Messina – «Studiare vuol dire avere la possibilità di acquisire la ricchezza di una libera coscienza»

2013_03_08-Feltri_Ponit-Paola_Rosà-172013_03_08-Feltri_Ponit-Paola_Rosà-01INCIPIT  – Iniziamo da un problema…aritmetico. Sinteticamente: la cura dei malati, degli handicappati… costa tanti marchi – con la stessa cifra si potrebbero costruire 7 belle villette. Pubblicità ingannevole ? Promesse da carton…gesso?(Anche nella film la Vita è bella di R Benigni, la maestra Giuliana Lojodice pone agli scolari un problema similare).

Un otto marzo 2013 bello e propositivo. Cornice ideale il Feltrinelli Point, dove grazie al patrocinio del Centro Europeo di Studi su Mito e Simbolo, presente il vicepresidente prof.re Giovanni Caola, è stato presentato il libro:

Willy Graf  – Con la Rosa Bianca Contro Hitler”

1-Rosà - Feltrinelli (1)

Ho trovato molto pertinente ed efficace l’approccio dell’autrice Paola Rosà nel descrivere, mediante un vibrante racconto, la Storia dei giovani studenti universitari, promotori del gruppo La Rosa Bianca. Infatti, ha più volte sottolineato, la loro 2013_03_08-Feltri_Ponit-Paola_Rosà-02grande dignità di uomini pensanti e la loro capacità di sottrarsi alla formazione di una scuola già plasmata a servizio della propaganda e della ‘cultura nazista. La loro giovane età, non ha impedito, come a tanti sapienti docenti, di vedere oltre l’uniformità di pensiero. Anzi hanno saputo aprire il cuore e la mente ad un sogno, prendendosi tutti i rischi che ciò comportava. Essi non hanno fatto uso di violenza. I loro mezzi di informazione erano solo i volantini (il faticoso ciclostile)  e la parola, sostenute dalla loro coerenza  per ribadire gli elementari diritti degli uomini. Questo sacro fuoco di libertà li porterà 2013_03_08-Feltri_Ponit-Paola_Rosà-25ad una sconvolgente morte, dopo solo 4 giorni dall’arresto, saranno ghigliottinati…

Si erano semplicemente chiesti come fosse possibile discriminare gli altri sull’errata convinzione di essere la razza perfetta (che non esiste), e di fare le leggi razziali(1935) per poter trucidare ed annientare interi popoli come gli Ebrei i Sinti i Rom e gli omosessuali…

2013_03_08-Feltri_Ponit-Paola_Rosà-07Ben presentata da Marina La Tocci, capace di enucleare con forti parole lo spirito di questo libro, che parla della Rosa Bianca. Aiutata da una breve sequenza di un film sulla Rosa Bianca, foto e slide di 2013_03_08-Feltri_Ponit-Paola_Rosà-30documenti recuperati e stato possibile, grazie all’eloquio dell’Autrice  non solo a seguire la cronaca puntuale delle vicende storiche, ma di immaginare i giovani fratelli Scholl e poi Willi Graf come persone reali pronte ad illustrare i loro sentimenti e pensieri. Una domanda, forse retorica a posteriore, che ci potremmo porre: e i Docenti? Con quale spirito e consapevolezza potevano proporre agli allievi quesiti aritmetici come quelli descritti nella foto?

La partecipazione dell’uditorio è stata intensa e propositiva. Giovani e più, allievi e docenti, hanno vissuto tramite l’Autrice 2013_03_08-Feltri_Ponit-Paola_Rosà-04la bellezza del porsi delle domande alle quali non sempre si devono dare risposte.

2013_03_08-Feltri_Ponit-Paola_Rosà-21Per fortuna i filmati della ripresa dell’Incontro consentono a chi lo voglia di ascoltare il bel racconto di questo libro. Da parte mia ringrazio sempre chi si occupa dei giovani per formarli e farli crescere come liberi cittadini. In questo caso invece abbiamo la testimonianza di giovani, maschio e femmina, che ‘hanno insegnato e insegnano ancora la strada da seguire per la civiltà della giustizia, libertà e democrazia a molti di noi, talvolta inutili e presuntuosi saccenti.

3 Comments on “Messina – «Studiare vuol dire avere la possibilità di acquisire la ricchezza di una libera coscienza»”

  1. Grazie per il bel servizio che hai reso all’iniziativa. Mi auguro che anche quanti non sono potuti venire abbiano la pazienza di vedere, ascoltare, riflettere e attualizzare ai tempi che politici ed economici che stiamo vivendo. Carmelo.

    1. Grazie per il bel servizio che hai reso all’iniziativa. Mi auguro che anche quanti non sono potuti venire abbiano la pazienza di vedere, ascoltare, riflettere e attualizzare ai tempi politici ed economici che stiamo vivendo. Carmelo.

Rispondi a Carmelo Labate Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.