Reggio Calabria – PLA Pythagoras tra le Stelle aspettando…»

 

1-2014_01_06-PLA-BEFANA

Venerdì 3 gennaio 2014 ore 21.00 presso il Planetario provinciale Pythagoras di Reggio Calabria si è svolta, all’interno del ricco programma intitolato “Sotto le stelle di Natale”, iniziato il 16 dicembre 2013, che vedrà la conclusione il 6 gennaio 2014. la Conferenza pubblica:

“L’universo oscuro, il cielo che non ti aspetti!”

del Dott. Giovanni PalamaraAstrofisico ed esperto del PlanetarioSi è partiti dalla constatazione che negli ultimi decenni i progressi della scienza sembrano essere stati inarrestabili. E quindi si sono riproposte le universali domande quali “da dove veniamo?”, “chi siamo?” e “dove andiamo?” che trovano una prima risposta sempre più articolata negli studi di settore.

Siamo passati dall’immaginare una Terra piatta ed al centro di tutto, ad un globo piuttosto insignificante all’interno di un quadro sconfinato che è il nostro universo. – Nel secolo scorso, in particolare, il progresso di quella branca dell’astrofisica che va sotto il nome di cosmologia e che si occupa dell’origine e dell’evoluzione dell’universo, ha dato un significativo contributo al tentativo di risposta alla prima ed ultima domande esistenziali di cui sopra. – Eppure l’aver capito come si possa essere originato il nostro universo, averne stimato l’età, circa 14 miliardi di anni, la dinamica evolutiva, cioè la sua espansione a partire dalla singolarità del Big Bang, il processo di formazione delle strutture cosmiche che noi oggi osserviamo, quali le galassie e gli ammassi di galassie, ci consegnano un quadro apparentemente desolante: conosciamo solo il 5% di ciò che osserviamo!

Vista da un’altra prospettiva: ignoriamo in pratica il 95% del contenuto totale dell’universo!

Gli studi e le ricerche effettuate negli ultimi anni non fanno altro che confermare la presenza di due componenti di cui si ignora completamente la natura che, pertanto, vengono definite “oscure”: materia ed energia oscure, appunto! – Ma come si fa a ravvisare l’esistenza di queste componenti misteriose che rappresentano il vero rompicapo degli astrofisici moderni? – Cosa sta facendo la scienza moderna per cercare di risolvere questo ulteriore enigma?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.