CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

22Set/180

Reggio Calabria – “… celebriamo l’arrivo dell’Autunno” «L’equinozio d’autunno tra mito, arte e scienza»

domenica 23 settembre ore 21,00 presso il Planetario Pythagoras

«L'equinozio d'autunno tra mito, arte e scienza»

L’Autunno astronomico ha inizio con lEquinozio che, quest’anno, cade alle ore 3.54 del 23 settembre.

Artisti, poeti, scrittori hanno dedicato opere, poesie e testi per celebrare questo momento dell’anno: la luce ed i colori che assume il cielo in questa stagione hanno un che di struggente e inducono l'anima a ripiegare su se stessa.

Nella tradizione iniziatica, infatti, questo momento rappresenta un passaggio, un tempo per la meditazione, per rivolgersi all’interno, durante il quale la separazione tra ciò che è visibile e ciò che è invisibile si assottiglia sin quasi a scomparire. Molti sono i miti legati a questo evento astronomico: nel tempo dei Misteri Eleusini l'equinozio d'autunno era il momento della discesa di Persefone nell'Ade e del dolore di Demetra; nella mitologia celtica l’equinozio d’autunno è indicato col nome di Mabon; legata ai significati dell’equinozio è anche la festa dell’Arcangelo Michele.

Per la scienza non è altro che un istante: quello in cui il Sole, nel suo moto annuale apparente lungo l'eclittica, viene a trovarsi esattamente sull'equatore celeste nel punto detto della Bilancia, definizione non esatta in quanto questo punto, a causa del moto di precessione dell’asse terrestre, oggi cade entro la costellazione della Vergine ed indica l'inizio della discesa del Sole al di sotto dell'equatore celeste.

Wikipedia - nei giorni dell'equinozio il sole al tramonto si trova giusto tra i megaliti della donna orante e la divinità nel sito dell'Argimusco a Montalbano Elicona, Sicilia.

Le ore di luce diminuiscono e prevalgono quelle di buio, la durata del giorno diminuisce sensibilmente fino a toccare la durata minima il giorno del solstizio d’inverno.

Il prof .Nicola Petrolino, esperto di cinema, la prof.ssa Angela Misiano e gli esperti del planetario intratterranno il pubblico su questi argomenti, evidenziando come il rigore del metodo scientifico si è ben amalgamato all'arte ed al fascino che l’uomo ha sempre avuto nell'alzare lo sguardo verso il cielo e scrutare le stelle con stupore e curiosità.

La cittadinanza tutta è invitata.

Segreteria Planetarium Pythagoras- Città Metropolitana -Società Astronomica Italiana Sez. Calabria - Via Margherita Hack già Salita Zerbi - Parco Mirella Carbone -Reggio Calabria -Segreteria tel\fax 0965 324668 - Rosario Borrello 329 4464386 -  Email: planetario.rc@gmail.com - planetario.rc@virgilio.it - Website: http://www.planetariumpythagoras.com/ - Pagine facebook: -https://www.facebook.com/Planetario.RC/ - http://www.facebook.com/groups/52592307791/?fref=ts - Contatto Twitter: https://twitter.com/PlanetarioRC - Canale Telegram: @PlanetarioRC

22Set/180

Reggio Calabria – æ PLA « ISPIRAZIONI D’AUTUNNO – cinema, arte, musica e poesia »

14Set/180

Reggio Calabria – PLA «il cielo d’estate che ci lascia … non oscura i miti e le tradizioni legate al Cielo e alla … »

« ASPETTANDO L’AUTUNNO »

Venerdì 14 settembre 2018, ore 21.00 - Planetario Pythagoras Città Metropolitana Reggio Calabria

Martedì 18 settembre 2018, ore 20.30 -Terrazza del Castello Aragonese

ASPETTANDO L’AUTUNNO

In attesa di salutare astronomicamente l’estate, giorno 23 settembre alle ore 3.54 dei nostri orologi, il Planetario Pythagoras organizza ancora per il pubblico due eventi estivi.

Il primo appuntamento è per giorno 14 settembre alle ore 21.00. Sotto la cupola del Planetario sarà illustrato, tra mito e scienza, il cielo d’estate che ci lascia e quello di autunno che già fa capolino ad est. Al termine, dal piazzale antistante il Planetario, sarà possibile osservare il cielo con gli strumenti.
Il secondo incontro si terrà giorno 18 settembre alle ore 20.30 sul terrazzo del Castello Aragonese, dove con gli strumenti sarà data la possibilità al pubblico di osservare i pianeti ancora visibili. Sarà anche l’occasione di intrattenere il pubblico raccontando i miti e le tradizioni legate al Cielo e alla nostra cultura e mettere in evidenza quanto poco stellata è la notte dalla città a causa dell’inquinamento luminoso.

Le attività sono inserite all’interno del programma dell’Estate Reggina 2018, nel II Festival calabrese dell’Astronomia, progetto presentato per la Selezione e il Finanziamento nell'ambito degli interventi della Regione per la valorizzazione del sistema dei Beni Culturali, e nel progetto “Quanto è stellata la notte: il cielo rubato” in collaborazione con il Parco nazionale d’Aspromonte

La cittadinanza tutta è invitata a partecipare.

27Lug/180

Reggio Calabria – PLA «”Anche i pianeti” … eclisse totale di Luna e di Marte in opposizione»

Seconda edizione del Festival Calabrese dell’Astronomia: La lunga notte della Luna

27 luglio 2018 Osservazione dell’eclisse totale di Luna e di Marte in opposizione

Di cotesti effetti veramente io non so altro se non che di tanto in tanto io levo a te la luce del Sole, e a me la tua.” Così Leopardi descrive, nelle Operette Morali, nell’originale dialogo tra la Terra e la Luna quello che si verificherà il giorno 27 prossimo venturo. Il nostro pianeta giocando a rimpiattino con il Sole tira questo brutto tiro alla Luna. In verità durante le eclissi totali il nostro satellite riceve la luce del Sole ma è quella che attraversa l'atmosfera terrestre e viene, principalmente, deviata per rifrazione e raggiunge la Luna che assume una colorazione che può andare dal rosso cupo fino al rosso arancio, passando per altre tonalità fra le quali il bruno e l'azzurro - verde scuro. Questa eclisse sarà contraddistinta dal colore rosso.

La durata delle eclissi totali di Luna in media raggiungono i cento minuti, questa è tre minuti più lunga perché la Luna il giorno 27 si troverà, in prossimità dell’apogeo, nel suo punto più lontano dalla Terra, ed in base alla seconda legge di Keplero si muoverà più lentamente di quanto farebbe se fosse più vicina alla Terra.

Un tempo lunghissimo: secondo la Nasa, solo 4 minuti in meno rispetto all'eclissi lunare più lunga mai verificatasi sulla Terra.

Ma non sarà solo l’eclisse a rendere magica la notte del 27 luglio, sarà anche la presenza nel cielo di ben quattro dei cinque pianeti osservabili ad occhio nudo: Venere, Giove, Saturno, Marte.

Quest’ultimo sarà alla minima distanza del Sole, una condizione ideale di visibilità, la migliore dopo quella storica dell’agosto 2003 si tratta infatti di una “grande opposizione”. Sia Marte che la Luna saranno nella stessa regione di cielo, opposta al Sole, a soli sei gradi di distanza: una splendida coppia in rosso che non capita spesso di ammirare.

In Italia l’evento sarà visibile, condizioni meteo permettendo, quasi nella sua interezza.

La Luna infatti sorgerà pochi minuti prima delle 21.00 già in fase di attraversamento del cono di ombra, la fase di totalità si verificherà tra le 21.30 e le 23.13, mentre il massimo dell’eclissi, ovvero il maggiore oscuramento della Luna, è previsto alle 22.22.

La Luna, dopo l’uscita dalla totalità, attraverserà il cono di penombra per emergerne definitivamente e segnare così la fine dell’eclissi all’1 e 30 della mattina del 28 luglio.

Un evento suggestivo, facile da osservare anche ad occhio nudo dal balcone di casa.

Per consentire, però, la miglior visione di questo fenomeno naturale tanto atteso da appassionati di astronomia e curiosi del cielo, la Sezione Calabria della Società Astronomica Italiana – Planetarium Pythagoras Città Metropolitana di Reggio Calabria ha previsto tre postazioni dislocate sul territorio l’appuntamento è dalle ore 20.00 sul Lungomare Falcomatà - Zona Tempietto; sul Lungomare di Bovalino; nella Piazzetta del Duomo a Stilo. Una serata di osservazione del cielo e dell’evento astronomico sia a occhio nudo che con l’ausilio di telescopi a cura degli esperti Planetario

14Lug/180

Reggio Calabria – «STELLE D’ESTATE 2018 – ATTIVITÀ E SERATE ASTRONOMICHE A CURA DEL PLANETARIUM PYTHAGORAS»

14Giu/180

Reggio Calabria – PLA «… l’Europa, l’Asia … e anche l'”AFRICA” vedono l’Eclisse e le Stelle»

 giovedì 21 giugno ore 17.00  Palazzo Alvaro - Piazza Italia (RC)

cerimonia di inaugurazione

«Premio Internazionale Cosmos»

le prossime iniziative del  Planetarium Pythagoras al Planetario
19 giugno ore 21.00 Il Planetario: il cielo in una stanza
21 giugno ore 21.00 Solstizio d’Estate tra mito e scienza al Planetario
22 giugno Stelle e pianeti al Planetario con osservazione al telescopio
23 giugno ore 21.30 Occhi su Saturno al Planetario
24 giugno ore 11.00 “International Sun Day”: laboratorio per i bambini al Planetario


30 giugno ore 21.00Asteroid Day” al Planetario

In aggiunta:
20 giugno ore 21.00 Serata astronomica a Bagnara
Un'ultima segnalazione. Venerdì 27 luglio sarà un giorno astronomicamente importantissimo: si verificherà dalle ore 20.00 alle 00.20 una eclissi totale di Luna.

L'eclissi sarà visibile da Europa, Asia e Africa.

Nella stesso notte Marte sarà prospetticamente vicino alla Luna e sarà nel miglior momento di visibilità trovandosi nel punto di minore distanza dalla Terra.
Per l'occasione stiamo organizzando una  serata astronomica per godere di questo spettacolo: il luogo ancora non è stato stabilito ma sarà scelto presumibilmente nella zona dell'alto ionio reggino (da queste zone si vede la Luna sorgere dal mare, di fatti per assistere all'eclissi sin dalle fasi iniziale bisogna non avere ostacoli a est).
Vi terremo comunque aggiornati su modalità e luogo prescelto.

Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana -Società Astronomica Italiana Sez. Calabria -Via Margherita Hack  già Salita Zerbi -  Parco Mirella Carbone - Reggio Calabria - Segreteria tel\fax 0965 324668 -Rosario Borrello 329 4464386

Email: planetario.rc@gmail.com - planetario.rc@virgilio.it 

Website: http://www.planetariumpythagoras.com/

Pagine facebook: https://www.facebook.com/Planetario.RC/

http://www.facebook.com/groups/52592307791/?fref=ts

Contatto Twitter: https://twitter.com/PlanetarioRC

Canale pubblico su TELEGRAM: @PlanetarioRC


-------------------------------------------------------------------------
5Giu/180

STILO -(Reggio Calabria) – PLA – “La nostra Buona Scuola” – « XXIII SCUOLA ESTIVA DI ASTRONOMIA »

 (Stilo, 23-28 luglio 2018)

XXIII SCUOLA ESTIVA DI ASTRONOMIA

“Le spiegazioni scientifiche: aspetti storico-epistemologici e didattici” “L’esempio dell’Astronomia”.

«da oggi è inserita sulla piattaforma del MIUR SOFIA con identificativo n. 17055 la XXIII SCUOLA ESTIVA DI ASTRONOMIA (Stilo, 23-28 luglio 2018), dove i docenti possono accedere ed iscriversi.
La richiesta d’iscrizione deve essere effettuata entro il 10 Luglio 2018 e deve, anche, essere inviata ad entrambi i seguenti indirizzi e-mail: sait@sait.it - planetario.rc@virgilio.it
Alla scuola possono partecipare i docenti di scuola secondaria di secondo grado di discipline scientifiche, filosofiche-umanistiche.
Il tema di questa edizione della Scuola è: “Le spiegazioni scientifiche: aspetti storico-epistemologici e didattici” “L’esempio dell’Astronomia”.
Se siete interessati a partecipare, effettuate l’iscrizione prima possibile: la scuola è aperta a 30 docenti e il 15% dei posti è riservato ai Dirigenti Scolastici che volessero avanzare richiesta.
Sulla piattaforma SOFIA trovate il programma dettagliato e tutte le informazioni logistiche.
Si ricorda che la Società Astronomica Italiana è riconfermata dal MIUR come ente qualificato per la formazione del personale della scuola ai sensi della direttiva n.170 del 21 marzo 2016 pertanto la scuola dà diritto, nei limiti previsti dalla normativa vigente, al riconoscimento dall’esonero dal servizio per il personale della scuola che vi partecipa (art. 66 del vigente C. C. N. L ed artt 2 e 3 della direttiva N° 90 /2003)

Per info sulla Scuola e conoscere altre iniziative e per prenotare visite al Planetario per scolaresche e gruppi organizzati:

Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana - Società Astronomica Italiana Sez. Calabria

-Via Margherita Hack già Salita Zerbi - Parco Mirella Carbone - Reggio Calabria

Segreteria tel\fax 0965 324668

22Mag/180

Reggio Calabria -P. Pythagoras-«Una notte tra le stelle»

martedì 22 maggio ore 18.30 - al Planetarium Pythagoras

"Una notte sotto le stelle: il cielo sopra di me, la legge morale in me"

"Una notte sotto le stelle: il cielo sopra di me, la legge morale in me" è il titolo, ispirato alla celebre frase di Immanuel Kant, dell'evento spettacolo che si terrà martedì 22 maggio, dalle ore 18.30 (diciotto e trenta), al Planetarium Pythagoras - Città metropolitana di Reggio Calabria.
L'iniziativa ripercorrerà il mito di Ulisse, sotto il profilo scientifico e letterario - musicale. 

A partire dalle 18.30, la conferenza "Il viaggio di Ulisse tra le stelle", a cura della professoressa Angela Misiano, responsabile scientifico del Planetario e a seguire, alle 19.30 il reading letterario musicale "Itaca, il Nostos" a cura degli studenti del Liceo, per la direzione artistica di Francesco Maesano e per la regia di Enrico Tromba, docenti del "Rechichi".
Un "viaggio" tra la poesia antica e moderna, accompagnata dalla musica dei Pink Floyd, in ensemble orchestrale.
A seguire l'osservazione della volta celeste con i telescopi, a cura degli esperti del Planetario. 
Ingresso gratuito

14Mag/180

Reggio Calabria – Planetarium Pythagoras «La fisica del XXI Secolo. (Oltre il bosone di Higgs)»

Martedì 15 maggio ore 21.00  - Planetarium Pythagoras Città Metropolitana dei Reggio Calabria

La fisica del XXI Secolo. (Oltre il bosone di Higgs)

Prof. Gianfranco Cordì

Martedì 15 maggio, alle ore 21.00, presso il Planetarium Pythagoras Città Metropolitana di Reggio Calabria il prof. Gianfranco Cordì, pHd e laureato e specializzato (master) in Epistemologia terrà la lezione La fisica del XXI secolo (Oltre il bosone di Higgs). Secondo l’opinione dello studioso calabrese Cordì siamo di fronte a un periodo di profonde trasformazioni nell’ambito della scienza. Le recenti scoperte, prima del bosone di Higgs e poi delle onde gravitazionali, ci stanno portando a ridiscutere le fondamenta delle due teorie che hanno caratterizzato il Novecento: la meccanica quantistica e la relatività generale. Si tratta di un ripensamento che alcuni scienziati hanno codificato attraverso lo sviluppo di due teorie antagoniste: la teoria delle stringhe e la gravità quantistica a loop (anelli). Queste due teorie sono reciprocamente escludentesi.
Cordì, sulla scia del famoso scienziato internazionale Carlo Rovelli, propende per la conclusione della scienza nella gravità quantistica.
La manifestazione sarà l’occasione di vedere in maniera ravvicinata fermioni, bosoni, adroni, particelle di antimateria, elettroni, protoni e persino neutrini avvicendarsi, nel corso del racconto epistemologico di Cordì, in un unico “zoo delle particelle” che si fanno brillare con le onde (a picchi e a valli) e con le origini e la fine dell’universo. Big Bang e Big Crunch.
In questo senso Cordì mettera a questione i fondamenti della Relatività Generale (che ingloba la gravitazione nelle sue equazioni) e la meccanica quantistica (caratterizzata dall’indeterminazione).


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera - «Il bosone di Higgs è un bosone elementaremassivo e scalare che svolge un ruolo fondamentale all'interno del Modello standard. - Venne teorizzato nel 1964 e rilevato per la prima volta nel 2012 negli esperimenti ATLAS e CMS, condotti con l'acceleratore LHC del CERN[1][3].

La sua importanza è quella di essere la particella associata al campo di Higgs, che secondo la teoria permea l'universo conferendo la massa alle particelle elementari. Inoltre, la sua esistenza garantisce la consistenza del Modello standard, che senza di esso porterebbe a un calcolo di probabilità maggiore di uno per alcuni processi fisici.»


 

24Apr/180

Reggio Calabria – PLA «Parità Donna Uomo – due giovani studenti calabresi nella squadra nazionale che volerà in Sri Lanka per le Olimpiadi Internazionali di Astronomia»

Andrea Labate e Vittoria Altomonte alle Olimpiadi internazionali di Astronomia

Nella gara italiana di Bari ben nove calabresi su quindici superano la prova finale

Andrea Labate, categoria senior, (Liceo Scientifico "Da Vinci" di Reggio Calabria) e Vittoria Altomonte, categoria junior 2, ( Liceo Scientifico "Euclide" di Bova Marina) rappresenteranno la Calabria all'interno della squadra nazionale che volerà in Sri Lanka, il prossimo autunno, per le Olimpiadi Internazionali di Astronomia.

I due giovani, infatti, sono stati selezionati durante le finali italiane che si sono svolte la scorsa settimana a Bari.

Dei sedici studenti calabresi, tra gli ottanta ammessi, erano tutti provenienti dalla provincia di Reggio Calabria e di questi ben nove hanno superato la prova, su un totale di quindici finalisti di tutto il territorio italiano.

«È un risultato straordinario che premia i talenti scientifici della nostra regione - commenta la professoressa Angela Misiano, responsabile del Planetario Pythagoras di Reggio Calabria. Le congratulazioni vanno a tutti i partecipanti per lo sforzo profuso in questi lunghi mesi di preparazione. Sia ai vincitori della gara interregionale, sia ai nove che hanno conquistato la medaglia nazionale della XVI edizione e naturalmente ad Andrea e Vittoria che ci rappresenteranno a livello internazionale».

La struttura di Via Salita Zerbi, afferente alla Città Metropolitana, con i suoi esperti, segue, a titolo gratuito, da molti anni la preparazione degli allievi delle scuole calabresi e affianca i docenti degli istituti partecipanti.

Quest'anno, nel capoluogo pugliese, per la categoria Junior 1 hanno partecipato Marco Carbone (I.C. Statale “G. Carducci – V. da Feltre”), Luigi Sorrentino (I.C. Statale “F.S. Alessio – N. Contestabile”, Taurianova), Mihail Dimitrov (I.C. Statale “Giovanni XXIII”, Villa S. Giovanni), Davide Geria (Scuola Secondaria di I° Statale “Galluppi-Collodi-Bevacqua”), Antonino Morgante (I.C. Statale “Campo Calabro – San Roberto”, Campo Calabro) e Maria Antonietta Ferraro (I.C. Statale "Nosside - Pythagoras").

Per la sezione Junior 2, invece, Vittoria Altomonte (Liceo Scientifico Statale “Euclide”, Bova Marina), menzione speciale per la miglior prova teorica della sua categoria, Attinà Natalino (Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”), Federico Cangeri (Liceo Scientifico Statale "A. Volta) Cosimo Cicco (I.I.S. Statale "Nostro - Repaci", Villa San Giovanni) e Domenico Maisano (Liceo Scientifico Statale "E. Fermi", Bagnara).

Infine, per la categoria senior, Andrea Labate (Liceo Scientifico e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci”), Angelo Latella (Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”), Vincenzo Sorrentino (Liceo Scientifico “M. Guerrisi”, Cittanova), Ruggero Britti (Liceo delle Scienze Umane Statale "T. Gullì"), Alexia Verduci (I.I.S. Statale "Nostro - Repaci", Villa San Giovanni).

Nella categoria Junior 1 sono risultati vincitori, Marco Carbone, Luigi Sorrentino, Mihail Dimitrov, Davide Geria, Antonino Morgante. Nella categoria Junior 2 é risultata vincitrice Vittoria Altomonte e nella senior Andrea Labate, menzione speciale per la miglior prova teorica della sua categoria, Angelo Latella, Vincenzo Sorrentino.

«I docenti che hanno accompagnato i ragazzi in questa meravigliosa esperienza sono stati il punto di riferimento dell’istruzione scolastica di provenienza - continua la professoressa Misiano. Voglio anche ringraziare tutti i dirigenti scolastici per la fiducia accordata al Planetario per la "missione" Olimpiadi. Nei prossimi mesi la nostra struttura continuerà le attività di formazione e di divulgazione della conoscenza scientifica, con eventi e manifestazioni aperte a tutta la cittadinanza».

23.04.2018 Reggio Calabria Ufficio Stampa

18Apr/180

Reggio Calabria – «16 giovani studenti, della forte squadra astronomica, raggiungono la finale delle Olimpiadi Nazionali di Astronomia»

Olimpiadi Nazionali di Astronomia - 16 i ragazzi della Città Metropolitana di Reggio Calabria alla finale nazionale del 19 aprile a Bari

La Città Metropolitana di Reggio Calabria sarà rappresentata da ben 16 studenti alla finale della XVI edizione delle Olimpiadi nazionali di astronomia che si terranno a Bari il 19 aprile. Su 80 finalisti, 16 (il 20%) proviene, quindi, dalla provincia di Reggio. Complimenti a tutti i finalisti che, per raggiungere questo importante risultato, hanno dovuto superare due selezioni molto difficili (i partecipanti nazionali alla fase di preselezione erano 6720, provenienti da 203 scuole). Questi i ragazzi che, accompagnati dai docenti e dai dirigenti, si confronteranno con gli altri 64 coetanei provenienti da tutta Italia:

Categoria Junior 1Carbone Marco I.C. “G. Carducci - V. da Feltre” - Reggio Calabria -  Dimitrov Mihail I.C. “Giovanni XXIII” - Villa S. Giovanni (RC) - Ferraro Maria Antonietta I.C. “Nosside-Pythagoras” - Reggio Calabria - Geria Davide I.C. “Galluppi-Collodi-Bevacqua”-Reggio Calabria - Morgante Antonino I.C. “Campo Calabro - San Roberto” - Campo Calabro (RC) - Sorrentino Luigi I.C. “F.S. Alessio - N. Contestabile” - Taurianova (RC)

Categoria Junior 2Altomonte Vittoria Liceo Scientifico Statale “Euclide” - Bova Marina (RC) - Attinà Natalino Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Cangeri Federico Liceo Scientifico Statale “A. Volta” - Reggio Calabria - Cicco Cosimo I.I.S. Statale “Nostro - Repaci” - Villa S. Giovanni (RC) - Maisano Domenico Liceo Scientifico Statale “E. Fermi” - Bagnara Calabra (RC)

Categoria Senior Britti Ruggero Liceo delle Scienze Umane Statale “T. Gullì” - Reggio Calabria - Labate Andrea Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Latella Angelo Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria Sorrentino Vincenzo Liceo Scientifico e delle S.A. Statale “M. Guerrisi” - Cittanova (RC) - Verduci Alexia I.I.S. Statale “Nostro - Repaci” - Villa S. Giovanni (RC)

Le Olimpiadi di Astronomia sono bandite dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per la Valutazione del Sistema Nazionale d’Istruzione del MIUR ed attuate con la Società Astronomica Italiana in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Astrofisica. Sono parte integrante delle attività didattiche e, per la loro gestione a livello nazionale e locale, sono affidate a docenti universitari di fisica, di astronomia, di chimica e di scienze ed a docenti esperti di didattica disciplinare che garantiscono, dal punto di vista scientifico e didattico, la serietà della promozione ed attuazione.

In Calabria il comitato tecnico scientifico è diretto dal prof Veltri, ordinario di astrofisica dell’Unical. Ciò garantisce un fervido raccordo tra scuola, università ed enti di ricerca attraverso un proficuo scambio di risorse intellettuali e culturali per diffondere, promuovere e valorizzare la cultura scientifica nella formazione dei futuri cittadini, organizzando, presso le scuole iscritte, iniziative per preparare e formare gli studenti e i docenti-tutor.

L'astronomia, per la sua intrinseca valenza transdisciplinare, consente la costruzione di percorsi didattici motivanti per gli allievi. È tra le discipline più idonee a valorizzare la persona umana per costruire un curricolo che insista sulle connessioni interdisciplinari e sulla necessità di collocare il pensiero scientifico, la storia delle sue scoperte e lo sviluppo delle invenzioni tecnologiche nell'ambito più vasto della storia delle idee.

Questi risultati della nostra città metropolitana premiano certamente le capacità dei giovani e l’impegno dei docenti ma corre l’obbligo di evidenziare il ruolo del Planetario Pythagoras che, attraverso gli esperti, le competenze e le professionalità che esprime, cura, a titolo completamente gratuito, la preparazione degli studenti delle scuole calabresi.

Il Planetario della Città Metropolitana di Reggio Calabria è una delle 10 sedi interregionali delle Olimpiadi Italiane di Astronomia.

Inoltre, ancora una volta va sottolineato l’impegno della Città Metropolitana che, da sempre, con lungimiranza culturale e politica, ha investito in cultura scientifica affidando alla sua struttura, il Planetario, il compito di sostenere le attività didattiche delle scuole della Città Metropolitana e non solo.

16Apr/180

Reggio Calabria – PLA «XIX Settimana Nazionale dell’Astronomia dedicata agli studi di Padre Angelo Secchi»

“Gli studenti fanno vedere le stelle”,

Da Lunedì 16 aprile la XIX Settimana Nazionale dell'Astronomia dedicata agli studi di Padre Angelo Secchi

Per l'occasione iniziative e laboratori a cura del Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana Reggio C.

Parte nel segno di padre Angelo Secchi, astronomo di cui ricorre il bicentenario della nascita, la XIX Settimana Nazionale dell'Astronomia - “Gli studenti fanno vedere le stelle”, promossa dalla Società Astronomica Italiana in collaborazione con la Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale d’Istruzione del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca", nell'ambito del protocollo d’intesa MIUR_SAIT.

L’organizzazione è affidata alla Società Astronomica Italiana (SAIt) che opera in sinergia con l'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF).

Un appuntamento atteso e importante per le scuole italiane, invitate a diffondere tra i giovani la conoscenza del cielo e della ricerca astronomica, per motivarli e orientarli alla scoperta delle opportunità formative e professionali offerte dallo studio delle discipline scientifiche.

Il tema scelto questa edizione della Settimana è: “La spettroscopia: l’eredità scientifica di Padre Angelo Secchi”, lo studioso ricordato come: “il chimico del Cielo” per il ruolo fondamentale che ha avuto nello studio degli spettri di emissione delle stelle.

Il tema proposto vuole stimolare gli studenti a documentarsi e a riflettere sul ruolo della spettroscopia in astrofisica, come tecnica per lo studio dei fenomeni fisici che governano il funzionamento delle stelle.

Perché le stelle hanno colori diversi? Cosa significano quei colori e che informazioni ci forniscono?

Quali ulteriori informazioni, oggi, possiamo ottenere dall'analisi spettrale condotta con strumentazione moderna e telescopi di notevoli dimensioni?

A queste domande cercheranno di rispondere, dal prossimo lunedì 16 al 21 aprile 2018 le scuole italiane, impegnate in laboratori dedicati alla spettroscopia.

Sul sito del Ministero sono riportate le tematiche su cui gli istituti di ogni ordine e grado, le associazioni disciplinari, i planetari sono invitati a sviluppare le proprie attività ed iniziative didattiche, adattandole ai vari livelli di scolarità. Tra queste assume un rilievo particolare quella denominata: “Mi illumino di meno… per rivedere le stelle” sul monitoraggio dell’inquinamento luminoso e finalizzata alla lotta agli sprechi nell'illuminazione pubblica.

Sarà il Planetarium Pythagoras - Città metropolitana Reggio Calabria la struttura designata alla quale tutte le istituzioni scolastiche, che intendono affrontare questo argomento, devono inviare le schede di rilevamento.

Sul sito del “Planetarium Pythagoras” (www.planetariumpythagoras.com) sono state pubblicate la “scheda di monitoraggio” e la “cartina stellare” che gli alunni dovranno utilizzare per riportare i dati. 

Gli allievi, tre per ogni ordine di scuola, che hanno prodotto le migliori osservazioni sia dal punto di vista qualitativo e quantitativo, saranno premiati, il 21 dicembre all’interno della manifestazione che, annualmente, il Planetario organizza in occasione del Solstizio d’Inverno. All’interno delle numerose e ricce proposte in tutta Italia, in gran parte dedicato alle scuole, come sempre si inserisce il programma proposto per la settimana dal Planetario Città Metropolitana.Il programma completo, consultabile sul sito www.planetariumpythagoras.com, prevede conferenze rivolte al pubblico ed attività didattiche per le Scuole della regione che, avendo aderito all'iniziativa, hanno richiesto il supporto del Planetario.

Di seguito il calendario degli incontri aperti al pubblico.

Lunedì 16 aprile - ore 9.00 Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” L’Universo in luce scomposta” Prof. Riccardo Barberi, UNICAL

ore 11,00 Liceo scientifico “Alessandro Volta” L’Universo in luce scomposta” Prof. Riccardo Barberi, UNICAL

ore 18.00 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana Reggio Calabria Conferenza: “L’Universo a colori” Prof. Riccardo Barberi, UNICAL

Martedì 17 aprile - ore 11.00 Liceo Classico “Tommaso Campanella” Cacciatori di Spettri: gli astronomi” - Prof. Gaetano Zimbardo - UNICAL

ore 21.00 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana Reggio CalabriaIl cielo a colori sopra la “collina” a cura dello staff Planetario

Giovedì 19 aprile  - ore 10.30 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana Reggio Calabria -Incontro con l’Istituto d’Istruzione Superiore “Francesco La Cava” Bovalino L’arcobaleno delle stelle” Prof. Giovanni Palamara - Esperto SAIt

Venerdì 20 aprile - ore 21.00 Planetarium Pythagoras Città Metropolitana Reggio Calabria Il Cielo di Primavera” a cura dello staff Planetario

21Mar/180

Reggio Calabria – PLA «Il fascino del Cielo e della Terra»

Planetario Pythagoras di Reggio Calabria

 i prossimi  eventi

Venerdì 23 marzo ore 19.00 "E tornammo a riveder le stelle"

Sabato 24 ore 20.00 - Earth HourL'ora della Terra

 
Vi aspettiamo come sempre numerosiCordiali saluti  Staff Planetario
 
-------------------------------------------------------------------------


Per info sugli eventi, conoscere altre iniziative e per prenotare visite al Planetario per scolaresche e gruppi organizzati:
Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana - 
Società Astronomica Italiana Sez. Calabria - Via Margherita Hack  già Salita Zerbi - Parco Mirella Carbone - Reggio Calabria
Segreteria tel\fax 0965 324668 - Rosario Borrello 329 4464386 - Email: planetario.rc@gmail.com - planetario.rc@virgilio.it - Website: http://www.planetariumpythagoras.com/
Pagine facebook:https://www.facebook.com/Planetario.RC/ - http://www.facebook.com/groups/52592307791/?fref=ts - Contatto Twitter: https://twitter.com/PlanetarioRC

 

19Mar/180

Reggio Calabria – «La perenne magia della creazione. Le creature tutte risplendono di nuova luce…»

Martedì 20 Marzo 2018, ore 20.30 - Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana di Reggio Calabria

LA MAGIA DEL NUOVO INIZIO: L’EQUINOZIO DI PRIMAVERA

Ore 16.15 di Tempo Universale arriva la primavera astronomica.  Il fenomeno, generalmente riconosciuto soltanto dagli addetti ai lavori, è noto al pubblico come “il momento dell'anno in cui il giorno e la notte sono uguali”. Esattamente a quell'ora il Sole attraverserà uno dei due punti, nella sfera celeste, in cui l'eclittica e l'equatore celeste si intersecano: il cosiddetto punto vernale o equinozio di primavera, l'altro corrisponde all'equinozio d'autunno.

Il Sole apparirà perfettamente allo zenit per un osservatore posto all'equatore, e la durata del dì in quel luogo sarà pari a quella della notte: 12 ore esatteTra i banchi di scuola abbiamo imparato che la primavera inizia tradizionalmente il 21 marzo. Perché allora ne stiamo parlando in anticipo?

La "colpa" - se così si può chiamare - è da ricercare nel calendario gregoriano attualmente in uso in gran parte del mondo. Oggi sappiamo che la data dell'Equinozio non è fissa ed è compresa tra il 19 e il 21 di Marzo. Al di là di queste disquisizioni astronomiche, la primavera è la stagione della rinascita e presso moltissime culture essa viene associata ai concetti di fertilità, resurrezione e inizio. Anche il calcolo della data della Pasqua è legata all'inizio della primavera. Tutte le antiche tradizioni offrono una serie di miti legati alla primavera, miti al cui centro risiede l'idea del sacrificio e conseguente rinascita.

Come è ormai tradizione, il Planetarium Pythagoras festeggia l’arrivo della primavera e invita la tutta la cittadinanza, la sera del 20 marzo alle ore 20.30 sotto la cupola del Planetario, per dare uno guardo al cielo e scoprire le costellazioni che ci accompagneranno per tutta la primavera, i miti e le leggende ad esse legati. Dopo i saluti istituzionali e la presentazione dell’iniziativa, a guidare il pubblico in questo affascinate viaggio saranno il dott. Francesco Macheda, dirigente della Città Metropolitana, e la prof.ssa Angela Misiano, responsabile scientifico del Planetario.

Gli esperti Rosario Borrello e Carmelo Nucera illustreranno le costellazioni di primavera al Planetario e, condizioni metereologiche permettendo, guideranno il pubblico all’osservazione del Cielo ad occhio nudo e con gli strumenti.

15Mar/180

Reggio Calabria – PLA «Studenti sempre più partecipi protagonisti della loro formazione … tra le stelle»

OLIMPIADI NAZIONALI DI ASTRONOMIA 2018

Allievi della Calabria ammessi alla Finale Nazionale

Sono 15 i giovani studenti calabresi che rappresenteranno la nostra regione alla finale nazionale delle Olimpiadi di Astronomia del 2018.

Sono stati 2487 i ragazzi della Calabria che hanno partecipato alla fase di preselezione, una cifra significativa, probabilmente, dovuta all'individuazione del Pythagoras quale decimo polo nazionale per lo svolgimento delle gare interregionali ma soprattutto per il supporto alle scuole, che il planetario offre, per la preparazione degli studenti.

È un riconoscimento al lavoro qualificato e riconosciuto a livello nazionale che la struttura calabrese porta avanti fin dal 2004, anno della sua costruzione.

L'azione di didattica e di divulgazione scientifica e culturale portata avanti dal Planetario rappresenta un punto di riferimento per la nostra regione e non solo.

I quindici finalisti nazionali hanno sbaragliato i 149 concorrenti della gara regionale e sono tra gli 80 che saranno ospitati dal 18 al 20 Aprile presso il Liceo Scientifico Liceo Scientifico Statale “Arcangelo Scacchi” di Bari, sede della finale nazionale.

Complimenti ai ragazzi, ma anche ai docenti delle scuole di appartenenza che hanno sostenuto e incentivato gli studenti nelle fasi di preparazione. È anche vero che un ruolo determinante è svolto dai corsi intensivi effettuati al Planetario Pythagoras, a titolo gratuito, al dipartimento di Fisica dell'Università della Calabria e presso il Liceo Scientifico “La Cava” di Bovalino.

Categoria Junior 1

Carbone Marco I.C. “G. Carducci - V. da Feltre” - Reggio CalabriaDimitrov Mihail I.C. “Giovanni XXIII” - Villa S. Giovanni (RC) -Geria Davide I.C. “Galluppi-Collodi-Bevacqua”-Reggio CalabriaMorgante Antonino I.C. “Campo Calabro - San Roberto” - Campo Calabro (RC) - Sorrentino Luigi I.C. “F.S. Alessio - N. Contestabile” - Taurianova (RC) -

Categoria Junior 2

Altomonte Vittoria Liceo Scientifico Statale “Euclide” - Bova Marina (RC) - Attinà Natalino Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Cangeri Federico Liceo Scientifico Statale “A. Volta” - Reggio Calabria - Cicco Cosimo I.I.S. Statale “Nostro - Repaci” - Villa S. Giovanni (RC) - Maisano Domenico Liceo Scientifico Statale “E. Fermi” - Bagnara Calabra (RC)

Categoria Senior

Britti Ruggero Liceo delle Scienze Umane Statale “T. Gullì” - Reggio Calabria - Labate Andrea Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Latella Angelo Liceo Scient. e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci” - Reggio Calabria - Sorrentino Vincenzo Liceo Scientifico e delle S.A. Statale “M. Guerrisi” - Cittanova (RC) - Verduci Alexia I.I.S. Statale “Nostro - Repaci” - Villa S. Giovanni (RC)