CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

SAE- per una conversione Ecologica-«RIFIUTI ZERO»

Mentre ci si prodiga con molti altri per far fronte alle necessità degli abitanti della zona sud di Messina colpiti dal disastro alluvionale, noi portiamo avanti un nostro programma di sensibilizzazione sulle problematiche attinenti al vivere il proprio territorio in maniera sana e civile.

Sappiamo che questo pazzo mondo sta affogando tra i rifiuti di un esagerato e non intelligente consumismo. Venti anni fa a Basilea il movimento ecumenico europeo ha richiamato i cristiani al tema della salvaguardia del creato. E dal Duemila il patriarca ecumenico di Costantinopoli ha istituito la Giornata del creato da celebrarsi al primo settembre di ogni anno. Giornata divenuta oggi occasione comune di riflessione ecumenica. Lo scorso anno sociale l’Ass. culturale «Terra e Cielo», nella quale vi lavorano alcuni soci Sae, ha maturato un suo contributo sulla questione che soltanto una oculata decrescita del PIL renderà la vita migliore e quindi felice. Il contributo ha fatto bella mostra al Global Forum di Belem in Brasile. Conosciamo l’impegno ecumenico su questo argomento di Osare la pace per fede. E’ noto a tutti in questo campo l’impegno eroico di Alex Zanotelli e della Rete Lilliput. Anche questa Ass. Ecum. SAE di Messina ha promosso negli anni opera di sensibilizzazione sui temi del territorio, sulla viabilità cittadina, sulla gestione pubblica dell’acqua, sulle disgrazie che arrecherebbe l’eventuale costruzione del ponte sullo Stretto, ed altro.

«I differenti fenomeni di degrado ambientale e le calamità naturali ci richiamano l’urgenza del rispetto dovuto alla natura, recuperando e valorizzando, nella vita di ogni giorno, un corretto rapporto con l’ambiente». «L’ambiente naturale è dato da Dio per tutti, e il suo uso comporta una nostra personale responsabilità verso l’intera umanità, in particolare verso i poveri e le generazioni future» (Charitas in Veritate, 48). Per questo «a partire da questa consapevolezza» come cristiani consideriamo «le questioni legate all’ambiente e alla sua salvaguardia intimamente connesse con il tema dello sviluppo umano integrale» (ivi, 51).

Considerazioni appena accennate che ci hanno sollecitato a celebrare, anche se con ritardo, la Giornata del creato. A tale scopo abbiamo invitato il prof. Daniele Ialacqua ad aiutarci a imparare come possiamo procedere per ridurre i nostri bisogni di consumo e, conseguentemente, la quantità dei rifiuti.

CARMELO LABATE coordinatore SAE - "E.Cialla" - Messina

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page