CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

31Mag/160

Messina – «Il pisano Galileo Galilei: fisico filosofo astronomo matematico…’radice del metodo scientifico»

2016_06_07-Intervolumina-Rileggendo_GALILEI

30Mag/160

Messina – «Vincenzo e Rosario, gioia e dolore. Due messinesi di gran classe»

2016_05_27-Mimmo-Blog-Nibali

di Domenico Franciò

Grande uomo, grande campione

«Abbiamo assistito per televisione alla formidabile prova che Vincenzo Nibali, il grande campione messinese che si divide tra Sicilia e Toscana, ha dato dopo tanti incidenti che l’avevano portato al punto di abbandonare la corsa. Ma, come ben sappiamo, l’uomo, l’uomo vero, forte, autentico si vede nelle difficoltà. Queste difficoltà, oggi, 27 maggio 2016, Nibali, con una gara giudiziosa di altissimo livello tecnico in cui ha dato tutto se stesso fino allo stremo delle forze, s’è non solo aggiudicata la tappa ma ha ridotto a soli 44 secondi il distacco dalla maglia rosa. E domani con un’altra impresa delle sue – tocchiamo ferro – potrebbe vincere tappa e giro d’Italia.
Le telecamere lo hanno inquadrato alla fine della corsa, con il petto scosso da singhiozzi irrefrenabili quanto salvifici, e i suoi amici che cercavano di confortarlo. Il ciclismo è lo sport più massacrante che ci sia. Sì, puoi contare sull’apporto e sull’aiuto dei compagni, ma, al momento di attaccare per rosicchiare minuti su minuti agli avversari, sei solo, spaventosamente solo, con la tua voglia matta di vincere e perfino, se possibile, stravincere.
Il suo pianto tradiva però un immenso dolore: a Sant’Agata, sul litorale messinese, era accaduta una terribile disgrazia che aveva stroncato la vita di Rosario, un bambino falciato da un camion della spazzatura mentre correva in bicicletta. Certo, non lo si è fatto apposta – ci mancherebbe – e con ogni probabilità l’autista sarà il primo a piangere la malasorte (δυστυχία) di quel bambino; che – a detta dei competenti – aveva la stoffa del campioncino.
E dunque la nostra idea è questa: che il buon Vincenzino domani, pensando al giovanissimo amico scomparso in modo così drammatico, voglia ripetere la bellissima performance di oggi, per dedicargli vittoria di tappa e giro. Dai Vincenzino, sei tutti noi! Noi tutti siamo con te per godere insieme una vittoria che è non solo sportiva, ma è la vittoria del bene sul male.»
Domenico e Marcello Franciò

P.S. - Noi solo questo possiamo fare di fronte all'incredibile tragedia che ha gettato nel più profondo dei dolori genitori e i parenti del bambino, unirci nella preghiera, affinché Iddio li salvi dalla disperazione inconsolabile, e confidare, soprattutto, nella imperscrutabilità della Divina Provvidenza. E non dimentichiamo quei bellissimi versi manzoniani esprimenti la solidarietà e la condivisione del Signore su Napoleone moribondo: «il Dio che atterra e suscita, / che affanna e che consola, / sulla deserta coltrice / accanto a lui posò»

http://domenicofrancio.blogspot.it/

30Mag/160

Terme Vigliatore – LAP «Un riconoscimento ad una Comunità custode rispettosa dei territori e della buona promozione turistica»

2016_06_02-LAP-Vigliatore

27Mag/160

Reggio Calabria – «Tre diverse minoranze: Albanesi – Greci – Valdesi. Tre belle storie da condividere»

locandina 27 maggio 2016Venerdì 27 maggio 2016 ore 21.00Planetario Provinciale Pythagoras di Reggio Calabria Incontro:

"MINORANZE ETNICHE E RELIGIOSE IN CALABRIA E NORMATIVE DI TUTELA"

Dott. Felice Delfino (Docente di Religione) - Dott. Franco Tuscano (Greci di Calabria) - Dott. Rosario Confessore (Chiesa Valdese)

«Questa sera, venerdì 27 maggio ore 21.00, presso il Planetario provinciale Pythagoras si parlerà di “Minoranze etniche e linguistiche e religiose in Calabria e normative di tutela” con la presenza di tre relatori: il Dott. Felice Delfino (Docente di Religione), il Dott. Franco Tuscano (studioso di lingua e cultura greco-calabra e Presidente Ass. Cult. Ellenofona "Paleo Cosmo"), il dott. Rosario Confessore (Pastore della Chiesa Valdese).

Felice Delfino parlerà degli Albanesi in Calabria. Ripercorrerà un lungo viaggio che ha come punto di partenza il xv secolo, in cui i gruppi albanesi a seguito degli Epiroti e del condottiero Giorgio Castriota detto Scanderbeg, eroe nazionale, si diramarono in punti disparati del territorio calabrese.
Il relatore traccerà i caratteri generali della storia albanese nei suoi punti salienti aventi come modello lo stesso Scanderbeg, in quei valori di libertà e autonomia che ontologicamente sono parte costitutiva dell’essere albanese. Nel corso degli insediamenti questi italo-albanesi hanno conservato, nelle loro forme originali, i costumi, le tradizioni e i tipici tratti linguistici Arbëreshë che sono assimilabili al Tosco, una variante della lingua Skip, l’albanese.
Oggi la bandiera a con l’aquila bicefala che sventola nei cieli di Tirana e delle altre città albanesi è il simbolo che incarna i valori di un percorso non ancora pienamente completato.
Recita un antico detto albanese: Un popolo incatenatelo, spogliatelo, tappategli la bocca è ancora libero. Toglietegli il lavoro, il passaporto, la tavola dove mangia, il letto dove dorme, è ancora ricco. Un popolo diventa povero e servo quando viene privato della lingua dei loro antichi padri: allora è perso per sempre.”
Perciò questo popolo non scomparirà mai perché l’identità Arbëreshë vivrà per sempre.

Il dott. Franco Tuscano parlerà dei Greci di Calabria da un punto di vista diacronico, cioè relativamente alla dimensione temporale del fenomeno linguistico, culturale e sociale, menzionando tutte le fasi più importanti relativi alla storia ed alla cultura della Calabria greca fino ai nostri giorni. Il relatore argomenterà anche di Area Grecanica e del suo cuore pulsante che è la Bovesìa in cui tuttora si parla la lingua di Omero e accennerà alle leggi di tutela delle minoranze storiche presenti in Calabria ed in Italia.

Il dott. Rosario Confessore parlerà dei Valdesi che rappresentano una significativa minoranza nel nostro paese che da sempre ha inteso partecipare attivamente alla vita del paese nel quale vivono, impegnati nella predicazione del vangelo e nella costruzione di una società più giusta ed umana.
Il relatore dibatterà sui Valdesi oggi e sui contrassegni della loro l'identità.
Spesso li si identifica a partire da una particolare parlata occitana, riconoscendoli con propri usi e costumi folcloristici; ma i valdesi sono anche un “Popolo-chiesa”, una realtà confessionale che testimonia l'Evangelo, la Parola di Dio e insieme lotta per la laicità dello Stato, per i diritti civili e per la libertà di tutti, anche di chi non crede.

A conclusione della conversazione, verrà illustrato il cielo stellato al Planetario a cura dello Staff.
Le attività si inseriscono nell'interno degli Stati generali della Cultura reggina promossi dall’Amministrazione Provinciale.

 

26Mag/160

Messina – SAE « Riflettere tutti insieme sulla interconnessione e riconciliazione con la TERRA»

Buddista-003

19 maggio 2016  - Biblioteca Provinciale dei Frati Cappuccini

Incontri del SAE

« CURA DELLA CASA COMUNE -  Incontro col monaco buddista tibetano»

Il 19 maggio scorso è stato ospite del SAE presso la Biblioteca Provinciale dei Frati Cappuccini il ven. Thupten Tharpa (Osvaldo), del monastero di Lhungtok Choekhorling (in Toscana), invitato a presentare il punto di vista del buddhismo sul tema della CURA DELLA CASA COMUNE.

Doppio lo scopo dell’incontro: iscrivere la «Laudato si’» entro l’ampio orizzonte al quale lo stesso Papa Francesco fa riferimento quando ricorda che anche altre religioni «hanno sviluppato una profonda preoccupazione e una preziosa riflessione su questi temi che stanno a cuore a tutti noi»; riaccendere l’entusiasmo che si è creato al momento della pubblicazione della «Laudato si’» e che ultimamente, come ha rilevato Carmelo Labate nella sua introduzione, appare pericolosamente affievolito.
Buddista-01Mettendo preliminarmente e provocatoriamente in discussione il titolo stesso dell’incontro ed escludendo che esista una visione propriamente buddhista del tema, il ven. Osvaldo ha richiamato le tappe più significative di un percorso comune che dall'etica razionalista di Hans Jonas (Il principio di responsabilità, 1979), passando per la «nuova innocenza» di Raimon Panikkar (1998) e per le prese di posizione di Bartolomeo e dello stesso Dalai Lama, conduce alla «Laudato si’».
Il sentimento dell’interconnessione, il necessario recupero dell’unità a fronte della parcellizzazione, la compassione come timone che determina e orienta il nostro agire, l’assunzione di responsabilità e la necessità sempre più urgente di passare dal piano della parola a quello dell’azione sono stati i poli ricorrenti della sua conversazione.
Tra gli interventi seguiti alla relazione, quello di fratel Mario Albano, appassionato curatore della casa comune al Forte San Jachiddu e instancabile suscitatore di occasioni di riconciliazione con la Terra (come la festa del Solstizio d’estate che ha avuto luogo lo scorso anno). Un po’ di delusione per coloro che, attraverso questo incontro, contavano di familiarizzarsi con le coordinate della tradizione e della spiritualità buddhista: ma l’appuntamento è solo rinviato. (Simonetta Micale)

26Mag/160

Bova Marina – «Interrogarsi oggi … sul controverso periodo degli “anni ’70″»

loc3_001

25Mag/160

Palermo – «L’Albero Falcone è sempre più Giovane… e darà ancora molti frutti – Una imperterrita continuità di Impegno dei Giovani di tutte le età…

  • IMG_0825Come non esserci! Il BLOG è proprio nato per la condivisione dei valori di conoscenza fraternità accoglienza senso umile di appartenenza alla grande umana Famiglia. Per questo evidenzio e condivido le emozioni di un inatteso colloquio, avvenuto sotto l'Albero Falcone. E' nella vita quotidiana, nei piccoli passi che si svolge l'azione per l'amore della verità e la giustizia, per l'onestà e il bene comune. La Sicilia ha ancora, Figli del Popolo, dotati di grande umanità e professionalità."

IMG_0830Dopo aver ricordato i nomi dei Martiri Innocenti di mafia:

Giovanni Falcone  Francesca Morvillo Antonio Montinaro  Rocco Di Cillo Vito Montinari  - Paolo Borsellino Agostino Catalano  Emanuela Loi  Vincenzo Li Muli Walter Eddie Cosina e Claudio Traina 

nominati, come da tradizione, dal Presidente Pietro Grasso, prima dell'ascolto del 'Silenzio di ordinanza

Poi la foto dei giovani che mi hanno aiutato nella ripresa del filmato, a Loro l'augurio di vivere la vita con la stessa passione che li ha portati a Palermo a testimoniare il futuro ...

Questo slideshow richiede JavaScript.

25Mag/16Off

Giro dei 2 mari con Marzia, pedalata cicloturistica nel weekend del 9 giugno

Marzia Raineri è una ragazza siciliana di 25 anni amante dello sport, del sole, del mare e della vita all'aria aperta, come molti suoi coetanei, eppure a differenza di tanti altri, la vita non le ha dato la possibilità e gli strumenti per realizzare tutto ciò che vorrebbe.

Marzia è limitata nei movimenti e, cosa peggiore, non può parlare! Lei però ha trasformato questo limite in un punto di forza, creando intorno a lei, grazie soprattutto al papà, Gianni, grande aggregazione ed eventi sportivi e ludici per i giovani.

Marzia Raineri

Marzia Raineri

Degno coronamento di un percorso all'insegna della vita attiva e della voglia di stare insieme, che negli anni ha permesso a tanti giovani di trovarsi insieme e condividere la passione per lo sport, specialmente il ciclismo, nonché punto di partenza per tante altre iniziative, sarà il Giro Dei Due Mari Con Marzia.

L'evento, organizzato dalla Cicloturistica Castanea, in collaborazione e con il patrocinio dell'ACSI, partirà da Messina ed arricchirà le proprie fila attraverso l'incontro è la condivisione di una parte del percorso con le associazioni ciclistiche locali.

Il percorso del giro dei 2 mari con Marzia

Il percorso del giro dei 2 mari con Marzia

La prima parte del percorso riguarderà la riviera Jonica, la seconda vedrà la squadra impegnata nel l'attraversamento dei monti, che culminerà con il valico del passo Sella Mandrazzi.Durante la terza e ultima giornata, a giusta chiusura del "Giro dei due mari", dopo il passaggio per Tindari, i partecipanti arriveranno nuovamente a Messina, sede designata per la cerimonia di chiusura dell'evento, che ha propri lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica per quanto l'argomento delle necessità dei disabili ed il tema delle barriere architettoniche.

Il sito della manifestazione: http://www.girodeiduemariconmarzia.it/

25Mag/160

Messina – IS Minutoli – sez. agr. Pietro Cuppari – Esempio i vera accogliente Comunità»

NOTA BLOG - Sono lieto e orgoglioso come ex docente, di poter ospitare nel Blog una sapiente realizzazione di integrazione, fortemente voluta dall'attuale Dirigente scolastico del Minutoli, dott. Pietro Giovanni La Tona e realizzata dal prof Angelo Venuti insieme agli altri Docenti del Cuppari

«I RAGAZZI DI CASA AMHED»

«Laboratorio formativo, organizzati a moduli autonomi a difficoltà crescente,  durata di almeno 50 ore  e saranno focalizzati sull'apprendimento di un mestiere definito e del quale esista una reale domanda da parte del mercato del lavoro. In particolare verrà svolta una formazione di base in aula sul concetto di agricoltura e propagazione delle piante e una formazione sul campo relativa alla preparazione di talee, potature, innesti.
I Laboratori saranno organizzati su turni mattutini giornalieri della durata di 4 ore per volta consecutive per un numero massimo di 10 minori a classe. I Laboratori si svolgeranno presso i locali dell’Istituto agrario Cuppari e saranno tenuti da personale docente dell’Istituto Cuppari

24Mag/160

Reggio Calabria – «Albert Einstein e le onde gravitazionali, ‘increspature’ dello spazio-tempo»

24 maggio caraveoMartedì 24 maggio 2016 ore 21.00Planetario Provinciale Pythagoras di Reggio Calabria
Conferenza pubblica:

TRAVOLTI DA UN'ONDA... GRAVITAZIONALE

Prof.ssa PATRIZIA CARAVEO
Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano

Non poteva mancare, all'interno del programma di diffusione della cultura scientifica messo in atto dal Planetario Provinciale Pythagoras, un incontro dedicato alla scoperta del secolo: le onde gravitazionali.
A trattare l’argomento è stata invitata la Prof.ssa Partrizia Caraveo, direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano.
Stasera, martedì 24 maggio, alle ore 21.00 nei locali del Planetario di Reggio Calabria, in via salita Zerbi, la prof.ssa Caraveo illustrerà questa grande scoperta.
Le onde gravitazionali cambiano profondamente la storia della fisica e dell’astrofisica e soprattutto il modo con cui indaghiamo i misteri dell’universo.
Sono passati cento anni da quando Albert Einstein formulò la Teoria della Relatività Generale, teoria che prevedeva anche l’esistenza delle onde gravitazionali, ‘increspature’ dello spazio-tempo prodotte da fenomeni cosmici molto violenti. Einstein aveva pensato che non sarebbero mai state osservate, immaginava che le loro eteree armonie fossero destinate a rimanere inascoltate per l’eternità.
Non ha avuto la pazienza di aspettare 1,3 miliardi di anni il grande scienziato.
Ma come venne in mente al buon Albert di formulare tale teoria e, soprattutto, cosa direbbe alla luce dei risultati giunti oggi da LIGO (Advanced Laser Interferometer Gravitational Wave)?
Probabilmente commenterebbe la scoperta delle onde gravitazionali così come fece nel 1919, quando le misure fatte durante l’eclissi totale di Sole confermarono che la gravità curvava la luce delle stelle.
Einstein prese la notizia con noncuranza. “Sapevo già - disse ai suoi collaboratori - che la teoria era giusta”.
Ma cosa avrebbe fatto, gli chiesero i collaboratori, se gli esperimenti avessero dimostrato che era sbagliata? “In quel caso mi sarebbe dispiaciuto per il buon Dio; la teoria è giusta”- disse.
Non essendo semplice avere risposte da Einstein ci penserà la prof.ssa Patrizia Caraveo, nel suo intervento, a darcele.
Dopo la conferenza, se le condizioni meteorologiche lo consentiranno, sarà possibile osservare i pianeti Marte e Giove con gli strumenti.
Le attività sono inserite all'interno del programma degli Stati Generali della Cultura Reggina 2016 promossi dall’Amministrazione Provinciale.

24 maggio caraveo

22Mag/160

Messina – «Un Riconoscimento corale – Si impara molto quando al primo posto c’è il Dio di Abramo, di Isacco di Giacobbe»

locandinaIMG_0656giovedì 19 maggio 2016 - ore 18.00 -  Chiesa “SS. Annunziata dei Catalani” - Messina

Cristianesimo e Islam per una Città plurale
- dialoghi di conoscenza e riconoscimento reciproco

Superate le più ottimistiche previsioni della vigilia nel raggiungimento dei traguardi di conoscenza e riconoscimento reciproco. tra la Comunità Islamica di Messina e l’Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela, formata dal Team: Consulta delle Aggregazioni laicali, Ufficio diocesano Migrantes e Ufficio per il Dialogo interreligioso,

IMG_0663IMG_0660Questo progetto che si è sviluppato su cinque incontri a tema,  sono stati non solo, occasioni di conoscenza e riconoscimento reciproco, e di superamento del clima di diffidenza caratterizzante spesso i rapporti tra cristiani e musulmani nelle nostre realtà. Ma si è toccato con mano, che il cammino intrapreso, in tempi più o meno brevi, porterà alla naturale ’integrazione sociale, alla convivenza pacifica, alla comprensione delle reciproche affinità e differenze. La strategia fondante del progetto è riuscita a stabilire un clima di buon dialogo e serenità, in questo privilegiato territorio che è lo " STRETTO ... del Mondo".
Nel quinto e ultimo, per questo anno, incontro il tema è stato la  
“MISERICORDIA”

IMG_0669I due relatori: prof. Maurilio ASSENZA e prof. Ibrâhîm Gabriele IUNGO, perfettamente coordinati dal dott. Abdelhafid KHEIT, hanno affrontato il tema della “Misericordia”, con stili diversi e complementari.

IMG_0665La conoscenza sul campo del Direttore della Caritas, ha fatto si che il suo racconto parlasse dal vivo dell'esperienza vissuta. Visita e insegnamento nelle strutture carcerarie di Noto. Visita nel rione Scampia di Napoli dove le persone perbene debbono fare la fatica di dimostrarlo. Il Centro Padre Nostro Don Pino Puglisi. Ma anche i sette punti con le citazioni dei Vangeli di Matteo e Luca. Le opere di misericordia corporale e spirituale e tanto altro. Un altro tassello della Sicilia che amiamo a cui vogliamo dedicare sempre altre pagine esemplari.

IMG_0668Il giovane e preparato studioso, ha saputo coniugare la sua conoscenza della religione islamica con la precedente competenza acquisita con il Lettorato cattolico. Infatti il Diacono Tornesi ha dovuto ringraziato per la citazione dell'opera di Misericordia di Santa Francesca Saverio Cabrini (“madre degli emigranti”). Ha spiegato il vero senso della Shari'a, la Legge, distinguendola da chi lo utilizza per le proprie barbare pulsioni. Ha parlato dell'Etiopia e della Turchia, della complessità delle situazioni di molti Stati Africani, ma ha con forza ribadito che: Dio è Amore misericordioso.

IMG_0664Accoglienza e Preghiera comune. Mons. Angelo Oteri, e Mohamed Refaat, hanno condotto la preghiera iniziale. Il partecipativo Uditorio ha fatto domande, sorrette da sinceri attestati di soddisfazione per l'incontro. Anche il diacono Tornesi (Migrantes) e don Giuseppe Brancato (Caritas) hanno evidenziato la valenza altamente positiva di questi 5 incontri, aprendo  il cammino per il proseguimento nel prossimo futuro.

- prof. Ibrâhîm Gabriele IUNGO, studioso di scienze Islamiche tradizionali e filosofia, docente in diversi seminari accademici ed università

prof. Maurilio ASSENZA, docente di storia e filosofia al Liceo Scientifico “Galilei” di Modica e direttore della Caritas diocesana di Noto

dott. Abdelhafid KHEIT, presidente della Comunità Islamica di Sicilia.)

20Mag/160

Messina – « Il limitare della Soglia. Uscire … entrare … condividere ? »

Soglia_dell_Incontro-ValdeseSoglia_dell_Incontro-ValdeseChiesa Valdese di Messina Ufficio Pastorale per il Dialogo Ecumenico e Interreligioso
Arcidiocesi di Messina Lipari S.Lucia del Mela

Mercoledì 25 maggio 2016

" Ritrovarsi per custodire …"

« LA SOGLIA DELL’INCONTRO »

Partecipano all'incontro ecumenico:
Arcidiocesi Ortodossa, Chiese Anglicana, Cattolica, Luterana, Valdese, Patriarcato Ortodosso di Romania.

ITINERARIO
Ore 18.00 - alla Porta del Monastero Montevergine
Via XXIV Maggio, 161-Messina
Beato chi veglia alle mie porte - Pr. 8,33

Ore 18: 45 - alla Porta della Chiesa Valdese
Via Laudamo, 16 – Messina
Io sono la porta – Gv 10,8

Ore 19.00 - all’interno della Chiesa Valdese
Via Laudamo,16- Messina
Sto alla porta e busso – Ap. 3,20

20Mag/160

Reggio Calabria – «La TERRA oscura MARTE mentre viene illuminata dal … SOLE – Viaggio mediante suoni elettronici … tra teorie e realtà del cosmo e delle stelle»

20.05.2016 Marte locandinaVenerdì 20 maggio 2016 ore 21.00 -Planetario Provinciale Pythagoras di Reggio Calabria
MARTE IN OPPOSIZIONE

Calogero Villareale, in arte Silence, musicista digitale, che nel corso della sua carriera ha già realizzato 8 album, 4 single, 2 colonne sonore, da poco reduce dalReload Music Festival, la kermesse di musica elettronica svoltasi a Torino nello scorso febbraio.
L’artista presenterà il suo nuovo progetto dal titolo Behind the Stars, una suite elettronica in 5 parti la cui pubblicazione è prevista per il prossimo autunno con la collaborazione di altri artisti elettronici tra cui Christian Stefanoni (Italia), Vivi Pedraglio (Argentina), The Circuit Symphony (Galles) , DJ C Q Low (Italia) e Ketil (Norvegia).
Opposizione di MarteDurante la performance, Silence proporrà le prime tre parti della sua suite attorniato dalle sue tastiere riproducendo, mediante suoni elettronici, un viaggio tra teorie e realtà del cosmo e delle stelle. Silence riesce a creare atmosfere che sono mescolanze di colori, di toni di sfumature che generano un'energia a volte piana, altre inquieta, altre ancora silenziosa: il cielo, l’immenso.
A conclusione, sarà possibile osservare il Planetario e il cielo al telescopio.
Dopo lo spettacolo offerto il 9 maggio da Mercurio, il pianeta al centro delle osservazioni sarà Marte.
Il pianeta rosso il 22 Maggio sarà in opposizione, momento in cui il pianeta si troverà esattamente dall'altra parte dal Sole rispetto alla Terra: si ha quindi un perfetto allineamento tra Sole, Terra e Pianeta. Marte sarà, dunque, a una distanza ridotta dalla Terra perciò avrà un maggiore diametro angolare e sarà quindi particolarmente luminoso rendendo più interessanti le osservazioni al telescopio.
Gli Esperti del Planetario anticipano a giorno 20 l’osservazione del Pianeta in quanto la Luna, che raggiunge la fase di Luna Piena proprio tra giorno 21 e 22, non consentirebbe una buona osservazione.
Le attività sono inserite all'interno del programma degli Stati Generali della Cultura Reggina 2016.La cittadinanza tutta è invitata a partecipare.

20.05.2016 Marte locandina

 

19Mag/160

Messina – «Comunità della Calabria e della Sicilia unite nel più alto valore dell’accoglienza nella legalità» – 03

Migranti_locandina_2016_05_14IMG_0641«Chi opera con sincerità di cuore, non ha bisogno di molte parole, ma, semplicemente, racconta le cose che fa, con umile sapienza.»

Dopo aver ammirato l'operato di Mimmo Lucano Sindaco di RIACE e Giuseppe Grizzanti - Sindaco di SUTERA (01), aver riflettuto sui dati e immagini sui Migranti forniti  dal Diacono Santino Tornesi - Dir. Ufficio Migrantes e condiviso il cammino fatto di concreti atti di intelligente solidarietà dell'Assessore Nina Santisi (02).

In questo terzo ed ultimo Post, prima Ascolteremo l'intervento di saluto di Lucy Fenech, poi uno 'straordinario intervento (Carta dei Diritti dell'Uomo - Le 62 persone che dirigono l'Economia Mondiale) di padre Felice Scalia sj, che già (Blog) nel 2009 affrontava con lucidità e competenza le origini dei fatti odierni. (La non pace IMG_0624dell'Africa,...la vendita di armi, ... il controllo delle risorse naturali come le miniere ed  il petrolio da parte delle Multinazionali Economiche ...). , le condivisibili conclusioni di Nino Conti Nibali, ed in ultimo, anche se temporalmente precedente dall'accorato intervento del Sindaco Renato Accorinti. Professionale e curatissima la coordinazione di Marcello Mento giornalista della GdS.

Nota BLOG - "Al termine dell'incontro, abbiamo assistito ad un commovente atto d'amore di una intera Famiglia, con la testimonianza della Mamma, che non è riuscita a potere accedere all'affido o adozione di giovani migranti, amici dei loro figli, che vivono adesso in un campo dell'Italia centrale senza svolgere nessuna attività...

Questo slideshow richiede JavaScript.

19Mag/160

Messina – «Comunità della Calabria e della Sicilia unite nel più alto valore dell’accoglienza nella legalità» – 02

Migranti_locandina_2016_05_14IMG_0602«Chi opera con sincerità di cuore, non ha bisogno di molte parole, ma, semplicemente, racconta le cose che fa, con umile sapienza.»

In questa seconda parte riflettiamo sui dati e le immagini forniti all'attentissimo Uditorio dal Diacono Santino Tornesi - Direttore dell'Ufficio Migrantes.

Tutte le nostre certezze di conoscenza del fenomeno spariscono e veniamo posti di fronte alla realtà che tra i primi Popoli migranti noi contiamo 60 milioni di Italiani sparsi nei 5 Continenti...!

Vediamo come l'America denominava gli Italiani nei primi anni del '900 in , come la Città della FIAT - Torino negli anni 50 trattava gli uomini che provenivano dalle regioni del Sud Calabria e Sicilia in particolare...

Proseguiamo, questo racconto a tappe, con il pacato riflessivo, ma pieno di contenuti, intervento della dott.ssa Nina Santisi (Assessore alle politiche sociali). L'assessore Santisi, ha voluto, preliminarmente, ricordare a tutti noi, come spesso, le cose positive passano sotto silenzio. Per questo ha incentrato il suo intervento nella condivisione di piccoli passi e di gioie relative ad alcuni interventi che migliorando situazioni particolari, sono state un pungolo, una ulteriore spinta a non deflettere dal compiere, Istituzionalmente, concreti atti di intelligente solidarietà.

Questo slideshow richiede JavaScript.