Reggio Calabria – Non solo scienza «L’amore per l’Area dello Stretto e la sua Biodiversità marina»

 

2014_06_24-RC-VAZZANA-Biodiversità4-2013_10_10-13-PLA-NotteDellaLuna-10Martedì 24 Giugno 2014 ore 21.00

PLANETARIO Pythagoras via Salita Zerbi, 1 di Reggio Calabria

Dr. Angelo Vazzana *

Dir. Ass.-Museo di Biologia Marina e Paleontologia di Reggio Calabria

presenta

Biodiversità marina nell’Area dello Stretto

2013_08_14-VSG-PIALE-16CenaRioni-Angelo_Vazzana_Carlo_Franciò
Stretto di Messina –  VSG Piale Carlo Franciò  Angelo Vazzana

Angelo Vazzana dopo diversi anni di appassionati studi, ricerche sugli ambienti marini mediterranei in particolare approfondendo gli aspetti scientifici, geomorfologici, ecologici e i fenomeni naturali dellArea dello Stretto, illustra la Biodiversità marina nell’Area dello Stretto, documentando lo scenario naturalistico marino, posto centralmente nel Mediterraneo esaltando le peculiarità, i termini fisiografici, l’idrodinamismo, le condizioni geomorfologiche dello Stretto con la notevole Diversità biologica marina e degli ambienti che coesistono lungo le coste della Calabria e quelli che caratterizzano l’ Area dello Stretto. Tra passione per le attività subacquee e professionalità, l’Autore, con rigore scientifico ed esposizione divulgativa, definisce l’Unità fisiografica marina della Area dello Stretto, descrive il fenomeno delle correnti marine come “cuore pulsante” per la circolazione profonda e superficiale delle acque del Mediterraneo. Indica la Spiaggia degli Abissi tra Punta Pezzo e Cannitello (presso Villa San Giovanni) come 2013_08_14-VSG-PIALE--STRETTO_MESSINAun laboratorio naturale dove si concentra (sia il plancton che il necton), attraverso lo spiaggiamento della fauna profonda non solo del Mar Jonio e del Mar Tirreno ma anche dell’ intero Mediterraneo che a sua volta comprende degli apporti faunistici provenienti dall’Atlantico (v. facebook/Vazzana Angelo/Abyss Day 2014). Viene elencata e illustrata con proprie immagini in ambiente, la biodiversità degli ecosistemi le eccellenze o “hot spot” di biodiversità marina, quali i “coralli” nello Stretto, con i profondi coralli bianchi (CB), le foreste di colorate gorgonie. Cita e illustra la fauna marina aliena e degli Abissi, sempre rinvenuta in2013_08_14-VSG-PIALE-16CenaRioni quell’ area del Mediterraneo che è compresa nel Settore Biogeografico 4. Nessuna campagna oceanografica per quanto attrezzata o organizzata sarebbe in grado di riscontrare in Mediterraneo la centesima parte della fauna batipelagica e superficiale marina per quella che si può riscontrare, data la sua concentrazione periodica , sulla Spiaggia degli Abissi. Si può affermare che l’ autore ha voluto lasciare, con questa studio, una propria “eredità naturalistica” che si documenta concretamente nella collezione scientifica visibile nei locali dell’ Ass.-Museo di Biologia marina e Paleontologia di Reggio Calabria che aderisce al progetto delle Collezioni Naturalistiche nei Musei Scientifici Italiani (ANMS-Coll Map); sito www.museopaleomarino.org*= angelovazzana@tin.it

Alla presentazione, in anteprima, ci sarà una proiezione originale sugli ambienti marini dell’Area dello Stretto (30’).

Su FB: https://www.facebook.com/vazzana.angelo?fref=ufi “Biodiversità” al Planetario del 24/06/2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.