CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

18Nov/180

Messina – «GLI OCCHI VOLTI AL CIELO – Straordinaria umanità che fa vibrare le corde del divino sentire»

13 novembre 2018 - Sala multimediale del "Savio" Messina

Secondo

appuntamento con le

Conversazioni letterarie 4.0

con Orazio Nastasi

«Alda Merini
gli occhi volti al cielo»

Un Poeta per un Poeta ... -  La seconda conversazione del prof.re Orazio Nastasi su «Alda Merini - gli occhi volti al cielo- ha esaltato le qualità poco conosciute della poetessa, tanto che al  termine della 'narrazione interpretativa di Orazio Nastasi ( felice descrittore ed interprete della tensione poetica e umana di Alda Merini ), Don Gianni si è vivacemente  'pronunciato, rendendo merito al comune sentire dei presenti e omaggiando la musicale poetica bellezza dell'autrice. L'approfondimento del prof.re Orazio ha infatti messo in luce una ricchezza di immagini e pensieri che hanno turbato il narratore prima e gli ascoltatori poi. I sinceri e sentiti applausi hanno ancor più dimostrato la validità della formula del ciclo di Conversazioni letterarie 4.0 e  infine, come da tradizione, don Russo rivolgendosi all'uditorio ha rinnovato la sua gratitudine sia per ciascuno dei partecipanti sia per il relatore a cui ha offerto, in segno di amicizia, la tradizionale ... "miracolosa caramella".

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

18Nov/180

Messina -BFMC-«Chiave di lettura – Tra Abramo e Ulisse – Tra Pirandello e Benedetto XVI»

martedì 13 novembre 2018 - Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Messina -

«Chi dice la gente che io sia?»
Il volto di Gesù nella letteratura contemporanea

2° Incontro 2018/2019

D. H. LAWRENCE

« L'uomo che era morto »

prof. fr Filippo Cucinotta OFM

Questo slideshow richiede JavaScript.

14Nov/180

Messina 《Nonostante i 50 milioni di Italiani…sparsi per il mondo: facciamo fatica ad essere accoglienti … 》

7Nov/180

Messina – «Irrinunciabile è costruire la pace della comunità umana universale – per questo si devono eliminare i sentimenti di ostilità, di disprezzo e di diffidenza, gli odi razziali e le … ostinate ideologie che dividono gli uomini.»

7Nov/180

Reggio Calabria – «Sradichiamo le cause di discordia tra gli uomini e in modo speciale le ingiustizie. Sono esse che fomentano le guerre. » (Gaudium et Spes)

Sabato io novembre 2018 - ore 17,30 Auditorium "Nicola Calipari" - Consiglio Regionale della Calabria

ARTE CULTURA ECONOMIA E SCIENZE

Premio Anassilaos per la Pace

San Giovanni Paolo II

"Questo  mare è pieno di voci e questo cielo è pieno di vlsloni" Giovanni Paolo II

Patrocini

Regione Calabria  Consiglio Regionale della Calabria Regione Siciliana Assemblea Regionale Siciliana Città Metropolitana di Reggio Calabria Città Metropolitana di Messina Città di Reggio Calabria Città di Messina Università degli Studi di Reggio Calabria "Mediterranea" Università per Stranieri "Dante Alighieri" di Reggio Calabria Deputazione di Storia Patria per la Calabria Liceo Classico Tommaso Campanella* di Reggio Calabria

* Premio Anassilaos Giovani

 

6Nov/180

Messina – Cristo Re – «Realtà dell’impegno missionario senza nessuna limitazione di confini…»

sabato 27 ottobre 2018 - Istituto Cristo Re

« OTTOBRE MISSIONARIO »

Incontro con Don Giacomo Panizza

WALKING TOGETHER (camminiamo insieme)

- Moderatore Sac. Francesco De Domenico (Direttore Ufficio Missionario)  - Sac. Dr. Andrea Cardile  Walkink Together

S.E. Mons. Giovanni Accolla Arcivescovo di Messina, Lipari, S. Lucia del Mela

Dai saluti dell'Arcivescovo mi permetto di ricavare una semplice riflessione.: la Chiesa missionaria non deve mai disperdere la capacità di fare il  bene ed essendo fondamento dell'azione la preghiera. E' necessario che, nel Giorno del Signore, la condividiamonella sede propria, con tutte le altre realtà parrocchiali. Senza unità di intenti e preghiera comune difficilmente saremo in grado di  svolgere attività di carità missionarie.

Dalla visione dei filmati, ci si potrà rendere conto di quanto poco sappiamo delle quotidiane opere fatte, con straordinarie semplicità, da "uomini di buona volontà", a servizio del prossimo nel nostro paese e nel mondo. La sorgente ispiratrice , la radice morale, spirituale ed operativa possiamo farla derivare da quanto seminato dal Concilio Vaticano II mediante Gaudium et Spes sulla Chiesa nel mondo contemporaneo  che in particolare ai n° 88-89-90 , indica il Compito dei cristiani nell'edificazione della pace.

«I cristiani cooperino volentieri e con tutto il cuore all'edificazione dell'ordine internazionale, nel rispetto delle legittime libertà e in amichevole fraternità con tutti. Tanto più che la miseria della maggior parte del mondo è così grande che il Cristo stesso, nella persona dei poveri reclama come a voce alta la carità dei suoi discepoli. Si eviti questo scandalo: mentre alcune nazioni, i cui abitanti per la maggior parte si dicono cristiani, godono d'una grande abbondanza di beni, altre nazioni sono prive del necessario e sono afflitte dalla fame, dalla malattia e da ogni sorta di miserie. Lo spirito di povertà e d'amore è infatti la gloria e il segno della Chiesa di Cristo.»

Giacomo Panizza - «Don Giacomo Panizza, bresciano, ha fondato nel 1976 a Lamezia TermeProgetto sud”, una comunità autogestita che  aderisce a diverse iniziative della Caritas italiana e della Calabria. Dal 2002, da quando ha spezzato il cerchio di paura accettando di occupare con la sua associazione uno degli edifici sequestrati alla ‘ndrangheta, vive sotto protezione per le numerose e continue minacce e gli attentati subiti. Ma don Giacomo non ha mai smesso di metterci coraggio e lottare. Ha scritto numerosissimi saggi e brevi contributi, apparsi non solo su riviste di settore, ma anche in numerosi libri tra cui “Qui ho conosciuto purgatorio, inferno e paradiso” (Feltrinelli). Tutte testimonianze di un’indomita voce di coscienza.» dal Web

WALKING TOGETHER (camminiamo insieme) - E' un associazione che nasce nel 2008 ed ha la finalità di individuare ed attuare micro progetti in favore dei paesi del sud del mondo. Il logo vuole rispecchiare il proposito di camminare con semplicità (a piedi nudi), insieme (orme chiare e scure, dietro colui che ha i piedi forati.

NOTA BLOG - Si può ancora dire pochi ma buoni? Era un incontro riservato solo agli addetti ai lavori? ... No!!! 


Questo slideshow richiede JavaScript.

4Nov/180

Messina – «Centro Culturale San Paolo VI – è iniziato il tempo di vivere con sana follia…»

martedì 30 ottobre 2018 - Istituto Ignatianum - (3° Piano)Messina

Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela - Consulta diocesana Aggregazioni laicali

«CENTRO CULTURALE SAN PAOLO VI»

«Questa immagine di papa Paolo VI resti in questo luogo come richiamo alla fede e  segno della divina benedizione e monito permanente a fare riferimento al magistero conciliare come fonte di ispirazione della nostra azione ecclesiale e pastorale»  Vescovo Ausiliare mons. Cesare Di Pietro

Finalmente con una coincidente tempestività di eventi questo Centro culturale viene titolato al Santo Papa Paolo VI...  e con la "benedizione" dell novello Vescovo Cesare Di Pietro (Azione Cattolica - prof.re esperto studioso del Vaticano II) Ausiliare dell'Arcivescovo mons. Giovanni Accolla.

La "festa musicale" è stata assegnata al prof.re Demetrio Chiatto, che dopo un inebriante racconto della cultura musicale a Messina durante gli ultimi secoli ha ricondotto il tutto ad una ardita ma veritiera espressione «Consentitemi. ... Messina non è una Città seconda a nessuna-». Poi accompagnato da due bravissime volontarie vocalist ci ha fatto ascoltare "E vui durmite ancora - cari amici - canto n° 90 etc. -Placido Mandanici -Antonino Scoppa ...

In questa sintesi filmata sono altresì presenti: l'intervento del Sac. Paolo Daniele Truscello - Compendio dinamico delle 'azioni di Paolo VI al Concilio Vaticano II. - Il racconto  filmato sulla Consulta del segretario prof.re Dino Calderone e la impegnata presenza del Vicario Episcopale mons. Tindaro Cocivera.  Folta presenza degli aderenti ai Gruppi più impegnati e attivi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

4Nov/180

Messina – BFMC «E’ una celeste terrena Sinfonia – Sempre nuova, sempre attuale – in grado di affascinare e placare le ansie del cuore»

martedì 30 ottobre 2018 - Biblioteca Frati Minori Cappuccini - Messina

«Sinfonia del Vangelo»

-per vivere da cristiani-

fr Marcello Badalamenti - Accademia Alfonsiana di Roma

Fr Felice Cangelosi, prima di cedergli la parola, ha voluto definire la relazione di fr Marcello Badalamenti come base di introduzione alle diverse tematiche  programmate per i futuri incontri. Infatti il primo incontro col Vescovo Cesare Di Pietro, alla vigilia della canonizzazione di San Paolo VI, ha avuto uno scopo ed un carattere eminentemente commemorativo mentre il secondo è stato il primo del ciclo (9) curato da fr Filippo Cucinotta che verte sul tema "Chi dite che io sia?".

Il ricco curriculum e le attuali attività svolte da fr Marcello Badalamenti ha fatto subito capire al non folto ma attento e preparato pubblico di trovarsi di fronte un relatore appassionato e competente. Capace con il suo fluido messaggio, corroborato da solidi riferimenti ai documenti ecclesiali (Concilio Vaticano II , papa Francesco) di delineare e trasmettere all'uditorio una viva, attuale e alta visione del Vangelo;

Questo slideshow richiede JavaScript.

del Vangelo

4Nov/180

Messina – «501° Riforma di Martin Lutero -“Comunità straniere a Messina tra etica protestante e spirito d’impresa”»

La Chiesa Valdese di Messina festeggia il 501° anniversario della Riforma luterana con l'incontro “Comunità straniere a Messina tra etica protestante e spirito d'impresa”.

. Questo il tema dell'incontro organizzato dalla Chiesa Valdese di Messina per festeggiare il 501° anniversario della Riforma di Martin Lutero. L'appuntamento è per mercoledì 31 ottobre alle 17 al tempio di via Laudamo 16.

Dopo l'introduzione della vicepresidente del Consiglio di Chiesa Elisabetta Raffa, aprirà i lavori la presidente Beatrice Grill. Subito dopo si entrerà nel vivo dell'incontro, con la relazione della professoressa Michela D'Angelo, esperta delle comunità straniere che si insediarono a Messina dalla fine del Settecento in poi, che descriverà il mondo imprenditoriale protestante a cavallo tra il XVIII e il XX secolo. Come di consueto, il pomeriggio si concluderà con un tè offerto ai presenti.

 

30Ott/180

Messina – BFMC «Un appuntamento per rinfrancare ed irrobustire lo spirito di servizio del cristiano»

29Ott/180

Messina – «Inaspettata e gradita coincidenza per l’avvio del Centro Culturale SAN PAOLO VI»

28Ott/180

Messina – «Non scarichiamo sugli altri i nostri errori. Ma consapevolmente scegliamo di mettere in pratica la tua “Parola”»


26 OTTOBRE 2018 - Chiesa di "S. Elia"Messina

"Parola di Dio, accoglienza e migrazioni"

Primo incontro: Gen 4,1-10

«ll dovere di prendersi cura dell'altro»

  • Incontrare Dio attraverso la sua Parola -

Questo primo incontro di un ciclo di otto ha confermato quanto potente, penetrante e bella sia la Parola di Dio. Tutti i presenti hanno vissuto un evento di vera comunione fraterna attraverso l'ascolto della Parola (il brano di Caino e Abele) - il penetrante e provocatorio per le coscienze commento di mons. G. Costa, il "segno" dei nodi  ricavato da corte cordicelle - le preziose indicazioni del Diacono Santino Tornesi, la sollecitazione di Roberto Marino per divenire Tutor di migranti minorenni e  la delizia  dei Canti eseguiti dal Coro Migrantes insieme all'assemblea e ai volontari.

BUONA PREGHIERA !


Canto d'ingresso: Bless the Lord

  1. Invocazione SS. Trinità

  2. Intronizzazione della Bibbia - Canto: Ukuthula

    1. Proclamazione della Parola - Canto: Ogni mia Parola

    2. Commento alla Parola - mons. Giuseppe Costa

2018_10_26-Chiesa S_Elia-1°-Costa-02- Canto ogni mia parola -Proclamazione e Commento

    1. Preghiamo insieme - Canto: Ave Mariah - Preghiera a Maria, donna dell'ascolto

2018_10_26-Chiesa S_Elia-1°-Preghiera -Nodi -Tutore -Preghiera a Maria, donna dell'ascolto--03

  • 2018_10_26-Chiesa S_Elia-1°-04- Conclusione Benedizione e Canto finale

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

27Ott/180

Messina – «Nel segno dei Santi: San Giovanni Paolo II – Beato Don Pino Puglisi – Servo di Dio Rosario Livatino» -2ª parte

Il  20 e il 21 ottobre 2018 si è svolto all'Oasi Azzurra Village di S. Saba  il  4° Convegno della Consulta Diocesana Aggregazioni Laicali dell'Arcidiocesi Messina Lipari S. Lucia del Mela

«SE OGNUNO FA QUALCOSA,
ALLORA SI PUO' FARE MOLTO» Beato P. Puglisi

Tavola Rotonda -

"Chiesa locale e inculturazione della fede"

Coordinatore: padre Tindaro Cocivera -Relatori: P. Gino La Rosa,  Sergio Todesco, P. Nino Basile.
Padre Tindaro Cocivera entra subito nel merito e chiarisce che dalla lettura del documento emerge che "Oggi rischiamo di passare dal silenzio alle sole parole". Quindi abbiamo bisogno di intraprendere azioni concrete perché il nostro essere cristiani significa parlare ed agire in questa realtà oggi e i relatori ci aiuteranno in questo,

Padre Gino La Rosa - Titolo proposto Rapporto Fede Cultura e le Chiese locali - innanzitutto il rapporto fede cultura . La fede è oltre la cultura perché ha un valore escatologico che non avrà mai una realizzazione piena nell'attualità. La Chiesa ha vissuto e sta vivendo un momento di cambiamento, di profonda rivoluzione e vorrei evidenziare che gli elementi che sono in gioco sono fondamentalmente quattro: I marcatori religiosi -gli insiemi di segni che indicano la presenza di una realtà sacra - Tempo e Spazio - elemento LE NORME: Esempio Papa Francesco ha sentito la necessità di dichiarare che la Pena di morte non può più essere accettata dal cristiano grazie alla nuova coscienza della dignità dell'uomo. Altro esempio Il difensore degli Indiani non aveva la stessa attenzione verso i negri .  elemento LA FEDE viene considerata una opzione come le altre" - 4°  L'aumento del pluralismo religioso

prof.re Sergio Todesco, -  le sue considerazioni vertono sulle  riflessioni sulla domanda: "che cos'è la religiosità popolare e sui rischi che questa forma di vita religiosa possiede."
Religiosità popolare - pietà popolare sono un tipo di impegno religioso che quasi sempre proviene dagli strati meno acculturati della società e che spesso si pongono, se non in contrapposizione, seguendo vie parallele .  Ci sono forme di religiosità che provengono dall'antichità come le confraternite,  il passaggio dal paganesimo alla religiosità ha sempre avuto a permeare il messaggio evangelico. Pur essendo forme arcaiche di religiosità la Chiesa non ha potuto farne tabula rasa e quindi ancora sussistono ai nostri giorni ...   Sciascia affermava che la religiosità popolare in Sicilia è una religiosità materialista. Tanto che ha portato alla "guerra dei santi" , cioè paesi che si fanno la guerra e anche le divisioni in fazioni nello stesso paese. (Ganzirri S. Nicola).  Quindi bisogna mettere in evidenza l'aspetto creativo di questa religiosità (papa Francesco). Nel prosieguo il suo racconto snodandosi tra i rischi e le minacce alla fede si incentra sulla figura del vescovo d Patti mons. Ficarra (poi allontanato) che denunciava gli indebiti accostamenti tra fede e politica quindi i travasi della politica nella religione e viceversa.

Padre Nino Basile - Il tema dell'incidenza della carità nella cultura del nostro tempo e dell'ambito territoriale. Per ben iniziare si avvale della citazione del Cardinale Scola Arcivescovo di Milano. Educare alla mentalità di fede in un mondo che cambia Decennio CEI -Lettera carità .  Le attività che sappiamo bene organizzare come Caritas hanno un'incidenza nella vita? Hanno il potere di convertire la nostra vita? Intanto non si dovrebbe parlare di rapporto fra fede e Vita, perché la Fede non è qualcosa di altro nella mia vita. Il cristiano Crede e Ama

1) La carità come forma della vita del cristiano - 2) La carità come mentalità cioè come visione della vita 3) La Carità come realtà politica

Temi dei Gruppi di lavoro:
1) pace/violenza/mafia/legalità;
2) vita/Famiglia/ familismo;
3) immigrazione/accoglienza/integrazione/paura;
4) pietà popolare/valorizzazione/purificazione;
5) Ecologia integrale/economia/ formazione



26Ott/180

Reggio Calabria – «La suggestione del cielo stellato del Planetario e la storia di un donna: Andromaca …»

SABATO 27 OTTOBRE 2018, ORE 21.00

Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana Reggio Calabria

ANDROMACA” di Euripide

a cura di “Scena Nuda”

Il Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana, aperto alla collaborazione con tutte le realtà culturali che operano nella nostra regione e non solo, Sabato 27 Ottobre ore 21.00 ospiterà la compagnia teatrale reggina Scena Nuda”che rappresenterà l’“Andromaca” di Euripide.

Entrare in una cupola del teatro-planetario è come varcare i confini di una nuova dimensione, il mondo tradizionale resta fuori, lontano e quasi dimenticato. Il pubblico percorre un viaggio che lo porta a sollevarsi dal nostro pianeta ed immergersi in infiniti spazi. L’evento proposto mescola la suggestione del cielo stellato del Planetario con la storia di un donna: Andromaca, la cui presenza nella storia della civiltà occidentale è pressoché ininterrotta.

L’opera mette in risalto attraverso il punto di vista della protagonista le contraddizioni e le debolezze di tutta la classe dominante greca. Andromaca, ormai schiava, è un esempio di virtù morali rispetto ai suoi nuovi padroni. In una Grecia al culmine del suo splendore e della sua potenza, Euripide evidenzia in modo spietato tutta la stanchezza e mediocrità della sua classe dirigente. La figura di Andromaca, una delle più commoventi della mitologia greca, rappresenta la donna nei suoi aspetti più tragici. Moglie ideale, vedova fedele, madre affranta racchiude cioè l'impotenza e la sofferenza di una donna che deve affrontare una vita senza il marito amato

Questa iniziativa è inserita nel programma "Altri Luoghi" della VII edizione del Festival “Miti Contemporanei - Teatro Danza Musica”, un ponte all'insegna del mito tra Grecia e Calabria che coinvolge compagnie teatrali, associazioni ed istituti culturali reggini nella valorizzazione di luoghi storico-artistici e siti archeologici della Città Metropolitana di Reggio Calabria, ed è coerente con il progetto “Seconda Edizione Festival Calabrese dell’Astronomia - Rotta del Mediterraneo con il Cielo: negli occhi itinerari di didattica, di divulgazione e sviluppo del territorio” presentato dalla Società Astronomica Italiana sezione Calabria per la “Selezione e il Finanziamento nell'ambito degli interventi della Regione Calabria per la valorizzazione del sistema dei Beni Culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria”.

Reggio Calabria, 26 ottobre 2018 Ufficio Stampa

 

25Ott/180

Reggio Calabria – «2008-2018 – Per non dimenticare la piccola Olga Panuccio, innocente vittima di una feroce aggressione insieme con i suoi genitori »

 

UNDICESIMA EDIZIONE

CONCORSO NAZIONALE

IN MEMORIA DI OLGA:

LA VITA OLTRE

Undicesima Edizione

Anno Scolastico 2018/2019

Il Planetario Pythagoras - Sez. Calabria Società Astronomica Italiana, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Dipartimento dell’istruzione – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione, nell'ambito del Protocollo d'Intesa MIUR/SAIT, in sinergia con la Città Metropolitana di Reggio Calabria ed in collaborazione con il Centro Italiano Femminile provinciale di Reggio Calabria, indicono la XI Edizione del Concorso Nazionale “In memoria di Olga: la vita oltre”.

In data 11 ottobre il MIUR, sul sito istituzionale, ha promulgato il Bando del Concorso.

Esso fu istituito nel maggio 2008 per ricordare la e deceduta il 1° aprile 2008.

Attraverso il ricordo di Olga Panuccio, l’iniziativa intende ricordare tutti i bambini a cui è stata negata la possibilità di un sereno avvenire.

Il Concorso, ad oggi l’unico, è indirizzato agli alunni della scuola dell’infanzia e del primo ciclo, per sollecitarli all’osservazione del cielo notturno e all'elaborazione di una personale riflessione, che si traduca in una pagina scritta o in una elaborazione grafica, nella considerazione che il cielo stellato sia il luogo che idealmente accoglie ogni bimbo scomparso.