Messina – 3ª parte «Alla riscoperta di “Massa San Nicola” una della quattro Masse del territorio messinese»

Masse-S_Nicola
Le quattro Masse – Castanea – Faro Sup. – Curcuraci
Massa-S_Nicola
Massa-S_Nicola

Massa San Nicola

una perla tra le ginestre

2006-IS_Minutoli-Massa San Nicola-001

– Massa San Nicola una perla tra le ginestre – Calendario 2006 

Riscopriamo attraverso il lavoro svolto dagli alunni della classe II C con la collaborazione degli allievi dell’I.T.G. “Minutoli”, il tributo alla riscoperta e alla rinascita di uno spaccato di storia messinese, …perché ciascuno di noi possa gelosamente custodire e valorizzare quel patrimonio culturale dentro il quale affondano le nostre radici. Il tutto è stato realizzato e rappresentato sotto forma di Calendario
Scuola Media Statale “Don Orione ” 3° Istituto Comprensivo – Messina Istituto Superiore ” G. Minutoli ” Sezione Geometri – Messina – ATO ME 3 S.p.A.

I primi tre mesi – Gennaio Febbraio e Marzo 2006I secondi tre mesi – Aprile Maggio e Giugno 2006

LUGLIO 2006

2006-IS_Minutoli-Massa San Nicola-07-Domenico_Federico
2006-IS_Minutoli-Massa San Nicola-07-Domenico_Federico

Le famiglie più agiate erano solite ” ndutare ” le figlie al momento del matrimonio con ricchi corredi lavorati a mano e con materassi ” i lana “. La lana veniva generalmente acquistata alla tosatura ancora sporca e durante l’estate veniva lavata nelle acque del torrente “Corsari“.

Le famiglie più povere che non avevano la possibilità di comprare la lana, riempivano i materassi dei futuri sposi con il crine o con foglie di pannocchie di mais.

Binidittu lu Dio chi ti criau

Binidittu lu Diu chi ti criau e la mammuzza chi ti parturiu, e lu patruzzu che ti ginirau, Iu compari chi a fonti ti tinui. Iu parrineddu chi ti vattiau e I’acqua cu lu sali ti mittiu, biniditta cu ‘ fu chi taddiavu ca t’ha ‘ddivatu pi’ l’amuri miu.

I proverbi del mese:

L’amuri è misuratu / Cu’ lu porta, l’havi purtatu.

‘Na rota è stu munnu cu’ nata e cu’ va’ a funnu.

La ricetta del mese: Pasta cu’ pisci spada e u jammareddu

‘Ngridienti: 500g. di pasta, 200g. di pisci spada. 20 g. di jammareddu, iOgr. Di burru, Vi biccheri di brendy, pitrusinu . agghiu, pipareddu, sali e ogghiu.

Priparazioni: ‘IngranCiari l’agghiu cu l’ogghiu e u burru, junciricci u pisci spada e i jammareddi e farli sujfrijri. Mittiticci u brendy e facitulu evapura- ri. ‘Napuriri cu ‘ pipared­du, pitrusinu e sali.

AGOSTO 2006

2006-IS_Minutoli-Massa San Nicola-08-Domenico_Federico
2006-IS_Minutoli-Massa San Nicola-08-Domenico_Federico

Nei tempi antichi la biancheria non veniva lavata in casa. Le donne si riunivano e. tutte insieme . si recavano al torrente per fare il bucato. I panni venivano sfregati su delle grosse pietre e insaponati con del sapone prodotto artigianalmente in casa. Per fare il sapone si usava olio deteriorato e altri componenti.

Dell’ottimo e profumato sapone di un tempo abbiamo recuperato la seguente ricetta: 6 litri di olio: 25 litri di acqua: 1 Kg. di soda: 500g. di pecereca.

Preparazione – P’ortare l’acqua ad ebollizione, aggiungere la pecereca, dopo un po’ la soda ed infine l’olio. Far bollire per circa 2 ore mescolando sempre nella stessa direzione. Quando il composto ” fila sul legno, si toglie dal fuoco e si mette nelle forme lasciandolo asciugare.

I proverbi del mese:

Cu’ troppu afferra cu la propria manu, cci sciddica ogni cosa, e nenti teni.

Mentri hai bon ventu Nevica cursaru.

La ricetta del mese: Spaghetti con le zucchine

Ingredienti: 500 g. di spaghetti: 600 g. di zucchine: 100 g. di pancetta: 1 cipolla: 200 g. di pomodori: 50 g. di pecorino, prezzemolo; basilico; olio

Preparazione: Rosolare nell’olio la pancetta tagliala a dadini e la cipolla affettata, poi unire i pomodori. A parte rosolare un po’ le zucchine tagliale a fette lunghe e sottili. Unirle al sugo e cuocere per 20 minuti Aggiungere alla fine il prezzemolo e il basilico tritati lessare la pasta e condirla con le zucchine, cospargendole di pecorino grattugiato

SETTEMBRE 2006

2006-IS_Minutoli-Massa San Nicola-09-Domenico_Federico-3
2006-IS_Minutoli-Massa San Nicola-09-Domenico_Federico-3

Nel territorio di Massa San Nicola è presente ora. come allora, la coltura del noce. L’albero che ha una lunghissima vita, produce ottimi frutti che maturano generalmente nei mesi di settembre – ottobre. Il frutto, che durante questo periodo si libera del mallo, può essere mangiato sia appena raccolto sia successivamente come frutta secca.

E’ usanza ancestrale, ornare le nostre tavole con frutta secca nel periodo natalizio. La noce verde, ancora tenera viene usata per preparare liquori come il ” Nocino”

I proverbi del mese:

Pi’ San Micheli la racina e commu u meli.

Cosi di picciriddi, pumma, mènnuli e nucidi

La ricetta del mese: Nocino

Ingredienti: 1 litro di alcool – 700g di zucchero – 1 noce moscata – 1 bustina di vaniglia – 50 g. di cannella – 15 chiodi di garofano – 13 noci tenere

Preparazione: frantumare a pezzetti le noci raccolte tenere almeno alla metà di giugno. 1 noce moscata e metterle nell’alcool insieme alla vaniglia, ai chiodi di garofano, alla cannella a pezzi e allo zucchero. Fare macerare il tutto, in un recipiente di vetro, esporre al sole e mescolare di tanto in tanto. Filtrare per dicembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.