CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

30Apr/150

Reggio Calabria – «Eventi culturali nell’Area dello Stretto patrimonio dell’umanità»

2015_04_30-Vazzana-0230 Aprile 2015  - ore 17,00

presso la Sala Biblioteca - palazzo Provincia di p/z Italia di Reggio Calabria

il dr. Vazzana Angelo terrà una Conferenza con presentazione Ppt su

 

< I FENOMENI NATURALI DELL'AREA DELLO STRETTO - LA REALTA' DEI MITI SCILLA E 2015_04_30-Vazzana-04CARIDDI >

27Apr/150

Agrigento – «Donne e Uomini impegnati a costruire un … “Mondoaltro” dove il Cibo e per Tutti»

Cibo per tutti: periferia in...FAME

cibo per tutti1-mondoaltroVenerdì 22 maggio 2015 si terrà il quarto incontro del ciclo formativo annuale – “Cariting – cantiere di formazione” - che il Centro per la Carità offre alle Caritas parrocchiali ed ai volontari come occasione di crescita nella fede, nel servizio e nella comunione ecclesiale, nonché esperienza di condivisione di risorse e criticità che ogni giorno si incontrano nel servizio alla carità.
L’incontro dal titolo "Cibo per tutti: periferia in… FAME" si svolgerà alle ore 16.00 presso la sala teatro del “Granata” (via Barone, snc) ad Agrigento, sede della Fondazione Mondoaltro ed è organizzato in collaborazione con il Centro per le Missioni dell’Arcidiocesi di Agrigento.

food for all fotoL’appello lanciato da Papa Francesco a tutta l’umanità rappresenta un impegno alla mobilitazione, per rimuovere le cause della fame e le fonti di una disuguaglianza sempre più profonda, per porre un freno alle derive di un sistema finanziario fuori controllo, per rispondere alla domanda di giustizia ed alla necessità di perseguire il bene comune. Si tratta di questioni che ci interpellano direttamente in questi tempi di crisi, che sembrano aver ridisegnato anche i confini della povertà e della vulnerabilità: non sono soltanto i ‘paesi poveri’ a richiedere la nostra attenzione; i segni della deprivazione e della sofferenza sono ben presenti nel nostro mondo, assieme ai paradossali sintomi dello spreco e della dissipazione. Il tema del diritto al cibo è dunque l’elemento centrale da cui è necessario partire: rimuovere lo ‘scandalo della fame’ che ancora affligge un’ampia porzione della popolazione del pianeta.

Parleremo di questi temi e della campagna “Cibo per tutti” insieme a:Alberto Friso: giornalista, caposervizio al Messaggero di Sant'Antonio, francescano laico.

La CampagnaUna sola famiglia umana, cibo per tutti: è compito nostro”  si pone l’obiettivo di promuovere consapevolezza ed impegno sugli squilibri del pianeta, avendo come aspetto centrale l’elemento educativo.

Durante l'incontro saranno presentate delle buone prassi sviluppate nella nostra diocesi per contrastare la deprivazione di cibo e promuovere i diritti fondamentali per la nutrizione.

La Fondazione Mondoaltro, braccio operativo della Caritas diocesana di Agrigento.

27Apr/150

2015_04_30-123-ENNA-Convegno-SAE

21Apr/150

Reggio Calabria – «Impegno e formazione costante – consentono di raggiungere ottimi risultati»

Olimpiadi di Astronomia: quattro giovani reggini tra i vincitori

Quattro giovani astronomi reggini si sono aggiudicati le Olimpiadi Italiane di Astronomia che si sono svolte dal 18 al 20 Aprile a Modena presso il Liceo Scientifico Statale “A. Tassoni” e il Civico Planetario “F. Martino”.

Si tratta di:

Francesco Imbalzano - Liceo Classico Statale “Tommaso Campanella” – Reggio Calabria (Categoria Junior);

Vincenzo Sorrentino - Istituto Comprensivo Statale “Contestabile” – Taurianova (RC) (Categoria Junior);

Silvia Neri - Liceo Scientifico Statale “Leonardo da Vinci” – Reggio Calabria (Categoria Senior);

Riccardo Riolo - Liceo Scientifico Statale “Leonardo da Vinci” – Reggio Calabria (Categoria Junior).

2-2014_11_25-PLA-Memoria_OLGA-PLAI giovani sono stati premiati durante la cerimonia conclusiva presso il Planetario comunale di Modena “F. Martino” alla presenza della dott.ssa Edvige Mastantuono, Dirigente Ufficio I – Direzione Generale degli Ordinamenti Scolastici del MIUR e delle autorità locali.

I partecipanti, 40 da tutta Italia, si sono dovuti confrontare con uno sconvolgente quasar, con probabili pianetini mai occultati dalla Luna, esercizi teorici e pratici per nulla semplici se si tiene conto che, a differenza di altre Olimpiadi studentesche, le Olimpiadi di Astronomia fanno riferimento ad una disciplina che non rientra nei piani di studio come autonoma, ma che per la sua intrinseca trasversalità spazia nei programmi della Fisica, della Matematica e delle Scienze Naturali.

2014_07_21-PLA-XIX_ScuolaEstiva-014Malgrado queste difficoltà oggettive i giovani studenti calabresi hanno sempre, fin dalla prima edizione del 2001, ottenuto classificazioni prestigiose.

Questi risultati premiano certamente le capacità dei giovani, l’impegno dei docenti, ma corre l’obbligo di evidenziare il ruolo del Planetario provinciale Pythagoras di Reggio Calabria che, attraverso gli esperti, le competenze e le professionalità che esprime cura, a titolo completamente gratuito, la preparazione degli studenti delle scuole calabresi.

Ed ancora una volta va sottolineato l’impegno della Provincia di Reggio Calabria che, attraverso l’assessorato alla Cultura ed alla Legalità, da quattro anni si fa carico della organizzazione dello stage di preparazione, rivolto a tutti e dieci i vincitori delle Olimpiadi nazionali, propedeutico alla partecipazione alle International Astronomy Olympiad che quest’anno, nel mese di ottobre, si terranno a Kazan in Russia.

21Apr/150

Messina – «La Divina Liturgia di San Giovanni Crisostomo come segno di comunione»

2015_04_19-SAE-ORTODOSSI-02IL SAE E LA COMUNITA’ ORTODOSSA RUMENA DI MESSINA
Domenica 19 aprile 2015 soci e amici dell’Associazione ecumenica SAE di Messina hanno condiviso con la comunità ortodossa rumena la Divina Liturgia secondo il canone di San Giovanni Crisostomo. Ha celebrato Padre Pietro Bogdan Voicu nella chiesetta di Santa Maria delle Contemplazioni, situata accanto all’Hotel Paradis nel rione di Contemplazione.
I fedeli arrivano alla spicciolata, anche a rito cominciato, perché il capolinea del tram è distante dalla chiesa e loro non sono forniti di mezzi di trasporto privati. Tuttavia, la loro è una partecipazione attiva, nel senso che entrano, prendono una o più candeline e un pane azzimo e si mettono in processione in attesa che il loro sacerdote si affacci dalla iconòstasi, benedica ciascuno imponendo la mano sul capo, e rientri poi con i loro doni (candeline e pane) per proseguire il rito.
2015_04_19-SAE-ORTODOSSI-01Domenica di Pasqua (per loro il 12 aprile scorso) c’erano fedeli per tutta la stradina che porta fin dentro la chiesa. Ma oggi, in albis, la comunità radunatasi non è numerosa. Ma lo stesso si instaura un processo dinamico nel quale tutti offrono e si offrono al Signore passando dal celebrante e tutti tramite il sacerdote ricevono benedizione, luce, la Parola dell’Apostolo e del Vangelo, il pane e il vino consacrato. Anche noi che abbiamo partecipato per la prima volta non ci siamo sentiti spettatori curiosi, anzi siamo stati coinvolti nella contemplazione del mistero divino, nell'orazione di lode a Dio per i benefici ricevuti, nella formulazione di preghiere per tutta l’ecumene, il mondo intero e le sue necessità, anche le più comuni. La Divina Liturgia di San Giovanni Crisostomo, ricca di intenzioni di preghiera, non trascura nessuna categoria di persone e nessun tema per il quale pregare. L’uomo chiede a Dio e Dio con la sua Parola non smentisce nessuna richiesta fatta con il cuore. Questa esperienza di autentica preghiera cristiana, ci entrava nel cuore attraverso il canto continuo, dolce, melismatico, melodioso, simile all’antico gregoriano, soffuso, corale di un gruppetto di donne che faceva eco alle preghiere del ministro del culto. Un’alternanza che consentiva alla Parola di Dio di trasformarsi in invocazioni, suppliche e lodi per Dio tre volte Santo, immortale, che è Padre Figlio e Santo Spirito. La 2015_04_19-SAE-ORTODOSSI-03comunione viene partecipata dall'unico calice ai presenti, prima ai bambini e poi agli adulti. I bambini presenti sono tutti in tenerissima età, ma tutti attenti con rispetto, quasi coscienti del mistero al quale stavano partecipando. Avevamo già notato come anche loro, insieme al genitore che li accompagnava, partecipavano all’offerta, baciavano le icone, si segnavano alla maniera ortodossa col segno della croce. L’iconostasi è come una grande balaustra lignea che separa il popolo dal luogo dove il sacerdote compie i riti, in parte “nascosti” e in parte in mezzo ai fedeli. Questa separazione stranamente non separa, anzi avvicina i fedeli alla misteriosa relazione di Dio con l’uomo, perché è tutta tappezzata e impreziosita da una teoria di icone di santi testimoni e suggello dell’incontro del tre volte Santo con l’umanità nella bellezza e nello splendore.
Alla fine pane benedetto per tutti, come segno di condivisione con i fratelli cattolici presenti, ed anche uova sode col guscio colorato e decorato (segno di una vita che risorge), e poi anche caramelle, merendine, fragole e altri dolci e il sorriso sincero dell’accoglienza e della piena fraternità.
2015_04_19-SAE-ORTODOSSIDalla condivisione di una così ricca liturgia, fatta di gesti umani e di gesta divine, il gruppo SAE che vi ha partecipato si sente incoraggiato a continuare nella testimonianza di fraternità e di comunione, consapevole che la preghiera di Gesù dell’“Ut unum sint” si può realizzare anche tramite gesti semplici di attenzione all’altro, di attenzione e rispetto alla diversità di confessione. Ma il gruppo si auspica anche che le autorità competenti, religiose e civili, trovino e diano loro luoghi di culto più dignitosi, più adatti e più centrali, luoghi nei quali sorelle e fratelli delle diverse comunità ortodosse presenti in Messina (rumena, greca, russa, ecc.) possano nutrire la loro fede e sostenersi reciprocamente nell’affrontare i loro problemi. Alla prossima! (Carmelo Labate e Antonina Busà, soci SAE).

21Apr/150

Reggio Calabria – «70° Anniversario della Resistenza – Memoria – Cultura»

2015_04_21-ANA-Aprile

21Apr/150

Reggio Calabria – «Le Donne protagoniste della Resistenza»

2015_04_23-CIS-RESISTENTI

15Apr/150

Messina – «Un libro letto e raccontato agli altri, dice molto sui timori, le attese ed i nostri ideali»

17 aprile alle 18,00 - Biblioteca Provinciale Frati Minori Cappuccini Messina

2014_12_12-Biblioteca_Cappuccini_Libroterapia- Terzo Appuntamento con

«LETTURATERAPIA - I libri che curano»

II ciclo la letturaterapia avrà come tema

«Le magnifiche ossessioni: un pensiero mi possiede»

Quali libri abbiamo letto che ci ricordano le nostre piccole e grandi manie, o ci hanno rivelato o confermato tic, ansie, fobie ma anche ideali che non vogliono morire rendendoci complicata la vita.

2014_12_12-Biblioteca_Cappuccini_Libroterapia"LETTURATERAPIA è una felice intuizione dell'Associazione INTERVOLUMINA, che permette la comunicazione delle esperienze di lettura personale a base di un reciproco interscambio relazionale. Al centro il libro. Un braciere che irradia scintille di notazioni, di riferimenti, di emozioni e di approfondimenti. Ogni libro, in un certo modo, appartiene a chi lo legge, alla sua comprensione, alla sua versione, al suo punto di vista. Quando viene realizzata questa osmosi comunicativa si allarga l'orizzonte conoscitivo della libertà dell'uomo."
 
Ci vediamo carissimi lettori il 17 aprile alla Biblioteca dei Cappuccini. Un saluto affettuoso -Mimma e Rina per Intervolumina - Intervolumina - Associazione Culturale -Viale Regina Margherita, 25 - C/O Biblioteca Provinciale dei Cappuccini Messina - Cell. 3274699359 -Sito web: http://www.intervolumina.it - email: info@intervolumina.it

15Apr/150

il SAE - SEGRETARIATO ATTIVITÀ ECUMENICHE
Gruppo di Messina (Associazione Ecumenica “E. Cialla”)

e la Chiesa Ortodossa Rumena

t’invitano
Domenica 19 aprile - ore 9.30

a condividere la Divina Liturgia
presso la Chiesa Ortodossa
di Santa Maria delle Contemplazioni
(Loc. Contemplazione, accanto all’Hotel Paradis)

Presiederà la celebrazione
Padre Pietro Bogdan Voicu

15Apr/150

Reggio Calabria – Cinema Letteratura Musica raccontano «L’ombra della luce»

2015_04_15-VersoSud-PLA-L'ombraDelalLuce

14Apr/150

Messina – «Un Concerto … bisecolare, che allieta l’animo dei cultori del ‘Bello»

 

2015_04_11-SS_Salvatore-CONCERTO_200_D_BOSCO2015_04_11-SS_Salvatore-CONCERTO_200_D_BOSCO-sabato 11 aprile 2015 nella Basilica Concattedrale del SS_Salvatore - si è svolto

il Concerto  per il

Bicentenario della nascita di S. Giovanni BOSCO

«Dal profondo

a te grido»

E' stato un evento religioso, musicale e artistico che ben si inserisce nel solco culturale della grande 2015_04_11-SS_Salvatore-CONCERTO_200_D_BOSCO-2015_04_11-SS_Salvatore-CONCERTO_200_D_BOSCO-tradizione messinese. La buona acustica ha favorito l'ascolto dei brani eseguiti, alternativamente, dal maestro Don Giovanni Lombardo (Organo ) e dal Coro Diocesano di "S. Maria della Lettera" diretto dal maestro Nazzareno De Benedetto, brani inframmezzati dalla lettura di "Preghiere" da parte di Massimo Cucinotta.

In conclusione Don Gianni Russo, attuale direttore del Domenico Savio, ha formulato il suo 2015_04_11-SS_Salvatore-CONCERTO_200_D_BOSCO-2015_04_11-SS_Salvatore-CONCERTO_200_D_BOSCO-compiacimento per un avvenimento che ha trovato così vasta adesione, ringraziando i presenti con lo stile semplice ed accogliente di Don Bosco.

Presenti tra gli altri il prof.re Don Umberto Romeo e Don Olimpio Simonato.

Gradita Nota Personale - Riporto il trafiletto della Gazzetta del Sud - che da notizia del primo evento musicale avvenuto nell'Atrio dell'ITG "G.Minutoli" 2015_04_11-SS_Salvatore-CONCERTO_200_D_BOSCO-2015_04_11-SS_Salvatore-CONCERTO_200_D_BOSCO-- Esibizione fine anno scolastico 1995/96. Lo dedico agli tutti gli allievi e al maestro De Benedetto.1996_06_14-ITG_G_Minutoli-Spirituals_Canti_PoP


13Apr/150

Reggio Calabria – PpP «L’impalpabile sottofondo dell’Universo»

2-2014_11_25-PLA-Memoria_OLGA-PLAmartedì 14 aprile alle ore 11.00  - Planetario provinciale Pythagoras  -  XVIª Settimana Nazionale dell'Astronomia

"La Radiazione Cosmica di Fondo"

Relatrice - prof.ssa Sandra Savaglio 

astrofisica e docente presso l’Università della Calabria

1-2014_02_17-PLA-ON-AstronomiaDomani, martedì 14 aprile alle ore 11.00 la Professoressa Sandra Savaglio, astrofisica e docente presso l’Università della Calabria, sarà ospite del Planetario provinciale Pythagoras dove terrà una relazione su: "La Radiazione Cosmica di Fondo".
L'iniziativa è stata organizzata nell'ambito della Settimana Nazionale dell'Astronomia che si svolge in tutta Italia dal 13 al 20 di Aprile e per la quale anche la struttura di Salita Zerbi ha programmato un ricco calendario.
La settimana astronomica è diretta alle scuole di ogni ordine e grado e alle associazioni del settore invitate a sviluppare le proprie attività ed iniziative didattiche sul tema della luce.
Le finalità educative sottese a questo evento sono molteplici, ma due acquistano un significato particolarmente significativo: offrire agli studenti l’opportunità di conoscere temi, problemi e procedimenti scientifici legati all'argomento trattato e motivare gli allievi all’apprendimento delle discipline scientifiche e sostenerli nel processo di orientamento pre-universitario.
2013_11_26-PLA-Memoria_OLGAIn questa direzione si inserisce la presenza della Prof.ssa Savaglio che, dopo gli studi universitari a Cosenza, ha continuato la propria carriera negli Usa, presso la John Hopkins University di Baltimora e presso l'Istituto Max Planck di Fisica Extraterrestre di Monaco di Baviera, diventando uno dei maggiori astrofisici noti nel panorama internazionale.
La conferenza è aperta alla cittadinanza.

Planetario provinciale Pythagoras - Via Salita Zerbi, 1 - Parco Mirella Carbone - Reggio Calabria
Segreteria tel\fax 0965 324668 - Rosario Borrello 329 4464386 - Email: planetario.rc@gmail.com - planetario.rc@virgilio.it - Sito: http://www.planetariumpythagoras.com/ - Pagine facebook: https://www.facebook.com/pages/Planetario-Pythagoras-di-Reggio-Calabria/124593567563659 https://www.facebook.com/groups/52592307791/?fref=ts - Contatto Twitter: https://twitter.com/PlanetarioRC

13Apr/150

Milazzo – LAT «Portate nelle montagne peloritane del Mela i due nidi d’api recuperati con bravura dai Volontari apicoltori»

2015_04_12-LAT-NIDI-APE«L'UOMO SAGGIO ... RISPETTA IL CREATO»

Recuperati due nidi d’api nella città di Milazzo (ME), grazie alla sensibilità dei Vigili del Fuoco e dei Vigili Urbani che hanno avvisato i volontari apicoltori di Legambiente e alla sensibilità di cittadini che avevano segnalato i nidi.

2015_04_12-LAT-NIDI-APEE' stata una brillante operazione di recupero dell’apicoltore Mimmo Trifirò, agricoltore e bravo artigiano della Valle del Mela. Le arnie saranno portate nelle montagne peloritane del Mela, luogo naturale della felce gigante e dove sgorgano indisturbate le sorgenti perenni della fiumara del Mela.

2015_04_12-LAT-NIDI-APEE' stata un’operazione importante ed utile al territorio, perché le api sono fondamentale per la produttività della terra. Adesso che è primavera, le api si fanno notare nei campi fioriti e persino nelle 2015_04_12-LAT-NIDI-APEpiante pioniere del litorale di ponente ; per questo è necessario evitare il diserbo chimico e coltivare la terra nel modo più responsabile.

2015_04_12-LAT-NIDI-APE2015_04_12-LAT-NIDI-APENELLE FOTO LA SEQUENZA DELL'INTERVENTO DI MIMMO TRIFIRO'

13Apr/150

Reggio Calabria – Cultura Musica Narrativa «Un libro da … non ingoiare – ma da leggere»

invito2

9Apr/150

Messina – «Il Santo che … ‘accoglie i giovani. “…E mi sorrise come lui sapeva sorridere.”(Don Luigi Orione-1886)

2015_04_11-200_SanGiovanniBosco