CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

11Dic/180

12 DICEMBRE 1985 – « GRAZIELLA CAMPAGNA la giovane donna icona messinese degli INNOCENTI MARTIRI »

SPECIALE BLOG PER

GRAZIELLA CAMPAGNA

INNOCENTE MARTIRE uccisa dalla mafia con 5 fucilate al petto sulle colline di messina

Ri BLOG "Dopo 27 anni dalla sua uccisione, il ricordo di questa "Giovane Donna" si è talmente radicato nel cuore dei messinesi, dei siciliani e spero nel mondo, che molto spesso viene ricordata nei vari ambiti della formazione, della informazione, ed anche nel parlare comune, come icona della purezza dei nostri giovani contro l'aberrazione della mafia e dei suoi accoliti in guanti bianchi.

Non c'è esempio più eclatante per spiegare la brutalità, la paranoia, l'inconsistenza morale sociale individuale e collettiva della mentalità mafiosa.

Grande merito della persistenza del suo ricordo è dovuta all'impegno profuso dai due fratelli Campagna Pietro e Pasquale, che hanno saputo trarre da una tragedia familiare, un Dono per tutta la comunità. Un dono di semplicità, di pudore, che hanno saputo offrire alle generazioni di giovani studenti, in questi lunghi e tormentati anni ancor prima del giudizio finale sugli assassini arrivato in porto con sensibile ritardo.

2015 12 12 - Messina - «Le Stelle del Cielo da 30 anni fanno corona a "Graziella Campagna"» -

2015 07 02 - Villafranca Tirrena - «Graziella Campagna - Giovane Icona degli Innocenti Martiri» -

2014 09 29 - Messina - «Graziella Campagna "simbolo della morte innocente", scelta per illuminare i meandri mafiosi» -

2013 12 12 - Messina - BLOG - 28° anniversario «OMAGGIO a "GRAZIELLA CAMPAGNA" » -

2012 12 12 - Messina - Giovane simbolo messinese della morte innocente «GRAZIELLA CAMPAGNA» -

2010 12 12 - Villafranca Tirrena-«Graziella Campagna - Icona, moderna, dei Martiri Innocenti» -

9Dic/180

Messina – «Walking Together il CALENDARIO della solidarietà ANNO 2019»

Questo slideshow richiede JavaScript.

9Dic/180

Messina – BFMC «Un’analisi narrativa che toglie il velo alle affermazioni simil vere sulla persona di Gesù…»

martedì 04 dicembre 2018 - Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Messina

«Chi dice la gente che io sia?»

Il volto di Gesù nella letteratura contemporanea

3° Incontro  2018/2019

Kahlil Gibran

« Gesù  figlio dell'uomo »

prof. fr Filippo Cucinotta OFM

L'autore Kahlil Gibran libanese proviene da una famiglia di tradizioni Maronita, una delle quattro Chiese che non hanno confessato in maniera esplicita la vera natura umana in Gesù Cristo evidenziando l'aspetto Divino. Gibran contesta inoltre  a Paolo di Tarso di non  parlare di Gesù e di non ripetere la sua Parola.

J. Ratzinger - Benedetto XVI nel suo "Gesù di Nazaret" afferma :

" Chi legge di seguito un certo numero
di queste ricostruzioni della vita di
Gesù può subito constatare che esse
sono molto più fotografie degli
autori e dei loro ideali che non un
messa a fuoco della sua figura.

Pirandello nel suo "Sei personaggi in cerca d'autore"
... Morrà l'uomo, lo scrittore,
strumento della creazione ;
la creatura non muore più!
E per vivere eterna non ha neanche
bisogno di straordinarie doti o di
compiere prodigi

Il Libro si compone di Settantanove monologhi - Personaggi apocrifi (41)  Personaggi biblici (24) Personaggi biblici con più dialoghi (14)Maria Maddalena (3) Simone/Pietro (3) Matteo (3) Giovanni (3) Giuseppe di Arimatea (2) (Paolo: 2)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

9Dic/180

Messina – BFMC – «Un contributo chiarificatore delle visioni particolari di una ideologia relativista»

5Dic/180

Messina – «Giornata di studi in memoria di MARIA INTERSIMONE ALIBRANDI»

 7 dicembre 2018 - Sala dell’Accademia Peloritana dei Pericolanti - Piazza Pugliatti 1

« Maria… la ricordiamo così »

Ore 9.00 Introduce Rina Stracuzzi
Saluti istituzionali:
Accademia Peloritana dei Pericolanti - Archivio di Stato di Messina - Società Messinese di Storia Patria Associazione Nazionale Archivistica Italiana – Sezione Sicilia

- Ringraziamenti della famiglia.
Ore 9.30 Presiede Santina Sambito
Mariella Guercio, Il ruolo degli archivisti e la fragilità delle fonti digitali.
Bruno Figliuolo, Messina e il commercio mediterraneo.
Maria Teresa Rodriquez, Una biblioteca “pubblica” per i cittadini di Messina, la biblioteca di Giacomo Longo.
Ore 11.15 Pausa caffè
Ore 11.30 Presiede Salvatore Bottari
Gioacchino Barbera, Le insidie delle “carte d’archivio”: qualche esempio.
Giuseppe Restifo, Gli archivi di famiglia nella storiografia moderna: gli Stagno di Messina.
Federico Martino, “Oggettività” del documento e “soggettività” dello storico: suggerimenti ai frequentatori degli archivi.

 

 

25Nov/180

Messina – BFMC- Scoprire, senza enfasi, ma con saggezza, «I valori della famiglia nell’Amoris laetitia»

24Nov/180

Catania -«Convegno Regionale-“LA CHIESA in DIALOGO a 25 anni dal DIRETTORIO per L’ECUMENISMO”»

24Nov/180

Messina – «2ª-Parola di Dio, accoglienza e migrazioni – “Sappiamo ancora riconoscere la presenza di Dio nella nostra Vita?”»

Genesi 18,1-16
1 Poi il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all'ingresso della tenda nell'ora più calda del giorno. 2 Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall'ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, 3 dicendo: «Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo. 4 Si vada a prendere un po' di acqua, lavatevi i piedi e accomodatevi sotto l'albero. 5 Permettete che vada a prendere un boccone di pane e rinfrancatevi il cuore; dopo, potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo». Quelli dissero: «Fa' pure come hai detto». 6 Allora Abramo andò in fretta nella tenda, da Sara, e disse: «Presto, tre staia di fior di farina, impastala e fanne focacce». 7 All'armento corse lui stesso, Abramo, prese un vitello tenero e buono e lo diede al servo, che si affrettò a prepararlo. 8 Prese latte acido e latte fresco insieme con il vitello, che aveva preparato, e li porse a loro. Così, mentr'egli stava in piedi presso di loro sotto l'albero, quelli mangiarono.
Poi gli dissero: «Dov'è Sara, tua moglie?». Rispose: «È là nella tenda». 10 Il Signore riprese: «Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio». Intanto Sara stava ad ascoltare all'ingresso della tenda ed era dietro di lui. 11 Abramo e Sara erano vecchi, avanti negli anni; era cessato a Sara ciò che avviene regolarmente alle donne. 12 Allora Sara rise dentro di sé e disse: «Avvizzita come sono dovrei provare il piacere, mentre il mio signore è vecchio!». 13 Ma il Signore disse ad Abramo: «Perché Sara ha riso dicendo: Potrò davvero partorire, mentre sono vecchia? 14 C'è forse qualche cosa impossibile per il Signore? Al tempo fissato tornerò da te alla stessa data e Sara avrà un figlio». 15 Allora Sara negò: «Non ho riso!», perché aveva paura; ma quegli disse: «Sì, hai proprio riso».
16 Quegli uomini si alzarono e andarono a contemplare Sòdoma dall'alto, mentre Abramo li accompagnava per congedarli.

23Nov/180

Palermo – «La Festa Ebraica delle Luci per ricordare l’espulsione degli Ebrei avvenuta 526 anni fa»

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.  Qualche stralcio: La presenza degli ebrei in Sicilia è attestata dai reperti archeologici a partire dai primi secoli dopo Cristo: alla fine del VI secolo tale presenza venne confermata da alcune lettere di papa Gregorio Magno. Fu solo in seguito alla conquista dell'Isola da parte degli arabi che in Sicilia si stabilirono "civiltà giudaiche di espressione arabo-magrebina". Grazie all'avvento dei normanni, gli ebrei ottennero "la protezione e la salvaguardia regia", terminando così il periodo di sottomissione e assoggettamento da parte degli arabi e dei cristiani che caratterizzò i secoli precedenti.

IERI: Nel 1310 dal Re di Sicilia Federico II di Aragona adottò una politica restrittiva nei confronti degli ebrei, costretti a contrassegnare le loro vesti e le loro botteghe con la "rotella rossa". Inoltre vietò loro qualsiasi rapporto con i cristiani.. - Nel 1470 si ha notizia di un provvedimento restrittivo nei confronti degli ebrei residenti in Savoca, avente per oggetto la sinagoga di quella città. ... , nell'agosto 1470, venne confiscato su ordine del Viceré di Sicilia Lope III Ximénez de Urrea y de Bardaixi. Lo stesso viceré dispose che la sinagoga venisse edificata in altro luogo. ... Ancora oggi nel borgo medievale di Savoca sono presenti i ruderi di detta sinagoga

OGGI - Nel 2011, per la prima volta dopo il 1492, a Palermo è stato ufficialmente celebrato un Bar mitzvah [8][9][10]. Il 12 gennaio 2017 l'arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, dona all'Unione delle Comunità ebraiche l'oratorio di Santa Maria del Sabato per farne la nuova sinagoga [11] - Dopo più di cinque secoli nel 2010 a Siracusa è nata una comunità ebraica con una sinagoga nel quartiere Tiche, la comunità è composta da circa 40 persone di religione ebraica che abitano in varie parti della Sicilia orientale e alcuni perfino in Calabria.

7Nov/180

Messina – «Irrinunciabile è costruire la pace della comunità umana universale – per questo si devono eliminare i sentimenti di ostilità, di disprezzo e di diffidenza, gli odi razziali e le … ostinate ideologie che dividono gli uomini.»

7Nov/180

Reggio Calabria – «Sradichiamo le cause di discordia tra gli uomini e in modo speciale le ingiustizie. Sono esse che fomentano le guerre. » (Gaudium et Spes)

Sabato io novembre 2018 - ore 17,30 Auditorium "Nicola Calipari" - Consiglio Regionale della Calabria

ARTE CULTURA ECONOMIA E SCIENZE

Premio Anassilaos per la Pace

San Giovanni Paolo II

"Questo  mare è pieno di voci e questo cielo è pieno di vlsloni" Giovanni Paolo II

Patrocini

Regione Calabria  Consiglio Regionale della Calabria Regione Siciliana Assemblea Regionale Siciliana Città Metropolitana di Reggio Calabria Città Metropolitana di Messina Città di Reggio Calabria Città di Messina Università degli Studi di Reggio Calabria "Mediterranea" Università per Stranieri "Dante Alighieri" di Reggio Calabria Deputazione di Storia Patria per la Calabria Liceo Classico Tommaso Campanella* di Reggio Calabria

* Premio Anassilaos Giovani

 

6Nov/180

Messina – Cristo Re – «Realtà dell’impegno missionario senza nessuna limitazione di confini…»

sabato 27 ottobre 2018 - Istituto Cristo Re

« OTTOBRE MISSIONARIO »

Incontro con Don Giacomo Panizza

WALKING TOGETHER (camminiamo insieme)

- Moderatore Sac. Francesco De Domenico (Direttore Ufficio Missionario)  - Sac. Dr. Andrea Cardile  Walkink Together

S.E. Mons. Giovanni Accolla Arcivescovo di Messina, Lipari, S. Lucia del Mela

Dai saluti dell'Arcivescovo mi permetto di ricavare una semplice riflessione.: la Chiesa missionaria non deve mai disperdere la capacità di fare il  bene ed essendo fondamento dell'azione la preghiera. E' necessario che, nel Giorno del Signore, la condividiamonella sede propria, con tutte le altre realtà parrocchiali. Senza unità di intenti e preghiera comune difficilmente saremo in grado di  svolgere attività di carità missionarie.

Dalla visione dei filmati, ci si potrà rendere conto di quanto poco sappiamo delle quotidiane opere fatte, con straordinarie semplicità, da "uomini di buona volontà", a servizio del prossimo nel nostro paese e nel mondo. La sorgente ispiratrice , la radice morale, spirituale ed operativa possiamo farla derivare da quanto seminato dal Concilio Vaticano II mediante Gaudium et Spes sulla Chiesa nel mondo contemporaneo  che in particolare ai n° 88-89-90 , indica il Compito dei cristiani nell'edificazione della pace.

«I cristiani cooperino volentieri e con tutto il cuore all'edificazione dell'ordine internazionale, nel rispetto delle legittime libertà e in amichevole fraternità con tutti. Tanto più che la miseria della maggior parte del mondo è così grande che il Cristo stesso, nella persona dei poveri reclama come a voce alta la carità dei suoi discepoli. Si eviti questo scandalo: mentre alcune nazioni, i cui abitanti per la maggior parte si dicono cristiani, godono d'una grande abbondanza di beni, altre nazioni sono prive del necessario e sono afflitte dalla fame, dalla malattia e da ogni sorta di miserie. Lo spirito di povertà e d'amore è infatti la gloria e il segno della Chiesa di Cristo.»

Giacomo Panizza - «Don Giacomo Panizza, bresciano, ha fondato nel 1976 a Lamezia TermeProgetto sud”, una comunità autogestita che  aderisce a diverse iniziative della Caritas italiana e della Calabria. Dal 2002, da quando ha spezzato il cerchio di paura accettando di occupare con la sua associazione uno degli edifici sequestrati alla ‘ndrangheta, vive sotto protezione per le numerose e continue minacce e gli attentati subiti. Ma don Giacomo non ha mai smesso di metterci coraggio e lottare. Ha scritto numerosissimi saggi e brevi contributi, apparsi non solo su riviste di settore, ma anche in numerosi libri tra cui “Qui ho conosciuto purgatorio, inferno e paradiso” (Feltrinelli). Tutte testimonianze di un’indomita voce di coscienza.» dal Web

WALKING TOGETHER (camminiamo insieme) - E' un associazione che nasce nel 2008 ed ha la finalità di individuare ed attuare micro progetti in favore dei paesi del sud del mondo. Il logo vuole rispecchiare il proposito di camminare con semplicità (a piedi nudi), insieme (orme chiare e scure, dietro colui che ha i piedi forati.

NOTA BLOG - Si può ancora dire pochi ma buoni? Era un incontro riservato solo agli addetti ai lavori? ... No!!! 


Questo slideshow richiede JavaScript.

4Nov/180

Messina – BFMC «E’ una celeste terrena Sinfonia – Sempre nuova, sempre attuale – in grado di affascinare e placare le ansie del cuore»

martedì 30 ottobre 2018 - Biblioteca Frati Minori Cappuccini - Messina

«Sinfonia del Vangelo»

-per vivere da cristiani-

fr Marcello Badalamenti - Accademia Alfonsiana di Roma

Fr Felice Cangelosi, prima di cedergli la parola, ha voluto definire la relazione di fr Marcello Badalamenti come base di introduzione alle diverse tematiche  programmate per i futuri incontri. Infatti il primo incontro col Vescovo Cesare Di Pietro, alla vigilia della canonizzazione di San Paolo VI, ha avuto uno scopo ed un carattere eminentemente commemorativo mentre il secondo è stato il primo del ciclo (9) curato da fr Filippo Cucinotta che verte sul tema "Chi dite che io sia?".

Il ricco curriculum e le attuali attività svolte da fr Marcello Badalamenti ha fatto subito capire al non folto ma attento e preparato pubblico di trovarsi di fronte un relatore appassionato e competente. Capace con il suo fluido messaggio, corroborato da solidi riferimenti ai documenti ecclesiali (Concilio Vaticano II , papa Francesco) di delineare e trasmettere all'uditorio una viva, attuale e alta visione del Vangelo;

Questo slideshow richiede JavaScript.

del Vangelo

4Nov/180

Messina – «501° Riforma di Martin Lutero -“Comunità straniere a Messina tra etica protestante e spirito d’impresa”»

La Chiesa Valdese di Messina festeggia il 501° anniversario della Riforma luterana con l'incontro “Comunità straniere a Messina tra etica protestante e spirito d'impresa”.

. Questo il tema dell'incontro organizzato dalla Chiesa Valdese di Messina per festeggiare il 501° anniversario della Riforma di Martin Lutero. L'appuntamento è per mercoledì 31 ottobre alle 17 al tempio di via Laudamo 16.

Dopo l'introduzione della vicepresidente del Consiglio di Chiesa Elisabetta Raffa, aprirà i lavori la presidente Beatrice Grill. Subito dopo si entrerà nel vivo dell'incontro, con la relazione della professoressa Michela D'Angelo, esperta delle comunità straniere che si insediarono a Messina dalla fine del Settecento in poi, che descriverà il mondo imprenditoriale protestante a cavallo tra il XVIII e il XX secolo. Come di consueto, il pomeriggio si concluderà con un tè offerto ai presenti.

 

30Ott/180

Messina – BFMC «Un appuntamento per rinfrancare ed irrobustire lo spirito di servizio del cristiano»