CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

31Ott/120

Palermo – «U.P.E.D.I.- La consolidata fraterna certezza del Dialogo Ecumenico ed Interreligioso»

Calendario degli Incontri Ecumenici ed interreligiosi dell’anno 2012/2013, contenente tutti gli appuntamenti importanti che favoriscono il dialogo fraterno, la spiritualità e la coesione sociale

«Dialogo cristiano-islamico e Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani»

Nella Parrocchia Maria SS. Madre della Misericordia, Via Liguria 6

Dialogo cristiano-islamico

1 - Giovedì 25 ottobre 2012 - ore 18.00Giornata del Dialogo cristiano-islamico

2 - Martedì 27 novembre 2012 -  ore 18.00 - Incontro sulla Pace: “Pace in terra… ”

3 - Giovedì 17 gennaio 2013 -  ore 18.00Giornata del Dialogo ebraico - cristiano -

Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani dal 18 al 25 gennaio 2013

30Ott/120

Messina – …«Una cosa ho chiesto al Signore,…abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita…» (dal Sal 26, 4)

 venerdì 2 novembre 2012

Cimitero monumentale

Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela CAPPELLANIA DEL GRAN CAMPOSANTO

«COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI»

La Cappellania del Gran Camposanto e il Comune di Messina, Dipartimento Cimiteri, invitano la cittadinanza alle celebrazioni che si terranno Venerdì 2 novembre, in occasione della Commemorazione di tutti i Fedeli Defunti, presso il Cimitero Monumentale di Messina:
ore 08.15 - Deposizione della corona d’alloro presso la Cappella dei Caduti.
Alla presenza di un picchetto dell’Esercito, schierato per rendere gli onori militari, e di una rappresentanza delle varie Forze armate e di Polizia, il Comandante della Brigata Meccanizzata “Aosta”, Generale di Brigata Michele PELLEGRINO, deporrà la corona d’alloro.
Seguirà l’esecuzione del silenzio d’ordinanza e la lettura, da parte del Cappellano Militare, Mons. Mario RANERI, della Preghiera del Caduto, che concluderà il momento commemorativo.
ore 11.00 - Celebrazione Eucaristica nel piazzale antistante all'ingresso principale.
S. E. Mons. Calogero LA PIANA, Arcivescovo Metropolita di Messina Lipari S. Lucia del Mela e Archimandrita del SS. Salvatore, presiederà la Celebrazione Eucaristica, con il servizio liturgico curato dai Seminaristi del Seminario Arcivescovile “S. Pio X” di Messina e l’animazione dei canti affidata all’Associazione Culturale PolifonicaCorale delle Vittorie, diretta dal M° Giuseppe ROMEO.
Diacono Santino TORNESI  - Cappellano del Gran Camposanto

* Davide santo sospirò, più di ogni altro, di contemplare e vedere questo giorno. Infatti disse:«Una cosa ho chiesto al Signore, questa sola io cerco: abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita, per gustare la dolcezza del Signore» ( Sal 26, 4)

28Ott/120

Messina – «Mettersi in ‘gioco per la cultura sociale e la promozione umana – Don Franco Barbero»

lunedì 29 ottobre 2012

Libreria LaFeltrinelli point

CRISTIANI ADULTI NEL MONDO

E NELLA NOSTRA CHIESA.

PROPOSTE PER UNA CHIESA "ALTRA"

Don Franco Barbero

Nota biografica - «Nell'<Anno della fede> indetto dalla chiesa cattolica, per ricordare i 50 dall’inizio del Concilio Vaticano II, sembra utile dare la parola a figure che da quel Concilio trassero ispirazione per una chiesa davvero rinnovata, andando incontro a resistenze ed esiti non sempre prevedibili.

Don Franco Barbero (nato a Savigliano, CN, nel 1939 – ordinato sacerdote nel 1963) è uno di questi protagonisti del dopo-Concilio in Italia. Impegnato nel “Movimento delle Comunità di Base”, autore di diversi volumi e innumerevoli articoli, ha sempre dedicato studi e fatiche ad alcuni punti controversi della disciplina ecclesiastica:matrimonio dei divorziaticelibato dei pretiposto dei laici nella chiesateologie femministemondo dell’omosessualitàprofezia e Parola nella chiesa.

È stato “ridotto allo stato laicale” da Giovanni Paolo II e dal card. Ratzinger nel gennaio 2003.

Dei suoi libri ricordiamoIl dono dello smarrimento” e “L’ultima ruota del carro”. Di lui, tra gli altri, hanno scritto Corrado Zunino (”Preti contro”) e Pasquale Quaranta (“Omosessualità e Vangelo”). (di Carmelo Labate)

26Ott/120

Messina – «Un significativo tributo ad un autentico Uomo di Fede: “Carlo Maria Martini” »

martedì 23 ottobre 2012 ore 17.30  nella Chiesa S. Maria Alemanna

Abbiamo vissuto, con sincera partecipazione, un momento di prezioso ascolto delle testimonianze sul Cardinale

«Carlo Maria Martini»

" UOMO DELL'ASCOLTO E DELLA PAROLA"

Il Cardinale Carlo Maria Martini, è stato Arcivescovo della Chiesa -Ambrosiana (1979-2002), predecessore di Dionigi Tettamanzi, che ne ha voluto seguire le orme, e dell'attuale presule Angelo Scola. La figura di Martini si staglia, nel panorama della Chiesa contemporanea, per il grande contributo dato durante il Vaticano II e per l'azione Biblica, Teologica e Pastorale che lo hanno impegnato nella sua Diocesi ma ancor più come protagonista della Chiesa universale portando, nel contempo, a compimento anche numerosi e speciali incarichi di collaborazione episcopale, a cui lo hanno chiamato sia Papa Giovanni Paolo II, sia Papa Benedetto XVI.

Padre Ettore Sentimentale, Parroco di San Giacomo Maggiore, e Padre Felice Scalia Sj,  ne hanno tratteggiato la figura con incisività. Mettendo anche dei limiti alle vane voci, interessate a creargli problemi come quella idea della necessità dell'indizione di un "Vaticano III".

Sotto la sobria conduzione dell'ing. Nino Continibali ha preso forma l'incontro. La prima fase ha visto dopo la proiezione di una serie di diapositive sulla parabola terrena del Cardinale, l'emozionante dialogo a due voci, che raccontava le sue ultime vicende terren. Seguita dalla toccante testimonianza di Rosanna Tommasi e ancora, dal non usuale accredito di testimonianza, sul suo essere autentico Uomo di Fede e sulla sua sincera carica Ecumenica, da parte di Beatrice Grilli della Chiesa Valdese

Una bella poesia di Guido Signorino e il coro Gospel hanno concluso un incontro che ha visto la presenza partecipativa di donne e uomini che hanno voluto testimoniare con la loro presenza un silenzioso tributo ad un di cultura, del volontariato e della associazioni ecclesiali e non. Il seguente elenco dei promotori chiarifica quanto detto.

Piccola Comunità Nuovi Orizzonti - Ass. Terra e Cielo - Chiesa Valdese - SAE - Meic -Feltrinelli Point - Libreria Paoline
2012_10_23-SM_Alemanna-MARTINI-P_Ettore_Sentimentale

2012_10_23-SM_Alemanna-MARTINI-P_Felice_Scalia_Js

2012_10_23-SM_Alemanna-MARTINI-Coro_GOSPEL

24Ott/120

Messina – Nuovi stili di vita – « Camminare insieme – “Alla scoperta della nostra Città”»

sabato 27/10/2012 - dalle ore 9,00 alle ore 13,30

TREKKING URBANO – MESSINA 

9,00 - Partenza > Piazza Unione Europea (piazza Municipio) -  13,30 Arrivo > Chiesa di S. Giovanni di Malta

L’Associazione Legambiente dei Peloritani aderisce quest’anno alla manifestazione TREKKING URBANO, indetta a livello nazionale dal Comune di Siena per il giorno 27 ottobre 2012, e la inserisce nel programma regionale di Salvalarte organizzato e coordinato da Legambiente Sicilia in tutta la nostra Regione.
Appuntamento dunque per sabato 27 ottobre alle ore 9,00 in Piazza Unione Europea (piazza Municipio), muniti di scarpe da trekking (o comunque comode), abbigliamento adatto e magari zainetto in spalla con l’immancabile bottiglietta d’acqua per una passeggiata che avrà termine circa alle ore 13,30.
Il tema dell’itinerario culturale scelto per quest’anno affronterà l’estetica della ricostruzione dopo il terremoto del 1908 negli edifici pubblici e privati, con alcuni passaggi sulle emergenze archeologiche, e sul verde storico della villa Mazzini.
Lungo l’intero percorso del Trekking Urbano i cittadini che vorranno partecipare con gli organizzatori di Legambiente dei Peloritani, saranno guidati:

GUIDE

per la parte archeologica da Antonino Malatino
per la parte architettonica e urbanistica dall’arch. Carmelo Celona
per la parte del verde urbano dall’agronomo Saverio Tignino

ITINERARIO

Il Percorso si avvierà dal Municipio, al cui interno si conservano, come in una teca, le tracce dell’antica Città Romana e medievale. In programma la visita dell’Area archeologica, messa in luce all’interno del cortile, e dell’Antiquarium degli scavi, quindi si procederà all’esterno all’analisi della partitura architettonica della facciata di Palazzo Zanca, che prende il nome dal suo progettista, l’arch. panormita Antonio Zanca. Il singolare linguaggio dell’involucro architettonico del Municipio, sarà comparato con quello degli altri edifici pubblici di architettura umbertina (Galleria, Palazzo dei telefoni, Palazzo della Provincia) che occupano lo spazio urbano in cui si identifica il potere amministrativo della città. Constateremo l’estraneità del linguaggio di Zanca rispetto al linguaggio sabaudo, che, successivamente, verrà confrontato con l’architettura privata della ricostruzione, caratterizzata da un “eclettismo non allineato”, tale cioè da rimarcare un notevole distacco semantico, trovando solo alcuni punti di contatto nelle espressioni neo-manieriste.
Proseguiremo lungo il corso Cavour, raggiungendo la Villa Mazzini, dove si potranno fare considerazioni sull’interessante storia del verde urbano in quel sito, sul patrimonio di essenze arboree che vi si trovano. Infine la passeggiata si concluderà con la visita alla Chiesa di S. Giovanni di Malta con visita al museo degli argenti e alla tomba dell’abate Francesco Maurolico, previo pagamento dell’eventuale biglietto di entrata.

LEGAMBIENTE DEI PELORITANI
Il presidente: dott. Dino Di Leo

 

20Ott/120

Messina – «Parte il “LaBor” – Starter l’Arcivescovo La Piana che presenta le riflessioni della CESi»

sabato 20 ottobre 2012 - Seminario Pio X

Una partenza  indovinata; arricchita, come da ringraziamento di Don Sergio Siracusano, dalla presentazione da parte dell'Arcivescovo Calogero La Piana del documento della CESi

«AMATE LA GIUSTIZIA VOI CHE GOVERNATE LA TERRA»

RIFLESSIONI DEI VESCOVI DI SICILIA SULLA SITUAZIONE SOCIALE E POLITICA

Dalle parole ai fatti. La CESi mette nero su bianco, quanto molti moltissimi cittadini si attendevano. Vi sono le coordinate per un vero risveglio del popolo siciliano, che può far fronte con le sue sole forze alle insidie dell'avvenire, bisogna mettere mano all'aratro. Agricoltura, cultura, turismo - sono le direttrici di marcia per seguire le vocazioni del nostro territorio. Abbiamo ringraziato l'Arcivescovo, ma come sempre ha dato il merito... agli altri confratelli Vescovi.

Gustosa e nello stesso tempo sobria la relazione di Don Walter Magnoni. Per 44 m e 36 s ha saputo calamitare l'attenzione dei presenti, senza stancarli, ma 'stuzzicandoli a partecipare, in modo cordiale e non invasivo. La sua relazione è partita con un'aneddoto del suo 'maestro, relativamente ai consigli per essere un buon relatore. Si parte dal titolo, analizziamo le parole ne diamo un senso e lo completiamo con le citazioni. Ma don Walter ha fatto di più, è andato sulla cronaca raccontandoci una sua 'mediaset esperienza televisiva, (In altri tempi, 1989 io l'avevo denominata "Strategia Baywatch). La sua sincerità, sulle poche attitudini a fronteggiare questi 'moloch, ce lo hanno reso ancor più simpatico, ma questo serviva per instradarci su come prendere le adeguate contromisure. Poi, ha inciso con competenza e verità sui tanti ritardi della Chiesa di oggi e di ieri. La poca attenzione alla Parola di Dio, a partire dal periodo di Lutero, la pochissima attenzione ai temi della politica, dell'ecologia... Di contro ha ricordato gli insegnamenti di un dottore della Chiesa antico come San Tommaso e moderno come il compianto Cardinale Carlo Maria Martini,..Se questo prologo vi ha incuriosito guardatevi il suo intervento filmato.

Poi, Benedetto Tortorella, coordinatore del laboratorio, ha presentato i responsabili della conduzione delle 4 aree. E' con un 'filino di soddisfazione ha sottolineato la scelta per questo ruolo di un uomo e ...tre Donne. Ovviamente di professione medico, avvocato, docente - ma ... pur sempre donne. Presenti autorità della Marina e dell'Arma dei carabinieri. Ha fatto gli onori di casa il Direttore del Seminario mons. Cesare Di Pietro e non hanno fatto mancare la loro presenza il Direttore della Caritas mons. Gaetano Tripodo e il Direttore dell'Uufficio comunicazioni  Don Giuseppe Lonia  

2012_10_20-Seminario-Laboratorio_LaBor-Arcivescovo_La_Piana-140_0254.MOV

2012_10_20-Seminario-Laboratorio_LaBor-Don_Walter_Magnoni-143_0283.MOV

19Ott/120

Messina – «Carlo Maria Martini – Uomo dell’ascolto e della parola»

Piccola Comunità Nuovi Orizzonti - Ass. Terra e Cielo - Chiesa Valdese - SAE - Meic -Feltrinelli Point - Libreria Paoline

martedì 23 ottobre 2012 ore 17.30

nella Chiesa S. Maria Alemanna

Potremo gustare ed approfondire alcune sfaccettature di

Carlo Maria Martini

UOMO DELL'ASCOLTO E DELLA PAROLA

- DIALOGO A DUE VOCI - La parola, le parole - Guido SIGNORINO

- IL MIO VESCOVO testimonianza di Rosanna TOMMASI

- L'UOMO DEL DIALOGO Beatrice GRILLI  Chiesa Valdese

- L'UOMO DEL CONCILIO Ettore SENTIMENTALE Parroco San Giacomo

- L'UOMO DELL'ASCOLTO Felice SCALIA SJ

moderatore ANTONINO CONTI NIBALI - con la partecipazione del CORO JAZZ-GOSPEL dir. LAZZAROTTO

«Un Cardinale, che non ADOPERAVA frasi ad effetto o astuzie verbali per impressionare l'uditorio, PUR POTENDO attingere alla sua straordinaria cultura ed esperienza. Un Uomo che metteva insieme, nello stesso piatto, quello che sapeva, considerando il dubbio come parte essenziale della ricerca della verità.»

19Ott/120

Reggio Calabria – Astronomia – “L’enigma degli anelli di Saturno: quattro secoli di dibattito scientifico”

 XXII settimana nazionale della cultura scientifica e tecnologica 

Venerdì 19 ottobre alle ore 21.00

Planetario provinciale Pitagora di Reggio Calabria

dott. Mauro Dolci

“L'enigma degli anelli di Saturno: quattro secoli di dibattito scientifico”

La storia degli anelli di Saturno inizia con Galileo. Lo scienziato aveva infatti osservato, molto vicino alla superficie del pianeta, un qualcosa che nell'insieme Saturno gli appariva come tricorporeo, ovvero con un grande corpo centrale e due protuberanze ai lati.

E così il merito per la scoperta di quel disco attorno a Saturno sarebbe toccato a Christian Huygens, mentre invece qualche anno dopo Giovanni Domenico Cassini ne avrebbe proposto un’iniziale suddivisione. Ci aveva visto bene. Forse non benissimo, ma abbastanza da rendere quel pianeta speciale, degno di essere studiato più a fondo. Solo le limitazioni del suo telescopio non gli hanno permesso di andare oltre e capire cosa fossero realmente quelle protuberanze.

Così, già dal Diciassettesimo secolo si ha contezza chiara che Saturno ha degli anelli, ma per sapere di cosa sono costituiti ci vorrà ancora un po’ di tempo. Cassini per esempio aveva innanzitutto capito una caratteristica fondamentale degli anelli: non si trattava di una struttura continua intorno al pianeta, perché c’era anche uno spazio vuoto che li separava in due diverse divisioni, una riconosciuta, oggi, come divisione Cassini ed altre vennero scoperte poi, così come i diversi anelli.

Ad aggiungere un altro pezzo al puzzle è William Herschel che stima lo spessore attorno a qualche centinaio di chilometri. Oggi in realtà si stima che siano spessi addirittura appena 10 metri, in media. James C. Maxwell intorno alla metà dell’Ottocento smentisce la teoria secondo la quale questi gli anelli sono solidi. Secondo il fisico scozzese, infatti, un modello del genere era instabile e suggerisce che gli anelli siano costituiti di tanti parti più piccole che ruotano intorno al pianeta sembrando dei corpi unici nel complesso. Si comprende allora come dalla prima osservazione di Galileo e dalla loro successiva identificazione da parte di Huygens, gli anelli di Saturno hanno rappresentato una formidabile sfida per gli astronomi, i fisici e matematici, che si sono cimentati nel tentativo di spiegarne dapprima la stessa esistenza, quindi l'età e, tuttora, l'origine e l'evoluzione futura. La conferenza del dott. Mauro Dolci, ripercorre un dibattito scientifico lungo quattrocento anni, attraverso tappe fondamentali come la scoperta della famosa "divisione" da parte di Cassini alla fine del '600 o le spettacolari immagini fornite attualmente dalla sonda spaziale che porta il suo nome, senza dimenticare le strutture svelate dalle sonde Voyager.

Un dibattito avvincente intorno al più interessante banco di prove della Meccanica Celeste classica.

 Un classico esempio di come la conoscenza della Natura proceda per gradi, stimolando ed avvalendosi degli strumenti di sempre maggior efficacia sviluppati dall'uomo: non solo telescopi ma anche e, soprattutto in questo caso, quella potente arma che prende il nome di Analisi Matematica.

dott. Mauro Dolci, astronomo presso l’osservatorio astronomico di Collurania - Teramo.

18Ott/120

Messina – W.T. «UN POZZO d’acqua viva per i nostri amati bambini Ugandesi»

"WALKING TOGETHER"

27 28 ottobre 2012 

a S. Maria di Pompei

* UN QUADRO PER L'UGANDA *

Il gruppo di volontari di Walking together ( 7 Veterani + 2 Matricole), si è recato, anche quest'anno, ( dal 09 al 23 Luglio)  in Uganda.

Missione: portare concretamente segni di solidarietà e di continuità con i progetti di sostegno al disagio infantile.
Segni di solidarietà: vestiti, giochi, materiale scolastico, palloni, caramelle, cappellini, medicine, saponi, doni......
Progetti: Realizzazione di un pozzo nel Villaggio di Bataasa (Kampala-Uganda)...
Dal racconto del Gruppo capitanato da padre Andrea Cardile - postato il 20 agosto 2012
...Invece è tornato, inaspettatamente, nel nostro orizzonte un'altra parte del Nord Uganda, già da noi visitata in passato. Così abbiamo ricontattato ed aiutato l'orfanotrofio di LIRA (Baby House) ed abbiamo provveduto alla fornitura urgente di latte in polvere per bambini denutriti di MOROTO (KARAMOJA). Quest'ultima opera è stata realizzata in collaborazione con le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta una ONG di Belluno (ISP). Ci è stato proposto di finanziare, sempre per il distretto di MOROTO (una regione arida, montuosa, semidesertica, poverissima....) la preziosa ed indispensabile riparazione di un pozzo in avaria ed inoltre di finanziare la costruzione ex novo di un pozzo in un villaggio sorto in prossimità di un grande carcere governativo in una zona rurale e disagiata poco distante da GOSSACE (distretto di MUKONO). Per queste ultime due proposte dobbiamo urgentemente decidere in quanto è comprensibile come sia un fatto importante per la popolazione, necessario, validissimo ed economicamente impegnativo. Noi non abbiamo tale cifra anche se possiamo pregare, lavorare, inventare iniziative (cene di solidarietà, mercatini di Natale, tombolate...se vendiamo tantissimi calendari 2013 , candele, decorazioni varie, presepi di terracotta...)

A tal proposito non è superfluo ricordare che possiamo contare sull'aiuto di tanti cari amici e che fino ad oggi le tante opere realizzate sono sempre state fatte con piccoli contributi raccolti tra amici, familiari..."

La scelta adesso è stata fatta: Contribuire "tutti" alla costruzione di

*** UN POZZO d'acqua viva per i nostri amati bambini Ugandesi ***

Ecco che ci viene data un'altra efficace occasione per rendere possibile ed attuabile la vera solidarietà e nel contempo dire il nostro apprezzamento a tutto il gruppo di Walking together

18Ott/120

Messina – Anno della FEDE – «Verso la tua Parola guida il mio cuore»

L'arrivo del Vescovo La Piana

lunedì 15 ottobre 2012 - Cattedrale - Anno pastorale 2012-2013

La Matrice, accoglie gli operatori pastorali e i 'semplici laici provenienti da tutta la Diocesi. Tanti i Pullman e le macchine che riempiono Piazza Duomo.

Sono qui per ascoltare la voce del 'Pastore, uniti nella grande famiglia che è la Chiesa come Popolo di Dio.

Presente e concelebrante il  Vescovo Francesco Sgalambro. (Emerito Pastore, "Umile e generoso", della Diocesi di Cefalù). 

La voce dell'Arcivescovo è,  nello stesso tempo, forte e piana. Non vi sono anatemi per nessuno, 'politici, società civile, autorità, nelle sue parole non vi è traccia né di fulmini né di saette. E' forse la consapevolezza, che le buone 

intenzioni non bastano, così come le maniere forti. quello che serve è

«Varcare la porta della Fede che introduce alla vita di comunione con Dio e tra di noi»

E' un'occasione importante, a 50 anni dal Concilio Vaticano II, di rimettere mano alla costruzione dell'Uomo integro e libero. - Corpo Anima e Spirito- in questi ultimi anni, in modo esponenziale, si è persa la testimonianza virtuosa dei genitori ma anche della paternità presbiterale. In particolare, "Pesano nella vita delle nostre comunità concezioni distorte della paternità presbiterale che tentano di mettere in piedi figure del passato, accentuando il distacco dalla gente, sopravvalutando il ruolo sacrale, o che rendono evanescente la figura del presbitero in un processo di omologazione e scomparsa dei ruoli che preclude  ogni possibilità di incidere sulla vita della comunità e sull'educazione all'esercizio della paternità buona del Vangelo."

" In qualunque casa..."

alleanze educative

«Carissimi tutti, - presbiteri e diaconi, consacrati e laici, 

-"amati da Dio e santi per chiamata"...

Con questo Incipit della lettera pastorale«augurale saluto, l'Arcivescovo inizia la Lettera pastorale 2012/13. Ma nel prosieguo da subito mette il dito nelle piaghe del nostro tempo. Famiglia e Chiesa diocesana condividono una comune responsabilità educativa nel trasmettere e formare alla vita buona del Vangelo. Comuni sono pure i problemi e le difficoltà.»
"Le responsabilità investono tutti, ma non con uguale intensità. (Guai ai Pastori che non Pascono -S. Agostino)."
OMELIA Arcivescovo Metropolita Mons. Calogero La Piana "Arcidiocesi Messina Lipari Santa Lucia del Mela"
13Ott/120

Messina – «Un anno pieno di iniziative…LaBor»

Principio di Statica - Teorema di Varignont - L'unione fa la forza e  ...Liberamente parafrasando

« Dopo la "Dottrina" il "LaBor »

sabato 20 ottobre 2012  ore 9.30 - Seminario San Pio X

Interverrà anche l'Arcivescovo Metropolita Calogero La Piana che presenterà il Documento della Conferenza Episcopale Siciliana (CE.Si) con le Riflessioni dei vescovi di Sicilia sulla situazione sociale e politica: "Amate la giustizia, voi che governate sulla terra"

Riporto le 4 aree d'impegno: Custodia del Creato, Giustizia e Pace, Nuovi stili di vita; - Famiglia, Lavoro ed Impegno educativo; - Etica ed Economia, Impresa sociale e no profit, Intraprendenza sociale, Formazione e Giovani; - Partecipazione sociale e polica. 

Nota BLOG - Piano piano si cambia. Si aprono spazi per il confronto. Si mette al primo posto l'UOMO. «"...voce di uno che grida nel deserto? No, i cristiani, adulti nella fede, hanno da tempo scelto di farsi umili e non,,, 'celesti"- Ecco una bella occasione di vera partecipazione per chi vuole impegnarsi a cambiare per migliorare!»

13Ott/120

Palermo – «UNDICESIMA GIORNATA DEL DIALOGO CRISTIANO-ISLAMICO»

giovedì 25 ottobre 2012 ore 18.00

Parrocchia "Maria SS. Madre della Misericordia", Via Liguria 6 - Palermo

"Islam, Cristianesimo, Costituzione:

cristiani e musulmani

a confronto con la laicità dello Stato"

Interverranno:

- Yusuf 'Abd al Hady Dispoto -presidente della COREIS Italiana - Regione Sicilia, (Comunità Religiosa Islamica)
· Don Vito Impellizzeri -docente di Teologia fondamentale nella Facoltà Teologica di Sicilia.

Moderatore:

Giuseppe Ficara, pastore della Chiesa Valdese

Promuove l’incontro il coordinamento delle Chiese cristiane di Palermo
Chiesa Anglicana - Chiesa Avventista- Chiesa Cattolica-Chiesa Evangelica Luterana - Chiesa Evangelica della Riconciliazione -ChieseValdesi e Chiesa Metodista Parrocchie Ortodosse di S.Marco di Efeso e di S. Caralampo - Vicariato episcopale per la Sicilia dell’Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta

A cura del Ufficio Pastorale per l’Ecumenismo ed il Dialogo Interreligioso della Diocesi di Palermo (UPEDI) - UNDICESIMA GIORNATA DEL DIALOGO CRISTIANO-ISLAMICO

8Ott/120

Messina – Villaggio Aldisio – «L’impegno e la perseveranza portano buoni frutti ma…bisogna…insistere »

Parrocchia SS. Salvatore e G.O.Z. (Gruppo Operativo di Zona- Comunità e Diritti) con la partecipazione di Legambiente dei Peloritani hanno dato vita alla

06 ottobre 2012IVª giornata ecologica di Villaggio Aldisio 

Siamo partiti da Via Bartolomeo Ferraro, fino alla Piazza dove si trovano le Poste. Le poche macchine parcheggiate e la mancanza dei box hanno messo in risalto, in senso positivo, le qualità di fruizione di questo grande spazio. I lavori eseguiti per la riqualificazione, dovrebbero garantire sempre un più opportuno utilizzo dell'area. Area che si ritrova, nel suo 'alveo, anche, quasi in fondo,e  parallelamente al Viale Gazzi, un antica struttura "Distilleria".

Nota scolastica- Negli anni '90, oggetto di osservazione 'culturale da parte dei Docenti della sezione A dell I.T.Geometri G. Minutoli, i quali la utilizzarono per le attività didattiche, coivolgendo gli allievi  in un progetto comune interessante le materie di Estimo (prof.re F. Crimi), di Tecnologie delle Costruzioni (arch. M. Leotta) e Topografia (ing. C. Franciò).

Tante e variegate le presenze attive a questa 'riconciliazione con il territorio. In testa troviamo Don Nico e Don Arcangelo, i giovani e ragazze sempre in prima fila. Poi noi, i  'fisiologicamente avvantaggiati, non ci siamo tirati indietro, Alessandro in particolare che è come si dice "un brazzu di mare". Poi, Nicolino, consigliere di quartiere, ha  provveduto a rinfrancare il gruppo con un ...sorso di caffè.

Notizia Positiva

Un "operatore ecologico" è stato riassegnato al Villaggio Aldisio e gli effetti si ...vedono. Interventi sono stati effettuati in altre zone, e sono serviti a rimuovere situazioni di grande ed immemore disagio.

Notizie Negative

«LA PALMA ferita»

Viale Gazzi : verso nord, dal Policlinico alla tangenziale.

Pericolo per la circolazione, spreco di una risorsa naturale. Rimedio: espianto e riutilizzo in zona protetta per la fruizione della collettività,. Siamo fiduciosi, che sensibilizzando gli 'amici del BLOG vengano sensibilizzate anche le "Autorità preposte", in modo da risolvere questo  caso e ridare sicurezza ai pedoni ed migliorare la intensa circolazione  del Viale Gazzi.

«La 'Distilleria - rudere»


 

7Ott/120

Reggio Calabria – Cultura Scienze Tecnologia Astrofisica – si inizia con…«La conquista della luna»

dal 14 al 21 ottobre 2012  *** Reggio Scienza *** presenta la

«XXII Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica»

“La cultura rende un popolo facile da guidare, ma difficile da trascinare; facile da governare, ma impossibile a ridursi in schiavitù.” Henry Brougham (1778-1868)

Il perché di una scelta

Il Planetario Provinciale Pitagora aderisce alla XXII Settimana della Cultura Scientifica promossa dal Ministero Università e Ricerca.

Scopo della Settimana è di mobilitare tutte le competenze e le energie del Paese per favorire la più capillare diffusione di una solida e critica cultura tecnicoscientifica. La Provincia di Reggio Calabria, la Società Astronomica Italiana e con essa la sua Sezione Calabria, attraverso le attività messe in atto presso il Planetario Pythagoras perseguono questi obiettivi, non solo per obblighi statutari ma perché profondamente convinti che la corretta diffusione della cultura scientifica contribuisce alla crescita culturale del Paese e costituisce uno dei presupposti per il pieno esercizio dei diritti democratici dei cittadini, i quali sono chiamati a compiere sempre più spesso scelte che, per essere davvero autonome e responsabili, implicano una solida cultura scientifica di base.

Questi obiettivi trovano una coerente cornice organizzativa all’interno delle attività didattiche e culturali programmate dal Planetario che raccorda l’educazione informale con quella formale. Infatti, sempre più, la cultura assume la dimensione di modalità dell'esistenza quotidiana e del tempo libero e l'educazione scientifica può svilupparsi, in forme inedite, attraverso il dialogo, lo scambio di esperienze e di conoscenze, in processi creativi che coinvolgono scienziati, educatori e cittadini. Per questo le potenzialità di questo centro di cultura e di educazione scientifica non si esauriscono nel rapporto con la scuola, per la quale rappresenta un prezioso valore aggiunto che si riversa in più direzioni.

Con questo spirito, il Planetario Provinciale Pythagoras, consapevole del ruolo che svolge all’interno della Città, della Provincia e della Regione, ha approntato, in sinergia con le scuole che hanno aderito all’iniziativa ministeriale, il programma a cui la cittadinanza tutta è invitata a partecipare.

Il Planetario durante la Settimana della Cultura Scientifica resterà aperto dalle 9,00 alle 13,00 per le Scuole che richiederanno una visita guidata (obbligatoria prenotazione). E' prevista la presenza dei rappresentanti delle Istituzioni.

A conclusione delle conferenze serali sono previste simulazioni del cielo sotto la cupola del Planetario e, condizione metereologiche permettendo, anche l’osservazione del cielo ad occhio nudo e con gli strumenti dal piazzale antistante.

Via Salita Zerbi, 1 Parco Mirella Carbone Reggio Calabria - Per info e prenotazioni:  Segreteria planetario 0965324668 Dott.ssa Canonico Marica: 3289341475 - Dott. Borrello Rosario: 3294464386 - www.planetariumpythagoras.com - planetario.rc@virgilio.it

Per accedere al PROGRAMMA premere <continua a leggere>

5Ott/120

Messina – Una Comunità che crede nell’ambiente: «Quarta giornata ecologica al Villaggio Aldisio»

Ore 15.00  a partire dall’inizio di Via Bartolomeo Ferraro, a scendere verso la piazzetta (Via Scipione).