CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

28Feb/100

Messina – S.A.E.-«Sacerdozio comune e ministeriale»- Santa Maria di Gesù in Provinciale –

ASSOCIAZIONE ECUMENICA “E. Cialla” - SAE - Segretariato Attivita’ Ecumeniche- Gruppo di Messina

Ospiti di padre Terenzio Pastore -Parroco di Santa Maria di Gesù in Provinciale -

Lunedì 15 febbraio alle ore 20.00 - Si è realizzato un vero "Cenacolo". «Sacerdozio comune e ministeriale»- Padre Martinian Constantin Epure, prete ortodosso rumeno, dopo un breve saluto, ha lasciato la Parola a Padre Alessio.

Le riflessioni, le proposizioni e le preghiere, ci hanno fatto ripercorrere le piste degli Apostoli e dei Padri della Chiesa. Arricchito dagli interventi, puntuali di Padre Antonio Cucinotta, sacerdote cattolico di rito Bizantino, si è realizzata concretamente una unità di preghiera e di intenti dei presenti. Importanti tutti gli interventi in particolare quelli dei prof.ri Labate e Caola e ancora quello, intenso e pieno di esperienza personale, della giovane Lia Spadaro della Comunità di Sant'Egidio.

Da tutti gli interventi è risultata la grandezza del Concilio vaticano II come pietra miliare nel cammino di  tutta la Chiesa di Cristo non solo di quella Cattolica. Preoccupati dall'ora tarda, ci si è ripromessi di considerare di dedicare un'altro incontro ad un argomento così importante e sentito.

 

28Feb/100

Messina – «G.O.Z. – Nuovo slancio per le attività in “rete”»

Attività svolte e gli appuntamenti di Febbraio 2010 -"GOZ-Nuovo slancio per le attività in “rete” - Visite di Don Aldo Mosca alla S.E.”Nino Ferraù”.

Il Gruppo, dopo aver superato, nonostante gli strombazzi mediatici, l'influenza AH1N1/V,  si dimostra in buona salute, affiatato e battagliero.

Dopo aver ricordato la “Targa del C.P.A.” dedicata alla memoria della Do.ssa Lucia Natoli, da parte dell'Ufficio della Giustizia Minorile, l'attenzione si è rivolta agli argomenti tipici del nostro lavorare in rete.

Primo posto alla Scuola, ormai consolidatasi nel ruolo di cenerentola, tra l'altro senza neanche la scarpina per l'eventuale principe azzurro. Dal 2000, gli accorpamenti degli Istituti, i tagli all'organico degli insegnanti, gli aumenti degli allievi per classe, non hanno certamente favorito la ripresa di questa risorsa primaria.

La Scuola pubblica, tesa all'arduo compito di favorire l'ordinata crescita dei ragazzi, per farne uomini consapevoli e liberi, non registra più, come in passato (ai tempi dei decreti delegati), il notevole apporto dei genitori e degli allievi. Ma per fortuna il nostro gruppo si è arricchito, in controtendenza, dell'apporto del prof.re Angelo Costa, che rimboccatesi le maniche, si è messo al servizio dei giovani e ha cominciato a dare ripetizioni di matematica ai suoi ex allievi del I.S. Minutoli.

Ricapitolate le vicende relative al taglio del dirigente della Scuola Media “Albino Luciani”, è toccato ad Angela Campo, comunicare al gruppo, la novità della nuova Direttrice della S.E.”Nino Ferraù”.

Don Aldo Mosca, in qualità di presidente G.O.Z., ha dato quindi il “benvenuto“ alla dott.ssa Franca Impala, Direttrice Didattica dell'Istituto comprensivo Giovanni XXIII Villaggio Aldisio. Aperta la seduta, la Diretttrice ha informato i membri del GOZ di una interessante iniziativa del Reparto di Chirurgia Pediatrica del Policlinico di Messina.

Trattasi di una ricerca sulle patologie andrologiche che possono colpire i soggetti di sesso maschile sin dalla più tenera età.
In particolare, i destinatari saranno tutti i bambini e adolescenti partendo dalla scuola materna i cui genitori siano d' accordo nel sottoporli ad una visita medica finalizzata all' eventuale riconoscimento precoce di patologie spesso sottovalutate o non riconosciute.

Il Dott. Sancetta, ripropone il suo intento di incontrare i genitori per discutere con loro di temi importanti quali il bullismo, l'educazione alimentare.... Chiarendo che gli incontri saranno di tipo "pratico", quindi ben lontani dalla tipologia della lezione frontale che creerebbe solo stanchezza e poca attenzione. A tal proposito, in sintonia con la Dirigente Impala, viene formulata una nuova idea consistente nella realizzazione di una sorta di "Scuola di cucina", con la compresenza di un Dietologo e di un cuoco. Il primo proporrà il tipo di alimentazione che ogni mamma dovrebbe far seguire al proprio figlio e il secondo il "Cuoco" proporrà delle semplici e non costose  ricette che potrebbero realizzare "praticamente" tutte le Mamme. Quindi: pietanze alla portata di tutti e rispondenti ai principi nutritivi fondamentali per l'organismo umano.

25Feb/100

Messina – APPELLO IN SOLIDARIETA’ ALLA POPOLAZIONE ROM RESIDENTE A MESSINA

Cosa direste se all'alba venissero a bussare alla vostra porta e vi dicessero che avete pochi minuti per prendere l'indispensabile da portar via perché devono buttare giù la vostra casa, con tutto quello che contiene, a colpi di bulldozer e ruspe, e che dovete fare in fretta perché le forze dell'ordine devono portarvi via, non si sa bene dove? 

Cosa fareste se ciò accadesse nella vostra città? 

È ciò che è successo il 2 febbraio a Messina quando i vigili urbani alle prime luci dell'alba hanno dato inzio alla schedatura e identificazione dei residenti nel campo rom di S. Ranieri.
Era già accaduto in città come Roma, Milano, Napoli, Palermo, dove i campi rom sono stati sgomberati dalle istituzioni.

Aggressioni e roghi dei campi non costituiscono più episodi isolati di violenza xenofoba. Le politiche che in nome della sicurezza vengono adottate costituiscono la violazione sistematica dei diritti fondamentali delle persone, dei migranti come i rom.

Sembra abbandonata per sempre la politica dell'inclusione e della integrazione, scelta difficile ma necessaria per la costruzione di una società accogliente e meticciata. L'Italia, lo abbiamo già segnalato, è stata più di volte condannata da organismi internazionali per la segregazione attuata verso il popolo rom e per la mancanza di politiche di contrasto contro la sua discriminazione.

A Messina la piccola comunità rom, circa settanta persone, più della metà bambini, che frequentano regolarmente le scuole della città insieme ai nostri figli, dopo essere sfuggita alla guerra dei Balcani, vive da troppo tempo nel campo ghetto di Via San Ranieri.

In questi anni abbiamo rivendicato il diritto d'asilo e i diritti sociali insieme alla piccola comunità rom del villaggio Fatima, organizzando campagne, incontri, feste insieme, confrontandoci con le amministrazioni comunali di ogni colore politico. Questa città in tutti questi anni non è, però, riuscita a trovare una soluzione dignitosa per persone ormai "naturalizzate" messinesi. Ora con lo sgombero del campo li consegniamo alla paura e all’incertezza.

Con questo appello, insieme a tutte le cittadine ed i cittadini di questa comunità che vuole e può essere accogliente ed umana, come lo sono da sempre i siciliani per cultura e tradizione, rinnoviamo la richiesta, più volte avanzata alle istituzioni ed agli enti di tutela e a tutte le organizzazioni che hanno a cuore le sorti dei più deboli, per chiudere definitivamente l'esperienza del campo rom e aprire ad un reale percorso di inserimento socio-abitativo dei suoi abitanti e risolvere, finalmente, la tragica condizione giuridica di molte famiglie.

Queste infatti, sfollate in Italia dall'ex Jugoslavia, non hanno potuto ottenere altri titoli di soggiorno a causa della disintegrazione del loro Paese e della particolare situazione del Kossovo. Eppure hanno i requisiti per ottenere un permesso umanitario, che solo il questore può concedere.

Per questi motivi CHIEDIAMO  

- al Prefetto > di farsi garante del rispetto dei vincoli delle convenzioni internazionali ratificate dal nostro paese che impediscono le deportazioni collettive e gli sgomberi senza una alternativa abitativa; 

- al Sindaco di Messina > di offrire alle famiglie rom una soluzione abitativa nel rispetto della dignità umana, trovando le soluzioni opportune come ad esempio quella da noi prospettata dell’uso dell'immobile dell' ex Opera Pia Scandurra, struttura in disuso che potrebbe essere recuperata in autocostruzione; 

- al Questore di Messina > con urgenza la concessione dei permessi umanitari adottando la stessa scelta del questore di Roma verso i cittadini rom che da oltre vent'anni risiedono nella capitale; 

- alle cittadine e ai cittadini messinesi > di esprimere solidarietà, nelle forme che riterranno più opportune, alle famiglie rom, che chiedono il riconoscimento dei loro diritti e sono ben consapevoli dei loro doveri. 

APPELLO IN SOLIDARIETA’ ALLA POPOLAZIONE ROM RESIDENTE A MESSINA 

21Feb/100

Messina – "Acceso un cerino"- di comunione e di attenzione – sul "RISANAMENTO QUESTO SCONOSCIUTO"

  Con questo dibattito, sabato 20 Febbraio, alle ore 16.00, sul vagone conferenze del Treno VerdeLegambiente dei Peloritani ha voluto accendere un cerino...

 

 l'affermazione dell'ing. Enzo Colavecchio, ripresa anche nel titolo, indica come il tempo, una volta galantuomo, non abbia dato ristoro alle ansie di generazioni di cittadini messinesi, che vedono rimandate al tempo infinito la risoluzione del problema delle Baracche a Messina..
Il dott. Giovanni D'Arrigo aveva dato, dopo l'introduzione di uno dei responsabili di "Treno Verde", un primo sguardo sulla situazione, prendendo ad ulteriore ed autorevole testimonianza la Copertina di un numero del giornale Professionale degli Architetti Italiani, pieno zeppo delle foto di "Fondo Fucile", ribadendo che "In cento anni la città di Messina in tutte le sue articolazioni, civili e politiche, non è riuscita a risolvere questo problema" , infatti anche il sottotitolo del dibattito era «BARACCHE PER SEMPRE».
L'incontro è vissuto sulla animata partecipazione di tre validi esponenti politici messinesi, che hanno, con franchezza, evidenziato le carenze della legislazione, Legge 10/1990 e 4/2002, della burocrazia e ... anche dei precedentii politici.
Il primo di loro a prendere la parola è stato il consigliere Capurro, capogruppo del pdl, seguito dal presidente del Consiglio Comunale Previti e per la chiusura del deputato regionale Rinaldi.
         Alcuni dati ed osservazioni emersi dal confonto:
  • sono, ancora, oltre 3000 le persone iscritte nelle graduatorie del risanamento.
  • dualità, inutile, tra lo I.A.C.P. e l'Assessorato Comunale come soggetti di progettazione e di attuazione da cui discende l'eterno conflitto di competenze, compreso lo scarica barile ininterrotto, anche in presenza di scambi di poltrona.
  • parzialità dello somme stanziate, con interventi, anche pregevoli a singhiozzo
  • non sfruttamento delle aree di proprietà, dove insistono le baracche.
  • tanto altro

Propositivamente, dato atto ai tre relatori; Capurro, Previti e Rinaldi, di competenza, amore per la città e volontà di attivarsi per risolvere il problema, ci si rende conto che solo una Città unita in tutte le sue espressioni; di società civile, di organizzazione di categorie, movimenti, volontariato, di soggetti sociali, sindacali e specialmente politici, può con fatica giungere al traguardo. Questo auspicio è stato il collante che ha trovato d'accordo Tutti- dalle parole ai fatti.

In ultimo, abbiamo rivissuto l'esperienza dolorosissima del Dott.re Costa. Un padre, che ha raccontato l'abnegazione e la morte di suo figlio Ing. Luigi Costa e dello strazio del fratello Ing. Aurelio che solo dopo cinque giorni, lavorando gomito a gomito con i vigili del fuoco di Catania riusciva a trovare il corpo del fratello sepolto sotto le macerie a Scaletta Zanclea nella fatidica data del 1° Ottobre del 2009. Enzo Colavecchio ha poi riferito che l'Ordine degli Ingegneri ha subito tributato onore a questo giovane collega e per ricordarlo ha Istituito la Borsa di Studio "Ing. Luigi Costa", a favore degli allievi Ingegneri civili.

 

16Feb/100

Mazara del Vallo – QUARESIMA 2010 – "settimane per Cambiare, Comunicare, Condividere…"

Un esemplare contributo di collaborazione dell'Ufficio Catechistico Regionale diretto da Don Giuseppe Alcamo.

Ecco un interessante itinerario quaresimale,

 in formato PDF, che ha come destinatari  i ragazzi dagli 11 ai 14 anni, offertoci dall'Ufficio Catechistico della Diocesi di Mazara del Vallo.

"Ovviamente l'Itinerario può essere fruito anche dai maggiori in età. Anzi spesso la ricerca del linguaggio più adatto per i giovani, consente di elaborare in modo più coinvolgente e diretto gli argomenti trattati. "

libretto quaresima 2010

15Feb/101

Messina – «NEL MONDO CON GLI ALTRI – Insegnanti per la pace -…persone diverse si incontrano per seminare la PACE – …ogni giorno, si deve ricominciare»

Venerdì 12 Febbraio 2010 con inizio alle 16.30 - "NEL MONDO CON GLI ALTRI"

nell'Aula Magna Collegio S. Ignazio - Messina si è svolto l'atto conclusivo di un percorso che ha visto come protagonista il modo della scuola e dell'associazionismo.

Il Moderatore - G. Signorino (Uni ME) ha introdotto i lavori, sottolineando la discrasia del termine "scontro tra civiltà", in quanto se si tratta di civiltà, non vi può essere scontro ma confronto.

Dopo i saluti programmati, la coordinatrice del progetto, la dott.ssa Antonella Rosetto Aiello ha fatto rivivere, brevemente con diapositive, tutte le manifestazioni svolte e i gruppi partecipanti.

La prof.ssa Teresa Frisone ha poi parlato della genesi di questa esperienza e dei suoi risvolti positivi. Per dialogare gli altri, bisogna essere disponibile all'ascolto e mettere a confronto le proprie con le altrui opinioni. "Nel mondo della Scuola paradossalmente ciò è reso più difficile, proprio da una presunzione di conoscenza"

Interessante l'apporto del Gruppo SAE, con l'intervento programmato di Carmelo Labate.

10Feb/100

Messina – S.A.E.- 1982 pubblicato il BEM o Documento di Lima circa "Battesimo, Eucaristia e Ministero"- «come una pietra miliare nel dialogo ecumenico.»

 

ASSOCIAZIONE ECUMENICA E. Cialla - SAE-Segretariato Attivita’ Ecumeniche- Gruppo di Messina

 Lunedì 15 gennaio alle ore 20.00 - salone parrocchiale di Santa Maria di Gesù in Provinciale

«Sacerdozio comune e ministeriale»

- Sac. Martinian Constantin Epure, prete ortodosso rumeno

Perché "il sacerdote vero e proprio è Cristo, unico e irripetibile mediatore fra Dio e gli uomini" ... - di Carmelo Labate

Il SAE è una Associazione ecumenica di credenti appartenenti a diverse chiese cristiane: cattolici, evangelici e ortodossi

Info: www.carlofrancio.net; Carmelo 09040352 labacar@tele2.it; www.saenotizie.it

9Feb/100

Palermo – Secondo Incontro interconfessionale – «LA BIBBIA E LO "STRANIERO"»

 



 

7Feb/100

Messina – «Quarantaduesimo anno per "Sant’Egidio"»

Nella Basilica Archimendritale del SS. Salvatore, sabato 06 Febbraio 2010, è stato ricordato il 42° anniversario della nascita della Comunità di Sant'Egidio. 

Suggestiva la Liturgia Eucaristica, animata dai canti della Comunità di Messina Sant'Egidio. Molti i bambini ed i giovani, è stato bello ascoltare la loro voce nella preghiera universale.

Presenti: Padre Alessio, Ieromonaco  Ortodosso, Padre Antonio Cucinotta, Cattolico rito Bizantino, gruppi ed associazioni, singoli e comunità.

Nell'omelia è stato narrato un episodio del 1976. Nell'Ospedale napoletano, il Celebrante, che fungeva le funzioni di cappellano, aveva notato che i vecchietti venivano curati in modo esemplare, ma non dai familiari , bensì da due giovani che si alternavano, con assiduità, dandosi il cambio. Questi Giovani facevano parte della Comunità di Sant'Egidio. Non facevano parte di una Comunità religiosa, ma erano giovani studenti che praticavano lo spirito umile del Vangelo, costruendo ponti generazionali di fraternità e di accoglienza. E' questo il loro tratto caratteristico, mettere al primo posto i poveri, perchè essi sono i veri amici di Dio.

2Feb/100

Messina – L E G A M B I E N T E – " T r e n o V e r d e 2 0 1 0 "

"Un'altra iniziativa che si sposa felicemente con l'insegnamento della Chiesa-BXVI- «NEL PRENDERSI CURA DEL CREATO, DIO SI PRENDE CURA DI NOI !»"

Ricca di incontri la tappa del TRENO verde a Messina. Nei 5 giorni, dal 18 al  22 Febbraio 2010, di permanenza del treno alla stazione centrale, molti gli incontri programmati con i cittadini messinesi.

Il Treno Verde sarà composto da cinque carrozze e un pianale che trasporta il laboratorio mobile per il monitoraggio dell’inquinamento atmosferico e acustico.

I giorni 18, 19, e 20, al mattino; saranno dedicati, in modo particolare, alle visite guidate per i ragazzi delle Scuole.

Negli stessi giorni, 18, 19, e 20, limitate esclusivamente al pomeriggio, dalle ore 16.00 alle 19.00, le visite per il Pubblico. 

Domenica 21 febbraio il treno sarà aperto solo la mattina.

Lunedi 22 febbraio ci sarà la conferenza stampa finale di tappa dove verranno comunicati i dati del monitoraggio ambientale di 72 ore 

Monitoraggio scientifico del Treno Verde.

La novità dell’anno è l’affiancamento di due monitoraggi scientifici.

Il primo è sempre quello a cura dell’Istituto Sperimentale di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) e durerà tre giorni consecutivi a partire dalla mezzanotte del giorno di arrivo del Treno. Le analisi effettuate saranno relative a Pm10, benzene, biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, ozono e inquinamento acustico.

Il secondo è un monitoraggio autogestito da Legambiente, per rilevazioni “spot”, due rilevazioni che durano 24h l’una che ci permetteranno di poter allargare la nostra capillarità scientifica e sono relativi al PM10 e al PM2,5.

Composizione del TRENO VERDE e Dislocazione Mostre

2Feb/100

Palermo – "Un interessante appuntamento con la catechesi a livello regionale"

Il direttore dell'ufficio catechistico regionale, docente della Facoltà Teologica di Sicilia, don Giuseppe Alcamo invita ad una giornata di studio su:

"LA CATECHESI NEI MOVIMENTI E NELLE ASSOCIAZIONI ECCLESIALI" 

Palermo - 24 Febbraio 2010 -

- Via Vittorio Emanuele, 463  - presso

l'aula multimediale - Facoltà Teologica

 Parteciperanno : 

Vescovo delegato -  Mons. Salvatore MURATORE

"Le nuove comunità nella pastorale della Chiesa" - Carmelo Torcivia

MISSIONE CHIESA-MONDO - Carmela Corradini

FEDE E LUCE - Enza Gucciardo

GI.FRA. - Salvatore Giuliano

EQUIPE NOTRE DAME - Lucia e Nino Taormina

SANT'EGIDIO -  Carmelo Monastra

Carmelo Monastra per la Comunità di Sant'Egidio - Messina

1Feb/100

Messina – " Un’occasione di riflessione sulle relazioni che contribuiscono al progresso della famiglia umana" – «NEL MONDO CON GLI ALTRI – IL CAMMINO IMPERVIO DELL’EDUCAZIONE ALLA PACE»

 

12 Febbraio 2010

ore 15.30 - 18.30

Aula Magna Collegio S. Ignazio - Messina

"NEL MONDO CON GLI ALTRI"

Moderatore - G. Signorino (Uni ME)

Saluti - A. Mantineo (P. Cesv)

Saluti - R. D'Anna (P. Nuovi Orizzonti)

Cooperazione pedagogica... - A. Rosetto Aiello - (Coord. progetto)

"I frutti di un'esperienza" - T. Frisone (Insegnanti per la pace)

"Educare ed educarsi alla pace ..." - G. Martirani (Uni NA)

"Il lessico che stigmatizza" - G. Faso (Centro interculturale ...)

INTERVENTI PROGRAMMATI

- A. Gusso (Ass. Cielo e Terra)

- S. Foscarini (Gi.Fra. Pompei)

- M. Albano (Coop. Scirin)

- C. Labate (S.A.E.)

- R. Accorinti (Mov. Nonviolento)