CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

27Feb/170

Messina – «…A Barbiana la scuola era vita, e la vita era scuola, in un intreccio indipanabile.»

25Feb/170

Messina – «Mentre noi …camminiamo. Dio ci corre incontro!»

giovedì 23 febbraio 2017 - ore 18.00 - Chiesa “SS. Annunziata dei Catalani” - Messina

Cristianesimo e Islam per una Città plurale - dialoghi di conoscenza e riconoscimento reciproco - II° ciclo - 2° incontro tematico

«Autorità spirituale: fonti e prassi»

Relatori:  prof. Francesco BARONErappresentante della Comunità islamica di Catania, e S. E. Mons. Domenico MOGAVEROvescovo di Mazara del Vallo. Moderatore  prof. Andrea NUCITA, Comunità di S. Egidio.

Due relatori, due voci nitide e coinvolgenti un solo anelito di verità. Le facce del diamante sono tante e tutte splendenti. Anche il moderatore ha saputo rifrangere la luce della conoscenza e della comunione. Bisogna ascoltare con il cuore e vedere con gli occhi in fronte.

Presentazione Diacono Santino Tornesi  - Segno dell'incontro il "Bastone" a cura dei ragazzi del Servizio Civile Caritas coordinati da Chiara Pistorino. Preghiera iniziale Mohamed Refaat (presidente della Comunità Islamica) e Diacono Santino Tornesi

Qualche riepilogo e ricucitura del moderatore Nucita. L'autorità si esplica nel servizio e solo così diviene espressione massima dell'autorevolezza.  Le dispute tra Giovanni e Giacomo per stabilire chi dei due fosse il più importante... e aggiungo la madre che vuole per i figli il ...posto al sole, a sinistra e a destra del Verbo.

  • Un flash sulla nostra incapacità di essere misericordiosi. «Dice il Profeta, l'uomo cammina verso Dio - Dio corre verso l'uomo.» - « Il Padre vide il figlio da lontano e gli ... corse incontro...»

Per la valenza e attualità della testimonianza, riporto quasi interamente la premessa del vescovo Domenico MOGAVERO. Questa sua 'emozione ci conferma il compito specifico del Pastore che pasce, cura, aiuta e sostiene il suo gregge. Non sempre ciò si avvera...

«Vengo dall'emisfero occidentale ...avrei fatto prima ad arrivare a Tunisi che a Messina...in questa parte della Sicilia...in questa splendida Chiesa. Io sono stato molto indeciso sul taglio da dare al mio intervento anche perché sono reduce da una serie di emozioni particolari sono stato tre settimane fa in Senegal assieme ai vescovi del Nord Africa, la conferenza regionale dei Vescovi del nord Africa comprende i vescovi di Libia Algeria Tunisia e Marocco ( I vescovi libici, per le note vicende, non hanno potuto partecipare). Io partecipo regolarmente dal 2011
alle loro riunioni senza nessuna investitura ufficiale come vescovo della chiesa cattolica che si affaccia sul mediterraneo. L'incontro è avvenuto in un monastero benedettino distante 50 Km dalla capitale Dakar, e  sull'onda di quella emozione anziché dare un taglio giuridico preferisco farmi trascinare dall'onda dell'emozione, perché credo, che un tema così impegnativo, se affrontato in termini giuridici, rischia di farci inaridire di più il cuore e la mente e di non condurci al cuore del problema. Qual'è l'emozione che io ho vissuto adesso veniva richiamato il provvedimento del Re del Marocco a proposito della libertà di coscienza,...nei paesi arabi il punto discriminante e la differenza tra la libertà di coscienza e la libertà di culto. La libertà di coscienza è riconosciuta la libertà di culto .. dipende. In particolare la legislazione del Marocco ha depenalizzato ... il passaggio dall'Islam ad altre religioni. Qual'è l'emozione dalla quale io provengo: quello di veder in un paese come il Senegal una pacifica convivenza tra le diverse religioni, e se non fosse stato per le differenze di colore mi sarei sentito a casa a Mazara del Vallo dove la compresenza di cristiani ed islamici non costituisce problema ne dal punto di vista religioso ne dal punto di vista sociale. Siamo giunti già alla settima generazione. Io ho visto in Senegal comunità che non si ignorano e meno che mai si combattono in modo antagonistico... ho visto delle comunità che vivono una relazione umana, ho visto preti e vescovi in abito talare per le strade, ho saputo di Chiese che vengono costruite senza nessuna contrarietà e restrizione da parte dell'autorità civile. I vescovi siamo stati ricevuti dal capo dello stato musulmano attorno ad un tavolo senza troppe formalità di tipo trionfalistico presente il primo ministro, dialogo molto piano con interlocuzione e alla fine sono rimasto piuttosto sbalestrato perché il Presidente della Repubblica ha chiesto a noi vescovi di fare la preghiera conclusiva. Il Vescovo delegato per le attività inter-religiose,
sottolineava come la prima forma di relazione inter-religiosa fra Islam e cristianesimo sia la relazione tra le persone, diceva molto chiaramente non ci imbarchiamo in un dialogo dottrinale perché ci impelaghiamo senza arrivare da nessuna parte, costituiamo coltiviamo un a relazione umana che non ci faccia dimenticare le idee degli altri che ci faccia rispettare e stimare che ci renda presenti nei momenti importanti delle rispettive confessioni religiose, i musulmani partecipano alle feste principali della Chiesa cattolica così come i cattolici si rendono presenti nei momenti più significativi dell'esperienza religiosa islamica e tutto questo giova tantissimo a rendere il clima più vivibile e costruttivo... Ho raccontato questa emozionante esperienza perché dobbiamo smetterla di pensare che sia impossibile la coesistenza, la convivenza pacifica tra cattolici ed islamici ... ... è possibile oggi che noi sperimentiamo rapporti veri e belli, io conosco diversi Imam di varie parti dell'italia e vi assicuro che un'esperienza esaltante quella di potersi incontrare con persone che dal punto di vista religioso hanno una sensibilità e una finezza spirituale che ci fa proprio incontrare proprio perché riscontriamo nel nome dell'unico Dio nella fede che ci unisce incontriamo dei caratteri che ci aiutano ad andare avanti e a testimoniare a tutti che Dio non può essere nemico di nessuno che la fede non è qualcosa che in qualche modo diminuisce o attenta alla libertà delle persone e che è possibile incontrarsi tra persone che professano esperienze diverse senza doversi far necessariamente condizionare dal dubbio o dal pregiudizio o dal vezzo di doversi trattare per forza da nemici. Entro nel merito ...»

Il rappresentante della Comunità islamica di Catania, prof. Francesco BARONE, 2° relatore, dopo aver proclamato il segno distintivo "Nel nome di Dio clemente e misericordioso" con cui si iniziano tutte le azioni della vita quotidiana del credente e tenendolo ben presente nell'incontro con ogni persona. Manifestava il suo apprezzamento per il resoconto del vescovo Mogavero sulla esperienza fatta in Senegal considerata dai musulmani "terra benedetta per l'Islam". E subito sottolineava, l'indole quasi francescana di questo popolo, dotato di grande semplicità che manifesta grande gioia e gratitudine al Creatore per il dono della vita. Concorda, anche, sul fatto che il confronto dottrinale non è sempre la via ottimale per incontrarsi. Il Profeta, nel Corano, era solito dire, seguendo Allah, quando discutete con i cristiani, poneva già la questione del dialogo interconfessionale, fatelo nel migliore dei modi, con le più belle maniere  e venite ad una parola comune tra di voi, cioè non andate a cercare gli elementi che dividono dietro i quali c'è un disegno divino che non spetta all'uomo scrutare, ma cercate piuttosto quello che avete in comune, quello che ci unisce e certamente il legame con Dio. Il Corano ripete più volte il vostro Dio e il nostro Dio è un unico Dio non solo comprensione con i cristiani invitandoli a cercare insieme ciò che unisce le due religioni. ... E' lo stesso Dio che si offre con economie di salvezza diverse , con dei modi diversi ma perché Dio ama evidentemente la diversità e quindi sicuramente può permettersi questo lusso di rivelarsi agli uomini in modi diversi poi sta al cuore seguirlo secondo i moti che esso detta  L'incontro avviene nel comportamento la religione deve formare il carattere...

NOTE - prof. Francesco BARONE, dottore in Storia medievale, cultore della materia presso l’Università degli Studi di Catania per gli
insegnamenti di Archeologia medievale e Storia degli insediamenti medievali, rappresentante della Comunità islamica di Catania, e S. E. Mons. Domenico MOGAVERO, vescovo di Mazara del Vallo, dottore in diritto canonico ha ricoperto molteplici incarichi presso la CEI, dal 2007 al 2010 è stato Presidente del Consiglio per gli Affari Giuridici. A tutt'oggi è vescovo delegato per la Carità e per le Migrazioni della Conferenza Episcopale Siciliana.
prof. Andrea NUCITA, ricercatore presso l’Università degli Studi di Messina e membro della Comunità di S. Egidio.

* ** La Comunità Islamica di Messina e l’Arcidiocesi di Messina Lipari Santa Lucia del Mela, rappresentata da Consulta delle Aggregazioni laicali, Caritas, Ufficio Migrantes e Ufficio per il Dialogo interreligioso, a seguito della positiva esperienza del precedente ciclo 2016, ripropongono per il 2017 cinque incontri a tema, con lo scopo di continuare e progredire nella conoscenza, nel riconoscimento reciproco e nella convivenza pacifica. Nella consapevolezza che la comprensione delle reciproche affinità e differenze aiuti a stabilire un clima di maggiore dialogo e serenità per la realizzazione di una Città plurale.

22Feb/170

Reggio Calabria – PLA «Tutti insieme per risparmiare energia e avere stili di vita sostenibili»

22Feb/170

Reggio Calabria – «Le isole Eolie teatro delle rivalse di Anna Magnani …»

18Feb/170

Messina – 2 «Per progredire nella conoscenza, nel riconoscimento reciproco e nella convivenza pacifica.»

Secondo appuntamento giovedì 23 febbraio 2017  ore 18.00, presso la chiesa “SS. Annunziata dei Catalani”. Il tema di questo secondo incontro sarà: Autorità spirituale, fonti e prassi. I due relatori saranno il prof. Francesco BARONE, dottore in Storia medievale, cultore della materia presso l’Università degli Studi di Catania per gli insegnamenti di Archeologia medievale e Storia degli insediamenti medievali, rappresentante della Comunità islamica di Catania, e S. E. Mons. Domenico MOGAVEROvescovo di Mazara del Vallo, dottore in diritto canonico ha ricoperto molteplici incarichi presso la CEI, dal 2007 al 2010 è stato Presidente del Consiglio per gli Affari Giuridici. A tutt’oggi è vescovo delegato per la Carità e per le Migrazioni della Conferenza Episcopale
Siciliana.
A moderare l’incontro sarà il prof. Andrea NUCITA,  ricercatore presso l’Università degli Studi di Messina e membro della Comunità di S. Egidio.
Per informazioni: diacono Santino TORNESI cell. 338.2017995; fax 090.6684212; e-mail: migrantes.me@alice.it

18Feb/170

Messina – «Camminare insieme nell’approfondimento e nella riflessione della Lettera di Giacomo»

14Feb/170

Messina – Biblioteca F.M.C. «…dopo il successo del primo incontro su Bertrand Russell…»

10Feb/170

Messina – «La preghiera come fonte iniziale di ogni “Impegno” personale e comunitario»

08 febbraio 2017  - S. Caterina Vergine e Martire

GIORNATA INTERNAZIONALE DI PREGHIERA E RIFLESSIONE
CONTRO LA TRATTA DI PERSONE

«SONO BAMBINI! NON SCHIAVI!»

- Veglia di preghiera -

«Quando ci si raccoglie nella preghiera personale, non sempre si ha la consapevolezza di immergersi nella dimensione più alta di spiritualità. Ma quando è una Comunità a farlo allora si è certi che la preghiera sale a Dio come lode e ringraziamento in special modo quando si tratta dei più piccoli ed indifesi titolari della dignità umana.»

Mons Tanino Tripodo, che ha presieduto questa veglia, consapevole del proemio della Gaudium et Spes - "Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d'oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla Vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore". ha fatto risuonare, nelle parole finali, la nostra impotenza di fronte al dolore e la speranza di bambini, bambine e adolescenti trafficati e ai loro numeri spaventosamente alti e si chiedeva che cosa possiamo fare... che cosa noi concretamente possiamo fare...

Le suore insieme ai laici hanno animato i diversi momenti di preghiera. Toccanti i filmati che hanno evidenziato immagini che non avremmo voluto vedere ma che sono parte della vita quotidiani di questi fratelli più piccoli ed indifesi.

La veglia, dopo la preghiera finale, si è conclusa con le parole di commiato del diacono Santino Tornesi (Ufficio Migrantes) che insieme all'USMI, e alla Caritas Diocesana l'anno voluta e preparata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per chi volesse approfondire ...

7Feb/170

Messina – «…facciamo sentire il loro grido nel mondo e ricordiamoci che questi piccoli sono bambini non schiavi!»

mercoledì 8 febbraio 2017 -  ore 19.00“S. Caterina Vergine e Martire” - via Garibaldi 

Veglia di preghiera

promossa dalle religiose dell’USMI, dall’Ufficio diocesano Migrantes e dalla Caritas diocesana. 

III Giornata Mondiale di Preghiera
contro la Tratta di persone 2017

Sono Bambini! Non schiavi!

Il grido di milioni di piccoli contro la loro tratta nel mondo

L’evento, che viene celebrato nel giorno in cui si ricorda la Memoria liturgica di Santa Bakhita, che conobbe nella sua vita le sofferenze della schiavitù, è promosso dalle religiose dell’USMI, dall’Ufficio diocesano Migrantes e dalla Caritas diocesana.

Ogni due minuti, una bambina o bambino è vittima dello sfruttamento sessuale. Nel mondo, più di 200 milioni di minori lavorano, di cui 73 milioni hanno meno di 10 anni. Di questi piccoli, ogni anno ne muoiono 22 mila a causa di incidenti di lavoro. Negli ultimi trent’anni, si calcola che sono stati circa 30 milioni i bambini coinvolti nella tratta.
Parte da questi drammatici dati la Terza Giornata Mondiale e avrà come filo conduttore proprio il tema “Sono bambini! Non schiavi”

Nel mondo la percentuale di bambini tra le vittime della tratta è in crescita. Secondo gli ultimi dati ufficiali delle Nazioni Unite, una vittima su tre è un minore. L’Africa con il 68% di vittime, è purtroppo il continente con le percentuali più alte. Nel mondo i piccoli sono trafficati per sfruttamento sessuale, servitù domestica, matrimoni forzati, adozioni illegali, lavori forzati, traffico di organi, accattonaggio, pratiche criminali, stregoneria, pratiche criminali (bambini soldato, traffico di droga).

Per questa ragione è urgente il bisogno di far sentire il loro grido nel mondo e ricordare a tutti che questi piccoli sono bambini non schiavi!

Per informazioni: diac. Santino TORNESI - migrantes.me@alice.it - cell. 338.2017995

1Feb/170

Messina – LAP – «Visita al MUSEO REGIONALE DI MESSINA»

1Feb/170

Messina -Biblioteca FMC-Intervolumina-Calendario 2017 -«Essenza e non-Essenza del cristianesimo…»

1Feb/170

Palermo – «Non perdiamo la speranza a causa dei nostri limiti, ma ricominciamo la ricerca …»

Facoltà Teologica di Sicilia - X Giornata di Catechetica - Forum

17 marzo 2017  - Aula Magna - Facoltà Teologica di Sicilia Palermo

«Nulla è più esigente dell'amore»

«Non perdiamo la speranza a causa dei nostri limiti, ma neppure rinunciamo a cercare la pienezza di amore e di comunione che ci è stata promessa.™ (al sa)

Sezione Mattutina 9,00 - 13,00

Saluto del Gran Cancelliere S.E.R. Mons. Corrado LOREFICE

Saluto del preside Francesco LOMANTO

Modera Giuseppe TRAPANIIntroduce Giuseppe ALCAMO

2013_02_22-Palermo-PFTS-CCCxCHIESA-11IN RICERCA

Dall'altro, con l'altro, per l'altro: valorizzazione della differenza nell'esperienza familiare. - Massimo NARO - Facoltà Teologica di Sicilia

Coscienza e discernimento morale: quale orizzonte e quale normatività?Antonio PARISI - Facoltà Teologica di Sicilia

IN DIALOGO

I legami familiari e il discernimento personale e comunitarioCalogero CERAMI - Facoltà Teologica di Sicilia

Antonio MASTRANTUONO - Pontificia Università Lateranense - Giuseppina D’ADDELFIO - Università Statale Palermo

2013_02_22-Palermo-PFTS-CCCxCHIESA-12Sezione pomeridiana 15,00 - 18,30

MEDITANDO

Sapienzialità matrimoniale e familiareGiuseppe BONFRATE - Pontificia Università Gregoriana

La catechesi sull'amore in 1 Cor 13,1-13Giuseppe ALCAMO - Facoltà Teologica di Sicilia

2013_02_22-Palermo-PFTS-CCCxCHIESA-10NEL CONFRONTO

Maturare verso l’amore coniugale: l'esperienza dell'associazione "Oasi Cana" - I coniugi Piera Di Maria e Antonio Adorno - Responsabili "Oasi Cana"

La fragilità è di "casa” nella famiglia: l'esperienza di Casa famiglia "Rosetta" - Vincenzo Sorce - Fondatore Caso Famiglia "Rosetta"

La X Giornata di studio di Catechetica. nello stile del Forum, vuole mettere in evidenza che le esigenze dell'amore coniugale e familiare sono date innanzitutto dallo stesso amore. Così come la ricompensa all'amore è l'amore, la radicalità dell'amore è insita alla natura stessa dell'amore, è l'amore che "obbliga" ad amare.

Il Forum prevede un intreccio fecondo tra riflessioni teologico-pastorali, spiritualità ed esperienze in atto. Scopo del Forum è quello di fare emergere la peculiarità dell'esortazione Amoris laetitia, che offre la dottrina sul sacramento del matrimonio come frutto di una Tradizione vivente, che si rinnova sempre nel confronto con la Scrittura e con i soggetti di ogni cultura e tempo. Non a caso, papa Francesco riconosce anche per la famiglia una identità poliedrica, in cui la realtà è superiore all'idea.

Destinatari

Alunni del II ciclo della Facoltà Teologica di Sicilia, Docenti di Religione Cattolica, Direttori degli Uffici Catechistici Diocesani, Catechisti, Presbiteri, Religiosi/e, Cultori di Catechetica

Sede Aula Magna - Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia "San Giovanni Evangelista" in via Vittorio Emanuele 463 - Palermo

La giornata di studio è riconosciuta dall’Ufficio Regionale Scolastico della Sicilia come corso di aggiornamento dei docenti delle scuole statali paritarie.