Messina – « Un “Memorial” ricco di sport cultura ed umanità messinese »

giovedì 11 maggio 2017 alla Palestra Juvara  si è svolto l’evento che ha ricordato il Dr. Enrico Torri  “Protagonista dello Sport messinese – antesignano alfiere del signorile rispetto delle regole e dell’avversario.

Gli Under 18 rappresentano il presente futuro di ogni sport e della vita civile di una consolidata democrazia. Puntare sull’educazione, formazione, rispetto delle regole e dell’avversario; arricchisce il patrimonio sociale e culturale di intere generazioni. Questo è il vero senso dello sport a cui molti di noi dovrebbero volgere lo sguardo.

«1° Memorial  Enrico Torri»

Gli atleti delle tre squadre partecipanti al triangolare disputato alla “Juvara” tra la A.S.Pallavolo Messina, il CSI Milazzo e A.S.D. PALL. W.G. MORGAN BARCELLONA P.G., hanno dimostrato tangibilmente, quanto sopra espresso, dando vita ad uno spettacolo agonistico di tutto rispetto coadiuvati in questo da una terna arbitrale che si ben alternata nei tre ruoli di: 1° Arbitro, 2° arbitro e tavolo segnapunti. Significativo il loro comportamento durante l’Inno di Mameli… e il minuto di raccoglimento, prima dell’ultima gara, mentre venivano proiettate alcune foto d’epoca di Enrico Torri e dei suoi ragazzi, e nella finale premiazione.

Prima della quale, la figura di Enrico Torri ‘maestro e fondatore della Pallavolo Messina è stata brevemente ricordata da A. Zurro (presidente di Fipav Messina), da Franco De Francesco (ex atleti), da Luigi Guerrera, (socio fondatore Pallavolo Messina), e dal figlio Giulio a nome della famiglia. In conclusione A. Zurro ha consegnato una targa ricordo alla moglie di Enrico Torri.

Dal breve colloquio avuto con il presidente Giorgio Muscolino e il dirigente Pippo Famà, abbiamo tratto la convinzione che anche a Messina è possibile essere autenticamente sportivi. Sicuramente fanno parte di quei messinesi che si rimboccano le maniche per dare una mano per il futuro di questo appassionante sport.

“Menzione speciale” per tutta la Famiglia TORRI: moglie, figlio, figlie e nipoti, che hanno voluto, insieme a squadra e federazione questo «1° Memorial  Enrico Torri»

Questo slideshow richiede JavaScript.

LA STORIA DEL CLUB
L’Associazione sportiva PALLAVOLO MESSINA nasce nel 1974 grazie all’impegno e dalla passione di un gruppo di otto amici. Eredita il titolo dal glorioso Gruppo Sportivo dei Vigili del Fuoco ”D’Amico” che, raggiungendo importanti risultati tecnici ed agonistici negli anni ’60 e’70, aveva trasformato la Pallavolo nella nostra città da Sport ”pionieristico” ad attività sportiva di rilievo nazionale. In quel periodo si cominciava a prendere coscienza delle valenze tecniche e spettacolari della pallavolo e venivano disputati, con alterne fortune, campionati di serie B e di serie C, con formazioni costituite da atleti messinesi cresciuti nel nostro vivaio o provenienti dalla feconda e spumeggiante realtà pallavolistica locale.
Il gruppo dirigente ha portato avanti l’attività sportiva e sociale puntando sempre alla corretta gestione economica ed impiegando al meglio le effettive disponibilità di quel tempo, confrontandosi con un mondo della Pallavolo nazionale che era in rapida evoluzione grazie al contributo dei primi arrivi di tecnici e atleti stranieri.

Gli anni ’80 sono stati quelli in cui la Società ha impegnato al massimo le proprie risorse per effettuare il grande salto di qualità puntando alla serie A grazie anche all’inserimento in ambito societario di nuovi ed importanti soci che hanno dato un grande sostegno all’ambizioso programma. In questo periodo anche la Pallavolo Messina ha avuto l’opportunità di ingaggiare tecnici ed atleti provenienti da federazioni dell’Est europeo, tentando, con importanti investimenti economici e con il contributo delle nuove professionalità, di effettuare il salto di categoria. Sono state coinvolte ampie fasce di sportivi, riuscendo a far crescere le giovani leve dei vivai locali ed i cosiddetti atleti veterani.

Alla fine di questo ciclo la fortuna non ha assecondato tale iniziativa, il tentativo non è riuscito e, visto che i costi con l’andare del tempo erano divenuti insostenibili, in mancanza di sponsor, si è deciso di rimodulare gli obiettivi e la struttura societaria puntando principalmente alla realizzazione di un importante settore giovanile che doveva diventare il nucleo base per far ripartire, in prospettiva a medio termine, la fase per la conquista di importanti traguardi.

L’avvio di questa fase è stata difficile ma a partire dalla seconda metà degli anni ’90 la Società ha cominciato a raccogliere i primi frutti di tale lavoro coincidenti con il ritorno in serie B2 e di due importanti successi a livello giovanile: il titolo regionale Allievi (1998/99) e quello Under 20 (200/01).
L’A.S. Pallavolo Messina si propone nella stagione 2011/2012 l’obiettivo di consolidarsi nell’ambiente sportivo e mettere in modo in città un movimento pallavolistico in grado di potere coinvolgere anche la città, attraverso l’identificazione nella squadra. Al di là dei risultati sportivi nel campionato di B2, il club punta sempre ad aiutare i nostri giovani nella praticare dello sport e nella crescita fisica, in modo da consentire loro un agevole inserimento nella società civile e al contempo propagandare sempre di più al grande pubblico la Pallavolo come sport avvincente e spettacolare.
Vengono aperti tre centri minivolley in città e iniziano i progetti scolastici negli istituti comprensivi presenti nel territorio.
Il settore giovanile cresce notevolmente raggiungendo il numero di 200 tesserati.
Il 5 maggio 2012 la prima squadra conquista la storica promozione in B1, vincendo 24 partite sulle 26 totali disputate.
Il primo campionato di B1 si conclude con un lusinghiero quinto posto ad un passo dai play-off per la serie A2.
Nell’estate 2013 la FIPAV conferisce alla società giallorossa il marchio di qualità del settore giovanile e il riconoscimento di scuola Federale di Pallavolo.
Nell’estate 2014 la società decide di rinunciare al campionato di serie B1 per ripartire dalla serie C, vista la scarsa risposta da parte della città in termini di risorse economiche. Resta sempre forte la consapevolezza di proseguire il processo di crescita del proprio settore giovanile, iniziando così un nuovo ciclo di successi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.