Messina – «Saper prendere le distanze da tutto ciò che porta all’annullamento della nostra dignità e libertà di cittadini»

 

13 aprile 2018 Palacultura «Incontro con Giovanni Impastato»

Una vivo racconto che si trasforma in una lezione gioiosa per la gioventù, con la gioventù, insieme alla gioventù. I “nostri  giovani” ascoltano con attenzione, anche quello che si diletta col telefonino, il Racconto di Giovanni  Impastato il fratello di Peppino (09/05/1978). Allo stesso modo rimarranno impietriti quando Piero Campagna mimerà le 5 fucilate con cui è stata uccisa sui Peloritani la sua 17enne sorella Graziella (12/12/1985).

Animatrice e conduttrice dell’evento la giornalista Palmira Mancuso che ha saputo dare ritmo e continuità alla manifestazione, coinvolgendo tutti i presenti iniziando dai giovanissimi interlocutori.  Si inizia con il video racconto musicale dei “Cento Passi” divenuto ormai la straordinaria bandiera della ribellione alla mafia. I “100 PASSI” che ieri distanziavano , oggi uniscono la casa di Peppino ,Felicia e Giovanni  con quella di Gaetano Badalamenti. In questa atmosfera si sono alternati gli interventi dell’ass. Federico Alagna , del Sindaco Renato Accorinti  e quelli tanto attesi dei moltissimi giovani studenti che hanno molto apprezzato la possibilità di intervenire direttamente senza filtri. Presenti tra il pubblico degli STUDENTI, Docenti, Giornalisti, l’ass. Nina Santisi ed Autorità Civili e Militari.


Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *