CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

31Dic/140

Messina – «Don Gigi Verdi: cambiare metodo, condividere il “mistero”»

2014_12_29-XXXIV_Convegno_CARITAS2014_12_29-CristoRE-Caritas_XXXIV-Foto29 dicembre 2014 - Cristo Re - XXXIV Convegno Caritas - Una bella sorpresa, per me, rivedere ed ascoltare Don Gigi Verdi, fondatore e animatore di Fraternità di Romena. Il suo parlare è schietto semplice e profondo. Talvolta scarnificante come sanno esserlo i buoni "toscani". I suoi non sono "buoni consigli" per mettere in pace la nostra coscienza, sono delle scudisciate che partono dal profondo 2014_12_29-CristoRE-Caritas_XXXIV-Fotodel cuore per spingerci a non avere paura di incontrare l'altro. Non solo quando si fa il volontariato, ma nella vita di tutti i giorni. L'icona meravigliosa della persona che è capace di tramutare i propri difetti in virtù, per porle a servizio degli altri. "Ascoltate le sue parole per comprendere la 'genialità del Creatore Dio Padre, del Salvatore Gesù Cristo dello Spirito Santo Amore - "Canto Benedici"

31Dic/140

Messina – «2015- La giornata della Pace istituita da Papa Paolo VI»

1-S.Egidio Messina

31Dic/140

Messina – Sorpresa ! «il 31 dicembre 2014 … scende lenta la neve»


29Dic/140

Messina – «Una storia millenaria da raccontare con semplicità e Verità»

1-2014_12_19-LAP-PercorsoCulturale-Principato2014_12_20-LAP-Da via Boner alla via Fonderia-20 - 12 - 2014 - Messina: una città e un porto al centro del Mediterraneo e del Sud Europa. Una città distrutta dai terremoti da quello del 04 febbraio 1169 ai più recenti del 05 febbraio 1783 e del più disastroso datato 28 dicembre del 1908"Messina fu ricostruita seguendo le leggi antisismiche: strade larghe e palazzi bassi. Ma la storia gloriosa della città crollò insieme agli antichi palazzi. Nulla fu più come prima."(ing. D. Bucca)

1-IMG_20141220_164334Legambiente dei peloritani da sempre attenta ai valori della memoria storica di cui è intessuta la nostra città con la disponibilità del conduttore arch. Nino Principato ci ha fatto rivivere un segmento importante della nostra storia cittadina. Il suo incipit all'inizio del percorso:
"Targa Istituto Dante Alighieri - 29 gennaio 1848 dalle ore 9.00 il popolo di Messina era già insorto e in quell'occasione la furia popolare distrusse alcuni monumenti che erano delle opere d'arte tra cui Ferdinando II di Borbone con il cui bronzo fusero dei cannoni. Ancora 1-IMG_20141220_165210Garibaldi non c'era non esisteva si decide a venire in Sicilia (impresa dei MILLE) perché vede che Messina si ribella dopo si ribella Palermo allora pensa che la Sicilia è pronta e pensa possiamo partire da Quarto per andare a Marsala..." - e poi la tipica espressione messinese "casa e putia" a seguire Carlo V - Carlo II - Ferdinando di Borbone Cavour e Mazzini  ... Lepanto

L'itinerario riguardava il percorso delle mura di cinta della città da via 3-IMG_20141220_165143Boner alla via Fonderia. Impossibile riportare la quantità di notizie c la ricchezza dei particolari di cui ci ha fatto partecipe l'arch. Principato. Incastonato in questo itinerario la preghiera del "Padre Nostro" dinanzi ad una icona voluta da un messinese per ricordare le !Anime del Purgatorio". La preghiera è nata dal moto spontaneo dell'animo dell'ing. Enzo Colavecchio (LAP).

Nota Blog - "Quello che posso e voglio esprimere e il senso indomito dei messinesi che dopo un lungo letargo in modo singolare riapparirà per dare la giusta dignità a tutta la Città."

26Dic/140

2014_12_28-Olivarella_Concerto

22Dic/140

Messina – «Il BLOG per CONDIVIDERE INSIEME gli Auguri del NATALE 2014»

1-2014_NATALE-CRUCITIIDal Natale 2009 al Natale 2014

Don Domenico Crucitti - (DON ORIONE) (RC)

Don Giuseppe Alcamo - Mazara del Vallo - Palermo

Legambiente dei Peloritani - Messina

Planetario Pythagoras - Reggio Calabria

Walking Together - Messina

Ponti Pialesi - Villa San Giovanni

G.O.Z. - Gruppo Operativo di Zona - Villaggio Aldisio -

Casa della Speranza Viviana Lisi - Riposto

Oratorio San Luigi Guanella - Fondo Fucile

Parrocchia Sant'Elena - OMAR

ADDIOPIZZO - doppi Auguri a Enrico e Georgia  - Parrocchia SS Salvatore - Opera San Luigi Guanella - Don Nico, Don Arcangelo, Don Jesu - Pina - Andrea  - Parrocchia San Giacomo - Padre Ettore - Intervolumina - Pippo Lipari - Caritas Diocesana Agrigento  - Verso Sud (RC)

1-Caravaggio_-_Adorazione_dei_pastoriMuseo Paleo Marino - Angelo Vazzana -RC - LELAT - Annamaria Garufi

Silvana Virzì  - "Un sereno e Santo Natale con la gioia di Cristo Gesù nei vostri Cuori"

Maria Grazia Frisone - con le parole di Papa Francesco  - "Un buon natale a tutti coloro che assomigliano al natale"

Carmelo Celona - "... un affettuoso e fraterno augurio di Buone feste"

1-2014_NATALE-ALCAMO

Famiglia Memo - Cremona - Con i migliori auguri e  felicitazioni per il sito."ritrovarsi uno di fronte all'altro, illuminarsi da uomo a uomo, riflettere sempre e non darsi tregua" (La Rosa Bianca - manifesto n.2 - 1942) -

Nicola e Cinzia Vitellaro Don Orione Palermo

1-2014-NATALE-CARITAS_AGRIGENTO2014_05_00-Vescovo_GAILLOT-03MAX-Bregantini-Mario-VittoriaGruppo Cresima Sant'Elena 2014  - Don Franco Montenegro _ GianCarlo Maria Bregantini_ Jacques Gaillot _Vescovi - Padre Michelle - Lega del Filo d'Oro - Operation Smile Italia -  Albero della Vita - Suore Francescane della Carità - Medici Senza Frontiere1-2014_12_25-NATALE-DonJesu-DonGuanella

1-CCI23122014_00000

1-CCI23122014_00000_2

2014-NATALE-ADDIOPIZZO

21Dic/140

Messina Giampilieri – Tempo di Natale «La Scuola e il Dialogo interreligioso»

scuola "Simone Pasquale Neri" di GiampilierVenerdì 19 Dicembre uno spettacolo natalizio all’insegna del dialogo interreligioso è stato allestito con la partecipazione degli alunni della scuola dell’Infanzia e Primaria “Simone Pasquale Neri” di Giampilieri dell’Istituto comprensivo “Santa Margherita” di Messina, presieduto dalla Dirigente, prof.ssa Laura Tringali.
Il piccolo varietà, dal titolo “Dillo forte che è Natale”, rientra nelle attività previste dal progetto “La pace incomincia da me, che si propone l’educazione ai valori universali dell’uomo. La pace, presente nel testo biblico come dono celeste all’umanità e come impegno dell’uomo, capace di darne visibilità nel quotidiano, diviene il motivo principale per uno sguardo rinnovato nei confronti di chi vive accanto a noi e per costruire canali di conoscenza e di dialogo. È risaputo che l’istituzione scolastica gioca un ruolo determinante in tutto ciò e per questo il Natale cristiano, con le sue molteplici tradizioni, ne offre molteplici possibilità.
In un contesto multireligioso, qual è l’ambiente scolastico della scuola di Giampilieri, come raccontare e vivere il Natale? Come rendere partecipi tutti ed educare alla pace e al dialogo fra le religioni?
Durante lo spettacolo, che ha visto una nutrita partecipazione, oltre che dei genitori degli alunni, anche della comunità del piccolo villaggio conosciuto per le tristi vicende dell’alluvione del 2009, è stato riservato uno spazio all'ascolto, in lingua araba, della Sura 3,45-47, il testo più “natalizio” del Corano dove si riferisce dell’annuncio della nascita di Gesù da parte dell’angelo Gabriele a Maria.
«E ricorda anche quando gli angeli dissero a Maria: "O Maria, in verità Dio ti dà il lieto annuncio di una Parola che proviene da Lui. Il suo nome sarà il Messia, Gesù ['Isà] figlio di Maria, illustre in questo mondo e nell'altro e uno dei più vicini a Dio. Egli parlerà agli uomini fin dalla culla come un adulto e sarà uno dei giusti". Maria rispose: "Signore, come potrò avere un figlio, se nessun uomo mi ha toccata?". "Proprio così!", disse l'angelo; "Dio crea ciò che vuole. Quando decide una cosa, non ha che da dirle: Sii, ed essa è».

scuola Simone Pasquale Neri di GiampilierA coronamento del momento è stato presentato un “ampliamento” del presepe cristiano, che propone il momento dell’Annunciazione. I bambini hanno costruito il loro presepe con la capanna e Gesù bambino, riattualizzando l’evento della natività del Figlio di Dio e i loro compagni musulmani, al posto della Natività, hanno realizzato l’Annunciazione, con Maria che sul davanzale di casa s’incontra con l’angelo, quasi a ricalcare il famoso dipinto del Beato Angelico. Cristiani e musulmani si sono incontrati sulle strade della Palestina, tra Nazareth e Betlemme, per dire che il dialogo fra religioni è possibile, oltre che auspicabile.
Dalla condivisione con i fratelli musulmani il Natale ingrandisce la sua prospettiva e riflette l’inizio del progetto, quando nell’annuncio Dio rivela la sua paternità divina. Quasi a dire, e a voler ricordare a ognuno, che qualsiasi fatto o evento si realizza nel tempo e prevede un cammino, un itinerario. In Maria, madre del Dio/profeta, oggetto di profonda devozione di cristiani e musulmani, l’accoglienza della Parola ha generato la Vita, che ha un inizio a Nazareth e un’attualizzazione a Betlemme.
Un invito, dunque, viene dai bambini della scuola “Simone Pasquale Neri” di Giampilieri, a mettersi in cammino per trovare la strada che porta a Dio, che porta alla pace, nel riconoscimento reciproco della propria identità.
In conclusione si è proposto la realizzazione di un dolce speciale: “La torta della pace indicandone i vari ingredienti e una riflessione di Tonino Bello, che quale valido pastore, incita al cammino.
«Mettiamoci in cammino, senza paura. Il Natale di quest’anno ci farà trovare Gesù-Dio e, con Lui, il bandolo della nostra esistenza redenta, la festa di vivere, il gusto dell’essenziale, il sapore delle cose semplici, la fontana della pace, la gioia del dialogo, il piacere della collaborazione, lo stupore della vera libertà, la tenerezza della preghiera».

Antonina Busà

19Dic/140

Messina – Amare la propria città – «Alla scoperta dei tesori urbani di Messina»

1-2014_12_19-LAP-PercorsoCulturale-Principato

18Dic/140

Messina – Città Ambiente Scuola «Conoscere i processi evolutivi della città aiuta a contribuire alla sua crescita»

2014_12_19-Maurolico-Città_Civiltà-A_C_CELONA

18Dic/140

Reggio Calabria – anno 2014 «Sotto le Stelle di Natale al Planetario»

2014_12_21-PLA-NATALE-0221 dicembre 2014  - Pl2014_12_21-PLAanetario provinciale Pythagoras di Reggio Calabria

«SOTTO LE STELLE DI NATALE 2014»

“Sotto le stelle di Natale” è il programma che il Planetario provinciale Pythagoras di Reggio Calabria propone per le festività natalizie.
Le finalità di questa iniziativa, divenuta ormai un appuntamento atteso dal pubblico, sono duplici. Da un lato, vogliamo mettere al centro le scuole, il loro impegno, le loro attività e, contemporaneamente, offrire “pillole” di scienza al vasto pubblico, per aiutarlo ad orientarsi nel mondo della scienza e della tecnologia.
Chi crede di poter vivere ignorando gli sviluppi scientifici e tecnologici si sbaglia di grosso.
Viviamo circondati dalla tecnologia, dalla quale molto spesso dipendiamo completamente, ma non percepiamo la ricerca scientifica e tecnologica come parte integrante della nostra cultura. E’ un pregiudizio da abbattere per non farsi travolgere dai cambiamenti che stanno trasformando il mondo e per non perdere il treno del futuro.
Il Planetario, attraverso una programmazione ampia, ma soprattutto qualificata, intende dimostrare che la conoscenza scientifica e l’innovazione tecnologia sono strumenti straordinari per capire il mondo in cui viviamo e per migliorare la qualità della nostra vita. Il momento culminante delle attività del Planetario è rappresentato dal Solstizio d’Inverno. L’ingresso nell'inverno astronomico, quest’anno è previsto alle ore 23:03 del 21 di Dicembre, segna il momento in cui il Sole, nel suo percorso apparente lungo l’eclittica, termina la fase di discesa raggiungendo il punto più basso nel Cielo. È un momento di passaggio ciclico considerato nell'antichità magico e drammatico: i giorni diventano sempre più corti e bui, fino ad arrivare alla notte più lunga dell'anno. Tutta la natura è come sospesa in questa morte simbolica che attende una resurrezione. 

2014_12_21-PLA-NATALE-02Il Sole cede il posto alle tenebre, per poi rinascere come rigenerato.

Per celebrare questo momento astronomico è stata invitata la prof.ssa Patrizia Caraveo, direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica (INAF) di Milano, che parlerà del “Cielo in tasca”.
Cosa c’è di più ‘open’ del cielo? Basta che non lo oscuriamo con troppe luci parassite e il cielo è a disposizione di tutti. Gli occhi sono uno strumento molto versatile per l’osservazione del cielo ma la loro capacità è limitata e, per vedere lontano, dobbiamo servirci di strumenti sempre più potenti e sofisticati. Oggi, però, è il cielo a venire verso il pubblico sfruttando le nuove tecnologie: sono le APP che ci raccontano cosa sta succedendo nella volta celeste. È la scienza in tempo reale.
Il programma prevede la premiazione dei lavori sull'inquinamento luminoso ed un attestato di riconoscimento alle scuole della Calabria che hanno partecipato alle Olimpiadi Italiane di Astronomia.
Dal “Cielo in tasca”, ai giovani studenti che si trasformano in guide del cielo, alle impronte digitali del bing bang, alla tradizionale serata dedicata alla Parrocchia del SS Salvatore, entro cui ricade il Planetario.
Uno spazio particolare sarà riservato, poi, ai bambini dai 5 ai 12 anni, per i quali arriverà “la befana scientifica” del Planetario, con una tombolata ricca di premi… astronomici.
Il Presidente della Provincia, dott. Giuseppe Raffa, l’Assessore alla Cultura, dott. Eduardo Lamberti-Castronuovo, consapevoli del ruolo che il Planetario provinciale Pythagoras svolge all'interno della regione, della provincia e della città condividono il programma ed invitano la 2014_12_21-PLA-NATALE-02cittadinanza tutta a partecipare.

PROGRAMMA

Domenica 21 Dicembre, ore 18.00
IL SOLSTIZIO D’INVERNO
Introduzione Prof.ssa Angela MISIANO Responsabile Scientifico Planetario Pythagoras Reggio Calabria
Saluti delle Autorità presenti
“Il Cielo in tasca” Prof.ssa Patrizia CARAVEO Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano
Premiazione dei lavori “Quanto è stellata la notte?”
Olimpiadi di Astronomia in Calabria Riconoscimento alle Scuole
“Il Cielo al Planetario” a cura degli esperti del Planetario Rosario BORRELLO, Marica CANONICO, Carmelo NUCERA

Lunedì 15 Dicembre, ore 9,00
“A spasso tra le Stelle di Natale” Incontro con gli alunni dell’I.C. “Carducci-Da Feltre”

Martedì 16 Dicembre ore 9,30 “A spasso tra le Stelle di Natale” Incontro con gli alunni della Scuola primaria “De Zerbi” Palmi
ore 21,00 “ Le meraviglie del Cielo di Natale" e le sue meraviglie”
Incontro con i volontari dell’Emporio della Solidarietà Genezareth

Mercoledì 17 Dicembre, ore 9,00
“Il Cielo di Natale” Incontro con i ragazzi del Liceo Artistico “Mattia Preti”

Giovedì 18 Dicembre, ore 16,30
“Il Cielo di Natale” Incontro con i piccoli astronomi dell’I.C. “Cessaniti” (VV)

Sabato 20 Dicembre ore 9,00
2014_12_21-PLA-NATALE-02“Il Cielo di Natale” Incontro con i ragazzi del Liceo Artistico “Mattia Preti”

Lunedì 29 Dicembre, ore 21,00
“L’Europa sulla Cometa” Dott. Marco ROMEO Esperto Planetario

Martedì 30 Dicembre, ore 21,00
“Compagni di viaggio che è meglio tenere lontani: gli Asteroidi”
Dott. Giovanni PALAMARA Esperto Planetario

Domenica 4 Gennaio , ore 21,00
“Onde gravitazionali cosmiche: impronte digitali del big bang”
Dott. Carmelo EVOLI Università di Amburgo

Lunedì 5 Gennaio, ore 16,30
Gioco a premi per bambini “Una Befana Stellare”
Dott.ssa Marica CANONICO Esperta Planetario

Martedì 6 Gennaio, ore 19,30
Incontro con la Parrocchia del SS. Salvatore “Il cielo di Natale tra mito e scienza”
Prof.ssa Angela MISIANO Responsabile Scientifico Planetario Pythagoras Reggio Calabria

Condizioni meteorologiche permettendo, è prevista in occasione degli incontri al Planetario l’osservazione del Cielo con gli strumenti a cura degli Esperti del Planetario.

17Dic/140

Messina – «Una coniugazione perfetta tra l’Oratorio S. L. Guanella e il PROGETTO G.I.O.CO (Gioco Imparo Opero, COopero»

2014_12_16-GOZ-Progetto Gioco Locandina oratorio1-2014-12-16 16.18.09MOSTRA PROGETTO GIOCO
E TOMBOLATA DIDATTICA “TEMPO DI BINGO
Oratorio San Luigi Guanella
16/12/2014

Inattesa partecipazione di bambini, ragazzi e genitori alla particolare tombolata TEMPO DI BINGO che, assieme alla mostra del PROGETTO G.I.O.CO., è stata organizzata all’Oratorio San Luigi Guanella. Alla manifestazione hanno partecipato il delegato del Rettore dell’Università di Messina, il prof. Daniele Bruschetta, il direttore dell’Ufficio diocesano per le Comunicazioni Sociali, don Giuseppe Lonia, un rappresentante della Caritas diocesana, Enrico Pistorino, alcune insegnanti delle ScuoleAlbino Luciani” e Nino Ferraù”, diversi membri del GOZ (Gruppo Operativo di Zona).
TEMPO DI BINGO non ha niente a che vedere con le tombole tradizionali, ma è un gioco che permette di imparare, ma soprattutto di imparare ad apprendere, 1-2014-12-16 16.18.51 (5)divertendosi, contenuti relativi a tutti i campi del sapere, le lingue e le discipline.
La tombolata, pertanto, è stata una occasione di incontro, di socializzazione e di sano divertimento, ma soprattutto una opportunità per conoscere e comprendere la valenza motivazionale e l’efficacia dei sussidi, dei percorsi e del metodo proposti dalla prof.ssa Angela Lenzo.
2-2014-12-16 14.54.00Sintetizzata nel PROGETTO G.I.O.CO (Gioco Imparo Opero, COopero), la proposta educativa e didattica della docente fa leva su bisogni intimi e profondi del bambino e dell’uomo -come il gioco, la conoscenza, l’operatività, la creatività e la cooperazione- ed è il frutto di oltre trent’anni di ricerca-azione, attraverso la quale sono stati conseguiti risultati-documentati- sui quali nessuno avrebbe scommesso,
Il PROGETTO G.I.O.CO. è stato sviluppato soprattutto nell'Istituto E. Castronovo – ora accorpato all’Albino Luciani- dove la prof.ssa Lenzo ha prestato servizio dal 2000 al 2011 e dove il gioco e l’animazione sono stati introdotti in maniera generalizzata in tutta la scuola dell’obbligo, dall'infanzia alla media, superando riserve e pregiudizi e sfatando il luogo comune secondo il quale, dopo la scuola elementare, il gioco vada bene solo per gli alunni diversamente abili e con 3-2014-12-16 14.54.11problemi e difficoltà di apprendimento e contrapponendo al gioco diseducativo e autodistruttivo, sempre più dilagante tra grandi e piccoli, il gioco che aiuta la persona a esprimersi e a realizzarsi 6-2014-12-16 16.18.43pienamente.
Già nel 2001, con un finanziamento del Provveditorato, il PROGETTO G.I.O.CO. è stato sperimentato per l’integrazione degli alunni diversamente abili. E sempre nell’I.C. E. Castronovo, grazie ad un finanziamento del Rotary Club di Messina, a partire dal 2007, il PROGETTO G.I.O.CO. è stato sperimentato, per il triennio della scuola media, con tutti gli alunni nella classe più difficile e problematica. E proprio questa classe (come ha testimoniato la signora Luisa Currò- mamma di un’alunna- all'incontro con i genitori, tenuto all’Oratorio giorno 24 novembre)agli esami finali ha raggiunto i risultati migliori di 4-2014-12-16 14.54.23tutto l’Istituto. E non soltanto dal punto di vista dell’apprendimento ma anche e soprattutto, per la maturazione globale della persona e l’acquisizione di comportamenti cooperativi e solidali.
Il PROGETTO GIOCO ha avuto successo anche perché non è soltanto una proposta teorica e non si limita a dare indicazioni generali: offre, infatti, a insegnanti, educatori e genitori percorsi, materiali e strumenti concreti, immediatamente spendibili in tutta la fascia dell’obbligo, ai fini dell’innovazione educativa e didattica – di cui c’è estremo bisogno nelle scuole, ingessate dalla didattica tradizionale- ma anche per l’inclusione e l’integrazione di tutti, per prevenire e contrastare la dispersione scolastica, la devianza e il crescente fenomeno delle ludopatie
Fa parte integrante del PROGETTO G.I.O.CO. una ricca varietà di sussidi, accuratamente studiati e progettati, per 8-2014-12-16 16.17.55motivare gli alunni e rendere interessante ed efficace il lavoro scolastico, favorendo l’acquisizione di un solido sapere di base; per personalizzare e integrare gli interventi, in relazione alle particolari situazioni e necessità di ciascuno, offrendo, quindi, facilitazioni per chi è in difficoltà e stimoli adeguati affinché nessuno venga trascurato e perché tutti, dal più debole al più capace, riescano a dare il massimo, ma soprattutto il meglio di sé.
Si tratta in gran parte di tessere, schede, tabelle e tabelloni in carta e cartoncino (come TEMPO DI BINGO) che vanno utilizzati ad integrazione o al posto dei quaderni. Con questi semplici materiali, tutti gli alunni, mentre svolgono normali attività didattiche, possono costruirsi ed avere a disposizione anche a casa delle “ludoteche” educative personali e personalizzate. Ciò contribuisce a creare interessi significativi anche per i soggetti a rischio, inducendoli a trascorrere in maniera utile e piacevole il tempo extrascolastico, tempo in genere perso per le strade, lungo quelle strade dove molto spesso si perdono.
1-2014-12-16 14.53.502014_12_16-OSLG-GIOCO-LinaLenzoE, pertanto, per affrontare in maniera più incisiva il problema dell’istruzione e della formazione e per prevenire e contrastare il crescente fenomeno dell’abbandono della scuola, anche al nostro Oratorio il PROGETTO G.I.O.CO. è stato utilizzato con grande successo, lo scorso anno scolastico: alunni sedicenni di prima media e già in dispersione, sono stati immediatamente coinvolti, suscitando la curiosità e l’interesse di altri ragazzi e bambini, ma anche di adulti e di responsabili di altri oratori. Abbiamo perciò avviato un percorso, in parte parallelo in parte integrato, per figli e genitori, la cui adesione riteniamo di importanza fondamentale.
La mostra del PROGETTO G.I.O.CO. e la tombolata didattica TEMPO DI BINGO si inseriscono, pertanto, in un percorso di promozione culturale, umana e sociale e di prevenzione e lotta alla dispersione scolastica e alla devianza e di educazione degli adulti e formazione permanente.
Considerati i risultati e l’interesse generale suscitato dal PROGETTO G.I.O.CO. , ci proponiamo di promuovere una più attiva collaborazione tutti i soggetti della comunità coinvolti per favorire l’interazione di tutti e l’ integrazione degli interventi, onde ottenere risultati più significativi. (D.N.R.)

17Dic/140

1-invito

15Dic/140

Messina – «Le stagioni della vita: anche il tempo delle mele…mature può riservare gradevoli e felici sorprese»

2014_12_12-Intervolumina-Letturaterapia2014_12_12-Biblioteca_Cappuccini_LibroterapiaVenerdì 12 dicembre 2014 nella bella sede della Biblioteca dei Cappuccini si è tenuta la II Edizione di

 «LETTURATERAPIA - I libri che curano»

Questo secondo appuntamento di LETTURATERAPIA ha confermato la felice intuizione dell'Associazione INTERVOLUMINA, nel mettere la comunicazione delle esperienze di lettura personale come base di un reciproco interscambio relazionale. Al centro il libro. Un braciere che irradia scintille di notazioni, di riferimenti, di emozioni e di approfondimenti. Ogni libro, in un certo modo, appartiene a chi lo legge, alla sua comprensione, alla sua versione, al suo punto di vista. Quando viene 2014_12_12-Biblioteca_Cappuccini_Libroterapia2014_12_12-Biblioteca_Cappuccini_Libroterapiarealizzata questa osmosi comunicativa si allarga l'orizzonte conoscitivo della libertà dell'uomo.
 
Nota BLOG - Questo raccontarsi, è un momento di crescita, che potrebbe essere utilizzato anche in famiglia per aprire nuovi canali di comunicazione tra genitori e figli. Un libro 2014_12_12-Biblioteca_Cappuccini_Libroterapial2014_12_12-Biblioteca_Cappuccini_Libroterapiaetto e raccontato agli altri, dice molto della propria disponibilità nel condividere ideali, attese e trepidi timori. Una fiduciosa verve comunicativa dice tanto sulla propria personalità e facilita la comprensione dell'essenzialità dell'ascoltarsi.
g

9Dic/140

Messina – «La Scuola è una Comunità di persone che crescono insieme…impariamo il G.I.O.C.O»

2014_12_16-GOZ-Progetto Gioco Locandina oratorio

martedì 16 dicembre 2014 ore 16.00  Oratorio San Luigi Guanella - Fondo Fucile

È l’ultima scommessa, lanciata dalla Prof.ssa Lina Lenzo all’ “Oratorio San Luigi Guanella” ed accolta con entusiasmo da tutta la comunità e dai genitori. La mostra del PROGETTO G.I.O.CO. e la tombolata didattica TEMPO DI BINGO, in programma per giorno 16 dicembre 2014 alle 16.00,  si inseriscono, infatti,  in un percorso di prevenzione e di lotta alla dispersione scolastica e alla devianza. Iniziato con successo, lo scorso anno scolastico, con ragazzi che avevano abbandonato la scuola,  continuerà anche quest’anno con itinerari integrati per genitori e figli, attività di educazione degli adulti e formazione permanente.

Don Nico Rutigliano 

“Oratorio San Luigi Guanella” -

G.O.Z. Gruppo Operativo di Zona - Comunità e Diritti - Villaggio Aldisio

9Dic/140

Messina – «La lettura come esperienza viva della nostra vita»

venerdì 12 dicembre 2014 ore 17.30

Biblioteca dei Cappuccini - Via delle Mura (accanto Santuario madonna di Pompei)

Intervolumina

« Letturaterapia »

I libri che curano

2ª Edizione 

«Uno scambio di esperienze personali per arricchirci come singoli e come Comunità »

2014_12_12-Intervolumina-Letturaterapia