CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

31Dic/120

Messina – «Gli auguri perché oggi sia l’ultimo giorno… di crisi profonda»

AUGURI DI BUON ANNO 2013

Che oggi sia l'ultimo giorno di quest'anno di crisi profonda che pero' ci ha insegnato ad essere più solidali e più rispettosi dei bisogni degli altri.

Da domani ci sara' una ripresa in tutti i sensi, ma noi continueremo a prodigarci per il prossimo con maggiore entusiasmo.

Che sia questo l'augurio per il 2013
che faccio a me stesso e a tutti voi. Un caloroso abbraccio......A presto!!!

(Angelo Costa) - (GOZ)

Grazie Angelo! rispondo al tuo augurio, condividendolo con gli oltre 2500 Amici (Utenti unici) che in questo mese di Dicembre hanno visitato il BLOG.

"noi continueremo a prodigarci
per il prossimo con maggiore entusiasmo."

 

28Dic/120

Messina – XXXII° Convegno Caritas – Progetto 2013 «Ero malato e mi avete visitato»

sabato 29 dicembre 2012 - ore 9.00

Istituto Cristo Re - viale Principe Umberto 89

XXXII Convegno Caritas

« "In qualunque casa..."  la Carità»

 * Con le famiglie educhiamoci alla fede nella Carità *

- Dopo le "settimane sociali" dell'amato arcivescovo mons. Francesco Fasola. Il Convegno Caritas è divenuto uno degli appuntamenti fondamentali della Chiesa Locale. Sotto la guida degli Arcivescovi: Ignazio Cannavò (1977-1997), Giovanni Marra (1997-2006)  e Calogero La Piana (13 gennaio 2007) ha dato saputo dare alla Città, un notevole contributo, per comprendere l'evoluzione dei bisogni e delle attese del popolo messinese. -

• Lettera del Direttore
Nell'anno pastorale in cui la nostra Chiesa diocesana guarda con particolare attenzione alle famiglie, la Caritas ha pensato di offrire - come ogni anno - un momento di riflessione e formazione per tutta la comunità diocesana. Il XXXII Convegno diocesano della Caritas di Messina Lipari S. Lucia del Mela "In qualunque casa..." la Carità. Con le Famiglie educhiamoci alla Fede nella Carità si inserisce nel contesto ecclesiale dell'Anno della Fede e dell'azione pastorale della nostra Diocesi che si pone l'obiettivo di mettere in luce la bellezza della famiglia, quale risorsa e forza educativa per la Società e la Chiesa.
Il Convegno sarà trasmesso in video-streaming sul sito diocesano...

21Dic/120

Messina – Natale 2012 – «Gli Auguri dagli Amici e per gli Amici del BLOG»

"La memoria di un evento passato, a volte, ci aiuta a superare le presenti difficoltà. Questo "Evento" è troppo grande ed interessa tutta l'umanità, passata, presente e futura."

"Il Figlio stesso di Dio infatti scese «in una carne simile al peccato»(Rm 8. 3)...Chiamò l'uomo alla somiglianza con se stesso, lo fece imitatore di Dio, lo inviò sulla strada indicata dal Padre perché potesse vedere Dio e gli diede in dono il Padre."- (sant'Ireneo)

..."Diede spontaneamente il suo Figlio come prezzo del nostro riscatto: il santo per gli empi, l'innocente per i malvagi, il giusto per gli iniqui, l'incorruttibile per i corruttibili, l'immortale per i mortali" - (Diogneto)

Noi ci vogliamo rendere reciprocamente protagonisti di comunione. Vogliamo che la proprietà transitiva sia quella delineata nei due precedenti brani.Per questo condivido con tutti voi i sinceri auguri che ho ricevuto ricevo e riceverò. Essi diventano così patrimonio comune. Chi fa gli auguri li riceve.

«Deus Dóminus,  et illúxit nobis.  
A Dómino factum est istud:  et est mirábile in óculis nostris»
(Ps. 117, 27. 23).

"Nell’approssimarsi della notte santa, vogliate gradire i miei più affettuosi auguri"

Buon Natale!

a tutti gli amici che mi seguono in questa dolce fatica di collegare i singoli e le realtà associative.

PRIMO ELENCO AUGURALE - Don Domenico Crucitti (FDP) - Don Gianni Russo (FDB) - Don Pino Alcamo (Mazara del Vallo) - SAE RC - SAE ME -Ponti Pialesi (Villa San Giovanni) -  GOZ - Legambiente Peloritani - Walking Together - Pastorale sociale lavoro - MOV (ME) -ADDIOPIZZO - LUP (PA) -Famiglia Memo (Cremona)- ing. Marco Canonici (Livorno) - arch. Vita Bianco (Santa Ninfa) - Pina Pagano (ME) - Patrizia Vita (ME) - Enrico Pistorino (ME) - Paolo Baroli Rossi (Sardegna) - Maria Palella (ME)  - Maria Romana De Domenico (ME) -

Ripropongo un filmato che parla della maestosa bellezza della creazione.

PER LA PROPRIETA' TRANSITIVA... ecco IL MESSAGGIO dell'Arcivescovo di Agrigento

«Don Franco MONTENEGRO»

19Dic/120

Messina – Chiesa del “Ringo” «Accoglienza Solidarietà Condivisione per Omar OMAR»

«Accoglienza Solidarietà Condivisione per Omar OMAR» 

Domenica 16 dicembre 2012 alla Messa delle 12,00 è entrato in Chiesa, al Ringo, per la terza volta in tre anni. In effetti è stato sollevato insieme alla sua carrozzella, dai volontari dell Casa della Speranza "Viviana Lisi"

Lui, OMAR, il marocchino, che fin quasi la metà del 2009, posizionato sui gradini d'ingresso, augurava a tutti "buona missa". Era diventato amico di tutti, lui di altra fede, che risvegliava così, forse_inconsapevolmente anche nei più distratti, la 'chiamata alla Messa in virtù del Sacerdozio comune. Infatti il celebrante, presidente dell'Assemblea, ringrazia Dio a nome nostro "per averci ammessi a  compiere il servizio sacerdotale". ( I gradini erano della Chiesa di Sant'Elena, demolita nel corso del 2009, ricostruita, ma ancora oggi non funzionante.)

Poi un ictus, sembrava aver messo a repentaglio i suoi giorni terreni, ma l'accoglienza nella Casa della Speranza "Viviana Lisi " di Riposto, e la sua forte tempra gli hanno consentito un grande recupero fisico e spirituale.

E' stato Fratel Carlo (camilliano, Direttore della Casa, ad illustrare le caratteristiche della stessa e lo ha fatto ricordando tra l'altro la grande disponibilità della Comunità di Sant'Elena guidata da Padre Pippo, che in questi tre anni è stato sempre vicino, con frequenti visite e la costituzione del gruppo "OMAR OMAR".

Nei tre anni, l'offerta è stata legata all'acquisto, di un libro, di un 'agenda e di un calendario. Ma sottolineava Fratel Carlo la "Casa", che raccoglie gli emarginati senzatetto che vivono per strada non ha nessun contributo pubblico ma si fonda unicamente nella Provvidenza:

14Dic/120

Messina – «Nostra sorella è qui con noi, per indicarci la strada della semplicità e dell’amore per la vita»

giovedi 13 dicembre 2012 - Chiesa Santa Maria di Gesù inf.

Mi sono emozionato! Come poche volte nella vita. Ho riconosciuto mio, lo struggimento di Pietro e Pasquale CAMPAGNA, per un gesto "fuori da ogni logica umana"che li ha privati della presenza fisica di Graziella, la loro giovane sorella di 17 anni. Le vicende che hanno raccontato, hanno tenuto ancorati al 'banco gli studenti presenti, appartenenti a tante Scuole cittadine di ogni ordine e grado. Hanno fatto 'sentire la gioia di Graziella per le umili e semplici cose. Il suo amore per la natura, per gli uccelli, tanto da rimproverare il fratello cacciatore. Il sogno di crearsi una famiglia. Per questo aveva imparato a cucire e tessere, per realizzare con le sue mani il corredo di nozze. Ed ad ogni aneddoto, si aveva la sensazione di bere un sorso di limpida acqua. Questo ha creato un clima di gioia e di festa, e la non scontata magnifica partecipazione di tutti i 700 studenti che gremivano la Chiesa di Santa Maria di Gesù inf. a Provinciale. Hanno condiviso con i ragazzi, l'incoraggiante pensiero che la morte è la prosecuzione della vita, e che Graziella era in mezzo a loro per indicare la strada della semplicità e dell'amore per la vita». Appoggiandosi in qualche modo al brano del vangelo che dice: "Il chicco che non muore, non porta frutto".

Nel racconto non è stato sottaciuto l'omertoso comportamento di molte 'distinte persone che 'sapevano, sanno e non parlano. E questa omertà tocca un pò tutti; dai semplici conoscenti, dagli abitanti e ancor più, le forze di polizia, i magistrati e anche sacerdoti di santa Romana Chiesa. Per saperne di più e bene, si può leggere il libro della giornalista Rosaria Brancato, da sempre al fianco della Famiglia Campagna nella lotta per la verità insieme all'avvocato Fabio Repici.

Rosaria Brancato, ha parlato per ultima, prima di lei erano intervenuti i fratelli Pietro, Pasquale e Don Terenzio Pastore. In apertura, ha omaggiato il gesto di quest'ultimo, di far porre sul tavolo una bottiglia di vetro contenente acqua di fonte. Ed ha spiegato ai ragazzi ma anche agli adulti la bontà e l'efficacia di quel semplice gesto. La ragione, che deriva da questo semplice gesto è il rapporto ecologico con la natura. Infatti il vetro è riciclabile e non inquinante e l'acqua del rubinetto, fa risparmiare anche sull'effetto serra, contenendo le spese per la sua produzione. L'appello forte della Brancato è stato quello di chiarire ai ragazzi che siamo tutti protagonisti, e che "l'altro" ci interessa sempre e comunque. E che senza l'impegno personale, a favore dell'altro, ci farà trovare, soli perché imbrigliati in colpevoli omissioni.

Prima di tutto l'APPELLO: Don Terenzio ha chiamato le classi una ad una, ed esse hanno risposto con l'unisono dei vari componenti. Poi l'omaggio della Scuola di Bordonaro un esempio ed una testimonianza forte che ha ripercorso tutte le tappe della vicenda di Graziella, senza tralasciare nessun anfratto giudiziario. I ragazzi e la docente hanno ricevuto i complimenti sentiti di entrambi i fratelli Campagna. Poi ha parlato Pasquale, che ha reso subito omaggio al fratello Piero senza il quale , certamente non si sarebbe giunti ad avere una prima verità. Poi Piero, forte impulsivo, ma moderato negli atti. Ha saputo incanalare il sentimento di ribellione in una giusta motivazione, che lo ha reso ancora più forte e determinato. Non rispondere cioè, dente x dente, ma percorrere la strada maestra delle regole. I risultati gli danno pienamente ragione.

Grazie di cuore ai fratelli CAMPAGNA: Pasquale Pietro GRAZIELLA.

Tante altre cose mi sovvengono, ma forse, magari in più visite al BLOG, vi consiglio di vedere i filmati seguenti, oppure vederli sul sito della Parrocchia di Santa Maria di Gesù inf.
2012_12_13-SMGi-Graziella_CAMPAGNA-01-Presentazione-Don_Terenzio_Pastore-14_08

2012_12_13-SMGi-Graziella_CAMPAGNA-02-S_M_CASTRONOVO-20_43

2012_12_13-SMGi-Graziella_CAMPAGNA-03-Filmato_Graziella_Campagna-07_03

2012_12_13-SMGi-Graziella_CAMPAGNA-04-Pasquale_Campagna-14_37

2012_12_13-SMGi-Graziella_CAMPAGNA-05-Pietro_Campagna-21_05

2012_12_13-SMGi-Graziella_CAMPAGNA-06-Rosaria_Brancato-13_29

14Dic/12Off

Reggio Calabria – Planetario Pythagoras -“Sotto le stelle di Natale 2012: un programma da fine del mondo”

14 Dicembre – 6 Gennaio

Il programma che quest’anno il Planetario provinciale Pythagoras offre alla cittadinanza è particolarmente ricco di eventi.

Accanto agli incontri con i bambini che per una notte si trasformano in “guide del Cielo”, alla “Befana Astronomica” (tombolata scientifica, con ricchi premi), troviamo il teatro, la musica, le conferenze, le serate osservative.

Il perno del programma è il Solstizio d’Inverno che quest’anno cade il 21 dicembre, alle ore 11,11 TU (ore 12,12 TMEC). Il Solstizio d’Inverno segna il momento in cui il Sole, nel suo percorso apparente lungo l’eclittica, termina la fase di discesa, e pertanto raggiunge il punto più basso nel cielo.

Il Sole raggiungerà al mezzogiorno la sua minima altezza nel cielo, che varierà in funzione della latitudine. C’è un motivo in più per rendere intrigante il Solstizio d’Inverno di quest’anno: il 21.12.2012 della nostra era, misurata dal calendario gregoriano, si interrompe il calendario dei Maya che profetizzano in questa data la fine del mondo.

Ed allora dal programma non si poteva escludere il dibattito su questa profezia.

La domanda di fondo è: perché la fine del mondo è così radicata nel nostro immaginario, al punto che basta il richiamo di una profezia o una diceria fantascientifica per riempire le pagine dei giornali? Perché l’idea della fine del mondo popola in modo così pervasivo tutti i generi letterari, il teatro, la mitologia? Quali sono gli eventi, secondo la scienza, che possono determinare la fine del mondo?

La corretta diffusione della cultura scientifica contribuisce alla crescita culturale del Paese e costituisce uno dei presupposti per il pieno esercizio dei diritti democratici dei cittadini, questo implica una solida cultura scientifica di base.

Con questo spirito, il Planetario Provinciale Pythagoras, consapevole del ruolo che svolge all'interno della Regione, della Provincia e della Città ha approntato il seguente programma a cui la cittadinanza tutta è invitata a partecipare.

14Dic/120

Messina – G.O.Z. – Scuola “N.Ferraù” – Territorio «Insieme per i diritti della Comunità di Villaggio Aldisio»

2012_12_05-Ferraù-Fiera del Dolce -07

Docenti: Angela Campo e Maria Rosa Micali

«"Si chiude e si apre. Gesti consueti e reversibili". Si aprono e si chiudono le imposte. Si aprono e si chiudono i cicli. Si apre e si chiude il nostro cuore alla speranza di un futuro migliore, quando... non si ha il "cuore di bambini". Noi adulti dobbiamo imparare da loro, che fiduciosamente si abbandonano nelle braccia delle loro mamme. Anche noi adulti, temporalmente avanzati, abbiamo, talvolta, questo desiderio. Ma poi si lasciamo prendere dalle cose del mondo, dalla furbizia e ... non godiamo della gioia di essere  "bambini".»

Queste riflessioni, nascono dal vivo quando si vedono le "Maestre" che educano alla gioia i bimbi a loro affidati. Quando ogni gesto ogni programmazione è intesa a farli progredire fisicamente e spiritualmente. Il Gruppo Operativo di Zona ha avuto come scelta fondante, (1997 ca- Don Nino Massara-Parroco del SS. Salvatore) quella della dispersione scolastica, e i docenti delle Scuole di ogni grado, site nel territorio, ne fanno parte, insieme all'ASL 5, alla Giustizia Minorile, alle associazioni di Volontariato, agli Operatori Guanelliani e ai diversi singoli operatori volontari. Per questo vive come una famiglia le attività che svolgono i vari membri. Talvolta in compartecipazione tra di loro o con altri Enti o da singoli. Basta scorrere il BLOG, inserendo la voce di ricerca, per vedere le varie iniziative, dal 2009 ad oggi.

Per rientrare nell'attualità; il GOZ  ha avuto contraccambiato l'incontro con l'Interclasse della "Nino Ferraù", nella persona del Presidente del Consiglio scolastico Katia Puleo e del territorio Gino Giardina. La piena condivisione degli obiettivi è stata ribadita dal presidente del GOZ don Nico Rutigliano, che ha dato una forte spinta all'integrazione con il territorio. (Giornate ecologiche, festa di primavera...). In queste attività notevole è stato l'apporto di Legambiente dei Peloritani con la presenza costante di Giovanni D'arrigo e Aldo Crimi, (...piantatori ufficiali).

La situazione globale del territorio e stata affrontata congiuntamente alle condizioni sociali e scolastiche dei ragazzi. Hanno dato il loro contributo ciascuno per campo di competenza: le docenti; "Ferraù"- Tiziana Fazio, "Minutoli"- Pina De Domenico, mentre la messa a fuoco delle condizioni psicologiche ed umane sono state trattate dalla dott.ssa Letizia Gugliermo e dal dott.re Gino Sancetta. La dott.ssa Eliana Torri, ha condiviso le tematiche dei minori in difficoltà con la legge, attuando misure di aiuto nella legalità. Proficuo e continuo l'impegno del prof.re Angelo Costa (matematica), per il doposcuola agli allievi delle Medie Inferiori e Superiori. Positiva ed arricchente la nascita di un gruppo di giovani della Parrocchia per il  sostegno degli allievi dell'Albino Luciani. Pieno di insidie il lavoro della dott.ssa Vittoria Scuto, animatrice del Centro di aggregazione giovanile, che si occupa dei ragazzi con minori prospettive di inserimento nel cosidetto tessuto sociale.

Nelle foto raccontiamo i momenti di Festa della Ferraù già attuati 5 dicembre "Fiera del dolce" e da attuare 18/19/20 dicembre "Mercatino di Natale e Pesca".

12Dic/120

Messina – SAE «Ascolto ecumenico della Parola»

giovedì 13 dicembre 2012 

Parrocchia S. Maria della Consolazione - Santo

Padre Marcellino Pane introdurrà :

«ATTI 3,1-26»

 

ll SAE inizia così il nuovo ciclo di incontri ecumenici incentrati sull'Ascolto della Parola, nell'anno della Fede. Questo primo incontro, dell'anno sociale 2012/13,  coincide con l'inizio del  mandato triennale della Dott.ssa Daniela Villari, chiamata all'unanimità, nelle recenti elezioni  al ruolo di coordinatrice  del Gruppo Ecumenico Messinese titolato a "E.Cialla". Sarà lei, pertanto, a tessere la trama di questo incontro 'avvicendando in questo ruolo l'instancabile prof.re Carmelo Labate, fondatore, coordinatore e animatore del Gruppo, nell'arco temporale di quasi un ventennio. A lui, i sentiti ringraziamenti, per tutti gli impegni portati a termine e il prezioso lavoro svolto.

11Dic/120

Messina – Giovane simbolo messinese della morte innocente «GRAZIELLA CAMPAGNA»

Dopo 27 anni dalla sua uccisione, il ricordo di questa "Giovane Donna" si è talmente radicato nel cuore dei messinesi, dei siciliani e spero nel mondo, che molto spesso viene ricordata nei vari ambiti della formazione, della informazione, ed anche nel parlare comune, come icona della purezza dei nostri giovani contro l'aberrazione della mafia e dei suoi accoliti in guanti bianchi.

Non c'è esempio più eclatante per spiegare la brutalità, la paranoia, l'inconsistenza morale sociale individuale e collettiva della mentalità mafiosa.

Grande merito della persistenza del suo ricordo è dovuta all'impegno profuso dai due fratelli Campagna Pietro e Pasquale, che hanno saputo trarre da una tragedia familiare, un Dono per tutta la comunità. Un dono di semplicità, di pudore, che hanno saputo offrire alle generazioni di giovani studenti, in questi lunghi e tormentati anni ancor prima del giudizio finale sugli assassini arrivato in porto con sensibile ritardo.

Oggi la cerimonia di ricordo si svolge a Saponara (come nel 2009) è il tema è

"L'impegno oltre l'indifferenza"

Saranno presenti al Palasport Graziella Campagna di Saponara, con inizio alle 10,30, al Palasport Graziella Campagna di Saponara, gli studenti delle scuole medie e superiori di Messina e provincia e numerosi sindaci dei Comuni del comprensorio.

Al dibattito interverranno gli assessori regionali Nino Bartolotta e Lucia Borsellino, il senatore Gianpiero D’Alia, il Presidente di Libera, Don Luigi Ciotti, il sindaco di Saponara, Nicola Venuto. Previsti anche gli interventi dell’attore Alessio Vassallo, tra i protagonisti della fiction “La Vita Rubata” e della scrittrice Catena Fiorello.

Domani giovedì 13 dicembre alle ore 10.30

Ci sarà l'incontro a Messina nella Parrocchia Santa Maria Di Gesù Inferiore. 

Come 2° Incontro di Legalità - Anno Pastorale 2012-2013: "L'IMPEGNO OLTRE L'INDIFFERENZA"

11Dic/120

Messina – Per essere imprenditori e cittadini liberi «100 STRADE – PER UN NATALE ANTIRACKET»

«Il cambiamento è possibile quando i cittadini si riuniscono per promuovere insieme il bene comune. I cittadini imprenditori e commercianti hanno diritto al giusto guadagno e i cittadini clienti consumatori hanno diritto di contribuire all'onesta crescita economica della città e non a favorire gli introiti della mafia.»

"PAGO CHI NON PAGA"

* CON IL CONSUMO CRITICO NON SI PAGA IL PIZZO *

Dopo una 1ª passeggiata nel dicembre del 2010, proposta a livello locale. Oggi lunedì 10 dicembre 2012 un grande evento nazionale

«PER UN NATALE ANTIRACKET

 100 STRADE »

Il F.A.I. (Federazione Antiracket Italiana) era rappresentata dal suo presidente Tano Grasso. Caporlandino che ha dato inizio in anni lontani alla ribellione contro il pizzo dei clan tortoriciani. Nel 1991 il 31 luglio, l'Associazione di commercianti, da lui fondata, si costituì per la prima volta PARTE CIVILE all'udienza preliminare contro gli estortori di Capo d'Orlando.

Presenti molte autorità civili militari e di polizia e delle associazioni antiracket. Dal prefetto, al questore, dal comandante della Guardia di Finanza al Comandante dei Carabinieri, da Scandurra a l'ASAM Nicotra.

La scuola era presente con la gioiosa e composta presenza di allievi e docenti veramente "BEDDI", che hanno rinvigorito e riscaldato con la loro allegria una freddissima giornata.

Presenti anche tanti giornalisti di varie testate messinesi.

6Dic/120

Messina – Fine lavori 2012 – «Concluse le Giornate Ecologiche di Villaggio Aldisio»

 

Sabato 01 dicembre 2012

- In questo ultimo incontro sul territorio di Villaggio Aldisio, in modo semplice e naturale, ci si è divisi i compiti: da una parte i componenti la Comunità parrocchiale, con in testa don Nico e dall'altra il G.O.Z. (Gruppo Operativo di Zona) e la L.A.P. (Legambiente dei Peloritani).

La prima componente, ha continuato, con forze fresche costituite da tanti ragazzi e ragazze, a rendere vivibile le zone adiacenti la parrocchia e l'altra, invece, ha dato corso alla piantumazione di cinque piante da siepe costituenti un semicerchio parallelo al bordo dell'aiuola centrale, posta al centro della piazzetta.

Speriamo che ... attecchisca!!!

«Abbiamo dato, nel POST di presentazione dell'evento, spazio ai doverosi ringraziamenti per l'iniziativa delle giornate ecologiche a Villaggio Aldisio. Che integralmente riporto. (Con la VI giornata si conclude il  ciclo dell'"anno ecologico 2012"- Un doveroso Grazie a Don Nico Rutigliano che ha programmato e fermamente voluto questa forte esperienza ECOLOGICA scandita da un ispirato slogan «Maggiore estetica significa maggiore etica»

In questo 'lavoro ha trovato il pieno e fattivo sostegno del suo confratello Don Arcangelo Biondo e della Comunità della Parrocchia SS. Salvatore, e da alcuni componenti del G.O.Z., uno per tutti Angelo Costa. Validissimo e instancabile l'apporto profuso da Legambiente dei Peloritani, con in prima linea Giovanni D'Arrigo, Aldo Crimi e Mimmo Freno

Finale di partita

Ora, per allargare i nostri orizzonti sulle motivazioni di questo impegno, inizio da Jurgen Moltmann dal suo "Il futuro ecologico della teologia moderna" con annessa "barzelletta ecologica". Dice Moltmann: ...

«Abbiamo bisogno di comprendere in modo nuovo la natura e una nuova immagine di uomo, e perciò di una nuova esperienza di Dio nella nostra cultura. Una nuova teologia ecologica ci può in questo aiutare. Perché proprio la teologia? Perché il rapporto con la natura e l’immagine di uomo dell’età moderna sono stati determinati dalla teologia moderna: è stato il dominio del mondo da parte dell’uomo ad immagine e somiglianza di Dio; è stata la comprensione di Dio senza il mondo e la concezione del mondo senza Dio; ed è stato il concetto meccanicistico della terra e di tutti gli abitanti non umani della terra, che bisognava far diventare “sudditi”.
C’è una vecchia barzelletta: due pianeti si incontrano nell’universo. Il primo chiede: «Come stai?». L’altro risponde: «Abbastanza male. Sono ammalato. Ho l’“homo sapiens”». Il primo replica: «Mi spiace. È una brutta cosa. Anch’io l’ho avuto. Però consolati, passa!».
Ecco la prospettiva nuova e planetaria per l’umanità: questa malattia umana planetaria passa perché il genere umano si autodistrugge, oppure passa perché il genere umano saprà diventare saggio e curare le ferite che esso ha finora inflitto al pianeta “Terra”?»

L'utilizzo dello slogan, scelto da Don Nico«Maggiore estetica significa maggiore etica», e posto in cima ai sei foglietti...ecologici, era un modo per far si che gli abitanti del Quartiere popolare Villaggio Aldisio, posto nella zona Sud di Messina, si interrogassero sul perché di quella affermazione, che chiama in causa 'tutta la Comunità dei cittadini credenti e non credenti.

Abbiamo dato comunicazione al Vescovo Bruno Forte dell'utilizzo della sua frase. Ed Egli da vero pastore ci ha così risposto: Il giorno 15 ottobre 2012 09:39, Arcidiocesi di Chieti-Vasto <arcidiocesi@diocesichieti.it>ha scritto:

«L'Arcivescovo ringrazia. Tuttavia la Sua idea è che maggiore estetica significa maggiore etica solo se è apertura e accoglienza della bellezza di Dio. Prega di recepire l'osservazione. Benedice di cuore. »

Noi abbiamo così risposto; ...Pertanto, accogliendo con gioia la Benedizione dell'Unico Pastore Gesù Cristo per bocca del suo Apostolo Don Bruno, confermiamo sia il 'recepimento, che la condivisione totale del "...solo se è apertura e accoglienza della bellezza di Dio". Non mancherà occasione, (es. primo incontro in programma con i rappresentanti dei genitori della Scuola dell'Infanzia, "N. Ferraù" ), di far giungere, ai tanti interlocutori, questo prezioso completamento del Pensiero dell'Arcivescovo Bruno Forte.Non doverosamente, ma con genuino affetto di figli Carlo Franciò.

PS - G.O.Z.è l'acronimo di «Gruppo Operativo di Zona - Comunità e Diritti - Villaggio Aldisio» Il presidente è dall'origine, metà degli anni '90, il Religioso Guanelliano, Parroco pro tempore della Chiesa del SS. Salvatore- Ampia rassegna dell'attività del GOZ è riportata nel BLOG all'indirizzo http;//www.carlofrancio.net/?s=goz

1Dic/120

Messina – Il primo bel giorno di festa: «I patrimoni sporchi della mafia si trasformano in beni comuni»

1 dicembre 2012 -ViaROOSVELT6

Ultima in tante graduatorie, stilate non sempre oggettivamente. Oggi Messina riacquista parte della dignità perduta per l'insipienza di amministratori e politici, solerti solo nell'unica attività che li appassiona, "divorare la cosa pubblica". Finalmente un bene comune recuperato per la collettività. Frutto dello sforzo costante di ADDIOPIZZO, Associazione che ha dato linfa al lavoro di dissodamento fatto dalla Parrocchia Santa Maria del Gesù inf. insieme al suo Parroco Don Terenzio Pastore. Ma anche, ed in modo complementare, delle Istituzioni statali messinesi, che, con gratitudine, ringraziamo nelle persone poste alla loro guida: il dott. Francesco Alecci, il dott. Carmelo Gugliotta (presente), il Col. Claudio Domizi e il Col Decio Paparoni. Uomini ed Istituzioni, presenti anche l'8 settembre nel Santuario di Tindari dedicato a Maria, dove, invitati da mons. Ignazio Zambito Vescovo della Diocesi di Patti, hanno ascoltato le forti e pressanti parole del  celebrante Don Franco Montenegro Arcivescovo di Agrigento,

"L'omelia, infatti, dedicata alla Madre di Gesù, è stata tutta un inno all'umiltà di servizio, all'attenzione verso gli ultimi, alla lungimiranza del 'serbare nel cuore le cose belle, per farle esplodere, nel nostro cuore, al momento opportuno". Questa circostanza l'ho rivista come un segno, come degno prologo dell'evento di questa giornata. Grazie alla continuità di impegno di queste istituzioni, la città non è scivolata ancora più in basso e oggi possiamo ragionevolmente pensare di avere iniziato un vero rinnovamento della comunità messinese che ricerca il bene comune.

«Dobbiamo dare testimonianza, iniziando dalla spesa quotidiana e fare nostro lo slogan "PAGO CHI NON PAGA"»

Per la mia cronaca voglio mettere in rilievo il contributo e la partecipazione del mondo della Scuola, devastata da  improvvidi Concorsoni e da pessime ministre dell'istruzione.

Enrico Pistorino, presidente del comitato Onlus ADDIOPIZZO, è stato il bravo e

discreto cerimoniere di questo grande evento. Ha tagliato il nastro il Viceprefetto. Hanno presenziato anche:  Mons. Gaetano Tripodo (presidente caritas) Don Sergio Siracusano (direttore Pastorale Lavoro), Pippo Scandurra, Mariano Nicotra, Pippo Previti (presidente CC), Renato Accorinti  e tanti altri.

Comunicato del  Comitato Addiopizzo Messina 1 dicembre 15.41.05 - Grande soddisfazione per la bellissima giornata di festa che oggi abbiamo vissuto. Per la prima volta anche a Messina i patrimoni sporchi della mafia si trasformano in beni comuni. La partecipazione di tutte, proprio tutte, le Istituzioni civili, militari e religiose della nostra provincia ci incoraggia, ma soprattutto la partecipazione di tantissima gente comune ci da forza e ci dice che siamo sulla strada giusta. UN INTERO POPOLO CHE NON PAGA IL PIZZO E' UN POPOLO LIBERO.

Comitato Addiopizzo Messina 1 dicembre 15.41.05
Grande soddisfazione per la bellissima giornata di festa che oggi abbiamo vissuto. Per la prima volta anche a Messina i patrimoni sporchi della mafia si trasformano in beni comuni. La partecipazione di tutte, proprio tutte, le Istituzioni civili, militari e religiose della nostra provincia ci incoraggia, ma soprattutto la partecipazione di tantissima gente comune ci da forza e ci dice che siamo sulla strada giusta. UN INTERO POPOLO CHE NON PAGA IL PIZZO E' UN POPOLO LIBERO.