CARLO FRANCIO' Sito personale e comunitario – associazioni e realtà sociali -"Il Leone e il Gallo" – "Amico di Lampedusa"

31Dic/090

Messina – «Circolarità tra vita e lavoro-Rosaria Lucia Natoli » – A lei dedicato il "Centro di Prima Accoglienza" –

Martedì 29 Dicembre 2009 alle ore 12.00, con una semplice cerimonia, preceduta da una breve commemorazione caratterizzata da qualificati e partecipati interventi, è stata scoperta la Targa che titola, il Centro di Prima Accoglienza, alla memoria della Dott.ssa "Rosaria Lucia Natoli".

Introdotto dalla direttrice dell'Ufficio di Servizio Sociale dott.ssa Maria Palella, è  intervenuto il dirigente Centro Giustizia Minorile Sicilia dott. Michele Di Martino, che ha reso omaggio alla splendida figura di "Lucia", che ha saputo trasfondere nel suo difficile lavoro oltre la notevole competenza professionale le sue grandi doti di umanità. 

La stessa Direttrice Palella ha poi letto, non senza emozione, la lettera indirizzata agli astanti, dalla figlia Valeria. "Un quadro di vita familiare ove ogni componente: figlia Valeria, mamma Lucia e papà Matteo hanno saputo mettere insieme la ricchezza delle loro conoscenze (papà sindacalista, la mamma al 'Ministero, "formavano una coppia complementare, piena di fiducia e lealtà"), per un libero e approfondito dialogo senza sdolcinature e compromessi. E' dura la vita, in questa Messina che sembra una Sfinge, per chi vuol dare il suo contributo alla crescita di questa città e invece vede sempre più restringersi gli spazi di democratico confronto. Ma la fierezza, tipico attributo delle donne siciliane e messinesi in particolare, prende il sopravvento. E con una 'Proposizione condivisa da tutta la famiglia, si decide di continuare lungo il sentiero difficile del riscatto di questa amata terra.

Presenti alla cerimonia le due sorelle, un nipote ed il fratello prof.re Salvatore Natoliche ha tratteggiato la figura della sorella Lucia, rivelando l'intreccio molto stretto tra la sua vita familiare e la vita professionale, coniando così quel termine di circolarità tra la vita e il lavoro, che abbiamo voluto evidenziare nel titolo. Lucia Natoli era impegnata in tantissimi campi; dalla sociologia alla psicologia: operatrice, scrittrice, volontaria... "Ma tutto ciò che faceva nella vita professionale diventava un arricchimento personale".

Commovente il ricordo di una sua cara amica ginecologa con la quale ha condiviso tanta parte della sua vita e tanti progetti  comuni, dal primo consultorio a Santa Lucia sopra Contesse alla scrittura di libri... Molto bella la poesia dedicatale -"Parlarsi oltre la vita" che termina con parole di fiducia.

Un omaggio visivo-Filmato di un convegno sulla giustizia minorile- è stato fatto dall'avv. Centorrino ai familiari presenti.

E' seguita così la parte finale, quando nell'atrio d'ingresso, il Dott. Di Martino ha svelato la Targa posta all'ingresso del CPA. Si tratta di locali ristrutturati formanti un piccolo ma completo appartamento, sobrio e allo stesso tempo colorato, capace di accogliere adeguatamente i minori, così come lo vuole preannunciare e testimoniare  il nome inciso nella targa quello della dott.ssa "Rosaria Lucia Natoli".

Molto sentito il senso di appartenenza al territorio e l'idea vincente di una Rete di Servizi Territoriali. Da questo convincimento nasce la sua partecipazione, nel territorio emarginato del VILLAGGIO ALDISIO,  al G.O.Z.. Gruppo Operativo di Zona (progetto "Comunità e Diritti").

E' stato un gesto esemplare condiviso da tutte le componenti giudiziarie , sociali e del volontariato, un intervento riuscito che merita il plauso per le Istituzioni che se sono fatte carico.

Cosa sono i CENTRI di PRIMA ACCOGLIENZA (CPA)

30Dic/091

SAE- – «L’accoglienza nell’ebraismo: eredità per il cristiano»

 ASSOCIAZIONE ECUMENICA “E. CiallaSAE - Segretariato Attivita’ Ecumeniche Gruppo di Messina

"ventesima giornata del dialogo ebraico-cristiano"

Lunedì 11 gennaio alle ore 20.00

nella «sala dell’oratorio» presso la Parrocchia della Consolata (Don Orione) viale San Martino, pressi piscina comunale.

«L’accoglienza nell’ebraismo: eredità per il cristiano»

Introdurrà il Prof. Giovanni Caola, dell’Università di Messina, studioso di ebraismo per ricerca personale.

Le ragioni dell'invito: Prof. Carmelo Labate, coordinatore SAE Messina

Scelta della data: Per lasciare spazio a iniziative ufficiali e cadendo il 17 genn. 2010 di domenica, insieme alla Parrocchia della Consolata (Don Orione), che ci ospita, abbiamo preferito spostare l’appuntamento al prossimo 11 gennaio, come sopra indicato.

Note sul Tema: sembrano appianate le difficoltà nei rapporti fra ebrei e cattolici nate a seguito del Motu proprio papale, col quale permetteva ad alcuni fedeli di pregare per la conversione degli ebrei, ripristinando in certo qual modo comportamenti ormai seppelliti dal Vaticano II in poi. Il fatto aveva spinto in Italia l’Assemblea rabbinica a sospendere il dialogo. La CEI, nel 2009, aveva raccomandato di non perdere l’occasione del 17 gennaio per riflettere sul cammino realmente compiuto nei rapporti con gli ebrei a partire dalla dichiarazione conciliare Nostra Aetate.

Non so se l’equivoco è superato. Ma l’iniziativa di riprendere il dialogo da dove si era lasciato è molto significativa. Si riparte, infatti, con la quarta (numerazione ebraica) delle Dieci Parole (Comandamenti): «Ricordati del giorno di Sabato per santificarlo» (Es 20,8).

A sottolineare la centralità del dialogo cristiano-ebraico sono stati molti testimoni prima, durante e dopo il Concilio Vaticano II. Tra i più vicini a noi sono il card. A. Bea, il prof. J. Isaac, Maria Vingiani, fondatrice del SAE, il cui statuto dichiara che il dialogo tra cristiani può e deve essere promosso «a partire dal dialogo con gli ebrei». E inoltre il vescovo A. Ablondi e mons. Clemente Riva. Infine Renzo Fabris, laico, sposato, padre di famiglia, professionista serio, ma anche vivace testimone del dialogo ebraico-cristiano, sia con opere, sia con una profonda riflessione per la comprensione cristiana del mistero d’Israele.

Un altro elemento è importante in questa ripresa del dialogo. A nessuno deve sfuggire che il “pacchetto-sicurezza” ha dato la stura ad una non troppo latente percezione dello straniero, del “diverso”, come nemico anche se iscritto da sempre all’anagrafe italiana. I molti segnali di intolleranza e le crescenti vessazioni stanno minando alla radice la convivenza civile, pacifica e reciprocamente proficua tra italiani e stranieri, con il rischio di alterare in modo irreversibile la natura stessa della nostra Repubblica (cfr. art. 3 della Costit.).

Ancor prima che tra i responsabili ufficiali ci fosse la nuova ripresa del dialogo la nostra Associazione ecumenica, spinta da motivi di fede e civili, aveva programmato per questa giornata di dialogo una riflessione su come la cultura ebraica abbia sempre raccomandato l’accoglienza dello straniero perché elemento costitutivo del popolo e della religiosità ebraica. Cultura che la cristianità ha assunto come sacra eredità e raccomandata in tutto l’evolversi della storia, anche se purtroppo spesso relegata in ambiti privati!

 Il SAE è una Associazione ecumenica di credenti appartenenti a diverse chiese cristiane: cattolici, evangelici e ortodossi.

Info: Carmelo 09040352 labacar@tele2.it ; www.saenotizie.it

29Dic/090

Comunità di Sant'Egidio – «Pace in tutte le terre»

 

«Partecipa anche tu

alla marcia promossa

dalla Comunità di Sant'Egidio

per rafforzare

la volontà di pace

e per ricordare tutte le terre

che soffrono per la guerra

e il terrorismo»

Una Messina viva, solidale, accogliente, che vuole manifestare "una comune responsabilità verso l’umanità intera, in special modo verso i poveri e le generazioni future”. 

 
Il MESSAGGIO PER LA PACE di Papa Benedetto XVI per il 1° Gennaio 2010

27Dic/090

Facebook

Ho completato l'iscrizione a Facebook e il collegamento del feed RSS all'applicazione.

19Dic/090

Messina – Concerto di Natale – nella Chiesa del "Ringo"

181220092636Una bella occasione per ascoltare buona musica e181220092640 predisporre l'animo alla letizia.
Il Trio Kalòs, composto da:

* Alice Costa > Soprano

* Emanuela Vadalà > Violino

* Stefania De Luca > Pianoforte
ha fornito un pregevole esempio di professionalità ed amore per l'arte musicale. Le loro radici ci parlano del Conservatorio Corelli di Messina, e a giudicare dai frutti, l'impegno vince su le

181220092638

possibili difficoltà, specialmente in questo periodo in cui i bilanci della Scuola Pubblica e dei Conservatori Musicali sono, volutamente impoveriti.

181220092641

Tanti i brani ascoltati, quasi tutti interpretati dal trio al completo con soli due brani strumentali, eseguiti senza la voce solista.
I presenti, compreso il parroco mons. Pippo Principato, hanno applaudito con sincero convincimento tutti i brani eseguiti, ed il Concerto è terminato con il canto Bianco Natale.

Ascoltiamo i canti iniziali e quello finale

 

181220092648

 

 

 

Adeste Fidelis

[mp3]http://www.carlofrancio.net/blog/wp-content/uploads/2009/12/adestefidelis.mp3[/mp3]
181220092652 Gli angeli delle campagne

[mp3]http://www.carlofrancio.net/blog/wp-content/uploads/2009/12/angelicampagne.mp3[/mp3]
Bianco natale

[mp3]http://www.carlofrancio.net/blog/wp-content/uploads/2009/12/bianconatale.mp3[/mp3]

17Dic/090

Messina – «Anche la famiglia di Nazareth "migra" in Egitto – «migrare» è una condizione dell’essere umano.»

Un'altro incontro fra 'uomini di buona volontà.

141220092632Lunedì 14/12/2009 nella 'sala dell'oratorio' del Don Orione, organizzata dal SAE di Messina, nella persona del Presidente prof.re Carmelo Labate insieme a don Felice Bruno, parroco della "Consolata", si è concretizzato l’incontro cristiano- islamico.

IMG_0522Pregevole ed interessante la relazione tenuta dal prof.re Giuseppe Restifo, che con suggestive pennellate ha dipinto un vero affresco della "Cultura araba in Sicilia", tema assegnatogli da Labate (assente).

IMG_0521Introdotto da Don Felice Bruno, che gli ha posto inizialmente una domanda cruciale sul come affrontare con più coraggio il problema dell'accoglienza, tenendo conto dell'accorato appello lanciato in proposito dall'Arcivescovo Calogero La Piana, il prof.re Restifo, ha accompagnato il racconto con una semplice ma efficace  gestualità,(ricordando così il linguaggio dei gesti nel quale siamo 'maestri, ripercorrendo il periodo che va dall'827 (conquista ad Ovest di Mazara) a dopo l'anno mille.

IMG_0523Gli argomenti toccati sono tanti. Ne indicheremo alcuni. Innanzitutto, le fasi della conquista e della retrocessione della Sicilia da parte degli Arabi è stata lenta. Come già detto inizia nel 827 ad ovest con Mazara, al centro con Castrogiovanni, (oggi Enna), ad oriente con Siracusa 868 ed infine Rometta nel 975.

IMG_0526Poco influente la conquista di Messina, che all'epoca contava su una popolazione di ca 5.000 abitanti, sporadiche e senza costrutto le iniziative nel Continente per assoggettare la Calabria.

IMG_0530Al contrario la città di Palermo, si può paragonare alle più grandi metropoli del tempo, significativo l'accostamento a Medina.

Distinta, amministrativamente la Sicilia in tre vasti territori coincidenti con la Val di Noto, Valdemone e ... Gli Arabi ci fanno dono delle loro conoscenze nel campo dell'Agricoltura, regimentazione e sfruttamento delle acque, l'aratro con il 'vomere, che consente di rivoltare il terreno per renderlo più poroso, concetti come 'SAIA, 'GEBBIA, per la conduzione  e raccolta delle acque, termini ancora utilizzati dai nostri agricoltori.

141220092631Tutto questo trasforma il paesaggio agrario siciliano. Nasce così l'esigenza di avere dei giardini che rappresentano il Paradiso. Si sviluppano la cultura Letteraria,  Medica, Scientifica, geografica e topografica.

Viene coltivato il Riso, la Canna da zucchero, le Melenzane etc.. , grazie a queste conoscenze la Sicilia riparte dopo l'anno Mille, considerato come la fine del mondo, in prima posizione.

IMG_0527Nel 1060, il normanno Ruggero II avendo bisogno di una cartografia, per rappresentare con precisione questo territorio per loro sconosciuto, si rivolge ... agli Arabi. I numeri da noi utilizzati sono Arabi non Romani!. 

141220092633Non essendo numericamente maggioranza, gli Arabi si sono 'accontentati, che i credenti Cristiani ed Ebrei, considerati 'profeti non in possesso della rivelazione di Maometto, potessero professare la loro fede, pagando un piccolo dazio. Non parlo di "tolleranza", dice Restifo, perchè è un termine, al tempo, ancora non specificato e utilizzato.  Altro concetto espresso e degno di menzione è quello del pendolo culturale che va dall'Oriente all'Occidente, e i Popoli utilizzano questo pendolo per rendersi curiosi e porosi di tutte le culture  del Mediterraneo. 

IMG_0524L'intervento di Amin Saladin, ci ha fatto cogliere tutta l'amarezza della disillusione. Altre idee aveva Amin GUARDANDO l'Italia dal Marocco. Attraverso la TV satellitare, si vede un paese senza problemi, dove si esce di casa... per partecipare ai programmi televisivi in cui facilmente vincere i premi posti in palio. La realtà però è ben diversa. Non è facile trovare un lavoro; e trovatolo bisogna rimboccarsi le maniche e 'Lavorare molto di più, per pagare l'affitto di una casa, risparmiare per mandare i soldi alla famiglia nel proprio paese etc.

Nonostante ciò, l'accoglienza positiva di molte persone indigene, gli consentono di affermare che lo rifarebbe un'altra volta.

IMG_0525Notevole l'apporto di Padre Alessio (Monaco Ortodosso), che in virtù delle sue qualità culturali e teologiche ha voluto approfondire e arricchire diversi aspetti.

IMG_0528Un intervento, ha posto il problema della reciprocità per i Cristiani di avere luoghi di culto nei paesi islamici. Altri interventi, Rosalba, Lia, Ivana, Carlo B. e Carlo F., hanno ribadito in modo complementare come sia doveroso guardare senza specchi deformanti la realtà e le colpe storiche dei paesi 'Cristiani.

Al termine si è condiviso l'auspicio di intensificare i momenti di confronto e di solidarietà, mettendo in 'comune la nostra 'unica Umanità.

16Dic/090

"Verso il Natale", ecco «L'EMMANUELE»! – « Tempo di auguri – Tempo di incontro – Tempo di carità »

Quello che si riceve, se gradito, si condivide con gli AMICI. Rilancio quindi a <Tutti Voi> gli Auguri, che Don Domenico Crucitti, (Direttore della Provincia Religiosa Santi Apostoli Pietro e Paolo ) ha rivolto alla Famiglia Orionina utilizzando la Strenna Natalizia di Don Orione del 1934.

IMG_0518

Presepe Istituto Don Orione Messina

 “Gesù nacque come un povero in una grotta nuda, aperta ai venti, e, non nato ancora, già era bandito dal civile consorzio... Quante lezioni di umiltà, di fede, di semplicità, di povertà, di obbedienza, di abbandono alla Divina Provvidenza, ci da Gesù dal presepio!. Sopra tutto, Gesù dal presepio ci grida: “Carità! Caimage1rità! Carità!”.

Vita di carità: tutto il Vangelo è qui, tutta la vita e il Cuore di Gesù sono qui: Deus charitas est! Della carità Iddio ha fatto il fondamento della nostra religione: essa è la più nobile ed eccellente di tutte le virtù. … E il Natale ci manifesta “la grande carità di Dio verso di noi, che ha mandato l’Unigenito suo nel mondo, affinché noi viviamo per Lui” … E’ la carità, miei Cari, e solo la carità che salverà il mondo.”

        Cari AUGURI di SANTO NATALE e SERENO ANNO 2010

15Dic/090

"La sfida di camminare insieme"- XIX «Dossier Immigrazione» – "Rapporto Caritas – Migrantes"

Auditorium " Mons. Fasola" - 11 Dicembre 2009 - Incontro-Dibattito- "LIMG_0407a sfida di camminare insieme - percorsi di prossimità tra donne italiane e donne straniere"

IMG_0441Parto con un omaggio all'altra metà del Cielo. "Le Bayon". le dott.sse Berta e Figlia. Origini Boliviane, Cittadine del Mondo.

IMG_0411La presunzione è una cattiva consigliera, frutto molto spesso dell'ignoranza.

Il Percorso tracciato dalla Bayon è esemplare e tocca i punti più nascosti dell'animo umano. Quali motivazioni spingono a lasciare il proprio paese, cosa si lascia, si riprenderanno poi questi affetti spezzati? IMG_0434IMG_0435Tutte domande, a cui noi non sappiamo dare risposta ma, che fanno parte del dolore per la recisione, seppur temporanea degli affetti specialmente quelli tra mamma e figlio. La 'piccola Bayon Figlia, ci ha fornito invece, la dimostrazione di come l'impegno, l'amore per la propria origine, si sposi bene con quella di altri ragazzi con altra origine e provenienza. Il cemento è la solidarietà, la curiosità, lo studio. Il mettere insieme la voglia di cambiare il mondo di sentirsi parte di un'unica famiglia. IMG_0410Adesso vanno bene le parole del Diacono Santino Tornesi che relazionando sul Dossier XIX Rapporto Caritas - Migrantes si è rifatto al magistero dell'arcivescovo La Piana (diapositiva).

IMG_0442IMG_0443Tra il folto pubblico di giovani studenti ed insegnanti anche il Direttore della Caritas padre Tripodo, mentre sul palco il giornalista Arena ha introdotto i vari relatori: prof. Caroniti e la Presentazione della coop. soc. "S.Maria della Strada" di padre Pati.

12Dic/090

Messina Blog – «A Saponara manifestazione in ricordo di Graziella Campagna»

Riporto un articolo di Messina Blog tra i tanti che parlano della manifestazione in ricordo di Graziella Campagna - ns precedente articolo in occasione della Targa della Piscina.

********************************************************************

A Saponara manifestazione in ricordo di Graziella Campagna

di Messina Blog | Ci sono 0 commenti

 Sabato 12 dicembre, al Palasport di Saponara, ci sarà la manifestazione in ricordo di Graziella Campagna, uccisa dalla mafia 24 anni fa a soli 17 anni.

All’incontro con gli studenti delle scuole medie e superiori di Messina e provincia, interverranno i componenti della Commissione nazionale antimafia, senatori Gianpiero D’Alia e Giuseppe Lumia, l’europarlamentare Sonia Alfano, il presidente dell’associazione Libera, don Ciotti e l’avvocato Fabio Repici, legale della famiglia Campagna.

Si inizierà alle 9.30 con l’intervento del sindaco di Saponara, Nicola Venuto. Presenti alla manifestazione gli attori della fiction Rai “La vita rubata“, Beppe Fiorello, che ha interpretato il ruolo del fratello di Graziella, Pietro, Larissa Volpentesta, ed il regista Graziano Diana.

Nel pomeriggio, alle 15, don Ciotti celebrerà nella Chiesa di San Nicola a Saponara una Messa in ricordo di Graziella. Subito dopo si terrà una fiaccolata con i boy scout della provincia di Messina, che dal Palasport intitolato a Graziella Campagna raggiungerà il cimitero.

Fonte: Agi.

Giuseppe Fiorello racconta l’omicidio di Graziella Campagna:

******************************************************************

12Dic/090

Rientro del simulacro della Madonna del Buon Viaggio

Banda verso la Chiesa Santa Maria dell'Arco

Chiesa santa Maria dell'ArcoStatua MdBV-Chiesa santa Maria dell'ArcoChiesa santa Maria dell'Arco

Soglia ChiesaNon è facile raccontare il 'viaggio di ritorno di una 'statua (effige della MdBV), nel luogo dove è custodita da un secolo (1907), senza cadere nel sentimentalismo popolare per un verso o nell'idolatria nell'altro.

IMG_0266Ci limiteremo, con semplicità ad una stringata cronaca di questo "viaggio di ritorno". Di 'ritorno perchè la Chiesa del Ringo è stata interessata da lavori di ristrutturazione e la Statua era stata temporaneamente portata nella Chiesa di Santa Maria dell'Arco (San Francesco di Paola).

IMG_0273Questo 'viaggio è parte della storia di cultura popolare, in disuso e poco frequentata dai giovani, ma ancora molto apprezzata dalle persone più mature di anni. 

Si svoltaIl 'passaggio sulle strade di tutti i giorni, ha consentito a tante persone, affacciandosi dalla  finestra o uscendo sul balcone,  di avere a portata di mano - vicino vicino - l'effige di Maria, che in questo caso è denominata con il titolo di Madonna del Buon Viaggio.

attenti !Una madonna portante in braccio il figlio Gesù, ambedue cinti di regale corona.  Dalle finestre molti visi si affacciavano e su qualcuno di essi scendevano silenziose lacrime.

IMG_0311Altro spettacolo era vedere lo sforzo degli uomini delle confraternite che hanno curato questo 'Viaggio, lo sforzo in salita e ancora di più nelle ripide discese, tutto ritmato da perentori comandi che facilitavano le manovre dei portantini. 

Salutato il Parroco di SMdALa banda musicale ha accolto l'uscita della 'Statua dalla Chiesa di S. Maria dell'Arco accompagnandola poi in retrovia. si risalePrimi attori del corteo i soci delle confraternite con i loro Labari, seguiti dai Parroci di Sant'Elena mons. Pippo Principato, dal parroco di Santa Maria dell'Arco Don Gaetano Clemente, dal Parroco di Cuore Immacolato di Maria (Paradiso-Contemplazione) Padre Fosco Nicoletti e dal Direttore del San Tommaso, prof.re Don Giuseppe Russo SdB. Dietro di loro tante persone con qualche giovane delle Parrocchie citate.IMG_0307

Madonna - Villa CappellaniIl percorso è stato un autentico rally, con salite alternate a discese fino ad intersecare via Brasile, passare davanti alla sede del Quartiere, prendere la via Brasile in salita e con strette curve arrivare sul viale regina Elena, passare davanti alla Clinica Cappellani e ridiscendere poi verso il Viale della Libertà, finoPadre Pippo alla chiesa del Ringo.sulle scaleIMG_0360

I° piano interno

Anche di piùFacciata illuminata

8Dic/090

Messina – Momenti di vita associativa:« Festa del Tesseramento » del Circolo "Legambiente dei Peloritani"

Siamo in clima Natalizio - leggetelo con leggerezza, è un omaggio agli animali. Grazie  a LEGAMBIENTE dei PELORITANI che ci ha fatto vivere un  momento di apprendimento (grazie al documentario), di serenità e gusto nella focacciata; il tutto arricchito dagli scambi di cordiale umanità con gli altri Soci.

imageSiamo arrivati a documentario iniziato. Una fila di pinguini (5.000 per gli organizzatori - 500 per la Polizia) camminavano...,  si fa per dire, sul pack.

061220092613Certo incedevano in modo eretto, ciondolando un poco a destra e un po a sinistra, ma di questi tempi non c'è nessuno che se meraviglia. Dopo questa lunga marcia anche piena di insidie,  arrivano al posto stabilito, non si sa da chi.

061220092616E qui comincia la grande avventura della vita: maschi e femmine si cercano per trovare il partner ideale, ed una volta trovatolo, iniziano una danza che non ha niente da invidiare al famoso "Ballo del Mattone" di Rita Pavone. Trovato il corrispondente, con una grazia inusitata, avviene il corteggiamento e poi l'unione.

061220092615Si aspetta poi il frutto, un uovo di ca 20 cm, che dopo un periodo di tempo..., compare ai piedi della femmina.

E qui, i migliori  e raffinati calciatori, possono mettersi da parte perchè l'uovo passa, senza scosse e senza cadere sul pack, pena la morte,  dalla 061220092618femmina al maschio. 061220092620

La femmina può così ritornare nell'oceano per nutrirsi e quando ritornerà dal maschio lo troverà in compagnia di un piccolo essere ed insieme formeranno una FAMIGLIA.

L'ultimo cartello del filmato  riportava  queste frasi:

Resteranno quattro anni in maredove vanno? E' un mistero

Noi sappiamo solo che diventati adulti

Riappariranno un bel giorno, nello stesso posto - come per magia ...

Quanto abbiamo ancora da imparare, dal creato, dalle creature e dal Creatore!  

7Dic/090

LA SFIDA DI CAMMINARE INSIEME: percorsi di prossimità tra donne italiane e donne straniere – «La Chiesa Messinese accogliente come quella di Milano»

image-1

Siamo grati al Diacono Santino Tornesi (ufficio migrantes), a suor Gabriella e a p. Gaetano Tripodo, (Direttore Ufficio Caritas), che ci consentono di rimanere agganciati con fedeltà al Vangelo

Qualche tempo fa con un incontro sul popolo ROM che ci aveva dato la possibilità di eliminare alcuni pregiudizi. Oggi un tema stringente con i sentieri di vita delle donne Italiane e Straniere.

Cade questo appuntamento in un momento opportuno, quando bagliori di una concezione razzistica dell'uomo lambiscono, nel tanto decantato Nord, un grande Pastore come il cardinale  Dionigi Tettamanzi

Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela - Ufficio Migrantes-    Caritas Diocesana

Presentazione - Dossier Statistico Immigrazione 2009 -XIX Rapporto Caritas-Migrantes

Messina, venerdì 11 dicembre 2009 - ore 09.30

Auditorium “Mons. Fasola” - via S. Filippo Bianchi, 28

 invito e comunicato stampa

 il Dossier 2009 verrà distribuito gratuitamente, fino ad esaurimento copie, ai partecipanti;

informazioni: diacono Santino TORNESI   cell  338.2017995; fax  090.6684212 - e-mail: migrantes.me@tiscali.it

  • sono state predisposte le schede di sintesi del contesto nazionale e regionale;
  • i sigg. giornalisti riceveranno opportuna documentazione;
  • a quanti lo richiederanno, a fine lavori, verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.image-2
7Dic/090

SAE-"occasioni di dialogo"- Per conoscere e segnalare in maniera diversa la condizione di povertà.

Lunedì 14 dicembre alle ore 20.15 nella «sala dell’oratorio» della Parrocchia della Consolata (Don Orione). (Entrata di viale San Martino-vicino piscina comunale) SAE-Cialla-logo

              L'ASSOCIAZIONE ECUMENICA “E. Cialla”

SAE-Segretariato Attività Ecumeniche Gruppo di Messina

   in collaborazione con la

 Parrocchia Maria Consolata (Don Orione)

Invita all’incontro cristiano-islamico.

Due interventi comunicativi:  

I° intervento sulla «Cultura araba in Sicilia» di Giuseppe Restifo, Docente di Storia moderna presso la facoltà di Lettere dell’Università di Messina;

II° intervento la testimonianza su «Come mi sono inserito tra voi» di Amin Saladin - restauratore di antichità

Il SAE è una Associazione ecumenica di credenti appartenenti a diverse chiese cristiane: cattolici, evangelici e ortodossi

Info: Carmelo 090 40352 labacar@tele2.it -www.saenotizie.it

Lettera di presentazione dell'evento, a cura del  Dott. Carmelo Labate - Presidente SAE Messina >>

5Dic/090

Riapre la "Chiesa del Ringo"-L'arcivescovo C. La Piana: «Uno Scrigno della Fede Messinese»

CHIESA_RINGO-02Semplice cerimonia per la riapertura al Culto della Chiesa di "Gesù e Maria del Buon Viaggio". 031220092545Puntuale alle 18.00, l'Arcivescovo Calogero La Piana, alla presenza di mons. Pippo Principato Parroco di Sant'Elena ha 'riaperto il portone esterno, accolto al suo ingresso dalla 031220092572Comunità di S. Elena, completata da ben otto Sacerdoti pastoralmente legati alla "Chiesa del Ringo", due Diaconi, due Seminaristi, un Accolito e due Confraternite.

031220092553Padre Pippo ha brevemente ringraziato tutti quelli031220092542 che si sono adoperati per sostenere in vario modo, secondo le competenze, l'opera di restauro della Chiesa. (In evidenza il rifacimento del tetto in legno a due falde con capriate portanti).

031220092559031220092556Rinnovato il canone della dedicazione della Chiesa al Culto,  ha avuto inizio la Santa Messa.

031220092566Nell'Omelia, valutato positivamente il restauro della chiesa di 'mattoni, l'Arcivescovo in riferimento al Vangelo (Mt 7,21.24-27), «Non chiunque mi dice: «“Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. ...», mette in risalto che è Gesù Cristo la "Pietra angolare", e ci invita a diventare anche noi pietre vive per la costruzione dell'edificio spirituale che è la Chiesa.  

031220092606I gruppi cantori di Sant'Elena, assiepati nel piccolo 031220092603coro sovrastante la porta d'ingresso hanno contribuito ad animare la liturgia contribuendo a favorire il raccoglimento e  la partecipazione dei numerosissimi fedeli.

 Seguono foto e testo del Vangelo*

2Dic/090

«La Bibbia sulle strade del mondo» – Un'occasione vera di riflessioni comunitarie sulla "Parola" – oggi.

IMG_0055Quando si lavora insieme (7 gruppi)per un servizio di conoscenza, quando gli oratori, tutti, mettono in comune con l'Uditorio, non il loro 'sapere, ma il frutto della loro personale esperienza nel difficile cammino di conversione per il grande obiettivo di rendere visibile ad ogni uomo il Dio che dichiara ad Abramo: “In Te saranno benedette tutte le famiglie della Terra” (Gen. 12,3). “:IMG_0050 Possiamo utilmente affermare, che questa 'Due giorni, con tre sessioni, ha saputo scrivere una bella pagina nel cammino di una 'porzione della più vasta comunità Messinese.

Ripercorriamo per immagini la serie di interventi, modificati rispetto al piano iniziale, per cui la relazione di Pino Ruggieri, ha fatto seguito a quella di Paolo Ricca.

IMG_0049Il saluto iniziale è di Rosario D'Anna, moderatore Dino Calderone.

IMG_0052Inizia Silvia Geraci (relazione dei gruppi di studio sul libro del teologo valdese Paolo Ricca, “Abramo, l’alleanza, il Dio di ogni uomo: tra Bibbia e riflessione filosofica”), a seguire lo stesso autore ha illuminato il tema “Dalla minoranza all’universalismo. La condizione di minoranza come vocazione delle Chiese?”.IMG_0057

Quasi in risposta il teologo cattolico Pino Ruggieri (dell’Istituto Teologico S. Paolo di Catania) ha 'vangato sul tema “Il Dio di Gesù tra accaparramenti e visioni planetarie di salvezza”.

IMG_0060In ultimo ha tirato le somme Sandro Gorgone (Università di Friburgo), dando il destro a ulteriori 8 apprezzati interventi del 'pubblico, che hanno colto vari aspetti delle Relazioni e fornito anche importanti considerazioni.

IMG_0091Sabato,14 è stata  Antonietta Mondello Signorino ad introdurre e moderare i lavori della II sessione dal titolo “Le testimonianzIMG_0090e”, straripante e godibilissimo l'ntervento di Karim Hannachi studioso, storico e teologo islamico dell’Università di Palermo sul tema “Islàm e Occidente: dialogo possibile o scontro inevitabile?”, fulminanti alcune osservazioni sulla situazione attuale e su precedenti Dichiarazioni.

E' toccato poi a don Pippo Gliozzo su “La presenza di diversi e di diversità in una parrocchia urbana”; che con molta umiltà ha arricchito l'Evangelico concetto di 'Accoglienza, raccontando con semplicità la vita quotidiana di una realtà diocesana.

IMG_0089Carmelo Labate ha letto l'interessantissima relazione del pastore valdese Jens Hansen(assente per motivi di salute) sul tema “Un percorso di dialogo con non credenti e cristiani" .

IMG_0110Appassionato, documentato, sofferto ed anche condiviso dal pubblico, l'intervento di Gabriella Caramore, giornalista di Radio 3 sul tema “I figli del Dio vivente: fratelli o nemici?”.

IMG_0115Molto snello ma apprezzato l’intervento programmato di Alessia Pesaresi (Comunità di Sant’Egidio) sul tema “Educare alla pace in un clima di tensioni”

IMG_0125Coinvolgente e condito anche di una sana vena di autocritica, come Comunità Cristiana, l'intervento di padre Ettore Sentimentale, parroco di S. Luca , sull’esperienza di matrimoni misti nella Comunità parrocchiale di Messina. IMG_0126

Niente conclusioni perchè Carmelo Labate, saggiamente, vista l'ora le ha rimandate. Nella terza sessione  coordinata da Nino Mantineo sono intervenuti Pippo Lipari e Antonio Amato. Le conclusioni sono state tratte da Caterina Resta.

Per una cronaca e analisi dettagliata IMG_0059dell'evento e da condividere il prezioso articolo di  Santino Irrera sul NuovoSoldo.it

 

 

A seguire Documento Finale