifestazioni a livello planetario e anche l’Italia ha risposto con molteplici eventi programmati su tutta la penisola; tra questi anche quello organizzato dal Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana di Reggio Calabria, che aderisce all'iniziativa fin dalla sua prima edizione.

L’obiettivo è quello di proporre osservazioni al telescopio dedicate alla Luna, di approfondire temi quali la genesi e le caratteristiche fisiche, la mitologia, la poesia, la musica e le diverse espressioni artistiche ispirate al nostro satellite naturale.

Dopo la presentazione dell’iniziativa e i saluti istituzionali, vi sarà un intervento con proiezione di un video tematico: “Stregati dalla Luna… il fascino e il mistero del nostro Satellite naturale tra i popoli del mondo” del Dott. Francesco Macheda (dirigente Città Metropolitana); a seguire la conferenza: “Il volto della Luna nei classici, nella scienza e nelle tradizioni” a cura della Prof.ssa Angela Misiano (responsabile scientifico del Planetario).

La serata proseguirà con lo spettacolo sotto la cupola e l’osservazione della Luna e del Cielo ad occhio nudo e con gli strumenti a cura degli Esperti del Planetario: Rosario Borrello, Marica Canonico, Carmelo Nucera, Massimo Russo.

La Luna, essendo poco oltre il primo quarto, regalerà splendidi contrasti di ombre sui crateri e sui mari.

Durante la serata verrà consegnato un omaggio ai più piccoli che osserveranno per la prima volta al telescopio.

Il Planetario, nella convinzione che una corretta diffusione della cultura scientifica costituisce uno dei presupposti per il pieno esercizio dei diritti democratici dei cittadini invita la cittadinanza tutta a partecipare.

Tutti insieme al Planetario, allo stesso modo del poeta Petrarca:io aspetto tutto il dì la sera che l' sol si parta e dia luogo a la Luna", aspetteremo di osservare il nostro satellite a cui il pianeta Terra deve moltissimo.

24Ott/170

Messina – «Ripartire audacemente con un nuovo slancio. Niente recinti. Sale che da sapore al vivere quotidiano»

Il  21 e il 22 ottobre 2017 si è svolto all'Oasi Azzurra Village di S. Saba . il  3° Convegno della Consulta Diocesana Aggregazioni Laicali dell'Arcidiocesi Messina Lipari S. Lucia del Mela

NEL CROGIOLO DELLA STORIA
CON L'AUDACIA DEL VANGELO

L'impegnativo titolo è stato magistralmente forgiato dall' "aspirante cristiano", come umilmente ama definirsi, prof.re Giuseppe Savagnone, dopo essere stato presentato, con la consueta signorilità e competenza dal prof. Luigi D'Andrea.

Utilizzando le categorie delle Virtù teologali FEDE SPERANZA CARITÀ, ha dipanato, con validi ed attuali esempi, solo tre dei tanti grovigli imputabili ad incertezze, sviste ed incompiute opere della Chiesa, rispetto alle indicazioni  delle Costituzioni Lumen Gentium e Gaudium et Spes del Concilio Vaticano II, riguardanti i Laici. Laici che fanno fatica o non riescono proprio a delineare concretamente il loro profilo, all'interno del Popolo di Dio. Da una parte i clericalisti e dall'altro quelli della Domenica ...(quando non ho niente da fare). I Gruppi e le Associazioni nominalmente numerose e attive si sentono più che autosufficienti e di solito sono  svincolate dalla Comunità territoriale, con riti e procedure proprie. Il risultato è che i 'pensatori cristiani latitano come le bollicine nell'acqua di una famosa pubblicità- «C'è nessuno ...?». Il Sacerdozio derivante dal Battesimo  «Cristo Signore, Pontefice assunto di mezzo agli uomini (cfr. Eb 5, 1-5), fece del nuovo popolo “un regno e sacerdoti per il Dio e Padre suo” (Ap 1,6; cfr 5,9-10). Infatti, per la rigenerazione e l’unzione dello Spirito Santo i battezzati vengono consacrati a formare un tempio spirituale e un sacerdozio santo, per offrire, mediante tutte le opere del cristiano, spirituali sacrifici e far conoscere i prodigi di Colui che dalle tenebre li chiamò all'ammirabile sua luce (cfr 1Pt 2,4-10)».(LG 10) ... riguarda tutto il popolo di Dio e lo fa erede legittimo del popolo dell’AT, ...Tutti i cristiani, senza esclusione sono chiamati ad essere attivi nella Chiesa di Dio. Oggi è diventato difficile trovare un Laico che segua con impegno questa indicazione in libertà e coscienza. Pochi sono i cristiani adulti nella fede men che mai nella politica.

Dati i tempi stretti della domenica, mi sono perso la presentazione del prof. Maurizio_Aliotta che ha trattato non solo il capitolo Ottavo della Amorisis Laetitia di cui ha chiarito molti aspetti peculiari, poco accessibili ad una prima lettura ed ha poi fornito, in modo molto incisivo, un affresco dell'intera Esortazione inserendola a pieno titolo nella continuazione dei Documenti Conciliari. Quindi un cammino in regola con i dettami del Vangelo della misericordia.. Ha ricordato anche che diverse Diocesi hanno affrontato già da tempo temi simile e coerenti con alcune tracce indicate da questo Documento Sinodale.  Questa Esortazione Apostolica di Papa Francesco ha i connotati di un vero cammino sinodale perchè rappresenta il lavoro prolungato di quasi tutte del Diocesi del mondo arricchite dai suggerimenti che lo Spirito Santo certamente non ha fatto mancare in fase di stesura definitiva.

3° CAL -2017_10_22- Arcivescovo Giovanni AccollaL'ultimo, prezioso ... breve e risolutivo intervento coincide con l'omelia dell'Arcivescovo Giovanni Accolla. Il quale ancora una volta senza perifrasi, in modo diretto e senza fronzoli, ha scandito che i lavoratori devono coltivare tutta la Vigna e non il proprio orticello. Ribadendo che la coscienza dei passati errori serve per non commetterne altri ha invitato alla RIPARTENZA come impegno nel:

«Costruire, insieme, audacemente con un nuovo slancio e un nuovo fervore. Cercare sempre di essere il il sale che da sapore a tutta la 'pasta delle azioni quotidiane, con la messa in gioco di ogni fibra corporale e spirituale per incontrare il Risorto nei fratelli iniziando dallo straniero, dal povero, dalla vedova ...).

Questo 3° Convegno, il primo dell'era Accolliana, (base di ripartenza del cammino laicale), si è avvalso del certosino e per molti versi invisibile lavoro del prof.re Dino Calderone che con le sue doti di fiduciosa pazienza ha saputo 'cucire, le libertà di ciascun Gruppo facente parte della Consulta.

Nota Blog - prendendo in prestito il titolo -"pochi ... ma buoni" -si rende omaggio al gruppo Scuola che da subito ha intrecciato le armi sul tema centrale di tutte le comunità civili. Combattere la dispersione scolastica aiutando concretamente (Oratorio doposcuola S. Matteo) i giovani a nutrire sogni e speranze, impegnandosi ad essere protagonisti consapevoli della libertà che deriva dalla coscienza di sè, dalla formazione, dalla educazione, dalla conoscenza e dall'amore per la cultura. Sappiamo bene che tante volte, per i più svantaggiati, questa è  l'unica possibilità di miglioramento della loro vita. Questa consapevolezza ha arricchito il nostro stare insieme come veri amici che vogliono condividere "le gioie e i dolori" degli... studenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

24Ott/170

Messina – LAP «La poesia aiuta a rendere il mondo più pulito«

20Ott/170

Messina – LAP – « N O N S C H E R Z I A M O C O L F U O C O»

Comunicato stampa del 12 luglio 2017

Sugli incendi che hanno colpito Messina

 

Gli incendi dolosi che sono stati appiccati nel territorio di Messina debbono essere considerati veri  disastri ambientali, con gravissima responsabilità penale e con il corollario di gravissimi danni  immediati e indotti anche per gli anni futuri. Legambiente dei Peloritani si dichiara pronta a  costituirsi parte civile, qualora le inchieste aperte dalla Magistratura porteranno alla incriminazione dei responsabili. Che si tratti di un piano criminoso risulta evidente dalla estensione del fronte di fuoco, dalla contemporaneità dei focolai iniziali e dalla reiterazione in più giorni e in vari Comuni della Città Metropolitana, con danni alle proprietà e ai beni comuni; pericolo per l’incolumità delle persone, che comunque hanno dovuto vivere situazioni di grave rischio e di paura; danni soprattutto all'ambiente con la distruzione della vegetazione e della fauna, e la messa a nudo delle pendici collinari con accentuazione del rischio idrogeologico. Danni anche alle zone coltivate, con distruzione delle alberature e perdita dei frutti presenti e futuri.

Ieri è stato dichiarato lo stato di calamità, ed è stato stabilito di procedere alla stima dei danni.
Legambiente dei Peloritani ritiene che le risorse da mettere in campo possano essere usate come incentivo alla custodia del territorio. Coltivatori e aziende agricole vanno considerate come presenza operativa, indispensabile per la tutela dell’ambiente, per cui è giusto compensare con risarcimenti la perdita produttiva e la vanificazione degli sforzi anche finanziari. Forse un regime d’aiuto può anche essere impegnato a favore dei proprietari dei fondi abbandonati, che comunque hanno responsabilità, e che potrebbero utilizzare gli aiuti al fine di prevenire l’accumulo ai confini di massa secca altamente infiammabile. I suddetti fondi potrebbero poi essere recuperati alle attività produttive, mediante accordi obbligatori con cooperative agricole giovanili.

La riforestazione va pure incentivata e sostenuta destinando risorse alla piantumazione, particolarmente di specie autoctone, e al ripristino degli habitat, considerato che gran parte del territorio devastato ricade in zona SIC e ZPS. Inoltre gli incendi che hanno colpito in particolare i
Peloritani, che sono insieme ai Nebrodi il polmone più verde della Sicilia, spingono alla istituzione del Parco dei Peloritani, proprio perché il governo delle risorse possa sviluppare in modo sistematico le prospettive di lavoro nella valorizzazione naturalistica, ecologica ed ambientale.

Con grande stima Legambiente dei Peloritani esprime un ringraziamento alle Istituzioni e ai volontari che si sono prodigati nell’emergenza, tuttavia vanno stigmatizzati gli anni di sostanziale abbandono del territorio da parte della Regione, con la perdita di forza lavoro, e l’assottigliamento delle dotazioni di mezzi e risorse in tutti i settori di prevenzione del rischio incendio. Bisogna invertire la rotta e programmare l’impiego delle risorse europee, incentivando il lavoro nell'ambito della tutela ambientale, anche a costo di creare per il settore un commissario regionale ad acta.

LEGAMBIENTE DEI PELORITANI DEI PELORITANI  (il presidente:  Enzo Colavecchio)

Legambiente dei Peloritani - Sede via S. Paolo (ex IAI) n. 1 – 98100 MESSINA - Codice Fiscale: 97068780838

Recapiti telefonici 090/713526 – 3475666827 - Pag. Facebook Legambiente dei Peloritani

 

20Ott/170

Reggio Calabria – «XXIV Giornata Nazionale CONTRO L’INQUINAMENTO LUMINOSO»

 

Sabato 21 Ottobre alle ore 20.30 il Planetarium Pythagoras effettua un’apertura per celebrare la XXIV Giornata nazionale dedicata al problema dell’Inquinamento Luminoso. L’iniziativa è promossa dal 1993 dall’Osservatorio astronomico Serafino Zani di Brescia con il patrocinio dell’Associazione Amici dei Planetari, dell’Associazione Cielo Buio e dell’International Dark Sky Association. La manifestazione diventa l’occasione per far conoscere a livello locale le iniziative, anche normative, che tentano di limitare l’inquinamento luminoso e comportano anche un notevole risparmio energetico. Un argomento quanto mai attuale per noi calabresi, nel momento in cui la Regione Calabria ha promulgato il bando per una “Una Calabria più pulitaed invita gli enti locali a ridurre il fabbisogno energetico degli impianti di illuminazione pubblica. Noi vogliamo inviare alle Istituzioni il messaggio di una Calabria che si preoccupa di salvaguardare il Cielo, definito nel 1992 dall’UNESCO “Patrimonio dell’umanità. In occasione di questa giornata vengono anche fatti conoscere i “Parchi delle Stelle”, cioè le aree adatte per lo svolgimento di osservazioni astronomiche già poste sotto tutela ambientale in quanto comprese nei confini di parchi naturali e riserve, il nostro Parco Nazionale d’Aspromonte, già dal 1993, è stato riconosciuto, dai promotori dell’iniziativa, come tra i migliori parchi per l’osservazione del Cielo. È anche un problema culturale, a causa dell’inquinamento luminoso, il Cielo, ormai, dalle Città non si osserva più nella sua bellezza per questo chiederemo al nostro Comune, se le condizioni tecniche lo consentiranno, di spegnere, simbolicamente, le luci per un tempo limitato. Questo, oltre che la dimostrazione di una adesione piena all'iniziativa, consentirà al pubblico presente di ritrovare nel Cielo emozioni dimenticate che per fortuna all’interno del Parco d’Aspromonte si possono ancora ritrovare. 

L’aumento della luminosità del cielo notturno, impedendone la visione, ci isola da quell'ambiente di cui noi siamo parte, altera il nostro rapporto con l’ambiente dove viviamo: l’Universo. La Via Lattea non è una semplice “distesa di stelle” ma è la nostra Casa nell’Universo, in un futuro non lontano una cappa lattiginosa nasconderà del tutto agli occhi delle nuove generazioni questa parte di Galassia in cui ci troviamo. La Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale d’Istruzione Uff.1 promuove annualmente la Settimana Nazionale dell'Astronomia: «Gli studenti fanno vedere le stelle». Tra le attività didattiche indicate dal MIUR assume un rilievo particolare quella denominata: “Mi illumino di meno… per rivedere le stelle”. Le Scuole vengono invitate a riflettere sul tema della protezione del cielo stellato e della lotta agli sprechi nell'illuminazione pubblica. Il Planetarium Pythagoras è la struttura indicata a cui tutte le istituzioni scolastiche nazionali, che intendono affrontare questo argomento, devono inviare le schede di rilevamento.
All'interno del programma stilato dal Planetario uno spazio è riservato alle attività effettuate dai nostri studenti. I ragazzi del Liceo scientifico “Leonardo da Vinci”, del Liceo scientifico “Alessandro Volta, dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Nostro-Repaci”, dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Enrico Fermi”, dell’Istituto Comprensivo “Carducci da Feltre”, presenteranno una sintesi dei loro lavori che illustrano la qualità del cielo nella nostra Città Metropolitana.
Il prof Marco Romeo, fisico e collaboratore del planetario, dopo i saluti istituzionali portati dal Delegato Metropolitano alla Cultura Dott. Filippo Quartuccio, terrà una conversazione sul tema: “Quanto è stellata la Notte?”
Il programma si concluderà con l’osservazione del cielo e con una attività pratica in cui il pubblico presente, con gli strumenti messi a disposizione dal Planetario, potrà effettuare, in tempo reale, la misurazione dell’inquinamento luminoso nella nostra Città.

 

17Ott/170

Messina – «Le aspirazioni i sentimenti i sogni degli studenti artisti del Quasimodo e del Corelli»

sabato 14 ottobre 2017 - Un Evento per la Città Metropolitana di Messina - per l'Istituto Superiore MINUTOLI _ Sezione Liceo scientifico QUASIMODO - per il Conservatorio ARCANGELO CORELLI e per tutti quelli che amano scommettere sul futuro dei nostri giovani.
La lunga preparazione, il lavoro corale di allievi, docenti, genitori, art director, art coach, dirigenti, presidenti e direttori, ha prodotto un risultato veramente unico. Questa positiva sinergia ha donato ai messinesi uno Spazio Artistico Culturale che si arricchirà di nuovi contributi e realizzazioni.
La novità che fa ben sperare per il futuro della Scuola è che questo "Presidio di Arte Urbana" GAZZI SPAZIO ARTE sia stato realizzato sulla faccia interna del grande muro perimetrale che contorna la grande 'Piazza interna (riduttivo sarebbe chiamarla cortile) del plesso scolastico Minutoli-Corelli. Unica la scalinata conducente al piano di ingresso dei due sopracitati Istituti.
La manifestazione, egregiamente preparata in tutti i dettagli, è stata ben condotta dalla giornalista Gisella Cicciò che ha da subito messo in rilievo la valenza positiva della trasformazione di uno 'sconcio muro in un elemento di arte contemporanea. Per quanto riguarda i meriti il primo posto va assegnato al gruppo di allievi del Quasimodo che coadiuvati anche da alcuni minori del Centro Migranti di Cristo Re ha sorprendentemente risposto agli stimoli di Giuliana Giuffrida, docente di storia dell’arte, di Saverio Pugliatti, ideatore e art director del progetto e dell’art coach Antonello Arena.

Ovviamente tutto ciò si è potuto realizzare grazie al grande impulso e alla collaborazione tra il D.S. dell'I.S. Minutoli Piero La Tona, il presidente dell'Arcangelo Corelli Giuseppe Ministeri e il Direttore del Conservatorio Gianfranco Nicoletti.

La colonna musicale è stata, ovviamente, appannaggio del conservatorio Corelli con Opal Accordion Quartet. I talentuosi fisarmonicisti hanno eseguito tra gli altri, brani musicali di Astor Piazzolla.

Prima dell'esecuzione dell'ultimo brano la conduttrice Gisella Cicciò ha invitato la dott.ssa Nina Santisi, assessore alle politiche sociali e dell'accoglienza, ad esprimere le sue valutazioni. Senza mezzi termini, nel suo breve ma sentito dire, ha subito plaudito alla eccellenza della Scuola messinese,  capace di impegnarsi in modo straordinario in vari campi specialmente in quelli dell'accoglienza, della cultura e del sociale. (in riferimento anche all'ITA Cuppari-Minutoli). Ha evidenziato lo straordinario valore aggiunto dato dalla collaborazione tra lI.S. Minutoli e il Conservatorio Corelli, definito patrimonio di tutta la Città e non solo. Infine in alternativa alla affermazione degli allievi che «Musica e scienza salveranno il mondo» ha espresso il suo convincimento che a farlo saranno le "Relazioni tra le persone e i legami di comunità".

Un ricco buffet con i prodotti tipici locali, completati dal vino dell'Azienda Cuppari ha dato ristoro ai tantissimi, alla fine, infreddoliti ma soddisfatti presenti.

Nota Blog - Siamo rimasti favorevolmente colpiti dalla facilità di eloquio, dalla bravura e dalla signorile compostezza dei giovani allievi che hanno manifestato in libertà, come più volte ribadito da Saverio Pugliatti, chiamato 'zio, i loro sentimenti , le loro argomentazioni ed idee. Un plauso anche ai genitori rappresentati nel Consiglio d'Istituto dalla eclettica signora Caterina Puleo. Ringrazio vivamente le giovani Antonietta, Rosa e Ramona che si sono sottoposte alla breve intervista iniziale.

La Galleria dei murales è solo uno stimolo - Lo SPAZIO GAZZI ARTE è pronto per accoglierci VISITIAMOLO ! 



2017_10_14-GAZZI_SPAZIO_ARTE-Manifestazione-Cicciò-Giuffrida-Pugliatti

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

12Ott/170

Messina – «Un importante segno di attenzione per il territorio – L’Arte comunica in modo diretto la bellezza della creatività dell’uomo»

11Ott/170

Messina – «Cercherò di aiutarti affinchè tu non venga distrutto dentro di me…tu non puoi aiutare noi, ma siamo noi a dover aiutare te, e in questo modo aiutiamo noi stessi»

10 ottobre 2017 - Biblioteca Provinciale dei Frati Cappuccini di Messina

"I pellegrini dell'assoluto
- tra i segnali silenziosi e i molteplici indizi"

DIARIO
di Etty Hillesum

padre Filippo Cucinotta

In questo primo coinvolgente incontro dei  nove in programmapadre Filippo Cucinotta ha delineato il percorso sociale e spirituale intrapreso in modo personale da uomini e da donne che ha definito come "I pellegrini dell'assoluto - tra i segnali silenziosi e i molteplici indizi". Il suo racconto analisi inizia con una citazione di Benedetto XVI «La differenza tra uno che sogna e uno che sta sveglio consiste innanzitutto nel fatto che colui che sogna si trova in un mondo particolare. Svegliarsi significa sviluppare la sensibilità per Dio, che si manifesta rivela e si svela per segnali silenziosi con cui egli vuole guidarci per i molteplici indizi della sua presenza». E noi sappiamo che la Rivelazione è più grande della Scrittura, vuol dire che i segnali silenziosi, i molteplici indizi vanno oltre i confini confessionali oltre i confini religiosi. Noi siamo oltre e cerchiamo quei pellegrini che sono alla sequela come i Re Magi di questi silenziosi segnali, di questi molteplici indizi della sua presenza.


Il ciclo inizia con Il DIARIO dell'unica donna, fra i nove personaggi, la giovane olandese ESTER - che nasce e nuore tra la prima e la seconda guerra mondiale a soli 29 anni. (1914-1943).

Nota BLOG -Dio ci chiama in ogni stagione della nostra vita. Etty Hillesum "nella pienezza dei tempi", a 27 anni, risponde con "l'eccomi" ed inizia il suo intenso e meraviglioso dialogo. Ne lascia abbondante traccia nella vita terrena recandosi volontariamente nel campo di Westerbork per aiutare i malati nelle baracche dell'ospedale per poi concludere la sua vita terrena nel campo di sterminio di Auschwitz.
CALENDARIO
10/10/17 - E. Hillesum, Diario 1941-1943
07/11/17 - E. Severino, il mio ricordo degli eterni
12/12/17 - C.M. Martini, Le età della vita
16/01/18 - E. Scalfari, L'uomo che non credeva in Dio
13/02/18 - E. Drewermana, Il Vangelo di Marco
13/03/18 - C.M. Martini, Le età della vita
10/04//18 - H. Kung, Ciò che credo
15/05/18 - E. Bianchi, ogni cosa alla sua stagione
12/06/18 - K. Rahner, Corso fondamentale sulla fede

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.