Reggio Calabria — «Presentazione del Planetario Digistar »

Martedì 26 novembre 2019 – ore 17,00 Planetario Pythagoras

Presentazione del Planetario Digistar
“Il Cielo è più vicino”

Dott. Fabrizio Mazzucconi  – Prof. Piero Ranfagni  già Astronomi – Osservatorio Astronomico di Arcetri

Con la costruzione del Planetario, tra l’altro, per le dimensioni e bellezza del Geode esterno, oggi, uno dei più belli d’Europa, secondo solo a quello di Parigi, la Città Metropolitana di Reggio Calabria, la Calabria, è entrata nel numero di quelle città europee che possono usufruire di un
mezzo spettacolare ed efficace per l’insegnamento e la divulgazione delle discipline scientifiche, Astronomia in particolare.

Quindici anni dopo lo strumento ottico meccanico, che riproduce i moti apparenti della volta celeste, viene affiancato dal Planetario Digistar di ultima generazione, acquisito grazie al contributo della Regione Calabria, che possiede nuove funzioni ed effetti speciali, consentendo
allo spettatore di muoversi nel tempo e nello spazio. Infatti, la mappa in 3D permette di  curiosare tra nebulose, galassie e sistemi planetari consentendo a tutti di vivere il fascino  dell’Universo. Il nuovo strumento rappresenta un’opportunità di crescita per le categorie più
deboli e svantaggiate culturalmente, nonché un dispositivo didattico straordinario.

Se è vero, infatti, che la pratica “ripetitiva” resta uno strumento importante per  l’apprendimento, perché facilita il richiamo alla mente dei prerequisiti e l’aggiornamento delle conoscenze pregresse non si può disconoscere che l’affettività ed emozionalità hanno un enorme
valore nella dimensione cognitiva.

L’Astronomia favorisce questo approccio emotivo perché risponde a una profonda e antica  esigenza dello spirito umano quello che, fin dall’antichità, si è sviluppato sul rapporto Uomo-Cosmo.

Inoltre, i percorsi di apprendimento non formali, unitamente ai percorsi formali, consentono di  prevenire comportamenti, che sono spesso correlati con l’insuccesso scolastico, l’emarginazione,  la devianza, la disoccupazione. Una risposta complessiva e concreta al problema del recupero di questi ragazzi può venire dall’Astronomia e dall’utilizzo dei Planetari come luogo di incontro.
Non basta affidarsi all’informazione e alla dissuasione, ma è necessario ricercare spazi, tempi, contenuti, metodi e relazioni come risorse idonee a rafforzare le potenzialità positive dei ragazzi, per aiutarli a trovare la loro strada e a non disperdersi nel bosco di una società complessa,
sovente contraddittoria e disorientante. Per tutto questo la realizzazione di questa struttura è e sarà in futuro, la testimonianza più vera di quanto sia vincente investire nella scuola, nella cultura, risorse morali capaci di raccogliere e valorizzare, attraverso processi innovativi, assecondati da un impegno politico lungimirante, quanto di meglio di cultura, di intelligenza, di serietà, di attaccamento al proprio dovere si esprime, malgrado tutto, nella realtà calabrese.

Ore 17,00
Saluti istituzionali

Olimpiadi internazionali di Astronomia
“I nostri bronzi”

La Città Metropolitana premia:
Vittoria Altomonte IIS “Euclide”Bova Marina (RC)
Andrea CamaLiceo Scientifico “L. da Vinci” (RC)
Marco CarboneLiceo Scientifico “L. da Vinci” (RC)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.