CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

31Mag/140

Palermo – “La catechesi come strumento formativo di Cristiani adulti nella fede”

2014_-DGALCAMOCop-Due pubblicazioni curate da Don Giuseppe Alcamo, pronte per la libreria nel mese di giugno.  Una raccoglie gli Atti del convegno dei catecheti d’Italia e l’altra gli Atti della giornata di studio di catechetica, organizzata dalla Facoltà Teologica di Sicilia, sull’Esortazione Apostolica “Evangelii Gaudium.

LA CATECHESI
EDUCA ALLA GIOIA
EVANGELICA

Riflessioni teologico-pastorali a partire dall’Esortazione Evangelii Gaudium a cura di Giuseppe Alcamo
L’Evangelii Gaudium è il nuovo programma pastorale che papa Francesco indica alla Chiesa del terzo millennio.
Attraverso questo documento, il Papa chiede a tutti i singoli cristiani e alle Chiese locali un ri-centramento della vita cristiana attorno alla gioia del Vangelo e a tutte le sue implicanze.
La Facoltà Teologica di Sicilia, coinvolgendo docenti
di diverse realtà accademiche e le Chiese locali dell’I-sola, desidera entrare nella stessa tensione spirituale
ed ecclesiale del Santo Padre, per dare un apporto di
approfondimento e di applicazione di questo nuovo
programma, in modo da promuovere una vita cristiana
vissuta nella gioiosa fedeltà al Vangelo.
Giuseppe Alcamo -Rosario La Delfa - Vincenzo Lombino - Luciano Meddi - Ubaldo Montisci - Antonio Parisi - Sergio Tanzarella - Carmelo Torcivia 99B 6E XX,00  ISBN 978-88-315-4523-5

31Mag/140

Taormina – “Un respiro profondo di illuminata umile sapienza”

2014_GAILLOT-GeS-28-TAORMINA

2014_05_28-TAO-GAILLOT-28 maggio 2014 -  Biblioteca delle Suore Francescane missionarie di Maria

PREMESSA - Essere coerenti col Vangelo è la cosa più difficile per chi sceglie di seguire il "Maestro". 

2014_05_28-TAO-GAILLOT-Essere nella casa delle Suore Francescane e ascoltare mons. Jacques GAILLOT vuol dire immergersi in un altro mondo dove la fatica di essere cristiano assurge alle 2014_05_28-TAO-GAILLOT-vette della libertà nella responsabilità. Nonostante i limiti umani, veniamo proiettati in una dimensione divina.

2014_05_28-TAO-GAILLOT-La dott.ssa Liliana Leonardi, componente del Gruppo Gaudium et Spes, ha introdotto i lavori rendendo note al numeroso uditorio le tormentate vicende pastorali di mons. Gaillot, tratte dalla sua biografia .

Suor Tarcisia, ha tratteggiato la figura di un Testimone che parla con un linguaggio duro ma vero non edulcorato, di una testimonianza che lascia il segno e che penetra fino alle midolla. La prof.ssa Simonetta Micale è entrata in simbiosi con il dire del Vescovo tanto da avere l'impressione che la sua traduzione provenisse dalla stessa bocca di mons. Gaillot. Molte le domande al termine dell'incontro testimonianza, che hanno reso ancora più penetrante l'annuncio della sovrabbondanza dell'amore di Dio.

30Mag/140

Messina – l’Abitazione dell’Artista Cavaliere Giovanni Cammarata « MAREGROSSO: COSE DA MATTI»

-Arch. Carmelo Celona- Cari amici, ho il piacere di invitarvi, con l'allegata cartolina, Sabato prossimo 31 maggio, ad un evento culturale straordinario per la città di Messina.
Si tratta di una serata di studi dell'opera del Cavaliere Giovanni Cammarata, un artista outsider ormai considerato nell'ambiente della critica d'arte internazionale uno dei maggiori esponenti di questa corrente artistica in Sicilia ed in Italia.
Interverrà il critico d'arte Eva di Stefano,uno dei maggiori critici italiani dell'arte contemporanea, attuale curatrice della mostra di Klimt a Milano, editori di pubblicazioni artistiche, sociologi, critici d'arte, filosofi, ecc... Verrà presentata un'ipotesi di dispositivo concreto di protezione e di tutela di quel che ancora riimane dell'opera del Cavaliere e di valorizzazione territoriale dei contenuti artistici e sociali dell'esperienza espressiva di Cammarata.
Successivamente ai lavori, dei cui contenuti, potete apprendere meglio nel restro della Cartolina d'invitoallegata, saranno esposte le opere di un altro artista messinese considerato "matto" : Gaetano Chiarenza. Ospite per lungo tempo del manicomio Mandalari, i cui lavori da tempo sono oggetto dell'apprezzamento dei critici .
2014_05_31-CELONA-Cosedamatti
2014_05_31-CELONA-Cosedamatti

30Mag/140

Messina – ADDIOPIZZO «Un traguardo raggiunto: la prima LISTA PIZZO FREE«

2014_05_27-LISTA_PIZZO_FREE2014_05_27-SaloneBandiere-ADDIOPIZZO-LISTAFREEUna carrellata di immagini per documentare parzialmente un importante avvenimento  nella ormai desueta "Città Babba".

Nel Salone delle Bandiere centro rinnovato della Legalità messinese, ADDIOPIZZO nelle figure responsacili di Don Terenzio Pastore, Enrico Pistorino e Enrico Interdonato, ha consegnato le Vetrofanie di

«LISTA PIZZO FREE»

A commercianti, imprenditori professionisti e liberi cittadini.

E' il momento auspicato da Don Terenzio nell'ultimo incontro di Legalità svoltosi presso la Parrocchia Santa Maria di Gesù inf. a Provinciale , sempre vivacizzate dal gruppo dell'Istituto Comprensivo Albino Luciani guidato delle docenti con particolare 2014_05_27-SaloneBandiere-ADDIOPIZZO-LISTAFREE2014_05_27-SaloneBandiere-ADDIOPIZZO-LISTAFREEriferimento alla verve di Alina Mondo, a cui ha partecipato anche l'Arcivescovo mons. Calogero La Piana, ed il sindaco Renato Accorinti.

Sono stati ringraziati tutti professionisti, avvocati, commercialisti, sindacalisti che hanno dato un notevole contributo alla stesura dei documenti necessari per approntare questa LISTA di LIBERTA'. Un saluto particolare alle autorità Procuratore della repubblica, Questore, Prefetto, Forze di Polizia Guardia di Finanza, Carabinieri. Marina militare, che hanno sempre  sostenuto questo importante impegno.

2014_05_27-SaloneBandiere-ADDIOPIZZO-LISTAFREE2014_05_27-SaloneBandiere-ADDIOPIZZO-LISTAFREE

29Mag/140

Messina – Gaudium et Spes – “la conoscenza e l’approfondimento” – «Terzo appuntamento con JACQUES GAILLOT»

Dopo gli Incontri svoltisi il 26 maggio a Barcellona P.G. (POST già pubblicato) e il 28 maggio a Taormina,  

oggi 29 maggio  ultimo incontro a Messina2014_GAILLOT-GeS-29-ME

29Mag/140

Reggio Calabria – Cultura Musica Astronomia «Le vie della musica e l’armonia dell’Universo»

2013_11_26-PLA-Memoria_OLGAGiovedì 29 Maggio 2014, ore 18.00 - Planetario provinciale Pythagoras di Reggio Calabria

“IL MITO DI ER E IL CANTO DELLE SIRENE”

Prof. Luigi Caminiti

Docente di storia e Filosofia presso il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”

La conferenza è l’ultimo degli incontri programmati all'interno del corso di formazione: “Le vie della musica e l’armonia dell’Universo”.
Il mito di Er, collocato nella sezione X dell’opera più importante e matura dell’ateniese, è intenzionalmente un compendio della sua visione del mondo, nel quale soggettività umana, collettività, natura (astronomia, fisica e fisiologia), e arte (musica in particolare) risultano legate tra loro da una ratio matematica finalizzata all’armonia e al bene.
Il racconto di Er, mythos platonico e perciò funzionale all’educazione e alla divulgazione della verità del bene e della bellezza, comincia dalla morte di Er in un processo di sdoppiamento del soggetto che ascende a una condizione conoscitiva col suo doppio immortale, l’anima.
Non è un caso che Er sia un guerriero, un uomo dunque educato alla disciplina, esente da cupidigia, e per Platone potenzialmente destinato alla conoscenza delle cose che gli potranno consentire in seguito, se ne sarà degno, di guidare e reggere la politèia.
Nell’ascesa Er conosce pene e ricompense conseguenti alle azioni commesse in vita dagli uomini e il ciclo di trasmigrazione delle anime.
In seguito è condotto a conoscere la struttura della realtà fisica. Lì vede l’anima del mondo che tiene avvinti i cieli, e le fere che ruotano nei cieli intorno al fuso della necessità, toccati nella loro rotazione perfetta dalle mani delle tre moire. In ogni cielo le sirene cantano le note dell’armonia dell’universo.
Per comprendere appieno il mito fin qui descritto è necessaria una rilettura complessiva delle opere di Platone.
Certamente del Fedone e del Timeo, nel quale è descritta la struttura razionale e il modo in cui il Kosmos è stato ordinato dal Demiurgo.
È possibile così rintracciare l’importanza della musica nella struttura matematica dell’universo, rintracciando nelle relazioni e nelle proporzioni numeriche che compongono la realtà astronomica la legge della bellezza e dell’armonia, con esplicito riferimento al modo musicale dorio.
Il canto delle sirene è dunque espressione della perfezione razionale con cui il Demiurgo ha costruito l’anima del mondo e la realtà fisica, come corpo e anima.
Riferendoci poi al Fedro, e al mito delle cicale in esso contenuto, è possibile sottolineare come musica e filosofia siano strettamente connesse e concorrano su piani diversi alla medesima funzione conoscitiva. L’astronomia è, dunque, intrinsecamente filosofica e musicale per Platone.
E dalla matematica, dall’astronomia, dalla musica e dalla filosofia è possibile formulare precetti politicamente armonici, orientati al bene, alla collettività, alla bellezza, alla verità.
Certo, le conoscenze greche al tempo di Platone, per ciò che concerne geometria, matematica e musica, la stessa osservazione dei fenomeni naturali, sono limitate e poco applicabili alla realtà quale si offre a noi oggi.
Ma il senso della ricerca platonica, la convinzione che il mondo, l’uomo, facciano parte di una struttura ordinata, razionale, matematica, interconnessa tra le sue parti, sono le stesse convinzioni che animano la ricerca in tutti i campi specialistici della conoscenza contemporanea.
Una delle suggestioni più evidenti ci viene dalla “geometria dei frattali” di Benoit Maldenbrot, una geometria più “naturale” di quella euclidea, nella quale, però, sorprendentemente, troviamo le stesse interconnessioni cercate da Platone.
Forse neanche questa sarà la strada definitiva per accedere alla struttura del mondo, forse la struttura che cerchiamo fuori è solo kantianamente una riproduzione degli schemi della nostra logica. Forse non siamo altro che mosche dentro una bottiglia ingenuamente convinte che il cielo abbia la forma della bottiglia.
Ma la filosofia, intesa nel senso di ricerca, è proprio questa, come insegna Wittgenstein: “tentare di aiutare la mosca ad uscire dalla bottiglia” o, su un altro piano, riuscire a sentire il canto delle sirene.

28Mag/140

Messina – «Neanche il maltempo riesce a fermare l’azione ecologica dei volontari»

2014_05_25-LAP-Spiagge-PILONE2014_05_25-LAP-Spiagge_PuliteDomenica 25 maggio 2014 - OPERAZIONE SPIAGGE E FONDALI PULITI -ore 9,30 a CAPO PELORO (nei pressi del PILONE) - discesa accanto all’Horcynus Orca.

Nonostante iI maltempo i Volontari dei circoli messinesi, Legambiente Messina e Legambiente dei Peloritani  hanno condotto l’edizione cittadina della campagna di Legambiente OPERAZIONE SPIAGGE E FONDALI PULITI,  hanno collaborato il movimento Cambiamo Messina dal basso, il Club Sommozzatori Messina di Salvatore Campolo.  Al gazebo, ha operato la prof.ssa Annamaria Celi, base operativa per i volontari, che armati di rastrello, guanti e sacchetti, hanno rimosso i rifiuti rinvenuti, differenziando, vetro, plastica e metallo.

Il “raccolto” è stato concentrato nel punto di conferimento organizzato dalla Società Messinambiente, che ha validamente operato con i suoi addetti. presente anche 2014_05_25-LAP-Spiagge-PILONE2014_05_25-LAP-Spiagge-PILONEuna imbarcazione che vigilava dal mare. 

Con una semplice opera di rastrellamento manuale i piccoli e i grandi volontari hanno lasciato intatto l’ambiente naturale della spiaggia fornendo così un esempio di comportamento: fruizione e tutela dell’ambiente possono essere in sintonia. In particolare qui, dove la spiaggia è compresa nella zona B della Riserva Naturale Orientata “Laguna di Capo Peloro”, si fatta attenzione a non calpestare né danneggiare la vegetazione spontanea dell’area dunale.

 

 

28Mag/140

Barcellona Pozzo di Gotto – «La Comunità barcellonese accoglie con onore il Vescovo Jacques Gaillot»

2014_GAILLOT-GeS-26-BPG2014_05_26-BPG-GALLIOT26 maggio 2014 ore 17.30 Auditorium S. Vito - Via San Vito 2 -  E' stato un vero incontro - "camminare reciprocamente uno verso l'altro" 

«La Comunità barcellonese accoglie con onore il Vescovo Jacques Gaillot». Queste le parole di benvenuto del Sindaco, prof.ssa Maria Teresa Collica. Iniziamo da questa affermazione, ribadita in chiusura anche dall'ass. Raffaella Campo, per riflettere seriamente sull'interazione tra il Vangelo e la vita quotidiana. Le parole del Sindaco mettono in evidenza come le due opzioni non sono contrapposte, anzi una, (Vangelo) illumina l'impegno per

"PRATICARE L'AMORE E LA GIUSTIZIA DOVUTI AL PROSSIMO"

 2014_05_26-BPG-GALLIOT2014_05_26-BPG-GALLIOTche JACQUES GAILLOT - Vescovo di Partenia ha dimostrato, con l'illuminata semplicità della testimonianza di Pastore attento "all"Umano", che sceglie con profetico discernimento la "sovrabbondanza" dell'amore. Tanti gli episodi raccontati, "perle" di vita quotidiana, di chi sceglie l'opzione di Gesù; "partire dagli ultimi": dai poveri, dagli emarginati, dai senzatetto, da chi si impegna in ideali di giustizia e di libertà. Il suo racconto è iniziato  dalla Samaria- dal Pozzo di Giacobbe  -  Dove Gesù incontra la Donna Samaritana per mettere in subbuglio tutte le nostre certezze, sulla purità della fede, sull'accoglienza ecc. Abbiamo potuto ascoltare le sue frasi grazie alla traduzione simultanea di Simonetta Micale (Docente di francese presso 2014_05_26-BPG-GALLIOT2014_05_26-BPG-GALLIOTl'Ateneo messinese), che con accuratezza ha interpretato il pensiero prima di fornirci l'espressione verbale.

La dott.ssa Piera Calabresi, ha fatto gli onori di casa introducendo l'evento, con un breve ma significativo intervento. Ha dato poi la parola al prof.re Pippo Lipari responsabile del Gruppo Gaudium et Spes, che ha introdotto i lavori. Il primo intervento introduttivo è stato svolto egregiamente da padre  GREGORIO BATTAGLIA, che ha ben delineato il percorso poi seguito dal Vescovo.GAILLOT.

Auditorium pieno, pubblico attentissimo con autorevoli presenze cittadine e religiose. Per tutti nomino una prof.ssa di Francese  e mons. G. Tripodo. Interessanti il dialogo finale con tanti argomenti a cui ha risposto, senza sottrarsi il Vescovo_Jaques_GALLIOT


2014_05_26-BPG-GALLIOT-Sindaco_MariaTeresaCollica-Ass_Raffaella_Campo

28Mag/140

Taormina – Gaudium et Spes – “la conoscenza e l’approfondimento” – «Secondo appuntamento con JACQUES GAILLOT»

2014_GAILLOT-GeS-28-TAORMINA28 maggio 2014 ore 17.30 - Biblioteca delle Suore francescane missionarie di Maria - Via Bagnoli Croce, 128

"VANGELO E MODERNITA'"

 JACQUES GAILLOT - Vescovo di Partenia

INTRODUCE

suor TARCISIA CARNIELETTO

26Mag/140

Barcellona P.G. – Gaudium et Spes – “la conoscenza e l’approfondimento” – «Primo appuntamento con JACQUES GAILLOT»

2014_GAILLOT-GeS-26-BPG26 maggio 2014 ore 17.30 - Auditorium S. Vito - Via San Vito 2

"PRATICARE L'AMORE E LA GIUSTIZIA DOVUTI AL PROSSIMO"

 JACQUES GAILLOT - Vescovo di Partenia

INTRODUCE

p. GREGORIO BATTAGLIA

 

 

23Mag/140

Palermo – «23 maggio 1992 – Autostrada località Capaci – ORE 17:56 esplodono 500 Kg di tritolo… »

23 maggio 2014 ORE 17:56 - palco sotto l'Albero Falcone -  "L'Agente di Polizia intonerà il

"SILENZIO"

Come da tradizione sarà il giudice Grasso a ricordare gli ultimi istanti della vita terrena di:

Giovanni Falcone Francesca Morvillo Antonio Montinaro Rocco Di Cillo Vito Schifani

uniti nel sacrificio della loro vita per il bene di tutti noi. 

IL POST del 2013 - Palermo - «Lezione di vita - Lezione di coraggio - Questo è per noi il 23 maggio»

22Mag/140

Reggio Calabria – «…un viaggio temerario verso il Sole, il cuore del Sistema Solare»

2012_10_14-Astronomia-04-PlanetarioVenerdì 23 Maggio 2014, ore 21.00 Planetario provinciale Pythagoras di Reggio Calabria

“Solar Orbiter: novello Icaro!”

Dott. Daniele Spadaro - Astronomo Osservatorio Astrofisico di Catania

Il dott. D. Spadaro parlerà della missione Solar Orbiter: novello Icaro! L’ESA e la NASA si apprestano, infatti, ad effettuare un viaggio temerario verso il Sole, il cuore del Sistema Solare.
Un’impresa mai tentata finora, con innumerevoli sfide tecnologiche, soprattutto di tipo termico.
La sonda spaziale Solar Orbiter, il cui lancio è previsto per il 2017, raggiungerà infatti dopo circa tre anni una distanza dalla nostra stella pari a poco più di un quarto di quella della Terra, inferiore a quella di Mercurio, il pianeta più interno del sistema planetario.
A bordo un set di strumenti per studiare ed analizzare sul posto il plasma che continuamente si espande, a partire dalla caldissima corona (qualche milione di gradi), nel mezzo interplanetario dando origine al vento solare e formando l’eliosfera: così viene chiamata l’atmosfera della nostra stella, un’atmosfera talmente estesa che sia la Terra che tutti gli altri pianeti del Sistema Solare si trovano immersi al suo interno e devono fare i conti con una serie di fenomeni che hanno origine nel Sole.
Tra questi strumenti c’è anche il coronografo METIS, realizzato da un team scientifico ed industriale finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana, in collaborazione con un istituto tedesco ed un altro della Repubblica Ceca. Lo strumento prende il nome da una figura dell’antica mitologia greca, Metis appunto, che rappresentava l’astuzia e la saggezza.  Dalla sua unione con Zeus era nata Pallade Atena, la dea della sapienza.
Il relatore nel suo intervento spiegherà quali saranno i risultati attesi che spaziano da come ha origine e viene accelerato il vento solare ,come hanno origine, vengono accelerate e si propagano le particelle solari ad alta energia come hanno luogo i fenomeni transitori di espulsione di materia coronale e come essi si evolvono nell’eliosfera più interna.
Al termine della conferenza seguirà una breve presentazione del Cielo visto al Planetario e, subito dopo, condizioni meteorologiche permettendo, si passerà ad osservare il Cielo vero ad occhio nudo e con gli strumenti a cura degli Esperti del Planetario. Sarà l’occasione per potere osservare i pianeti Giove, Marte e Saturno.
Cominceremo a salutare il cielo di Primavera e dare il benvenuto al cielo dell’Estate che comincia a fare capolino ad Est.

22Mag/140

Messina – «Una vera unità d’intenti per il Bene ecologico della Città»

2014_05_25-LAP-Spiagge_PuliteDomenica 25 maggio 2014 -

OPERAZIONE SPIAGGE E FONDALI PULITI -

ore 9,30 a CAPO PELORO

(nei pressi del PILONE) - discesa accanto all’Horcynus Orca.

I circoli messinesi, Legambiente Messina e Legambiente dei Peloritani conducono l’edizione cittadina della campagna di Legambiente OPERAZIONE SPIAGGE E FONDALI PULITI, in collaborazione con il movimento Cambiamo Messina dal basso. Parteciperà inoltre il Club Sommozzatori Messina di Salvatore Campolo. L’invito è esteso a tutti i cittadini di buona volontà.  Un gazebo fungerà da base operativa per i volontari, che armati di rastrello, guanti e sacchetti, andranno a rimuovere rifiuti rinvenuti, differenziando, vetro, plastica e metallo.

Di seguito il “raccolto” verrà concentrato nel punto di conferimento organizzato dalla Società Messinambiente. Anche i sub porteranno sulla spiaggia i rifiuti rinvenuti sott'acqua che saranno conferiti allo stesso modo. Con una semplice opera di rastrellamento manuale i piccoli e i grandi volontari lasceranno intatto l’ambiente naturale della spiaggia e daranno un esempio di comportamento: fruizione e tutela dell’ambiente possono essere in sintonia. In particolare qui, dove la spiaggia è compresa nella zona B della Riserva Naturale Orientata “Laguna di Capo Peloro”, si farà attenzione a non calpestare né danneggiare la vegetazione spontanea dell’area dunale.

CONSIGLI UTILI: portare abbigliamento da mare, crema solare, ombrelloni, teli da mare, acqua da bere, guanti, cappellino e rastrello.

Si ringrazia la VII Direzione Ambiente della Provincia di Messina; la Direzione della Riserva; l’Ufficio del Genio Civile per il Demanio Marittimo; la Capitaneria di Porto di Messina; la VI Circoscrizione di Messina e la Società Messinambiente.

In collaborazione con il Comune di Messina: ASSESSORATO ALL’AMBIENTE E AI NUOVI STILI DI VITA

CIRCOLO DEI PELORITANI c/o CAI v. Natoli 20 Messina - per info: 3475666827 - CIRCOLO DI MESSINA Sede Legale: c/o Paolo Scaramuzza, via Consolare Pompea n 1831, Ganzirri Messina per info: 3687346098

22Mag/140

Messina – Gaudium et Spes – “la conoscenza e l’approfondimento” «Tre appuntamenti col Vescovo JACQUES GAILLOT»

2014_GAILLOT-GeS-26-28-29-BPG-Tao-ME

1-2014_05_26-GAILLOT

21Mag/140

Messina – Voler bene alla Città – «Continua la cura della Rotonda di Giostra dedicata alle “VITTIME E MARTIRI DELLA MAFIA”»

2014_05_17-LAP-Rotonda_Giostra-VITTIME_E_MARTIRI_DELLA_MAFIAIn questo maggio 2014 in cui si ricordano tra tanti altri: il 1 la Strage di Portella della Ginestra 1947 - il 4 Emanuele Basile (Cap.Carabinieri) 1980 - il 5 Pietro Scaglione (Procuratore) e Antonino Lo Russo (autista) 1971 - il 9 Peppino Impastato (Raio Aut) 1978, l' 11 Giovanni Bonsignore -(Regione Siciliana)  il 23 Giovanni Falcone - Francesca Morvillo, Rocco Di Cillo, Antonino Montinaro, Vito Schifani 1992

Legambiente dei Peloritani con un piccolo team di soci volontari, capitanato dal dott. Giovanni D'Arrigo, ha svolto l'opera di meritevole e continua attenzione per questa Rotonda di Giostra - divenuta  Simbolica Aiuola i cui fiori e le piante possiamo pensare rappresentino  le "VITTIME E I MARTIRI DELLA MAFIA".

2014_05_17-LAP-Rotonda_Giostra-VITTIME_E_MARTIRI_DELLA_MAFIA2014_05_17-LAP-Rotonda_Giostra-VITTIME_E_MARTIRI_DELLA_MAFIA2014_05_17-LAP-Rotonda_Giostra-VITTIME_E_MARTIRI_DELLA_MAFIA 2014_05_17-LAP-Rotonda_Giostra-VITTIME_E_MARTIRI_DELLA_MAFIA