CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

4Mar/110

Lampedusa – “Don Franco Montenegro ringrazia e incoraggia i suoi per l’accoglienza degli altri fratelli»

«I problemi dell'Africa sono di tutti Lampedusani non sentitevi soli»

Il vescovo di Agrigento Montenegro ai lampedusani: "Continuate a pagare le indecisioni della politica"

Ecco il suo discorso a Lampedusa

Sono qua per dirvi di non sentirvi soli, in questo altro momento, così difficile e faticoso per voi tutti, per incoraggiarvi e dirvi grazie per la testimonianza che date.

Grazie perché il vostro cuore continua a restare aperto a gente che vuole vivere. Perché, ancora una volta, testimoniate che riuscite a non lasciarvi imprigionare, anche se i timori possono essere legittimi, dalla paura per ciò che la vita e la storia vi chiedono a prezzo sempre più alto. Perché state traducendo, in gesti concreti, ciò che la pagina del Vangelo dice: "Ero forestiero, ero nudo, avevo voglia di libertà... e mi avete accolto". So che non è facile tutto ciò, e dirvi queste cose, credetemi, non è ripetervi parole cortesi e d'occasione che servono per tenervi quieti.

Immagino, non posso dire che lo so, cosa significhi sentirsi soli, abbandonati e, semmai, investiti da parole e da promesse a cui è sempre più difficile credere. Continuate a pagare - e non è giusto - quanto non si riesce (non oso dire non si vuole, spero che non sia così) a decidere nei palazzi di chi amministra la cosa pubblica. Ancora una volta ci siamo scontrati con la confusione, l'incompetenza e la fedeltà a pregiudizi che diventano penalità ed offesa per chi deve subirli.

Si continua a trattare come emergenza un problema grave, che -si deve ammettere- non è di facile soluzione. Non si possono tener chiusi gli occhi o fingere che, solo la forza (il divieto), possa sortire l'effetto desiderato. I problemi dell'Africa sono problemi di tutti, così i problemi di Lampedusa e Linosa non sono solo vostri, ma di tutti. E la soluzione di un evento che si è paragonato ad un esodo biblico, non potrà essere risolto con la ronda di navi lungo il Mediterraneo. Di là c'è gente che vuole vivere, vuole mangiare, vuole riconosciuta la sua dignità… e se, in quei paesi, si è arrivato a questo punto, può anche darsi che ci sia la responsabilità di chi si è preoccupato di colonizzare e creare rapporti vantaggiosi per noi, che siamo da questa parte, dimenticando l'esigenza di quelle popolazioni.

C'è un proverbio che dice: "Chi di spada ferisce, di spada perisce". E questo sta avvenendo. Ecco perché è necessaria una presa di coscienza da parte del governo, dei governi a trovare soluzioni che siano rispettose di tutti, di loro, di noi, ma soprattutto di voi. Mi verrebbe da chiedere: se Lampedusa o Linosa, anziché essere un'isole in mezzo al mare, fossero un luogo vicino a città importanti, come si sarebbero comportati coloro che decidono? Probabilmente con gli immigrati alla stessa maniera, visto che la cultura del diverso è carente. Anche se poi, quando siamo noi ad andare nelle altre terre, chiediamo rispetto e ci sentiamo offesi se non dovessero trattarci con rispetto. Sappiamo bene cosa avvenne quando i nostri emigranti arrivarono, e non per turismo, nelle terre dell'America. Si trovarono di fronte muri alti e spessi di pregiudizi e di paure. Eppure, la voglia di una vita diversa e migliore prevalse e fu vincente.

Ma, come dicevo, se un flusso così insistente, fosse avvenuto altrove, soluzioni, adattamenti ed attenzioni per i cittadini si sarebbero trovati senz'altro. Lampedusa e Linosa meritano eguale rispetto ed attenzione, anche se sono soltanto due isole in fondo all'Europa.

Ma io vi parlo come vostro Vescovo e non posso non prendere in mano il Vangelo e ricordarvi che la nostra fede ci chiede atteggiamenti coerenti con ciò che crediamo. Ci chiede solidarietà, anche se questa comporta rinunce e rischi. Chiede giustizia, ma dice anche che il nostro cuore deve essere accogliente. Ci ricorda che noi siamo quelli delle beatitudini (che pagina scomoda!) e noi accettandole crediamo che l'egoismo assurdo non può mai averla vinta, ma ciò che sempre vince è l'amore, che è tale se sa farsi misericordia e compassione. È quasi un gioco d'azzardo, ma che vale la pena essere fatto.

Diceva Giovanni Paolo II, che «quando una nazione ha il coraggio di aprirsi alle migrazioni viene premiata da un accresciuto benessere, da un solido rinnovamento sociale e da una vigorosa spinta verso inediti traguardi economici e umani». Il giorno di S. Gerlando, in Cattedrale, ho detto, pensando a voi e chiedendo di pregare per voi, che “Dio ci sta parlando, Dio sta bussando alle nostre porte, ci sta facendo toccare con mano le miserie del terzo mondo per le quali tante volte abbiamo pregato. Adesso è il nostro territorio ad essere interessato ad una missione che passa attraverso l'accoglienza, il dialogo, l'integrazione, la capacità di scoprirli fratelli”. E tutto questo va vissuto anche con fede, e ‘purtroppo' (ma è così !?!) la fede fa saltare i paradigmi della normalità e della regolarità.

L'Eucaristia che celebriamo ci chiede capacità di condivisione, fraternità, rispetto, impegno, coraggio.

Quando la volta scorsa sono venuto vi ho detto che Lampedusa è “luogo di speranza”. Con questo pensiero nel cuore continua ad arrivare la gente dall'Africa; questo pensiero dovete conservare nel vostro cuore e regalarlo a chi ne ha bisogno. Siate, siamo, anche se da molti definiti illusi, costruttori di un mondo nuovo e diverso. I pregiudizi, l'accentuazione e il rifiuto della diversità, gli interessi di parte, la finanza sfrenata, la logica dei faraoni del vecchio Egitto, la politica a corto respiro, sia mondiale che nazionale (alla nostra bisogna aggiungere litigiosa), sta portando il mondo a rivoltarsi. Maria nel suo Magnificat dice che finalmente la rivoluzione, quella vera, quella di Dio, senza armi e senza violenza, è cominciata. Schieriamoci dalla sua parte: è la parte giusta! Il mondo può essere diverso. Chi ha avuto il cuore grande ci ha creduto e ha portato il suo contributo in questo tempo: Madre Teresa, Giovanni Paolo II, Gandhi.

Che Lampedusa e Linosa diventino faro di civiltà, porta e luogo d'incontro e d'amicizia, spazio dove Dio e l'uomo – di qualunque colore – possono ritrovare la gioia della passeggiata pomeridiana. Chi vuole un esempio di vita diversa guardi a Lampedusa e Linosa. Davanti all'amore, anche il cattivo (c'è da chiedersi chi siano i veri buoni?) può cambiare il cuore. Le vostre sono piccole isole ma, il vostro cuore sia grande, come quello di Cristo, grande come il mondo. E la nuova alba spunterà.

La conoscete la storia del giovane che chiede al saggio quando è il momento in cui finisce il buio della notte e comincia la luce dell'alba? Il saggio invita il giovane a trovare una risposta. Quando distinguo un albero da un cespuglio? Un cane da un agnello? Un uomo da una donna? La risposta dell'anziano è negativa. Alla fine risponde: quando nel volto di chi mi viene incontro riconosco il volto di un fratello o di una sorella, allora è cominciata la luce del giorno. Che Lampedusa insieme a Linosa possano essere l'oriente di un mondo che vuole la luce del nuovo giorno. Prego per questo.
E anche stavolta finisco riconsegnandovi il sogno di Dio. Lo faccio perché anche noi ci uniamo al Suo sogno, con la convinzione che un sogno condiviso da molti può diventare realtà: In quel giorno ci sarà una strada dall'Egitto verso l'Assiria; l'Assiro andrà in Egitto e l'Egiziano in Assiria; gli Egiziani serviranno il Si gnore insieme con gli Assiri. In quel giorno Israele sarà il terzo con l'Egitto e l'Assiria, una benedizione in mezzo alla terra. Li benedirà il Signore degli eserciti: Benedetto sia l'Egiziano mio popolo, l'Assiro opera delle mie mani e Israele mia eredità. (Is. 19,23-25).
3 marzo 2011 Aggiungi un commento... Carlo Franciò 0.28
"Voce di uno che grida nel deserto:-Preparate la via del Signore,-raddrizzate i suoi sentieri"-Con queste parole il profeta Isaia aveva preannunziato la comparsa, al tempo di Gesù, di Giovanni Battista. Allora molti accorrevano a lui da Gerusalemme ... per convertirsi e cambiare vita. In quel tempo ... nel Vangelo vuol dire oggi. E oggi Don Franco Montenegro ci invita con "le lacrime agli occhi" a cambiare vita. Di vedere la ricchezza dell'umanità nelle persone più diseredate, negli ultimi, negli immigrati. Nell'essere protagonisti di un Sogno, voluto da Dio, che vale per tutti gli Uomini «“Benedetto sia l'Egiziano mio popolo, l'Assiro opera delle mie mani e Israele mia eredità” (Is. 19,23-25). »
http://www.unita.it/italia/i-problemi-dell-africa-sono-di-tutti-br-lampedusani-non-sentitevi-soli-1.275112 04/03/2011

Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.